banner inside 01 it

Casa di bambola - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

di Henrik Ibsen
regia Filippo Dini
scene Laura Benzi
costumi Sandra Cardini
luci Pasquale Mari
musiche Arturo Annecchino
con Filippo Dini, Deniz Özdoðan, Orietta Notari, Andrea Di Casa, Eva Cambiale, Fulvio Pepe

produzione Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale / Teatro Stabile di Bolzano

Filippo Dini attua scelte profonde e spiazzanti: nelle sue mani anche il dramma di Ibsen "Casa di bambola" assume una valenza che si discosta dal repertorio che relega la protagonista Nora a emblema dello scontro di genere. «Credo che il centro della questione si celi nel tentativo da parte dell’uomo di comprendere (nella migliore delle ipotesi), o più frequentemente di controllare, dominare o limitare la natura della donna», afferma Dini. «La Nora di Ibsen nasconde un segreto, che se scoperto e interpretato dalla logica maschile, rappresenterebbe una colpa. Come può l’atto d’amore di Nora, teso a salvare la vita di suo marito, trasfigurarsi in una colpa e divenire motivo di vergogna e causa di dannazione sulla sua famiglia?

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • Dei figli conclude la trilogia In nome del padre, della madre, dei figli, che Perrotta ha scritto avvalendosi della consulenza alla drammaturgia di Massimo Recalcati. Dei figli prova a ragionare su quella strana generazione allargata di “giovani” tra i 18 e i 45 anni che non ha intenzione di dimettersi dal ruolo di figlio. Non tutti, per fortuna, e non in ogni parte del mondo. Ma in Italia sì, e sono tanti. Una casa che è limbo, che è purgatorio, per chiunque vi passi ad abitare. Vite in transito che sostano il tempo necessario - un giorno o anche una vita - pagano un affitto irrisorio e in nero e questo li lascia liberi di scegliere quanto stare, quando andare. Solo uno sosta lì da sempre: Gaetano, il titolare dell’affitto. Al momento, le vite in casa sono quattro. Vediamo tutti gli ambienti come se i muri fossero trasparenti. La casa è fluida, come le vite che vi abitano. Le uniche certezze sono quattro monitor di design, bianchi, come enormi smartphone. Su ognuno di essi stanziano, incombenti, le famiglie di origine degli abitanti: genitori, sorelle, cugini... 13 personaggi per un intreccio amaramente comico, un avvitamento senza fine di esistenze a rischio, imbrigliate come sono nel riflettere su se stesse. uno spettacolo di Mario Perrotta consulenza alla drammaturgia Massimo Recalcati con Luigi Bignone, Dalila Cozzolino, Matteo Ippolito, Mario Perrotta e - in video - Arturo Cirillo, Alessandro Mor, Marta Pizzigallo, Paola Roscioli, Maria Grazia Solano e - in audio - Saverio La Ruina, Marica Nicolai, Paola Roscioli, Maria Grazia Solano costumi Sabrina Beretta luci e scene Mario Perrotta video Diane | Ilaria Scarpa | Luca Telleschi mashup Vanni Crociani, Mario Perrotta foto Luigi Burroni produzione TEATRO STABILE DI BOLZANO, FONDAZIONE SIPARIO TOSCANA ONLUS, LA PICCIONAIA CENTRO DI PRODUZIONE TEATRALE E PERMÀR in collaborazione con COMUNE DI GROSSETO, TEATRO CRISTALLO, OLINDA RESIDENZA ARTISTICA, LA BARACCA – MEDICINATEATRO, DUEL
  • L'evento si tiene dal 23 Feb 2023 al 26 Feb 2023
