banner inside 01 it

Alterati - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Prosegue al Teatro San Giacomo la rassegna “Prossima fermata: teatro giovani” curata dalla Cooperativa Prometeo con il monologo Alterati ricavato da Laura Curino e Dario Spadon dall’omonima opera di Ila Covolan (15 dicembre h. 18.30). Ivan Bortolotti interpreta un elettricista comunale casualmente a contatto con personaggi inquieti, tra i quali un tossicodipendente, un ragazzo tormentato dai problemi con la madre, uno spacciatore, un padre incestuoso, un giovano sottomesso ai social network.

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • “…ogni cosa fiorisce e senza fine sorride. Vorrei volare, ma come, ma dove? Se tutto è in fiore, oggi mi dico, perché io non dovrei? E per questo resisto!” Da questa poesia di un bambino nel ghetto di Terezín, e da tanti altri brani e scritti dell’epoca, partiremo in un viaggio tra passato e presente, cercando di capire cosa fosse la Shoah, e cosa possiamo fare per evitare che simili tragedie accadano di nuovo. Il Centro per la Pace del Comune di Bolzano, sotto la gestione della Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone, in occasione del Remember Festival - progetto organizzato dal centro giovani Villa delle Rose, dell’Associazione “La Strada – Der Weg ONLUS” vi invita cordialmente allo spettacolo Di e con Alessia Canducci – voce narrante e i Flexus: Gianluca Magnani – voce, chitarre elettriche e classiche, armonica Daniele Brignone – basso elettrico, tastiere Enrico Sartori – batteria, percussioni, glockenspiel In collaborazione con il Circolo Culturale Anpi INFO E PRENOTAZIONI: villadellerose@lastrada-derweg.org Per partecipare all'evento è OBBLIGATORIO il possesso del SUPER GREEN PASS e della mascherina FFP2 Partendo dalla Shoah si dipanano storie che hanno come protagonisti ragazzi e ragazze vittime della persecuzione razziale. Le loro voci giungono a noi attraverso testimonianze scritte: diari, memorie, poesie. Il filo che le unisce è il desiderio di resistere con ogni mezzo all’annientamento fisico e psicologico, in primo luogo attraverso la scrittura. Alle testimonianze della Shoah si uniranno le musiche dei Flexus, realizzate appositamente per lo spettacolo: un’unione tra prosa, poesia e musica dal forte impatto emotivo, che mira a legare il ricordo del passato a riflessioni sul presente, affinchè non si ripetano gli errori del passato.
  • L'evento si tiene dal 18 Feb 2022 al 19 Feb 2022
    Düringer ist als Schauspieler und Kabarettist einem breiten Publikum bekannt. Der „Goldene Romy“-Preisträger feierte Filmerfolge mit „Hinterholz 8“, „Muttertag“ oder „Die Gipfelzipfler“ sowie mit der Fernsehserie „MA2412“. Mit AFRICA TWINIS präsentiert er sein 13. Kabarettprogramm: Am Neujahrstag 1986 fällt in Engelbrechts im tiefst verschneiten Waldviertel ein Schuss. Eine Fehlzündung. Ein zweiter Tritt, gefolgt von einem Knattern. Kurz darauf ein zweites Knattern. Zwei rauchende Zweitakter setzen sich in Bewegung Richtung Süden. Ihr Ziel: Dakar. In knapp drei Stunden werden Engelbert Fröschl und Alois Zankl auf ihren beiden Puch MCH 250 am Hornerwald 14.978 km nördlich von Dakar mit technischem Gebrechen die Reise nach Afrika beenden müssen und bei eisigem Wind zur Erkenntnis gelangen: „Dakaa is ned ums Eck." Engl und Loisl haben ihre Lektion gelernt und diesmal – mehr als dreißig Jahre später – wird nichts dem Zufall überlassen. Gereift, geistig gewachsen, in voller Mannesblüte und technisch am Stand der Zeit, sind die AFRICA TWINIS fest entschlossen mit ihren Hightech-Motorrädern die Wüste zu bezwingen und das Ziel zu erreichen. Es mag schon sein, dass die Welt in den letzten 30 Jahren zusammengewachsen ist - aber Dakar ist trotzdem noch immer nicht ums Eck. „Ein Abend zum Lachen und Nachdenken, welchen lange gehegten Traum man selber doch endlich umsetzen sollte.“ (Wiener Zeitung)
  • L'evento si tiene dal 25 Mar 2022 al 26 Mar 2022
    Mentre in Spagna, sul palco operistico, Don Giovanni può fare il fanfarone con le sue 1003 amanti, nella Gran Bretagna degli anni Sessanta gli 88 amanti della duchessa di Argyll Margaret Campbell furono la sua rovina. In un flashback, l’opera da camera Powder Her Face (in italiano: Incipriale il viso) di Thomas Adès porta in scena la dissolutezza di Margaret Campbell, il cui stile di vita scatenò uno dei più grandi scandali a sfondo sessuale della Gran Bretagna. Nel 1963, il matrimonio con il duca di Argyll viene sciolto nell’ambito di un processo spettacolare, in cui vengono usate come prove le polaroid che mostravano la duchessa in atteggiamenti sessualmente espliciti. La stampa scandalistica si nutre delle sue scappatelle e la stigmatizza pubblicamente attribuendole l’appellativo di «dirty duchess». Con il verdetto – mediatico e giudiziario – inizia la rovina sociale e finanziaria di Margaret. Powder Her Face è una denuncia della doppia morale della società, oltre che del voyeurismo mediatico. La musica risulta particolarmente convincente, con le sue tessiture strumentali dai ritmi complessi, una voce virtuosistica assai fantasiosa e rimandi allo swing e al tango, che collocano temporalmente la storia. COMPOSITORE: THOMAS ADÈS LIBRETTO di PHILIP HENSHER