LMB KUPFER WEB 600x220px

Utente : martin_inside

Eventi di : martin_inside

0
Others
Sabato, 16 Ott 2021 09:00-12:00 |
Sabato 16 Ott 2021

La festa degli ingombranti è il modo più semplice per liberarsi di cose usate ma in buono stato. Durante la manifestazione ognuno può portare o prendere in modo del tutto gratuito gli oggetti che gli interessano. Unica condizione: mobili, elettrodomestici e qualsiasi altro oggetto usato deve essere in buone condizioni e funzionante. Ritiro gratuito: è possibile richiedere il ritiro gratuito di mobili o altri oggetti di grandi dimensioni chiamando il numero 0471-997438 oppure il numero 3481561706. Il ritiro sarà effettuato il giorno precedente alla festa degli ingombranti. Alcuni esempi di cose che si trovano alla festa degli Ingombranti: - mobili - materassi, tappeti e biancheria per la casa - elettrodomestici funzionanti - abiti e scarpe usati ma in buono stato - libri, giocattoli, accessori per bambini e neonati - stoviglie, specchi, soprammobili Le feste degli ingombranti 2021: 16 ottobre piazza G. Matteotti Orario: 9.00 -12.00 In caso di maltempo la festa viene rinviata al sabato successivo.

0
Theatre
Martedì, 05 Ott 2021 20:00
Martedì 05 Ott 2021

Vor wenigen Jahren hat er mit seinen heiteren Kurzfilmen als „Luis im Auto“ im Internet für Furore gesorgt. Wenige Monate später trat er mit den Programmen „Gogglbauer Luis“, „Weibernarrisch“, „Auf der Pirsch“, „Oschpele!“ und „Speck mit Schmorrn“ einen unvergleichlichen Triumphzug durch den gesamten südlichen deutschen Sprachraum an. Ausnahmslos alle Vorstellungen waren ausverkauft, auch die Zusatzvorstellungen waren bis auf den letzten Platz belegt. Das Beste aus diesen Programmen bringt er nun im „Best of(f)“ auf die Bühne. Dass das Publikum sich nicht auf eine bestimmte Altersgruppe oder Bevölkerungsschicht begrenzt, spricht für den Künstler. Mit generationsübergreifendem Humor hat sich Luis mit Inbrunst in die Herzen Tausender Fans gelächelt und gesprochen. Und wer ihn bis heute noch nicht live erlebt hat oder sich bisher noch nicht satt gesehen hat, sollte sich schnellstens die Tickets für das „Best of(f)“ besorgen. Kartenvorverkauf ist in allen Athesia Buchhandlungen und online unter www.ticketone.it. Infos unter der Nr. 0473 270256 oder info@showtime-ticket.com

0
Art & Culture
Sabato, 11 Set 2021 10:00-17:00 |
ogni giorno fino a Dom 12 Set 2021

La fusione del rame nel Medioevo La fusione del rame fu soprattutto nel Medioevo una delle massime espressioi dell'artigianato, perché il rame era ed è uno dei metalli più ricercati. Ma a quel tempo come funzionavano le coe? È quello che il Museo Provinciale Miniere si è proposto di scoprire insieme all'associazone storico-culturale "Niedertor et Servitus", che dedica le sue attività proprio alla vita medievale locale. Il 7 e 8 agosto nonché l'11 e il 12 settembre una rievocazione medievale della fusione del rame avrà luogo per la prima volta nella sede di Predoi del MPM. In entrambi i fine settimana, dalle 10 alle 17, il "seguito" di Sigmund von Niedertor pianterà le tende presso la galleria San Nicolò dell'ex miniera di rame di Predoi e proporrà agli spettatori una dimostrazione storicamente accuata di quest'attivitá artigianale. Nello spirito dell'archeologia sperimentale in agosto si costruirà un forno fusiorio ed in settembre si svolgeranno esperimenti di fusione per ricavare il metallo puro rosso lucido dal rame da cementazione di Predoi. E i visitatori interessati potranno partecipare dal vivo! Il carbone diventa rosso come il fuoco e il rame si fonde.

0
Theatre
Giovedì, 09 Set 2021 21:00
Giovedì 09 Set 2021

2 atti brillanti di Francis Veber traduzione di Filippo Ottoni regia Roby De Tomas ideazione e realizzazione scenografia Bruno De Bortoli datore luci e audio Andrea Mastroianni e Marco Ceol costumi Ida Dacome produzione FILODRAMMATICA DI LAIVES Personaggi e interpreti: PIERRE il padrone di casa Luca Bertolini CHRISTINE sua moglie Carmen Zanata ARCHAMBAUD reumatologo Pio Vajente FRANCOIS il cretino Bruno De Bortoli LEBLANC amico di Pierre Luca Larcher MARLENE spasimante di Pierre Valentina Armani CHEVAL impiegato alle imposte Calogero Legame Ogni mercoledì un gruppo di professionisti dell’alta borghesia parigina si riunisce per una cena/scommessa dove ognuno dei convitati deve presentarsi accompagnato da una persona che può essere definita “un perfetto cretino”. "La cena dei cretini" è uno degli esempi meglio riusciti di come una storiella simpatica e intelligente possa affrontare il tema della presunta superiorità di persone fastidiosamente ricche e ciniche nei confronti di quelle comuni; magari con le proprie fisse, ma genuine e sincere. Questa volta l’invitato rovinerà tutti i piani di divertimento dell’anfitrione.Morale: meglio essere cretini dal cuore puro che intelligenti ma senza scrupoli e disposti solo ad usare il prossimo per puro divertimento. - Roby De Tomas

0
Music
Sabato, 04 Set 2021 21:00
Sabato 04 Set 2021

Il concerto estivo di LIVE MUSE è dedicato al più famoso gruppo della musica pop italiana attualmente in attività: i Pooh. Una serata all’insegna del pop, impregnata dei tanti successi del gruppo italiano. In una formula insolita, i musicisti di Live Muse, raggruppati in tre formazioni, presenteranno moltissimi, fantastici brani e ci condurranno in un percorso che ripercorrerà la carriera musicale di questo grande gruppo.

0
Others
Sabato, 04 Set 2021 09:00-12:00 |
Sabato 04 Set 2021

La festa degli ingombranti è il modo più semplice per liberarsi di cose usate ma in buono stato. Durante la manifestazione ognuno può portare o prendere in modo del tutto gratuito gli oggetti che gli interessano. Unica condizione: mobili, elettrodomestici e qualsiasi altro oggetto usato deve essere in buone condizioni e funzionante. Ritiro gratuito: è possibile richiedere il ritiro gratuito di mobili o altri oggetti di grandi dimensioni chiamando il numero 0471-997438 oppure il numero 3481561706. Il ritiro sarà effettuato il giorno precedente alla festa degli ingombranti. Alcuni esempi di cose che si trovano alla festa degli Ingombranti: - mobili - materassi, tappeti e biancheria per la casa - elettrodomestici funzionanti - abiti e scarpe usati ma in buono stato - libri, giocattoli, accessori per bambini e neonati - stoviglie, specchi, soprammobili Le feste degli ingombranti 2021: 4 settembre piazzetta del Bersaglio (Oltrisarco) 16 ottobre piazza G. Matteotti Orario: 9.00 -12.00 In caso di maltempo la festa viene rinviata al sabato successivo.

