TOP banner inside AZB corsi estivi

Eine Produktion der Carambolage: Name: Sophie Scholl - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

von Rike Reiniger

Mit Katharina Gschnell

Regie: Stefanie Nagler
Bühne und Kostüme: Sara Burchia
Licht und Technik: Claus Stecher, Julian Geier
Bühnenbau: Robert Reinstadler
Fotos und Video: Tiberio Sorvillo

Das Stück

„Ich heiße Sophie Scholl. Und da fängt das Problem auch schon an“.
So beginnt die Geschichte einer ganz gewöhnlichen Jurastudentin. Sie steht kurz vor dem Examen und ist voller Vorfreude auf ihr Berufsleben. Ihr Nachname? Reiner Zufall. Dieser Name erzählt die Geschichte einer jungen Frau, die in der Zeit des Nationalsozialismus den Mut hatte, sich mit ihren Freunden und ihrem Bruder Hans Scholl gegen Adolf Hitler zu stellen. „Die weiße Rose“ verteilte Flugblätter und wurde dabei erwischt. Sophie Scholl kam vor Gericht und wurde hingerichtet.
Der Mut ihrer berühmten Namensvetterin wird nun zum Prüfstein für das Gewissen der jungen Jurastudentin. Sie wird in einen Prüfungsbetrug verwickelt und soll vor Gericht aussagen. Sie muss sich entscheiden: Soll sie lügen, um ihre Karriere voranzubringen? Soll sie die Wahrheit sagen, dafür aber ihre Zukunft riskieren? Oder wäre es vielleicht das Beste zu schweigen?
Rike Reiniger, der Autorin des Stücks, gelingt eine kluge und sehr lebendige Verknüpfung aus geschichtlichen Einschüben der Widerstandskämpferin und der zwiespältigen Situation der Studentin während des Gerichtstermins. Es geht um Zivilcourage, das eigene Gewissen und die Frage: Wie hätte ich mich verhalten?
„Dieses Stück hallt nach. Moral, Gewissenskonflikte, Versagensangst und Identitätssuche – die Thematik ist zeitlos und aktueller denn je. Prädikat: besonders sehenswert!“ (Saartext)

Die Autorin

Rike Reiniger, aufgewachsen in Bochum, arbeitete in einem traditionellen Puppentheater, das den deutschsprachigen Raum bereiste. Sie studierte in Prag (Regie und Dramaturgie für Puppentheater) und Gießen (Angewandte Theaterwissenschaft), inszenierte in der freien Szene Berlins und war Mitbegründerin des interkulturellen TheaterEnsembles Kumpanya. Nach dessen Auflösung ging sie ins Engagement an die Landesbühnen Sachsen, das Deutsch-Sorbische Volkstheater Bautzen und das Theater Junge Generation Dresden.
Rike Reiniger lebt als Regisseurin und Autorin in Berlin. Ihre Arbeiten wurden u.a. ausgezeichnet mit dem Mannheimer Feuergriffel und dem Publikumspreis des Heidelberger Stückemarktes sowie in verschiedene europäische Sprachen übersetzt.

