banner inside 01 it

Dancing for Children - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Dancing for Children è uno spettacolo di danza ideato dalla Scuola “ASD Evento Danza” diretta da Barbara Ante, i cui allievi da anni collaborano attivamente con Unicef partecipando a incontri ed eventi di sensibilizzazione. La collaborazione tra UNICEF Bolzano ed Evento Danza nasce dalla condivisione di valori comuni quali l’amore e il rispetto dei bambini. Evento Danza è da più di 20 anni un prezioso punto di riferimento della città di Bolzano per tutti coloro che desiderano avvicinarsi alla danza già in tenera età. Permette a bambini e ragazzi di crescere e condividere emozioni in un ambiente sano e protetto, forma ballerini forti tecnicamente ma con l’animo educato e sensibile dell’artista. I giovani ballerini di Evento Danza desiderano sensibilizzare il pubblico presente sulla mission di UNICEF attraverso coreografie coinvolgenti di danza classica, modern e contemporaneo perché la Danza è una sola, quella fatta con il cuore!

Ingresso gratuito con Green Pass e prenotazione obbligatoria online o in cassa.

l'evento si può prenotare online:
https://ticket.midaticket.it/eventiteatrocristallo/Event/125/Date/20211031/Shift/429585/Seat

Contatti :

Date e orari evento :

Domenica 31 Ott 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Domenica 05 Dic 2021
    di Henrik Ibsen regia Filippo Dini scene Laura Benzi costumi Sandra Cardini luci Pasquale Mari musiche Arturo Annecchino con Filippo Dini, Deniz Özdoðan, Orietta Notari, Andrea Di Casa, Eva Cambiale, Fulvio Pepe produzione Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale / Teatro Stabile di Bolzano Filippo Dini attua scelte profonde e spiazzanti: nelle sue mani anche il dramma di Ibsen "Casa di bambola" assume una valenza che si discosta dal repertorio che relega la protagonista Nora a emblema dello scontro di genere. «Credo che il centro della questione si celi nel tentativo da parte dell’uomo di comprendere (nella migliore delle ipotesi), o più frequentemente di controllare, dominare o limitare la natura della donna», afferma Dini. «La Nora di Ibsen nasconde un segreto, che se scoperto e interpretato dalla logica maschile, rappresenterebbe una colpa. Come può l’atto d’amore di Nora, teso a salvare la vita di suo marito, trasfigurarsi in una colpa e divenire motivo di vergogna e causa di dannazione sulla sua famiglia?
  • Domenica 16 Gen 2022
    di e con Pippo Delbono e con Dolly Albertin, Gianluca Ballarè, Margherita Clemente, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella e artisti portoghesi in via di definizione. produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione Coproduttori São Luiz Teatro Municipal - Lisbona, Pirilampo Artes Lda, Câmara Municipal de Setubál, Rota Clandestina, Ministeri da Cultura - Direcção Geral Das Artes (Portogallo) e Fondazione Teatro Metastasio di Prato (Italia) «Il titolo "Amore" non vuole avere niente di retorico, è piuttosto il punto attuale di una ricerca iniziata tanto tempo fa. Siamo sempre alla ricerca di amore, tutti, alla ricerca dell’Amore: attraverso le tante vicissitudini dolorose che la vita riserva si passa faticosamente e a guidarci è forse proprio quella instancabile ricerca. Allora voglio provare a riportare nel teatro qualcosa che comunichi quell’Amore, provarci sapendo che come punto di partenza abbiamo scelto una terra come il Portogallo, così profondamente caratterizzata da un immaginario malinconico, struggente, elegiaco. Un luogo fatto di passione e nostalgia, ma anche, oggi soprattutto, di morte».
  • Sabato 15 Gen 2022
    di e con Pippo Delbono e con Dolly Albertin, Gianluca Ballarè, Margherita Clemente, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella e artisti portoghesi in via di definizione. produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione Coproduttori São Luiz Teatro Municipal - Lisbona, Pirilampo Artes Lda, Câmara Municipal de Setubál, Rota Clandestina, Ministeri da Cultura - Direcção Geral Das Artes (Portogallo) e Fondazione Teatro Metastasio di Prato (Italia) «Il titolo "Amore" non vuole avere niente di retorico, è piuttosto il punto attuale di una ricerca iniziata tanto tempo fa. Siamo sempre alla ricerca di amore, tutti, alla ricerca dell’Amore: attraverso le tante vicissitudini dolorose che la vita riserva si passa faticosamente e a guidarci è forse proprio quella instancabile ricerca. Allora voglio provare a riportare nel teatro qualcosa che comunichi quell’Amore, provarci sapendo che come punto di partenza abbiamo scelto una terra come il Portogallo, così profondamente caratterizzata da un immaginario malinconico, struggente, elegiaco. Un luogo fatto di passione e nostalgia, ma anche, oggi soprattutto, di morte».