banner inside 01 it

Il colpo della strega - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Compagnia Luci della Ribalta (Bolzano)

di John Graham

regia Alessandro Di Spazio

Sally Hills approfitta della mancanza del marito Leonard per passare un pomeriggio con il neoamante Peter Raven, famoso presentatore televisivo. Il loro progetto è però destinato a esplodere in una serie di contrattempi e impegni, fraintendimenti che colpiranno gli altri personaggi come un’onda d’urto di intricatissime bugie. Peter è infatti colpito dal famigerato colpo della strega, rimanendo bloccato nella troppo corta vasca da bagno (voluta ovviamente da Leonard, che ha così la sua inconsapevole vendetta)… La farsa si snoda, con ritmo incessante, in una serie di continui colpi di scena e travolgenti equivoci fino al tourbillon finale ed è solo grazie a paradossali malintesi che l’equilibrio sarà mantenuto sino all’ultimo minuto.

Rassegna Buona Domenica a Teatro - UILT

Biglietto intero: 10 euro
Biglietto ridotto con Cristallo Card: 7 euro
I biglietti per questo spettacolo si possono acquistare online qui https://ticket.midaticket.it/teatrocristallo/Events

Contatti :

Date e orari evento :

Domenica 14 Nov 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 03 Dic 2021
    drammaturgia e regia Giuliana Musso con Giuliana Musso e Maria Ariis musiche originali Giovanna Pezzetta consulenza musicale e arrangiamenti Leo Virgili scene Francesco Fassone assistenza e direzione tecnica Claudio Parrino produzione La Corte Ospitale coproduzione Operaestate Festival Veneto Spettacolo ideato per La Biennale Teatro ATTO IV NASCONDI(NO) DENTRO non è teatro d’indagine, è l’indagine stessa, quando è ancora nella vita. Non è un lavoro sulla violenza ma sull’occultamento della violenza. È un piccolo omaggio teatrale alla verità dei figli. DENTRO è la messa in scena del mio incontro con una donna e la sua storia segreta. Un’esperienza difficile da ascoltare. Una madre che scopre la peggiore delle verità. Una figlia che odia la madre. Un padre innocente fino a prova contraria. Una platea di terapeuti, educatori, medici, assistenti sociali, avvocati che non vogliono sapere la verità. La violenza sessuale è un segreto che permane tutta una vita dentro alle case, dentro agli studi dei medici, degli psicoterapeuti o degli avvocati, in quelle dimensioni private in cui le vittime possono restare confinate senza venire riconosciute. Giuliana Musso In scena - Teatro Cristallo in collaborazione col Teatro Stabile di Bolzano
  • Sabato 22 Gen 2022
    dal testo “La vie devant a soi” di Romain Gary (Emile Ajar) riduzione e regia Silvio Orlando con Silvio Orlando direzione musicale Simone Campa accompagnato da quattro musicisti scene Roberto Crea disegno luci Valerio Peroni costumi Piera Mura produzione Cardellino srl © MERCURE DE FRANCE, DIRITTI TEATRALI GESTITI DALLE EDIZIONI GALLIMARD CON IL NOME DI “ROMAIN GARY” COME AUTORE DELL’OPERA ORIGINALE Silvio Orlando ci conduce dentro le pagine di un romanzo che gli sta molto a cuore, La vita davanti a sé di Romain Gary e dà voce con leggerezza, ironia e poesia a un intreccio di vite sgangherate che vanno alla rovescia, ma anche a un’improbabile storia d’amore toccata dalla grazia. Dopo l’evento unico della scorsa estate nell’ambito di FUORI! che ha visto Orlando duettare per la prima volta con Paolo Fresu in una versione in chiave jazz del racconto, lo spettacolo viene presentato nel suo allestimento originale che vede il grande attore napoletano affiancato da un quartetto diretto da Simone Campa. Pubblicato nel 1975 e adattato per il cinema nel 1977, al centro di un discusso Premio Goncourt, La vita davanti a sé di Romain Gary è la storia di Momò, bimbo arabo di dieci anni che vive nel quartiere multietnico di Belleville nella pensione di Madame Rosa, anziana ex prostituta ebrea che ora sbarca il lunario prendendosi cura degli “incidenti sul lavoro” delle colleghe più giovani. Silvio Orlando ci conduce dentro le pieghe dell’esistenza di Momò diventando, con naturalezza, quel bambino nel suo dramma. Il genio di Gary ha anticipato senza facili ideologie e sbrigative soluzioni il tema dei temi contemporaneo: la convivenza tra culture, religioni e stili di vita diversi. I flussi migratori si innestano su una crisi eco- nomica che soprattutto in Europa sembra diventata strutturale. Raccontare la storia di Momò e Madame Rosa nel loro disperato abbraccio contro tutto e tutti è necessario e utile. Le ultime parole del romanzo di Gary dovrebbero essere uno slogan e una bussola in questi anni dove la compassione rischia di diventare un lusso per pochi: «Bisogna voler bene».
  • Giovedì 02 Dic 2021
    di Henrik Ibsen regia Filippo Dini scene Laura Benzi costumi Sandra Cardini luci Pasquale Mari musiche Arturo Annecchino con Filippo Dini, Deniz Özdoðan, Orietta Notari, Andrea Di Casa, Eva Cambiale, Fulvio Pepe produzione Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale / Teatro Stabile di Bolzano Filippo Dini attua scelte profonde e spiazzanti: nelle sue mani anche il dramma di Ibsen "Casa di bambola" assume una valenza che si discosta dal repertorio che relega la protagonista Nora a emblema dello scontro di genere. «Credo che il centro della questione si celi nel tentativo da parte dell’uomo di comprendere (nella migliore delle ipotesi), o più frequentemente di controllare, dominare o limitare la natura della donna», afferma Dini. «La Nora di Ibsen nasconde un segreto, che se scoperto e interpretato dalla logica maschile, rappresenterebbe una colpa. Come può l’atto d’amore di Nora, teso a salvare la vita di suo marito, trasfigurarsi in una colpa e divenire motivo di vergogna e causa di dannazione sulla sua famiglia?