banner inside 01 it

UOMO E GALANTUOMO - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

commedia in dialetto napoletano
due atti di Eduardo De Filippo
regia di Antonio Caponigro

TEATRO DEI DIOSCURI

Sul sottile filo che separa realtà e finzione, passando attraverso la pazzia (per bisogno/fame o per opportunità/etichetta sociale), si gioca questo testo molto particolare di Eduardo.
Il tema del doppio la fa da padrone: comicità-drammaticità, attori-personaggi; uomini-galantuomini; nobili-plebei; ricchezza-miseria; verità-menzogna.
Personaggi attori e attori personaggi, sani che si fingono pazzi e pazzi che tornano sani, fratelli veri e fratelli finti, madri vere e madri finte, padri legittimi e padri illegittimi si susseguono sulla scena intrecciando, l’una nell’altra, vicende speculari.
…e il “la llà ra llà lì, la llà ra llà là”, necessità prima di Alberto, poi del Conte Carlo, quindi di Gennaro, diventa una sorta di mantra corale … giocoso, scaramantico o liberatorio?
La maschera, che domina la scena, ricorda il continuo sdoppiamento dell’essere umano stesso tra finzione e realtà.


Biglietto singolo spettacolo: 9,00 euro - Biglietto ridotto 7,00 euro (ragazzi under 12 - anziani over 65 - soci UILT - gruppi organizzati, circoli ecc. solo per abbonamenti e per un minimo di 10 persone)

Abbonamento a 8 spettacoli 50,00 euro - Abbonamento ridotto a 8 spettacoli 40,00 euro.

ATTENZIONE!

A causa delle disposizioni anti covid 19 posti limitati a seconda delle norme

Per agevolare l'entrata e per i pochi posti a disposizione è preferibile acquistare i biglietti in prevendita oppure online

Tags

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

Venerdì 10 Dic 2021
  • Ven 10 Dicembre, 202120:45

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 17 Dic 2021
    Cause e rimedi dei contagi dall’antichità al XIX secolo. Testo e lettura di Sandro Ottoni Musiche di Mauro Franceschi eseguite da INPUT Jack Orchestra Lettura pubblica con accompagnamento musicale e figurativo di testi storici e letterari in tema di malattie epidemiche, dall’antichità alla nascita della medicina scientifica. Il lavoro si avvale di documenti storici e letterari, esposti oralmente, e pittorici mediante diapositive che riproducono celebri raffigurazioni. La rassegna comprende letture da: Epopea di Gilgamesh, Vecchio Testamento, Iliade, Tucidide, Lucrezio, Polibo, Paolo Diacono, gli storici della medicina: Giorgio Comencini, Carlo Cipolla, Giacomo Tasca e altri. La lettura è commentata dalle musiche originali di Mauro Franceschi, arrangiate per ensemble di chitarre elettriche. Lo spettacolo è promosso dalla Scuola di musica Vivaldi. Ingresso gratuito, per accendere è necessario il green pass. Durata : circa 50 minuti Il progetto si propone di contribuire a una migliore conoscenza dei fenomeni epidemici e pandemici, delle loro spiegazioni e dei rimedi più e meno razionali, storicamente adottati. Intende mostrare la lenta emersione di elementi obbiettivi e scientifici, attraverso errori, superstizioni e dogmi degli antichi e dei moderni. Il lavoro vuole essere divulgativo e non specialistico, con letture storiche, letterarie e mediche proposte in una rassegna di esempi, con commento musicale originale e diapositive. Fidando nelle conquiste e nei successi della medicina, si ritiene importante, anche guardando all’attualità della pandemia, incoraggiare un approccio di conoscenza scientifica e storica. Sandro Ottoni.
  • Sabato 04 Dic 2021
    di Henrik Ibsen regia Filippo Dini scene Laura Benzi costumi Sandra Cardini luci Pasquale Mari musiche Arturo Annecchino con Filippo Dini, Deniz Özdoðan, Orietta Notari, Andrea Di Casa, Eva Cambiale, Fulvio Pepe produzione Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale / Teatro Stabile di Bolzano Filippo Dini attua scelte profonde e spiazzanti: nelle sue mani anche il dramma di Ibsen "Casa di bambola" assume una valenza che si discosta dal repertorio che relega la protagonista Nora a emblema dello scontro di genere. «Credo che il centro della questione si celi nel tentativo da parte dell’uomo di comprendere (nella migliore delle ipotesi), o più frequentemente di controllare, dominare o limitare la natura della donna», afferma Dini. «La Nora di Ibsen nasconde un segreto, che se scoperto e interpretato dalla logica maschile, rappresenterebbe una colpa. Come può l’atto d’amore di Nora, teso a salvare la vita di suo marito, trasfigurarsi in una colpa e divenire motivo di vergogna e causa di dannazione sulla sua famiglia?
  • Domenica 23 Gen 2022
    dal testo “La vie devant a soi” di Romain Gary (Emile Ajar) riduzione e regia Silvio Orlando con Silvio Orlando direzione musicale Simone Campa accompagnato da quattro musicisti scene Roberto Crea disegno luci Valerio Peroni costumi Piera Mura produzione Cardellino srl © MERCURE DE FRANCE, DIRITTI TEATRALI GESTITI DALLE EDIZIONI GALLIMARD CON IL NOME DI “ROMAIN GARY” COME AUTORE DELL’OPERA ORIGINALE Silvio Orlando ci conduce dentro le pagine di un romanzo che gli sta molto a cuore, La vita davanti a sé di Romain Gary e dà voce con leggerezza, ironia e poesia a un intreccio di vite sgangherate che vanno alla rovescia, ma anche a un’improbabile storia d’amore toccata dalla grazia. Dopo l’evento unico della scorsa estate nell’ambito di FUORI! che ha visto Orlando duettare per la prima volta con Paolo Fresu in una versione in chiave jazz del racconto, lo spettacolo viene presentato nel suo allestimento originale che vede il grande attore napoletano affiancato da un quartetto diretto da Simone Campa. Pubblicato nel 1975 e adattato per il cinema nel 1977, al centro di un discusso Premio Goncourt, La vita davanti a sé di Romain Gary è la storia di Momò, bimbo arabo di dieci anni che vive nel quartiere multietnico di Belleville nella pensione di Madame Rosa, anziana ex prostituta ebrea che ora sbarca il lunario prendendosi cura degli “incidenti sul lavoro” delle colleghe più giovani. Silvio Orlando ci conduce dentro le pieghe dell’esistenza di Momò diventando, con naturalezza, quel bambino nel suo dramma. Il genio di Gary ha anticipato senza facili ideologie e sbrigative soluzioni il tema dei temi contemporaneo: la convivenza tra culture, religioni e stili di vita diversi. I flussi migratori si innestano su una crisi eco- nomica che soprattutto in Europa sembra diventata strutturale. Raccontare la storia di Momò e Madame Rosa nel loro disperato abbraccio contro tutto e tutti è necessario e utile. Le ultime parole del romanzo di Gary dovrebbero essere uno slogan e una bussola in questi anni dove la compassione rischia di diventare un lusso per pochi: «Bisogna voler bene».