0
Theatre
Venerdì, 03 Set 2021 20:00
Venerdì 03 Set 2021

Vor wenigen Jahren hat er mit seinen heiteren Kurzfilmen als „Luis im Auto“ im Internet für Furore gesorgt. Wenige Monate später trat er mit den Programmen „Gogglbauer Luis“, „Weibernarrisch“, „Auf der Pirsch“, „Oschpele!“ und „Speck mit Schmorrn“ einen unvergleichlichen Triumphzug durch den gesamten südlichen deutschen Sprachraum an. Ausnahmslos alle Vorstellungen waren ausverkauft, auch die Zusatzvorstellungen waren bis auf den letzten Platz belegt. Das Beste aus diesen Programmen bringt er nun im „Best of(f)“ auf die Bühne. Dass das Publikum sich nicht auf eine bestimmte Altersgruppe oder Bevölkerungsschicht begrenzt, spricht für den Künstler. Mit generationsübergreifendem Humor hat sich Luis mit Inbrunst in die Herzen Tausender Fans gelächelt und gesprochen. Und wer ihn bis heute noch nicht live erlebt hat oder sich bisher noch nicht satt gesehen hat, sollte sich schnellstens die Tickets für das „Best of(f)“ besorgen. Kartenvorverkauf ist in allen Athesia Buchhandlungen und online unter www.ticketone.it. Infos unter der Nr. 0473 270256 oder info@showtime-ticket.com

0
Theatre
Giovedì, 02 Set 2021 20:00
Giovedì 02 Set 2021

Das Jugendmusical der MurX Company STORY Die kleine Wednesday Addams ist erwachsen geworden und hat die Liebe entdeckt. Bei einer derart skurrilen Familie könnte man meinen, dass es sich um eine monsterhafte Gestalt handeln müsse. Aber das Mädchen hat ihr Herz einem ganz normalen Jungen namens Lucas Beineke geschenkt. Ein Desaster! Sie vertraut ihrem Vater an, dass sie Lucas heiraten möchte und er verspricht ihr, es nicht ihrer Mutter zu beichten. Das Problem ist, dass die Beziehung der strengen Morticia und des liebevollen Gomez auch stark darauf aufgebaut ist, keine Geheimnisse voreinander zu haben. Und nun erwartet Wednesday, dass sich die Familien kennen lernen und wünscht sich nur einen ganz normalen Abend ohne besondere Vorkommnisse, doch alles kommt anders als geplant… Die Cartoon-Reihe The Addams Family erschien erstmals in den 1930ern im “New Yorker” Magazin und erfreut sich seitdem einer ungebrochenen Popularität. Die bizarren Figuren waren schon in Comics, Film und Fernsehen ein großer Erfolg und schaffen in dieser fantastischen Musical Comedy den Sprung auf die Bühne. Mit großartiger Musik von Andrew Lippa wirft The Addams Family einen ganz unkonventionellen Blick auf die Frage “Was ist eigentlich normal?”. CORONA UPDATE Die Vorstellung wird unter Anwendung der aktuellen Corona Sicherheitsmaßnahmen stattfinden. Wir bitten die Kartenreservierung ausschließlich per Email zu tätigen und die Karten frühzeitig per Überweisung zu bezahlen - so versuchen wir eine Schlange an der Abendkasse zu vermeiden. Bitte helft alle kräftig mit, damit wir für unsere jungen Schauspieler*innen einen ersten Schritt auf die Bühne möglich machen können. Ein riesiges DANKE schon im Voraus, Euer MurX-Team MITWIRKENDE Isabel Ausserer, Lena Carli, Lisa Comploi, Magdalena Hafner, Martina Kössler, Veronika Mayr, Emma Mössler, Lea Niklas Barbolini, Benjamin Palma, Christopher Pasqualini, Sophie Pichler, Johannes Röggla, Sarah Mair Mitterer, Lena Wenger TEAM Christian Mair (Regie) Sonja Daum (Choreographie) Doris Warasin (Musik. Leitung) Sieglinde Michaeler, Walter Granuzzo (Kostüm) Lucia Santorsola, Sophie Ausserer (Maske) Julian Marmsoler (Technik) --- Buch von Marshall Brickman & Rick Elice Musik von Andrew Lippa Basiered auf Figuren erfunden von Charles Addams Deutsch von Anja Hauptmann Kosten €10,00 (Kinder), € 15,00 (Erwachsene)

0
Theatre
Giovedì, 02 Set 2021 20:00
Giovedì 02 Set 2021

Vor wenigen Jahren hat er mit seinen heiteren Kurzfilmen als „Luis im Auto“ im Internet für Furore gesorgt. Wenige Monate später trat er mit den Programmen „Gogglbauer Luis“, „Weibernarrisch“, „Auf der Pirsch“, „Oschpele!“ und „Speck mit Schmorrn“ einen unvergleichlichen Triumphzug durch den gesamten südlichen deutschen Sprachraum an. Ausnahmslos alle Vorstellungen waren ausverkauft, auch die Zusatzvorstellungen waren bis auf den letzten Platz belegt. Das Beste aus diesen Programmen bringt er nun im „Best of(f)“ auf die Bühne. Dass das Publikum sich nicht auf eine bestimmte Altersgruppe oder Bevölkerungsschicht begrenzt, spricht für den Künstler. Mit generationsübergreifendem Humor hat sich Luis mit Inbrunst in die Herzen Tausender Fans gelächelt und gesprochen. Und wer ihn bis heute noch nicht live erlebt hat oder sich bisher noch nicht satt gesehen hat, sollte sich schnellstens die Tickets für das „Best of(f)“ besorgen. Kartenvorverkauf ist in allen Athesia Buchhandlungen und online unter www.ticketone.it. Infos unter der Nr. 0473 270256 oder info@showtime-ticket.com

0
Music
Mercoledì, 01 Set 2021 20:30
Mercoledì 01 Set 2021

Concerto della rassegna musicale Festival Badiamusica con l'orchestra di strumenti a fiato. Musicisti: Monica Crazzolara, Anna Hofer (flauto); Laura Lezuo und Lukas Runggaldier (oboe/corno inglese); Stefanie Watschinger, Georg Thaler, Helmuth Erlacher, Rosa Spitaler, Eduard und Elfriede Graf (clarinetto in Sib, clarinetto piccolo, clarinetto basso); Birgit Profanter, Barbara Costabiei und Erhard Ploner (fagotto/controfagotto); Werner Mayr, Sabino Monterisi, Manfred Sinn, Barbara Holzer und Marion Goller (sassofono soprano, contralto, tenore, baritono e basso); Michael Hackhofer (contrabbasso); Tamara Salcher (piano o celesta); Sigisbert Mutschlechner, Philipp Höller, Patrick Künig (percussione); Alexandre Jung (direzione).

0
Exhibitions
Martedì, 31 Ago 2021 15:00-19:00 |
ogni settimana fino a Sab 11 Set 2021 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Dipinti ad olio di piccolo formato Si vede che soprattutto nelle sue ultime tele Jette Christiansen è capace di creare con la natura morta un’atmosfera rarefatta, magica, estraniante: “natura morta” qui è l’espressione adatta, perché si tratta infatti di una realtà estratta dalla natura, di una messa in scena di oggetti combinati per contrastarsi o sovrapporsi come concetti, o rafforzarsi tra di loro. Il messaggio che ci viene trasmesso è dunque quello della transitorietà, proprio in senso barocco – simbologia perenne e ben chiara a tutti, che soltanto cerchiamo di bandire dal nostro immaginario attuale. È questa la chiave di lettura delle composizioni sapienti della pittrice che sembrano così facili da capire: simbolica, ad effetto surreale. Paul Klee : “L’arte non riproduce il visibile, ma rende visibile.

