TOP banner inside AZB corsi estivi

Prossima fermata: Campaldino - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Divertimento per tre attori e due spettatori in un atto unico.

con Max Meraner, Chiara Sartori e Thomas Rizzoli
produzione Teatro Stabile di Bolzano

"Come si fa uno spettacolo su Dante?" chiede una regista in carriera a due attori incontrati per caso. Sono alla stazione, il treno è in ritardo, hanno tutto il tempo per pensarci. Pare però che una risposta sola non ci sia. Indagano allora assieme le possibili soluzioni, e, quasi senza accorgersene, finiscono per ricostruire l'arco dell'intera vita di Dante, evocando un marasma di nomi strampalati e date lette male, soldi in prestito e armature nuovissime, cadute da cavallo, duelli poetici, tifoserie oscene, canzoni improvvisate, vescovi miopi e agguerriti e mogli canterine. Forse alla fine c'è anche un happy ending. Però, sappiatelo, Dante muore.

Lo spettacolo rientra nelle iniziative dedicate alla celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Contatti :

Date e orari evento :

Martedì 25 Mag 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 16 Lug 2021
    Coreografie: Mattia Russo e Antonio de Rosa Prima assoluta Presentato nell’ambito della rete “Swans never die” Swan è un lavoro coreografico che fa luce sulla ricerca che coniuga l’arte coreografica con le scienze naturali e sociali interrogandosi sui modi di abitare e percepire l’ambiente. Un’installazione site specific per Bolzano Danza 2021 che vuole demonizzare il comportamento umano nell’era dell’Antropocene. L’uomo, artefice dello sfruttamento delle risorse dell’ecosistema che porta all’estinzione di animali, piante e al progressivo riscaldamento globale, è chiamato a rispondere delle proprie azioni. L’obiettivo è generare una riflessione attraverso un gesto, condiviso dall’intera comunità, carico di empatia, sensibilità e attenzione, come simbolo di una nuova rinascita. Coreografia Mattia Russo, Antonio de Rosa Drammaturgia Giuseppe Dagostino Interpreti Antonio de Rosa e Giuseppe Dagostino Musica Camille Saint-Saëns Commissionato da Bolzano Danza nell’ambito della rete “Swans never die”
  • Martedì 20 Lug 2021
    Coreografia: Olivier Dubois Prima italiana Olivier Dubois torna al Festival con un lavoro potente creato per 23 danzatori del Ballet de Lorraine. Uno spettacolo ‘di lotta’ avvolto nel colore rosa che prende spunto e nome dalla celebre partitura minimalista di Steve Reich Come Out (1964) qui estesa, grazie ad arrangiamenti a cura dello stesso Dubois e del fedele compositore François Caffenne, a 50 minuti. Il risvolto sociale della composizione di Reich scaturita da un collage di registrazioni di voci di ragazzi neri coinvolti in un omicidio ad Harlem rende più che mai attuale questo pezzo, alla luce degli scontri tra comunità afroamericana e polizia negli States. La frase che Reich scorpora dalla registrazione e ripete in diverse modalità “Ho dovuto aprire la ferita e farvi fuoriuscire un po’ di sangue per mostrarlo a loro”, spinge Dubois a “voler vedere questo sangue ribollire come il rosa di un rosso sottocutaneo. Per sperare di vederlo riversarsi come manifestazione di trionfo della vita”. La coreografia infatti non punta ad altro se non a sfidare, sotto forma di resistenza, lo sforzo della vita. Coerente nell’estenuante ripetizione con variazione e accumulo, Come out abbaglia con la sua massa e le sue geometrie, le sue onde e le sue deviazioni. Musica: Steve Reich “Come Out” arrangiamenti di Olivier Dubois e François Caffenne Danzatori: Ballet de Lorraine Durata: 50 minuti
  • Mercoledì 21 Lug 2021
    COD/COMPAGNIE OLIVIER DUBOIS PRÊT À BAISER Coreografia: Olivier Dubois Un duetto performativo, originariamente creato per il Musée d’art moderne di Parigi, che si consuma in un lungo bacio omosessuale. Ecco Prêt à baiser, coreografato sulla Sagra della primavera di Igor Stravinsky arrangiata da François Caffenne, da anni compositore d’elezione di Olivier Dubois. Ripreso appositamente per questa edizione del festival alla Fondazione Antonio dalle Nogare con Dubois protagonista insieme al danzatore italiano Nicola Manzoni, Prêt à baiser è una performance in cui l’attesa, la tensione, la conquista, la seduzione diventano rito. Su una panchina velata di luce. Interpreti: Olivier Dubois e Nicola Manzoni Musica: Igor Stravinsky “Sacre du printemps”