banner inside 01 it

Bodecker & Neander (D/F): Déjà-vu? - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Il tedesco Wolfram von Bodecker e il francese Alexander Neander si sono incontrati più di 20 anni fa durante i loro studi con Marcel Marceau a Parigi. Da allora sono in viaggio come duo e hanno deliziato il pubblico e la stampa in oltre 30 paesi.
La loro arte non si attiene ai confini di genere. Presentano un teatro da cinema muto pieno di magia, con umorismo di prim’ordine e illusioni ottiche. Le loro storie sono a volte allegre e divertenti, a volte contemplative o tragiche.

Lo spettacolo di pantomima "Déjà-vu?" non solo deve catturare l'attenzione - deve! - ma raggiungere il cuore e il diaframma. Completamente senza parole e quasi senza oggetti di scena, smuovono il loro pubblico. Lacrime da risata ed emozioni raramente sono così vicine.

Contatti :

Date e orari evento :

L'evento si tiene dal 10 Dic 2021 al 11 Dic 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • presented by Transart and Museion Nella straordinaria location delle Caserme Mercanti di Appiano, chiuse da decenni al pubblico, l’artista russo Kirill Savchenkov presenta un inedito progetto site-specific. Delusione ideologica, sorveglianza, potere, manipolazione nei social media e nelle nuove tecnologie sono al centro dell’installazione performativa che analizza, con grande sensibilità e acutezza, gli attuali sconvolgimenti sociali. Quest’anno Savchenkov avrebbe dovuto rappresentare la Russia alla Biennale di Venezia, ma così non è stato: in segno di protesta contro la politica d’aggressione del Cremlino ha deciso di non farlo e il padiglione russo a Venezia è rimasto vuoto. Per Transart e MUSEION ha creato un’opera unica, in cui parti del progetto pensato per la Biennale si intrecciano con elementi di un lavoro realizzato nel 2019 per la Biennale di Kiev. with Kirill Savchenkov + performers
  • Curato dalla direttrice d'orchestra ucraina Viktoriia Vitrenko, il concerto finale di questa edizione è dedicato ai suoni più silenziosi, alle pause, all'introspezione. Come dal profondo risuona "Espenbaum" del compositore ucraino Maxim Kolomiiets, in cui - ispirandosi all'omonima poesia di Paul Celan - il dolore e la perdita si dispiegano in immagini fortemente contrastanti. La Serenata per orchestra d'archi di Valentin Silvestrov ci conduce invece un "labirinto musicale con le sue catastrofi e le sue energie interiori" e conduce alla Cantata N.8 di Silvestrov, interpretata dal soprano russo Natalia Pschenitschnikova, in profondo legame con l'Ucraina. Silenzio. A concludere la serata un live DJ set del DJ InnerLicht. Composers Maxim Kolomiiets Valentin Silvestrov With Orchestra Haydn Viktoriia Vitrenko, Direttrice d’orchestra Natalia Pschenitschnikova, Soprano DJ InnerLicht / DJ set
  • Dove andiamo quando sogniamo? Che cosa cerchiamo di dire a noi stessi in quello spazio sospeso, ulteriore e intermedio, che ci accoglie appena chiudiamo gli occhi? Ogni essere sogna, al di là del fatto che ne conservi memoria: la nostra esistenza è un susseguirsi di visioni notturne, architetture elaborate e complesse, la cui edificazione obbedisce a una necessità naturale. E allora la domanda diventa: perché sogniamo? Perché per l’essere umano è un bisogno vitale e ineludibile? La ricerca sui sogni di Sigmund Freud, pietra miliare del Novecento, tenta una risposta attraverso l’analisi di numerosi casi clinici, talora drammatici, talora perfino buffi e occasionali, ognuno capace di rivelarci qualcosa sulle leggi misteriose e splendide che sovrintendono alle nostre messinscene notturne. Sì, messinscene. Perché il sogno nella lettura di Freud ha un impianto profondamente teatrale, evidente fino da quel titolo originario del volume che alludeva a una vera e propria “drammaturgia onirica”. E dunque ecco scaturire l’ultima domanda: con quali regole si procede, nel fantasmagorico teatro del Sogno? Cinque anni dopo la versione teatrale realizzata a Milano al Teatro Strehler, Stefano Massini riprende in mano il suo decennale lavoro su “L’interpretazione dei sogni” di Sigmund Freud, a cui l’autore dedicò anche un romanzo di successo, edito da Mondadori e già tradotto in più lingue. Da lì Massini riparte, stavolta in prima persona, mettendo il suo estro di narratore al servizio di un impressionante catalogo umano: sulla scena, fra le note dal vivo degli Whisky Trail, prende forma un variopinto mosaico di personaggi che, narrando i propri sogni, compongono una sinfonia di immagini e di possibili interpretazioni, in cui il pubblico si riconosce e ritrova. di e con Stefano Massini dal libro di Sigmund Freud musiche di Stefano Corsi eseguite dal vivo dagli Whisky Trail scene Marco Rossi luci Alfredo Piras produzione TEATRO DELLA TOSCANA e TEATRO STABILE DI BOLZANO in collaborazione con PICCOLO TEATRO DI MILANO – TEATRO D’EUROPA