0
Theatre
Lunedì, 30 Ago 2021 20:00
Lunedì 30 Ago 2021

Das Jugendmusical der MurX Company STORY Die kleine Wednesday Addams ist erwachsen geworden und hat die Liebe entdeckt. Bei einer derart skurrilen Familie könnte man meinen, dass es sich um eine monsterhafte Gestalt handeln müsse. Aber das Mädchen hat ihr Herz einem ganz normalen Jungen namens Lucas Beineke geschenkt. Ein Desaster! Sie vertraut ihrem Vater an, dass sie Lucas heiraten möchte und er verspricht ihr, es nicht ihrer Mutter zu beichten. Das Problem ist, dass die Beziehung der strengen Morticia und des liebevollen Gomez auch stark darauf aufgebaut ist, keine Geheimnisse voreinander zu haben. Und nun erwartet Wednesday, dass sich die Familien kennen lernen und wünscht sich nur einen ganz normalen Abend ohne besondere Vorkommnisse, doch alles kommt anders als geplant… Die Cartoon-Reihe The Addams Family erschien erstmals in den 1930ern im “New Yorker” Magazin und erfreut sich seitdem einer ungebrochenen Popularität. Die bizarren Figuren waren schon in Comics, Film und Fernsehen ein großer Erfolg und schaffen in dieser fantastischen Musical Comedy den Sprung auf die Bühne. Mit großartiger Musik von Andrew Lippa wirft The Addams Family einen ganz unkonventionellen Blick auf die Frage “Was ist eigentlich normal?”. CORONA UPDATE Die Vorstellung wird unter Anwendung der aktuellen Corona Sicherheitsmaßnahmen stattfinden. Wir bitten die Kartenreservierung ausschließlich per Email zu tätigen und die Karten frühzeitig per Überweisung zu bezahlen - so versuchen wir eine Schlange an der Abendkasse zu vermeiden. Bitte helft alle kräftig mit, damit wir für unsere jungen Schauspieler*innen einen ersten Schritt auf die Bühne möglich machen können. Ein riesiges DANKE schon im Voraus, Euer MurX-Team MITWIRKENDE Isabel Ausserer, Lena Carli, Lisa Comploi, Magdalena Hafner, Martina Kössler, Veronika Mayr, Emma Mössler, Lea Niklas Barbolini, Benjamin Palma, Christopher Pasqualini, Sophie Pichler, Johannes Röggla, Sarah Mair Mitterer, Lena Wenger TEAM Christian Mair (Regie) Sonja Daum (Choreographie) Doris Warasin (Musik. Leitung) Sieglinde Michaeler, Walter Granuzzo (Kostüm) Lucia Santorsola, Sophie Ausserer (Maske) Julian Marmsoler (Technik) --- Buch von Marshall Brickman & Rick Elice Musik von Andrew Lippa Basiered auf Figuren erfunden von Charles Addams Deutsch von Anja Hauptmann Kosten €10,00 (Kinder), € 15,00 (Erwachsene)

0
Art & Culture
Lunedì, 30 Ago 2021 17:00-20:00 |
Lunedì 30 Ago 2021

Dipinti ad olio di piccolo formato Si vede che soprattutto nelle sue ultime tele Jette Christiansen è capace di creare con la natura morta un’atmosfera rarefatta, magica, estraniante: “natura morta” qui è l’espressione adatta, perché si tratta infatti di una realtà estratta dalla natura, di una messa in scena di oggetti combinati per contrastarsi o sovrapporsi come concetti, o rafforzarsi tra di loro. Il messaggio che ci viene trasmesso è dunque quello della transitorietà, proprio in senso barocco – simbologia perenne e ben chiara a tutti, che soltanto cerchiamo di bandire dal nostro immaginario attuale. È questa la chiave di lettura delle composizioni sapienti della pittrice che sembrano così facili da capire: simbolica, ad effetto surreale. Paul Klee : “L’arte non riproduce il visibile, ma rende visibile.

0
Theatre
Domenica, 29 Ago 2021 17:00
Domenica 29 Ago 2021

Das Jugendmusical der MurX Company STORY Die kleine Wednesday Addams ist erwachsen geworden und hat die Liebe entdeckt. Bei einer derart skurrilen Familie könnte man meinen, dass es sich um eine monsterhafte Gestalt handeln müsse. Aber das Mädchen hat ihr Herz einem ganz normalen Jungen namens Lucas Beineke geschenkt. Ein Desaster! Sie vertraut ihrem Vater an, dass sie Lucas heiraten möchte und er verspricht ihr, es nicht ihrer Mutter zu beichten. Das Problem ist, dass die Beziehung der strengen Morticia und des liebevollen Gomez auch stark darauf aufgebaut ist, keine Geheimnisse voreinander zu haben. Und nun erwartet Wednesday, dass sich die Familien kennen lernen und wünscht sich nur einen ganz normalen Abend ohne besondere Vorkommnisse, doch alles kommt anders als geplant… Die Cartoon-Reihe The Addams Family erschien erstmals in den 1930ern im “New Yorker” Magazin und erfreut sich seitdem einer ungebrochenen Popularität. Die bizarren Figuren waren schon in Comics, Film und Fernsehen ein großer Erfolg und schaffen in dieser fantastischen Musical Comedy den Sprung auf die Bühne. Mit großartiger Musik von Andrew Lippa wirft The Addams Family einen ganz unkonventionellen Blick auf die Frage “Was ist eigentlich normal?”. CORONA UPDATE Die Vorstellung wird unter Anwendung der aktuellen Corona Sicherheitsmaßnahmen stattfinden. Wir bitten die Kartenreservierung ausschließlich per Email zu tätigen und die Karten frühzeitig per Überweisung zu bezahlen - so versuchen wir eine Schlange an der Abendkasse zu vermeiden. Bitte helft alle kräftig mit, damit wir für unsere jungen Schauspieler*innen einen ersten Schritt auf die Bühne möglich machen können. Ein riesiges DANKE schon im Voraus, Euer MurX-Team MITWIRKENDE Isabel Ausserer, Lena Carli, Lisa Comploi, Magdalena Hafner, Martina Kössler, Veronika Mayr, Emma Mössler, Lea Niklas Barbolini, Benjamin Palma, Christopher Pasqualini, Sophie Pichler, Johannes Röggla, Sarah Mair Mitterer, Lena Wenger TEAM Christian Mair (Regie) Sonja Daum (Choreographie) Doris Warasin (Musik. Leitung) Sieglinde Michaeler, Walter Granuzzo (Kostüm) Lucia Santorsola, Sophie Ausserer (Maske) Julian Marmsoler (Technik) --- Buch von Marshall Brickman & Rick Elice Musik von Andrew Lippa Basiered auf Figuren erfunden von Charles Addams Deutsch von Anja Hauptmann Kosten €10,00 (Kinder), € 15,00 (Erwachsene)

