Notteinbici inside top banner 600x220px

Atmen - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

von Duncan Macmillan

mit: Doris Pigneter und Max Fischnaller
Regie: Eva Niedermeiser
Ausstattung: Zita Pichler
Bühnenbau: Robert Reinstadler
Licht: By Oskar Light

Wer will heute noch ein Kind? Die Erde ist überbevölkert, die Rohstoffe werden knapp, die Wirtschaft kollabiert. Ein Einwand folgt dem nächsten. Sollten nicht gerade gute, verantwortungsbewusste Menschen darauf verzichten, durch ihre Vermehrung zum Untergang des Planeten beizutragen? Oder gilt das genaue Gegenteil? Und wie verändert ein Kind das eigene Leben?

In einem zeitlich raffiniert verschachtelten Dialog, der zwischen zwei Repliken manchmal ganze Jahre überspringt, verhandelt Duncan Macmillan in Atmen von der Wiege bis zum Grab leichthändig die großen Daseinsfragen. Von Panik über Euphorie bis zu Ernüchterung reicht die Skala der Gefühle, wie sie fast jeder aus eigener Erfahrung kennt.

Contatti :

Date e orari evento :

L'evento si tiene dal 25 Nov 2021 al 26 Nov 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • La radice è l’organo della pianta di solito immerso nel terreno che oltre a sostenerla assorbe acqua e sali minerali. L’intreccio di radici crea la base sulla quale la vita emerge, si adegua e si sviluppa, come un albero, che allunga i suoi rami nelle direzioni favorevoli alla miglior crescita. Ogni pianta quindi costruisce un sistema complesso, fatto da interazione e comunicazione tra piccole parti, che insieme vanno a costituire una rete fitta. Nella produzione di danza “Radix” alcuni creativi della danza altoatesina si incontrano su un terreno fertile, allungano le radici nella terra e indagano il comportamento dei loro corpi e i meccanismi della cooperazione per giungere ad un’espressione comune. Esploreranno insieme il concetto di intelligenza collettiva per comprendere alcuni aspetti chiave della vita e della sua evoluzione. Con questa performance si vuole trovare un linguaggio condiviso e creare una coreografia simile ad un sistema complesso che includa la società, le foreste, il web, i mercati finanziari, il cervello umano e la luce di ogni singola stella. Si prenderà così spunto da elementi naturali che già hanno sviluppato questa qualità, integrando l’elemento espressivo degli esseri umani, ancora in lotta per trovare lo stesso equilibrio. Concetto, coordinamento del progetto: Martina Marini Collaborazione al concetto: Sabrina Fraternali Coreografia: Martina Marini, Riccardo Meneghini, Marion Sparber Interpreti: Stefania Bertola, Rebecca Dirler, Alan Fuentes Guerra, Iosu Lezameta, Riccardo Meneghini, Giulia Tornarolli, Marion Sparber Foto & Video: Gregor Marini Sound: Gregor Marini Costumi: Christina Khuen Regia luci: Crealight/Julian Marmsoler, Luca Bellema Produzione: Tanzkollektiv Südtirol/Collettivo Danza Alto Adige Con il sostegno di Abteilung für deutsche Kultur der Autonomen Provinz Bozen, Gemeinde Meran, Gemeinde Lana, Region Trentino-Südtirol, Stiftung Südtiroler Sparkasse
  • Tanzschmiede/Fucinadanza_IT Prima assoluta In Memory Rooms le performance si confrontano con l’architettura, la storia e la funzione attuale di Palazzo Mamming. Questo edificio barocco ha per il pubblico la funzione pratica e simbolica di luogo della conservazione della memoria, tuttavia al suo interno si trovano anche sale ammodernate, utilizzate come spazi espositivi per l'arte contemporanea. Da un punto di vista tematico le singole performance si occupano conseguentemente del passato e del ricordo, invitando però allo stesso tempo a cambiare stanza e prospettiva per accogliere cambiamenti e nuovi scenari. Concetto: Martina Marini Coreografia: Martina Marini, Sabine Raffeiner, Tania Ottavi, Francesca Ziviani Interpreti: Anastasia Kostner, Hugo Olagnon, Tania Ottavi, Francesca Ziviani Regia luci: Crealight/Julian Marmsoler, Luca Bellemo Produzione: Tanzschmiede/Fucinadanza Con il sostegno di Abteilung für deutsche Kultur der Autonomen Provinz Bozen, Gemeinde Meran, Stiftung Südtiroler Sparkasse Con il gentile supporto di Palais Mamming, Elmar Gobbi, Ulrich Egger
  • “In quello strano paese” è un racconto teatrale di Francesco Niccolini sul tema della nascita dell’Autonomia in Alto Adige sotto forma di monologo, interpretato da Marta Dalla Via. È la seconda tappa della trilogia di testi teatrali dedicati alla storia e alla particolarità della situazione altoatesina. 1991. Nei giorni precedenti il censimento, una madre sudtirolese, sposata con un uomo italiano, racconta ai due figli gemelli perché hanno ricevuto un nome tedesco e uno italiano: inizia così la confessione di Katharina. Un lungo racconto intimo dove la donna intreccia le storie dei due rami della famiglia, il ramo sudtirolese di cui lei fa parte e quello italiano del marito, due storie diversissime, per molti versi contrapposte. Sarà il suo modo per fare pace con un difficile passato e per attraversare il tempo che va dalle opzioni al ritorno in Italia di nonno Kaspar con la moglie Karin, la fame il disinganno e la povertà, e poi la rabbia del fratello Oskar che finirà giovanissimo al fianco dei terroristi della Notte dei Fuochi. Dall’altra parte invece un nonno questore che incarna lo spirito critico verso gli errori di governo dell’Italia post fascista e che dimostra quanto è stata in salita la strada di chi ha lavorato per il dialogo e la convivenza, tra incomprensioni, attentati, tradimenti, manifestazioni, arroganza, ottusità e quella difficilissima trattativa che ha portato all’Autonomia del 1972. Seconda tappa di un secolo di Alto Adige raccontato a teatro 1945-1972 scritto e diretto da Francesco Niccolini con Marta Dalla Via disegno luci Luca Predenz con la collaborazione di Giorgio Delle Donne, Maurizio Ferrandi, Ettore Frangipane, Luca Fregona, Arnaldo Loner, Renato Mazzoni, Oskar Niedermair, Carlo Romeo produzione TEATRO STABILE DI BOLZANO e TEATRO CRISTALLO