TOP banner inside AZB corsi estivi

Prossima fermata: Campaldino - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Divertimento per tre attori e due spettatori in un atto unico.

con Max Meraner, Chiara Sartori e Thomas Rizzoli
produzione Teatro Stabile di Bolzano

"Come si fa uno spettacolo su Dante?" chiede una regista in carriera a due attori incontrati per caso. Sono alla stazione, il treno è in ritardo, hanno tutto il tempo per pensarci. Pare però che una risposta sola non ci sia. Indagano allora assieme le possibili soluzioni, e, quasi senza accorgersene, finiscono per ricostruire l'arco dell'intera vita di Dante, evocando un marasma di nomi strampalati e date lette male, soldi in prestito e armature nuovissime, cadute da cavallo, duelli poetici, tifoserie oscene, canzoni improvvisate, vescovi miopi e agguerriti e mogli canterine. Forse alla fine c'è anche un happy ending. Però, sappiatelo, Dante muore.

Lo spettacolo rientra nelle iniziative dedicate alla celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Contatti :

Date e orari evento :

Lunedì 24 Mag 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Domenica 27 Giu 2021
    di Dario Fo regia e interpretazione Ugo Dighero produzione Teatro Nazionale di Genova “Mistero buffo” è l’opera che ha reso celebre Dario Fo in tutto il mondo: uno spettacolo-contenitore che volava sulle giullarate medievali per planare sulla satira politica e sull’attualità. Ugo Dighero rivisita due brani tratti dal patrimonio letterario di Fo e fonde comicità trascinante e contenuti forti senza mai perdere la leggerezza e la poesia che caratterizzano il teatro di Dario Fo.
  • Venerdì 30 Lug 2021
    di Francesco Niccolini Consulenza storica di Luca Fregona, Ennio Marcelli, Guido Margheri, Carlo Romeo. L'autore Francesco Niccolini con una compagnia di giovani attori altoatesini racconta i poco più di cento anni della complessa storia che riguarda la città di Bolzano e la sua terra l'Alto Adige/Sudtirolo. Sarà un grande racconto corale a tappe, fatto di più voci, un racconto sinfonico dove la diversità è sempre ricchezza. Un racconto che parte male con le menzogne della prima guerra mondiale, prosegue peggio con l’isteria imperiale di Benito Mussolini, precipita nella tragedia con l’occupazione della Wermacht. 0Luogo parco delle Semirurali Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria scrivendo a info@cooperativa19.it
  • Venerdì 30 Lug 2021
    CLUB GUY & RONI TETRIS Mon Amour Coreografia: Roni Haver Prima nazionale Definirli interdisciplinari è poco. Club Guy & Roni sono molto di più di una compagnia di danza conosciuta a livello internazionale. Il loro stare sulla scena è al tempo stesso danza, concerto ad alti decibel, recitazione. Una fisicità libera e violenta fornisce un vocabolario distintivo al loro Club. Per TETRIS Mon Amour, in prima nazionale a Bolzano Danza, Guy e Roni collaborano per la parte musicale con Thijs De Vlieger dei Noisia, uno dei gruppi di musica elettronica più apprezzati al mondo. De Vlieger è qui autore solista della composizione eseguita live da Slagwerk Den Haag. Lo spettacolo muove dal celeberrimo videogioco Tetris inventato dal programmatore russo Aleksej Leonidovi? Pažitnov nel 1984, incentrato sulla logica e il ragionamento, diventato presto un cult in tutto il mondo. Moltissimi gli appassionati tra cui la coreografa Roni Haver che in questo spettacolo dichiara tutto il suo amore per il videogioco e il modo in cui esso provoca ordine e autocontrollo. “Nel gioco devi gestire blocchi di mattoncini che cadono - spiega Roni - esattamente come nella vita: devi imparare a gestire quello che ti accade prima che sia game over”. Ecco dunque il concerto di danza ad alta pressione TETRIS Mon Amour dove ogni minimo gesto è coreografato. Un modo per dimostrare che dentro uno schema di rigide regole c’è comunque margine per la creatività. Co-direzione: Guy Weizman Interpreti: Camilo Chapela, Angela Herenda, Tatiana Matveeva, Sofiko Nachkebiya, Adam Peterson, Igor Podsiadly, Harold Luya Live music: Jonathan Bonny, Pepe Garcia, Niels Meliefste Set: Ascon de Nijs Costumi: Evgeniia Shalimova Luci: Maarten van Rossem Sound: Peter Zwart Drammaturgia: Robbert van Heuven Music director: Fedor Teunisse