0
Theatre
Venerdì, 27 Ago 2021 20:00
ogni giorno fino a Sab 28 Ago 2021

Das Jugendmusical der MurX Company STORY Die kleine Wednesday Addams ist erwachsen geworden und hat die Liebe entdeckt. Bei einer derart skurrilen Familie könnte man meinen, dass es sich um eine monsterhafte Gestalt handeln müsse. Aber das Mädchen hat ihr Herz einem ganz normalen Jungen namens Lucas Beineke geschenkt. Ein Desaster! Sie vertraut ihrem Vater an, dass sie Lucas heiraten möchte und er verspricht ihr, es nicht ihrer Mutter zu beichten. Das Problem ist, dass die Beziehung der strengen Morticia und des liebevollen Gomez auch stark darauf aufgebaut ist, keine Geheimnisse voreinander zu haben. Und nun erwartet Wednesday, dass sich die Familien kennen lernen und wünscht sich nur einen ganz normalen Abend ohne besondere Vorkommnisse, doch alles kommt anders als geplant… Die Cartoon-Reihe The Addams Family erschien erstmals in den 1930ern im “New Yorker” Magazin und erfreut sich seitdem einer ungebrochenen Popularität. Die bizarren Figuren waren schon in Comics, Film und Fernsehen ein großer Erfolg und schaffen in dieser fantastischen Musical Comedy den Sprung auf die Bühne. Mit großartiger Musik von Andrew Lippa wirft The Addams Family einen ganz unkonventionellen Blick auf die Frage “Was ist eigentlich normal?”. CORONA UPDATE Die Vorstellung wird unter Anwendung der aktuellen Corona Sicherheitsmaßnahmen stattfinden. Wir bitten die Kartenreservierung ausschließlich per Email zu tätigen und die Karten frühzeitig per Überweisung zu bezahlen - so versuchen wir eine Schlange an der Abendkasse zu vermeiden. Bitte helft alle kräftig mit, damit wir für unsere jungen Schauspieler*innen einen ersten Schritt auf die Bühne möglich machen können. Ein riesiges DANKE schon im Voraus, Euer MurX-Team MITWIRKENDE Isabel Ausserer, Lena Carli, Lisa Comploi, Magdalena Hafner, Martina Kössler, Veronika Mayr, Emma Mössler, Lea Niklas Barbolini, Benjamin Palma, Christopher Pasqualini, Sophie Pichler, Johannes Röggla, Sarah Mair Mitterer, Lena Wenger TEAM Christian Mair (Regie) Sonja Daum (Choreographie) Doris Warasin (Musik. Leitung) Sieglinde Michaeler, Walter Granuzzo (Kostüm) Lucia Santorsola, Sophie Ausserer (Maske) Julian Marmsoler (Technik) --- Buch von Marshall Brickman & Rick Elice Musik von Andrew Lippa Basiered auf Figuren erfunden von Charles Addams Deutsch von Anja Hauptmann Kosten €10,00 (Kinder), € 15,00 (Erwachsene)

0
Others
Venerdì, 27 Ago 2021 16:00
Venerdì 27 Ago 2021

Ein Nachmittag und Abend auf Juval: Wanderung, Museumsbesichtigung, Impulsvortrag und Abendessen im Schlosswirt – exklusiv mit Reinhold Messner. - Treffpunkt mit Reinhold Messner: Parkplatz Schlosswirt Juval um 16:00 Uhr - Anschließende Wanderung über den „Rittersteig“ zur Burg Juval (ca. 30 Minuten) - Schlossführung - Impulsvortrag von Reinhold Messner unter dem Glasdach der Ruine - Spaziergang zum Schlosswirt Juval (Oberortlhof) - Abendessen: 4-Gänge-Menü hofeigener Köstlichkeiten und Weine aus eigenem Anbau (Weingut Unterortl) Teilnahme nur mit Anmeldung möglich!

0
Music
Giovedì, 26 Ago 2021 21:00
Giovedì 26 Ago 2021

I biglietti per i concerti sono fin da ora in vendita. Attenzione: Saranno applicate le misure di sicurezza in vigore il giorno del concerto. Informazioni: Ingresso dalle ore 19.00 Inizio alle ore 21.00 Prezzo del biglietto: 15,00 € Johnny Ponta & Martin Perkmann Paradiso Il vero nome di Johnny Ponta è Gianni Pontarelli, viene dal sud Italia e vive da molti anni nel suo ranch a Salorno. Johnny Ponta è un appassionato musicista country, che negli ultimi 5 anni ha pubblicato ben tre album e ha potuto raggiungere la gente con le sue canzoni e le sue storie. . Quando non scrive canzoni, svolge con altrettanta passione l’attività di medico ed è convinto che “la musica può collegare le persone e far emergere sentimenti inaspettati – ed è per questo che ci fa sentire tutti così bene” . Martin Perkmann non è solo conosciuto come esperto di musica e presentatore di Südtirol1, ma anche come cantautore, musicista e cantante. Negli ultimi anni, ha saputo anche ispirare con storie e immagini musicali. Canzoni come Über die Dächer o Für dich da sono diventate hit radiofoniche altoatesine e convincono con testi in tedesco riflessivi e un suono pop contemporaneo. I due musicisti si sono incontrati durante una registrazione radiofonica per la rubrica Backstage di Südtirol1. Johnny Ponta si portava dietro da tempo l’idea di scrivere una canzone che desse nuova speranza dopo tanti mesi di dolore e incertezza. È stato subito chiaro che questa canzone avrebbe dovuto dare speranza a quante più persone possibile. I due musicisti hanno composto così la canzone Paradiso, la cui prima esecuzione sarà alla fine di giugno.

0
Theatre
Giovedì, 26 Ago 2021 21:00
ogni giorno fino a Ven 27 Ago 2021

Wir schreiben das Jahr 2050. Das Knurren des Weltalls hat sich ausgebreitet und alles Leben auf der Welt verschluckt. Nur eine letzte Festung trotzt dem schwarzen, unheilvollen Nichts: der Tschumpus! Dort, hinter den ehemaligen Gefängnismauern, zwischen Nussbaum und Hollerstauden, haben sich die letzten Überlebenden verschanzt und suchen einen Weg, um das Unfassbare rückgängig zu machen. Gescheiterte, seltsame, liebenswerte Existenzen hat der Zufall da zusammengewürfelt. Angeführt werden sie von der hellsichtigen Kassandra. Sie und ihr ausrangierter Androide Datalack reisen mit Hilfe des größenwahnsinnigen Erfinders Dr. Wernher K. K. Braun zurück in die Vergangenheit. Sie wollen jene Stelle auf der Zeitleiste in der Geschichte der Menschheit finden, an der das Verderben seinen Anfang genommen hat. Doch eine Zeitreise ist kein Honiglecken. Auf ihrem Weg durch die letzten Jahrzehnte stehen ihnen nicht nur die machthungrige Wiltrud und der gierige Winfried Tauber im Weg. Kassandra muss auch in die Abgründe ihrer eigenen familiären Verstrickungen blicken und so einige Löcher im Strickmuster des Schicksals stopfen. Und so wirkt die Fahrt ins „Damals“ wie eine Jukebox, die nicht nur Lovesongs spielt, sondern auch ordentlich auf die Pauke haut. Ans Licht kommen Geheimnisse, die sogar ein schwarzes Loch erzittern lassen. Doch wo ein Wille ist und Glaube an das Gute in den Menschen, dort ist auch Rettung niemals fern! Wenn einem nicht ein Oktopus ein Schnippchen schlägt, mit dem niemand gerechnet hat. Das neue Stück für den Tschumpus, angelehnt an den Filmklassiker „Back to the future“, lässt fast vergessene Epochen wieder aufleben und schwebt musikalisch durch die Hitparaden alter Zeiten. „Das Jahr des Oktopus“ ist eine Geschichte über Macht und Gier, aber auch über Zuversicht, Mut und Optimismus. Über Liebe, Freundschaft und das Glück, im richtigen Moment das Richtige zu tun. Und natürlich verspricht es, wie alle ernsthaften Dinge im Leben, auch sehr, sehr lustig zu werden! Regie: Eva Kuen Musikalische Leitung: Stephen Lloyd Kostüme & Bühne: Christina Khuen Schauspieler: Georg Kaser, Viktoria Obermarzoner, Peter Schorn, Lukas Lobis, Ingrid Maria Lechner, Miriam Kaser, Gianluca Iolocano, Patrizia Solaro Musiker: Ingo Ramoser, Markus Dorfmann, Roberto Motta Text: Peter Schorn, Eva Kuen & Lukas Lobis Regieassistenz: Magdalena Troi Lichtdesign: Werner Lanz, videoproject Foto: Arnold Ritter, Focus Fotodesign Bu?hnenbau: Josef Lanz, Nicola Scantamburlo Technik: Matteo Oliva, Simon Boccolari, Karl Dander