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 13 Mag 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni giorno fino a Ven 02 Lug 2021
    di Antonio Viganò con gli attori del Teatro la Ribalta-Kunst der Vielfalt: Rodrigo Scaggiante, Mirenia Lonardi, Matteo Celiento, Maria Magdolna Johannes, Jason De Majo, Michael Untertrifaller, Rocco Ventura con l’Orchestra Allegromoderato con i cantanti Paolo Cauteruccio (tenore), Filippo Rotondi (baritono), Francesca Pacileo (soprano) scene e regia Antonio Viganò collaborazione artistica Antonella Bertoni costumi Roberto Banci - Sartoria teatrale Tirelli disegno luci Michelangelo Campanale produzione Teatro La Ribalta - Kunst del Vielfalt in collaborazione con Residenze artistiche “Olinda” - Festival “Da vicino nessuno è normale” Milano con il sostegno della Fondazione Allianz UMANAmente “Otello Circus” è un’opera lirico-teatrale ispirata alle opere di Giuseppe Verdi e William Shakespeare ambientata in un vecchio Circo dove tutto sembra appassito ed Otello è costretto a rappresentare la sua personale tragedia. E’ la sua condanna, la pena che deve scontare per il suo gesto efferato ed omicida. In quel Circo, girano invisibili i fantasmi delle vittime di femminicidio, per cercare, invano, di interrompere quella giostra e per ricordare, a chi guarda, che l’amore che uccide è contro natura
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Sab 19 Giu 2021
    15 giorni. 20 artisti. 45 spettacoli. Finalmente ci siamo! Dopo la lunga attesa di un anno, possiamo finalmente tornare a respirare l'atmosfera speciale dell'amato festival d'arte di strada. Sarà una versione diversa da come la conosciamo, il festival sarà infatti distribuito su 15 giorni, come i suoi anni. In un momento in cui tutti ne abbiamo bisogno, torna il festival della spensieratezza, del sorriso, della follia, della magia e della poesia. Per festeggiare i 15 anni di Festival, i direttori artistici Claudia Bellasi e Jordi Beltramo hanno messo insieme un programma mozzafiato che si articola per la durata di 15 giorni e spazia in tutti i generi del teatro di strada, raggruppando alcune tra le migliori compagnie del panorama nazionale ed internazionale. Un momento di altissima carica emotiva sarà sicuramente lo spettacolo: La meccanica dell´anima „Eh man he“, la quinta e più grande produzione della compagnia spagnola Zero en Conducta, una performance di teatro fisico, danza, mimo e animazione di burattini che esplora con grande maestria ed intensità le potenzialità espressive delle diverse arti sceniche legate al movimento. Altro momento di apice sarà rappresentato dalla compagnia Los Putos Makinas con lo spettacolo Piti Peta Hofen Show denso di umorismo, giochi teatrali e improvvisazioni sorprendenti ed un´ incredibile padronanza della tecnica di giocoleria con gli oggetti più disparati. Dalla Finlandia Lotta & Stina porteranno il loro fascino anni 50’ con lo spettacolo di acrobatica di coppia, equilibrismo e commedia Just an ordinary day, un esempio di straordinaria forza ed ironia femminile. Al variegato programma certamente non mancheranno altre compagnie di clownerie (Loco Brusca, Fruttillas con crema, Jordi Beltramo), acrobatica (Faltan 7), giocoleria (Mencho Sosa e Circus Folies), walking act (Irrwisch), sand art (Ermelinda Coccia) teatro di strada (Claudio Mutazzi),, magia (Dan Marques), bolle di sapone (Gambe in spalla teatro) e musica travolgente (Ayom). Sulla spaziosa ed accogliente Piazza Terme verrà accolto il palco mobile delle compagnie storiche italiane di teatro di figura contemporaneo: Girovago e Rondella e Cia Dromosofista, con i rispettivi spettacoli Manoviva: un microcosmo dove solo le mani raccontano senza parole e Antipodi in cui tre personaggi invitano il pubblico a seguirli in un viaggio surreale su un cavallo in miniatura, tra personaggi stralunati e minuscoli uomini d'ombra in corsa. Antipodi ? l'unione di diversi stili e tecniche del teatro di figura, dalle ombre cinesi alla manipolazione di oggetti, al teatro fisico. Le sorprese di questa edizione „della ripartenza culturale“ non finiscono qui… anche uno chapiteau (tendone da circo) della compagnia italiana di circo contemporaneo Circo Paniko verrà montato nel parcheggio di Castel Kallmünz, con la loro nona produzione Panikcommedia: uno spettacolo unico in cui l’aspetto attoriale, comico, acrobatico e corale si mescolano creando una sorta di “teatro in movimento” che danza sotto la tenda da circo, rigorosamente con musica dal vivo. Infine la compagnia Cirko Paniko offirrá spettacoli mattutini gratuiti per le scuole elementari, medie e superiori avvicinando il giovane pubblico al mondo del nuovo circo. Ci teniamo a vivere il festival insieme a voi con serenità e in sicurezza. Per questa ragione, nel rispetto delle disposizioni, sarà possibile assistere agli spettacoli, registrandosi tramite il sito www.asfaltart.it oppure prenotando telefonicamente dal 1° giugno al 19 giugno, tutti i giorni dalle ore 14 alle 18 al numero: 320 282 2459. I posti sono limitati, il biglietto dev'essere ritirato 10 minuti prima dello spettacolo. Come sempre, trovate tutte le informazioni sugli spettacoli sul sito ufficiale: www.asfaltart.it, sulla pagina Facebook: https://www.facebook.com/asfaltart e nella app ufficiale di Asfaltart (basta inserire “Asfaltart” nell’app store).
  • Lunedì 28 Giu 2021
    di Dario Fo regia e interpretazione Ugo Dighero produzione Teatro Nazionale di Genova “Mistero buffo” è l’opera che ha reso celebre Dario Fo in tutto il mondo: uno spettacolo-contenitore che volava sulle giullarate medievali per planare sulla satira politica e sull’attualità. Ugo Dighero rivisita due brani tratti dal patrimonio letterario di Fo e fonde comicità trascinante e contenuti forti senza mai perdere la leggerezza e la poesia che caratterizzano il teatro di Dario Fo.