    Gioia, Furia, Fede y Eterno Amor In una città dove il gioco del pallone è febbre, amore e passione quattro amici fanno i conti con le loro rispettive vite e facendo affiorare ricordi, provano a ricostruire una serenità andata a pezzi. Nella loro semplicità, hanno qualcosa di molto singolare e unico che li accomuna; la passione folle per la squadra del cuore e infanzie originali, quasi fiabesche. Sono fatti di materia semplice come il pane, ma la domenica, allo stadio si fanno travolgere da una furia che ogni volta li spazza e li sconquassa. C’è gioia, amarezza, ironia e tanta voglia di sorridere mentre evocano le vittorie, i momenti di estasi, le sconfitte e le tragedie che hanno condiviso negli anni. Una storia di gente semplice, unita da un’amicizia inossidabile che li aiuta ad affrontare la vita stringendosi in un abbraccio delirante e commovente. «Far parte di uno spettacolo così sospeso fra sogno e semplicità, fra amicizia, ironia, fragilità, passione, tifo, musica e colori, dopo un periodo come quello che abbiamo vissuto e dal quale ancora non siamo totalmente usciti, è una meravigliosa avventura» afferma Stefano Accorsi. «Daniele Finzi Pasca scrive in modo tridimensionale, bisogna letteralmente entrare nel suo mondo per abitarlo e viverlo, sentirlo senza voler spiegare ogni cosa». «Ho sempre raccontato storie di personaggi carichi di umanità, fragili e trasognati» commenta Daniele Finzi Pasca. «Il mio teatro è costruito riproducendo il linguaggio dei sogni. Procede per allusioni, associazioni di idee. Con Stefano Accorsi, Luciano Scarpa, Sasà Piedepalumbo e Luigi Sigillo attori carichi di umanità, mestiere e passione è stato facile dare vita a questa piccola rapsodia dedicata a quanti non si danno mai per vinti». con Stefano Accorsi e con Luciano Scarpa, Sasà Piedepalumbo, Luigi Sigillo designer luci Daniele Finzi Pasca scene Luigi Ferrigno costumi Giovanna Buzzi video designer Roberto Vitalini musiche originali Sasà Piedepalumbo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca produzione NUOVO TEATRO diretta da MARCO BALSAMO in coproduzione con FONDAZIONE TEATRO DELLA TOSCANA e TEATROS DEL CANAL, MADRID
  • L'evento si tiene dal 10 Nov 2022 al 13 Nov 2022
    Claudio Tolcachir, drammaturgo, regista e attore argentino, classe 1975, è autore di testi surreali e commoventi. Protagonista della fertilissima nouvelle vague argentina, ha rappresentato per la prima volta Edificio 3. Storia di un intento assurdo a Buenos Aires nel 2008. Siamo nell’ufficio decadente di una grande azienda pubblica, dove si incrociano i destini di molte persone; e anche, in sovrapposizione, nella casa dove vivono due fidanzati, in uno studio medico, al bar frequentato dagli impiegati: qui si intrecciano storie, delusioni, sconfitte, speranze, tinte di grottesco e di ironia. C’è Sandra, single che fa di tutto per rimanere incinta; c’è Ettore, cinquantenne mammone, che solo dopo la morte della madre si avventura nelle prime goffe esperienze amorose; c’è la confusionaria, invadente, affettuosa Monica, che non sapendo vivere la propria vita, si infila in quelle altrui; c’è l’amore combattuto tra Manuel, ragazzo fragile e violento e la più equilibrata Sofia. Tradimenti, equivoci, desideri irrefrenabili, sogni e rimpianti. Tutta la vita davanti agli occhi degli spettatori, che si riconosceranno in queste storie, perché Claudio Tolcachir sa metterci di fronte allo specchio dei nostri sentimenti e raccontarci la complessità delle relazioni interpersonali e l’infinita distanza che ci separa dal nostro prossimo. STORIA DI UN INTENTO ASSURDO scritto e diretto da Claudio Tolcachir traduzione Rosaria Ruffini con (in ordine alfabetico) Rosario Lisma, Stella Piccioni, Valentina Picello, Giorgia Senesi, Emanuele Turetta produzione PICCOLO TEATRO DI MILANO - TEATRO D’EUROPA, CARNEZZERIA SRLS E TIMBRE4 in collaborazione con ALDO MIGUEL GROMPONE