0
Theatre
Giovedì, 26 Ago 2021 21:00
Giovedì 26 Ago 2021

Ausgehend von der 1954 entstandenen gleichnamigen Erzählung des großen Dichters Erich Kästner Inszeniert wird es von Torsten Schilling, der Künstlerische Leiter der Schlossfestspiele. Mit seinem Team und dem Schauspielensemble wird eine einzigartige Revue voll tiefsinnigem Witz, mitreißender Live-Musik, überraschender Ausstattung sowie choreografischer Gesamtkomposition erschaffen. Ob es um den Bau eines neuartigen Rathauses geht, um das Verstecken einer Kirchenglocke, um die Überführung einer Kuh auf einen speziellen Weideplatz oder um eine lyrische Bürgermeisterwahl – immer verblüffen die Schildbürger mit ihrer unerwarteten „Lösung“. Und egal, ob man als Kind oder Erwachsener schon von der ein oder anderen Episode gehört hat – in diesem Sommerspektakel wird das Publikum mit Sicherheit aufs Neue ins Staunen versetzt! Beginn Einlass und Bistro: ab 19:00 Uhr Beginn der Vorstellung: 21:00 Uhr Shuttle-Dienst zwischen 19.30 bis 20.45 Uhr ab Kreuzung Vereinshaus – 2 €

0
Theatre
Giovedì, 26 Ago 2021 21:00
Giovedì 26 Ago 2021

commedia brillante in due atti di Daniele Falleri titolo originale "Delitto al castello" regia Roby De Tomas realizzazione scenografia Bruno De Bortoli da un'idea di Chiara Bolzoni luci e musiche Andrea Mastroianni e Moreno Ravagnani costumi Ida Dacome organizzazione e distribuzione Loris Frazza produzione FILODRAMMATICA DI LAIVES Personaggi e interpreti: GEORGE - futuro sposo Gianluca Bona MICHAEL - futuro sposo Alex Forti AMALIA - madre di Michael Carmen Zanata AGOSTINO - padre di Michael Luca Bertolini MERI - madre di George Chiara Bolzoni IGNAZIO - padre di George Bruno De Bortoli LORY - cameriera, aspirante attrice Alice Ravagnani Una moderna commedia degli equivoci: non amanti nascoste, corna e tradimenti, entrate e uscite a tempo dalle porte ma battute folgoranti, situazioni comiche e personaggi "realmente improbabili"... nessuna propaganda, nessuna bandiera gay-anti gay da avvalorare ma brillantemente in primo piano un tentativo di convivenza di una coppia di ragazzi che si amano e che forti della loro gioventù non vogliono farsi condizionare dalle convenzioni dei grandi. Sullo sfondo il mondo degli adulti - (adulti? Non si direbbe...) - che vorrebbero uniformare i ragazzi ai loro schemi e pregiudizi. Questi tentativi (piuttosto maldestri) porteranno grande scompiglio a chi credeva di avere grandi certezze. - Roby De Tomas

0
Art & Culture
Giovedì, 26 Ago 2021 20:00
Giovedì 26 Ago 2021

Krimi & Wein …der Bestseller-Autor Lenz Koppelstätter trifft Hubert Messner Ein literarischer und kulinarischer Abend, am 26. August 2021, mit dem Traminer Krimi-Autor und Journalisten Lenz Koppelstätter und dem Abenteurer und Neonatologen Hubert Messner, der auf ein ereignisreiches Leben zurückblickt. Mit dabei ist auch Willi Stürz (Kellermeister der Kellerei Tramin), der Spannendes über die Traminer Spitzenweine verrät, die auch verkostet werden. Beginn um 20 Uhr in der Kellerei Tramin. Teilnahmebeitrag: 15 Euro (Inklusive Weindegustation) Informationen & Anmeldung (innerhalb 25.08.) im Tourismusverein Tramin: T +39 0471 860 131, info@tramin.com nur mit anmeldung Begrenzte Teilnehmerzahl Die Veranstaltung findet unter Einhaltung aller aktuellen Corona-Bestimmungen statt.

0
Cinema
Mercoledì, 25 Ago 2021 20:30
Mercoledì 25 Ago 2021

di Lorraine Lévy - ISR/F 2021 - 105' La regista si avvicina con molta umiltà a un tema assai delicato: il rapporto con i propri genitori, con la propria famiglia e il senso di appartenenza che questa comporta verso se stessa e verso la società. Ma cosa succede quando, per caso, si viene a scoprire che il proprio figlio in realtà… non è il nostro vero figlio? E, ancora, cosa succede quando un ragazzo israeliano scopre di essere il figlio biologico di genitori palestinesi? Nell'ambito di "Estate al cinema. Regia: sostantivo femminile". Entrata libera - Posti limitati

