TOP banner inside AZB corsi estivi

Camera Oscura - Visioni dantesche - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

con Flora Sarrubbo, Lucas Da Tos, Oscar Bettini
compagnia Controtempoteatro
produzione Teatro Stabile di Bolzano

“Camera Oscura” è uno spettacolo pensato per uno spettatore solo, che si pone come obiettivo quello di sviluppare tutta la forza visuale e figurativa della Divina Commedia in uno spazio ristretto, nel buio della camera oscura (proprio come quella fotografica), nel buio prendono forma visioni e immagini, all’interno della quale lo spettatore diventa egli stesso il viaggiatore. Spettacolo destinato ad un pubblico adulto

Lo spettacolo rientra nelle iniziative dedicate alla celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Ven 18 Giu 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 22 Lug 2021
    BALLET NATIONAL DE MARSEILLE - (LA)HORDE Coreografie: Lucinda Childs, Tânia Carvalho, Lasseindra Ninja, Oona Doherty Prima italiana Quattro coreografe, quattro icone nel loro genere, riunite per un nuovissimo programma creato da (LA)HORDE e commissionato allo storico Ballet national de Marseille dai parigini Théâtre de la Ville e Théâtre du Châtelet che Bolzano Danza ospita in prima nazionale. Dalla star della postmodern americana Lucinda Childs, Leone d’oro alla Carriera alla Biennale di Venezia nel 2017, che rimonta a distanza di dodici anni dalla creazione a Marsiglia il suo Tempo Vicino, alla stella nascente irlandese Oona Doherty, Leone d’Argento alla Biennale di Venezia di quest’anno, passando per l’icona queer del voguing francese Lasseindra Ninja - per la prima volta a confronto con un gruppo di danzatori ‘classici’ - fino all’universo plurisemico dell’artista portoghese Tania Carvalho. Un programma eclettico che il collettivo (LA)HORDE alla guida del Ballet de Marseille ha pensato in una prospettiva di inclusività: plasticità, espressionismo, teatro fisico, postmodern dance, ballroom si incontrano in questa serata che promette di spazzare via ogni preconcetto sulla danza. Durata: 75 minuti
  • Martedì 20 Lug 2021
    CLUB GUY & RONI SWAN LAKE THE GAME Coreografia: Roni Haver DIGITAL Prima italiana Ripensare il Lago dei cigni nello stile eclettico di Club Guy & Roni significa compiere un’operazione quasi blasfema. Infatti con il loro Swan Lake the Game portano il pubblico su una piattaforma virtuale, Hotel NITE, dentro la quale ciascun utente attraverso device sceglie e influenza la visione collettiva (ogni giocatore è una libellula). Costruendo una propria narrazione, l’utente individua una storia da seguire al termine della quale, rispondendo a delle domande, farà delle scelte che influenzeranno la visione generale: chi sarà il cigno nero? Come finirà la storia? A Bolzano Danza, per la prima volta Swan Lake the Game si realizzerà in formato cinema sotto le stelle con la possibilità da parte del pubblico di votare dal proprio cellulare, e a maggioranza scegliere gli snodi narrativi cruciali di questo Lago dei cigni fuori dagli schemi. Interpreti: Adam Peterson, Angela Herenda, Camilo Chapela, Enrique Monfort, Felix Feenstra, Harold Luya, Igor Podsiadly, Jesula Visser, Jochem Braat, Jonathan Bonny, Niels Meliefste, Rosie Reith, Sanne den Hartogh, Tatiana Matveeva, Sam Corver, Sofiko Nachkebiya, William English, Zaneta Kesik Concetto e coreografia: Roni Haver, Guy Weizman con i performers Testo: Rik van den Bos Musiche: Kordz (Alexandre Kordzaia), Tchaikovsky, Camille Saint-Saëns Set Design: Ascon de Nijs Costumi: MAISON the FAUX Light & Video design: Maarten van Rossem Online art design: Martijn Halie
  • Martedì 20 Lug 2021
    BALLET DE LORRAINE COME OUT Coreografia: Olivier Dubois Prima italiana Olivier Dubois torna al Festival con un lavoro potente creato per 23 danzatori del Ballet de Lorraine. Uno spettacolo ‘di lotta’ avvolto nel colore rosa che prende spunto e nome dalla celebre partitura minimalista di Steve Reich Come Out (1964) qui estesa, grazie ad arrangiamenti a cura dello stesso Dubois e del fedele compositore François Caffenne, a 50 minuti. Il risvolto sociale della composizione di Reich scaturita da un collage di registrazioni di voci di ragazzi neri coinvolti in un omicidio ad Harlem rende più che mai attuale questo pezzo, alla luce degli scontri tra comunità afroamericana e polizia negli States. La frase che Reich scorpora dalla registrazione e ripete in diverse modalità “Ho dovuto aprire la ferita e farvi fuoriuscire un po’ di sangue per mostrarlo a loro”, spinge Dubois a “voler vedere questo sangue ribollire come il rosa di un rosso sottocutaneo. Per sperare di vederlo riversarsi come manifestazione di trionfo della vita”. La coreografia infatti non punta ad altro se non a sfidare, sotto forma di resistenza, lo sforzo della vita. Coerente nell’estenuante ripetizione con variazione e accumulo, Come out abbaglia con la sua massa e le sue geometrie, le sue onde e le sue deviazioni. Musica: Steve Reich “Come Out” arrangiamenti di Olivier Dubois e François Caffenne Danzatori: Ballet de Lorraine Durata: 50 minuti