0
Theatre
Mercoledì, 25 Ago 2021 20:00
Mercoledì 25 Ago 2021

Das Jugendmusical der MurX Company STORY Die kleine Wednesday Addams ist erwachsen geworden und hat die Liebe entdeckt. Bei einer derart skurrilen Familie könnte man meinen, dass es sich um eine monsterhafte Gestalt handeln müsse. Aber das Mädchen hat ihr Herz einem ganz normalen Jungen namens Lucas Beineke geschenkt. Ein Desaster! Sie vertraut ihrem Vater an, dass sie Lucas heiraten möchte und er verspricht ihr, es nicht ihrer Mutter zu beichten. Das Problem ist, dass die Beziehung der strengen Morticia und des liebevollen Gomez auch stark darauf aufgebaut ist, keine Geheimnisse voreinander zu haben. Und nun erwartet Wednesday, dass sich die Familien kennen lernen und wünscht sich nur einen ganz normalen Abend ohne besondere Vorkommnisse, doch alles kommt anders als geplant… Die Cartoon-Reihe The Addams Family erschien erstmals in den 1930ern im “New Yorker” Magazin und erfreut sich seitdem einer ungebrochenen Popularität. Die bizarren Figuren waren schon in Comics, Film und Fernsehen ein großer Erfolg und schaffen in dieser fantastischen Musical Comedy den Sprung auf die Bühne. Mit großartiger Musik von Andrew Lippa wirft The Addams Family einen ganz unkonventionellen Blick auf die Frage “Was ist eigentlich normal?”. CORONA UPDATE Die Vorstellung wird unter Anwendung der aktuellen Corona Sicherheitsmaßnahmen stattfinden. Wir bitten die Kartenreservierung ausschließlich per Email zu tätigen und die Karten frühzeitig per Überweisung zu bezahlen - so versuchen wir eine Schlange an der Abendkasse zu vermeiden. Bitte helft alle kräftig mit, damit wir für unsere jungen Schauspieler*innen einen ersten Schritt auf die Bühne möglich machen können. Ein riesiges DANKE schon im Voraus, Euer MurX-Team MITWIRKENDE Isabel Ausserer, Lena Carli, Lisa Comploi, Magdalena Hafner, Martina Kössler, Veronika Mayr, Emma Mössler, Lea Niklas Barbolini, Benjamin Palma, Christopher Pasqualini, Sophie Pichler, Johannes Röggla, Sarah Mair Mitterer, Lena Wenger TEAM Christian Mair (Regie) Sonja Daum (Choreographie) Doris Warasin (Musik. Leitung) Sieglinde Michaeler, Walter Granuzzo (Kostüm) Lucia Santorsola, Sophie Ausserer (Maske) Julian Marmsoler (Technik) --- Buch von Marshall Brickman & Rick Elice Musik von Andrew Lippa Basiered auf Figuren erfunden von Charles Addams Deutsch von Anja Hauptmann Kosten €10,00 (Kinder), € 15,00 (Erwachsene)

0
Theatre
Mercoledì, 25 Ago 2021 19:00
Mercoledì 25 Ago 2021

Teatro “Emilio Comici il danzatore sulle rocce delle Dolomiti” | MMM Ripa Visita serale del MMM Ripa dalle ore 19:00. Alle ore 21 inizierà lo spettacolo narrativo su Emilio Comici al cortile interno. Carlo Emanuele Esposito farà un racconto scenico di vita, imprese e passioni del famoso rocciatore triestino. “Emilio Comici il danzatore sulle rocce dolomitiche” Racconto scenico delle imprese pionieristiche del rocciatore e speleologo triestino. Le Dolomiti si possono gustare in tanti modi: guardandole, percorrendole, scalandole o anche raccontandole. Questo spettacolo vuole fare proprio questo: essere un racconto scenico delle imprese Dolomitiche del famoso rocciatore triestino, stabilitosi durante gli ultimi anni della sua vita a Selva di Val Gardena, dove morì in giovane etá per un banale incidente. Emilio Comici fu uno degli esponenti di spicco dell'epoca del sesto grado negli anni trenta del secolo scorso. Nel 1933 assieme ai fratelli Dimai di Cortina gli riuscì la prima ascesa sulla Parete Nord della Cima Grande di Lavaredo. Nel 1937 superò la stessa parete in solitaria. Ma centrale è la sua estetica dell'arrampicamento con la sua “teoria della goccia cadente”. Attraverso un susseguirsi di monologhi recitati e riferimenti biografici, raccontati da una voce narrante, inframezzati da immagini, brevi filmati e richiami musicali dell’epoca, si va delineando la vita dell’uomo Emilio Comici, la sua passione per le Dolomiti, i suoi viaggi, gli amici e gli amori. Un “Emilio” rievocato attraverso tutte le sue più palpitanti passioni e tragiche traversie. con/di: Carlo-Emanuele Esposito con accompagnamento musicale: fisarmonica Prezzo: adulti 25€ | bambini 8 – 16 anni 10€ (ingresso al museo + teatro) La museummobilcard non viene accettata per l’evento serale, i biglietti si acquistano esclusivamente la sera dell'evento. Col bel tempo non è necessario prenotarsi! In caso di pioggia la registrazione e il Corona Pass sono prerequisiti: ripa@messner-mountain-museum.it

0
Theatre
Lunedì, 23 Ago 2021 21:00
ogni giorno fino a Mar 24 Ago 2021

Ausgehend von der 1954 entstandenen gleichnamigen Erzählung des großen Dichters Erich Kästner Inszeniert wird es von Torsten Schilling, der Künstlerische Leiter der Schlossfestspiele. Mit seinem Team und dem Schauspielensemble wird eine einzigartige Revue voll tiefsinnigem Witz, mitreißender Live-Musik, überraschender Ausstattung sowie choreografischer Gesamtkomposition erschaffen. Ob es um den Bau eines neuartigen Rathauses geht, um das Verstecken einer Kirchenglocke, um die Überführung einer Kuh auf einen speziellen Weideplatz oder um eine lyrische Bürgermeisterwahl – immer verblüffen die Schildbürger mit ihrer unerwarteten „Lösung“. Und egal, ob man als Kind oder Erwachsener schon von der ein oder anderen Episode gehört hat – in diesem Sommerspektakel wird das Publikum mit Sicherheit aufs Neue ins Staunen versetzt! Beginn Einlass und Bistro: ab 19:00 Uhr Beginn der Vorstellung: 21:00 Uhr Shuttle-Dienst zwischen 19.30 bis 20.45 Uhr ab Kreuzung Vereinshaus – 2 €

0
Art & Culture
Lunedì, 23 Ago 2021
ogni giorno fino a Ven 27 Ago 2021

l’Associazione Capoeira, insieme all’Associazione Kaleidoskopio, sta lanciando il progetto “VOICE OUT” rivolto ai giovani dai 15 ai 19 anni di tutti i gruppo linguistici per la settimana dal 23 al 27 agosto. Lo scopo del progetto e di creare uno spazio di incontri per un gruppo di giovani che sentono la necessità di dare voce ai bisogni e ai sentimenti di se stessi/e e dei loro coetanei. Il nodo centrale sarà di, attorno a diverse attività espressive, elaborare i propri pensieri e progetti per il futuro e di progettare un messaggio visivo di sensibilizzazione. Diventa un'opportunità per i/le giovani per farsi sentire, per uscire da casa e stare con gli altri e nello stesso tempo un momento per muoversi e di creare questo messaggio insieme. Gli incontri verranno organizzati in forma di workshops, dove i/le giovani potranno lavorare sulle proprie emozioni e motivazioni e confrontarsi in un modo positivo e in seguito, insieme ad altri coetanei, creare un messaggio visivo/un breve filmato che trasmette come vedono il loro futuro. La partecipazione al progetto è gratuita.

0
Art & Culture
Domenica, 22 Ago 2021 08:30
Domenica 22 Ago 2021

Prestate l’orecchio al contastorie Reinhold Messner sulla vetta dell’altopiano Plan de Corones e visitate il MMM Corones nelle prime ore del mattino. Le Cabinovie Kronplatz 1+2, Olang 1+2 e Ruis sono aperte dalle ore 08:00 fino alle ore 08:10 per il primo gruppo. L’incontro sulla vetta con Reinhold Messner inizia alle ore 08:30 in lingua tedesca e alle ore 10:00 in lingua italiana. Inoltre è possibile visitare autonomamente il museo fino alle 15:30. Prezzo a persona 30€, comprendente: Salita e discesa in cabinovia, partecipazione all'incontro e l’ingresso per il museo MMM Corones. Juniores (nati dopo il 01.01.2004) pagano 20€. Bambini fino a 8 anni (nati dopo il 01.01.2012) non pagano. Se le temperature lo permettono l’incontro si svolge all’aria aperta vicino all’MMM Corones, mentre in condizioni meteo avverse sarà all’interno del museo LUMEN.

0
Music
Sabato, 21 Ago 2021 20:00
Sabato 21 Ago 2021

Un grande show, introdotto dalla voce narrante di Enrico Ruggeri, che ripercorre la straordinaria carriera di uno dei più grandi gruppi della storia della musica. Arricchito da costumi, scenografie e proiezioni video dall’alto contenuto emozionale. Per riascoltare e ricantare grandi successi e chicche da vero intenditore. Un concerto per far rivivere la leggenda di Freddie Mercury, che ancora oggi, a quasi trent’anni dalla scomparsa, è ricordato come uno dei più grandi, se non il più grande, show man della storia. Prevendita biglietti presso l'Associazione Turistica Tirolo, i negozi di Athesia Buch, Non Stop Music a Merano e online sotto www.ticketone.it.

0
Art & Culture
Sabato, 21 Ago 2021 12:00
ogni giorno fino a Dom 22 Ago 2021

Un festival per artisti, amanti dell’arte, appassionati di musica e tutti gli interessati! Per due giorni c’è la possibilità di partecipare a vari workshop, ascoltare musicisti e conoscere meglio la BASIS.

0
Music
Venerdì, 20 Ago 2021 21:00
Venerdì 20 Ago 2021

Wolfgang Reider - Gesang Janosch Untersteiner - Leadgitarre Simon Tumler - Bass Christoph Sint - Zweite Gitarre Florian Gruber - Ziehharmonika Nick Hiehs - Schlagzeug „Tumulti isch do klane Bruido von Tumulte, will monchmal laut sein, monchmal leise. Monchmal sanft, monchmal hort. Olba ehrlich. Olba mit seine Worte.“ Und so singt und spielt Tumulti von der Banalität des Lebens. Zu Tumulti gehören sechs Musiker, die in und um Innsbruck leben und aus Südtirol, Osttirol, Nordtirol und Bayern stammen. Sie singen im Tiroler Dialekt, ihre Musik ist von Rock, Pop, Ska und Reggae beeinfl usst. In ihren Liedern geht es um Liebe, das Leben und Erfahrungen, die die Bandmitglieder alleine oder zusammen gesammelt haben. Manchmal einfach verpackt, manchmal mit viel Interpretationsspielraum.

0
Music
Venerdì, 20 Ago 2021 20:30
Venerdì 20 Ago 2021

Progetto Nor Arax è un laboratorio artistico permanente dedicato alla diffusione della cultura Armena fondato nel 2008 dal musicista Maurizio Redegoso Kharitian e dall’attore e regista Stefano Zanoli. Dopo un iniziale lavoro di ricerca PNA si è proposto in una ricca serie di eventi in Italia e all’estero: concerti, conferenze, seminari, CD, spettacoli, reading musicali/ letterari. Questa sera la formazione unisce tre differenti identità timbriche e sonore grazie alla presenza di uno strumento classico occidentale (la viola), il principe degli strumenti armeni (il duduk) e le percussioni etniche. PROGRAMMA S. Gregorio di Narek (951-1003) “Havun havun” Komitas Vardapet (1869-1935) “Yerkinqn ampel e” G.i.Gurdjieff (1866-1949) “Armenian Song” - M. Redegoso Kharitian (1970) “Variazioni su temi armeni”, per viola sola Komitas Vardapet - “Andzrevn yekav” Komitas Vardapet “Arnem Yertam” Tradizionale “Tchatchane” Sayat Nova (1712-1795) “Dun en Hurin” A.khatchaturian (1903-1978) “Sonata” (estratto), per viola sola Khatchatur Avetisyan (1926-1996) “Tsaghkats Baleni” Tradizionale - “Mer Dan Idev” A. Hovhaness (1911-2000 Estratto dalla “Sonata” op.423 per viola sola Tradizionale - “Lorik “ Tradizionale - “Avlem tapem poshin” (danza) PROGETTO NOR ARAX Maurizio Redegoso Kharitian, Viola Aram Ipekdjian, Duduk Cristian Lizzer, Percussioni

0
Music
Venerdì, 20 Ago 2021 20:30
ogni giorno fino a Lun 23 Ago 2021

CastelCello è uno dei rari festival in tutto il mondo dedicati esclusivamente al violoncello e al suo repertorio. Ogni anno nel romantico cortile del castello di Castel Fontana vanno in scena virtuosi internazionali di questo strumento con programmi che spaziano dal classico al jazz all'improvvisazione. Programma 2021 20.08.2021 - MUSICA : INSIEME Allessio Pianelli - violoncello, Mirei Yamada - violino, Matteo Introna - viola, Francesco Dillon - violoncello, in collaborazione con 'Avos Music Project' presentano musiche di Arthur Honegger, Alfredo Piatti, Alessio Pianelli und Anton Arensky 21.08.2021 - VIOLA DA GAMBA & PERCUSSION: Incontri insoliti tra grandi virtuosi. Liam Byrne - viola da gamba, Robyn Schulkowsky - percussione, Joey Baron - percussione 22.08.2021 - SOLO CELLO Paolo Bonomini - Cello, brani di Johann Sebastian Bach, Luigi Dallapiccola, Peter Scultorphe 23.08.2021 - CONCERTO FINALE Concerto Finale degli studenti della MasterClass tenuta da Francesco Dillon, prima es. assoluta di un nuovo brano di Emanuele Casale per violoncello solo (commissione di CastelCello 2021) A causa del ridotto spazio disponibile per rispettare le misure di protezione corona, richiediamo una prenotazione vincolante via email: info@castelcello.info o telefonicamente a partire dal 06.08.2021 da lunedì a venerdì dalle ore 14 alle ore 17 (tel. 0473 234141).

0
Art & Culture
Venerdì, 20 Ago 2021 17:30
Venerdì 20 Ago 2021

Tiziana Ferrario - Uomini: è ora di giocare senza falli! Un libro sugli uomini, finalmente. Da leggere ma anche da usare e condividere in famiglia, al lavoro, con le amiche, composto di liste, questionari e spazi bianchi da riempire, lettere ad alcuni protagonisti dello spettacolo e dell’informazione. Come riconoscere un Maschilista in ufficio? Ha sempre qualcosa da spiegare a una donna, anche se lei ne sa più di lui; quando prende la parola una donna ne approfitta per parlare con il vicino o usare il cellulare; non disdegna ricatti e molestie. In famiglia? Non tollera che la compagna faccia più carriera di lui e le risponde male davanti ai figli o in pubblico. Non abbassa mai la tavoletta del water; non pulisce, al massimo cucina… Un pamphlet ficcante e provocatorio, fotografia della società in cui viviamo (patriarcale e maschilista in ogni suo ambito, dalla politica allo sport all’istruzione alla scienza allo spettacolo al giornalismo all’editoria), ma anche sguardo rivolto al futuro, con il contributo inedito di quelli che l’autrice chiama “uomini nuovi” che hanno girato le spalle al modello machista: Riccardo Iacona, Federico Taddia, Matteo Bussola, Roberto Vecchioni, Frans Timmermans e molti altri di cui ha raccolto la testimonianza. Un ritratto del Maschilismo in ogni sua forma: c’è il Maschilista inconsapevole (che non sa di esserlo), il silente (che preferisce cambiare discorso), l’infastidito (che trova le donne esagerate nelle loro rivendicazioni), l’indifferente (che proprio se ne frega dell’argomento). Un libro anche molto personale, di una professionista che ha saputo coniugare (non senza fatica) il suo ruolo di donna in carriera, madre e moglie. Scritto con schiettezza e ironia: denuncia che riesce sempre a strappare un sorriso. Tiziana Ferrario, giornalista, inviata, conduttrice Rai, negli ultimi anni ha vissuto come corrispondente a New York seguendo il passaggio dalla presidenza Obama a quella Trump. Raccontando le tensioni e le divisioni crescenti nel paese, è rimasta colpita dalla ventata di orgoglio emersa tra le donne americane che hanno rialzato la testa chiedendo parità e difesa dei loro diritti, considerati a rischio. Da testimone curiosa ha voluto descrivere questo fermento nella speranza di rilanciare un dibattito anche in Italia su come le donne, vittime di omicidi, discriminazioni, stereotipi e pregiudizi, potrebbero contare di più se fossero consapevoli del ruolo subalterno a cui sono spesso costrette. Così, dopo aver documentato per anni come inviata di politica estera guerre e crisi umanitarie dagli angoli più remoti del pianeta, ha deciso di guardare più da vicino a casa nostra sviscerando un tema che sente di estrema urgenza, indicato anche dalle Nazioni unite tra gli obiettivi da raggiungere entro il 2030: la parità di genere, sfida incompiuta di questo secolo. Ha un marito che vive in Africa Australe, che raggiunge quando può, e un figlio ingegnere, giramondo come i suoi genitori. Nel 2006 ha scritto “Il vento di Kabul”, pubblicato da Baldini Castoldi Dalai. Con l´atuore: Guido Rispoli, Procuratore. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Capienza della sala e posti limitati nel rispetto delle disposizioni di legge.

0
Theatre
Giovedì, 19 Ago 2021 21:00
Giovedì 19 Ago 2021

Attori per caso atto unico di Linda Pasquazzo Il gatto e la volpe rompono la bilancia che regola il bene ed il male in tutte le favole, da lì tutto ha inizio, i personaggi delle storie di: La bella addormentata nel bosco, Cenerentola e Rapunzel, sono irriconoscibili. Malintesi, battibecchi, marachelle inversione di ruoli s’intrecciano fino a quando il malanno del gatto e della volpe viene scoperto dai custodi della bilancia magica, Mago Merlino e Maga Magò. Nel finale, seguendo quanto scritto nel libro delle istruzioni della bilancia, tutto torna al suo posto, è sufficiente che i responsabili del fattaccio chiedano scusa ed ammettano la loro colpa. MORALE: a volte ammettere d’aver commesso una marachella è difficile ma il chiedere perdono è il primo passo per rimediare.

0
Theatre
Giovedì, 19 Ago 2021 19:00
Giovedì 19 Ago 2021

Teatro “Emilio Comici il danzatore sulle rocce delle Dolomiti” | MMM Ripa Visita serale del MMM Ripa dalle ore 19:00. Alle ore 21 inizierà lo spettacolo narrativo su Emilio Comici al cortile interno. Carlo Emanuele Esposito farà un racconto scenico di vita, imprese e passioni del famoso rocciatore triestino. “Emilio Comici il danzatore sulle rocce dolomitiche” Racconto scenico delle imprese pionieristiche del rocciatore e speleologo triestino. Le Dolomiti si possono gustare in tanti modi: guardandole, percorrendole, scalandole o anche raccontandole. Questo spettacolo vuole fare proprio questo: essere un racconto scenico delle imprese Dolomitiche del famoso rocciatore triestino, stabilitosi durante gli ultimi anni della sua vita a Selva di Val Gardena, dove morì in giovane etá per un banale incidente. Emilio Comici fu uno degli esponenti di spicco dell'epoca del sesto grado negli anni trenta del secolo scorso. Nel 1933 assieme ai fratelli Dimai di Cortina gli riuscì la prima ascesa sulla Parete Nord della Cima Grande di Lavaredo. Nel 1937 superò la stessa parete in solitaria. Ma centrale è la sua estetica dell'arrampicamento con la sua “teoria della goccia cadente”. Attraverso un susseguirsi di monologhi recitati e riferimenti biografici, raccontati da una voce narrante, inframezzati da immagini, brevi filmati e richiami musicali dell’epoca, si va delineando la vita dell’uomo Emilio Comici, la sua passione per le Dolomiti, i suoi viaggi, gli amici e gli amori. Un “Emilio” rievocato attraverso tutte le sue più palpitanti passioni e tragiche traversie. con/di: Carlo-Emanuele Esposito con accompagnamento musicale: fisarmonica Prezzo: adulti 25€ | bambini 8 – 16 anni 10€ (ingresso al museo + teatro) La museummobilcard non viene accettata per l’evento serale, i biglietti si acquistano esclusivamente la sera dell'evento. Col bel tempo non è necessario prenotarsi! In caso di pioggia la registrazione e il Corona Pass sono prerequisiti: ripa@messner-mountain-museum.it

0
Art & Culture
Giovedì, 19 Ago 2021 17:30
Giovedì 19 Ago 2021

Francesco Aquila - MY WAY: zio Bricco che ricette! Le oltre cento ricette che propone il vincitore della decima edizione di Masterchef Italia nel suo libro si snodano lungo la strada che ha percorso insieme alla sua famiglia, attraverso il tempo e lo spazio. Un lungo viaggio, dalla Puglia alla Riviera Romagnola, che gli ha permesso di crescere in un luogo nuovo senza mai dimenticare dove fossero le sue radici, dove albergasse il suo cuore. In queste pagine si descrive un percorso di crescita e di realizzazione con la consapevolezza che è possibile giocare con la tradizione, rinnovandola nella forma, nelle consistenze e nella presentazione solo quando si conoscono la storia e la cultura di un piatto e quello che ha significato per generazioni e generazioni. Per poterlo traghettare dal passato al futuro conservandone ciò che più conta: il valore emotivo, il reale significato. Francesco Aquila, originario di Altamura, in provincia di Bari, è maitre di professione, docente di Sala e Bar in Istituto Alberghiero ed è stato il vincitore della decima edizione di Masterchef Italia, il cooking talent di Sky, che ha visto come giudici (e grandi chef) Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli. Con l’autore: Michil Costa, Presidente della Maratona dles Dolomites, imprenditore e uomo di natura. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Capienza della sala e posti limitati nel rispetto delle disposizioni di legge. Programma disponibile presso gli uffici turistici Alta Badia. In caso di tempo instabile l'incontro si terrà alle 17:30 presso la sala manifestazioni di Corvara.

0
Theatre
Mercoledì, 18 Ago 2021 21:00
ogni giorno fino a Gio 19 Ago 2021

Ausgehend von der 1954 entstandenen gleichnamigen Erzählung des großen Dichters Erich Kästner Inszeniert wird es von Torsten Schilling, der Künstlerische Leiter der Schlossfestspiele. Mit seinem Team und dem Schauspielensemble wird eine einzigartige Revue voll tiefsinnigem Witz, mitreißender Live-Musik, überraschender Ausstattung sowie choreografischer Gesamtkomposition erschaffen. Ob es um den Bau eines neuartigen Rathauses geht, um das Verstecken einer Kirchenglocke, um die Überführung einer Kuh auf einen speziellen Weideplatz oder um eine lyrische Bürgermeisterwahl – immer verblüffen die Schildbürger mit ihrer unerwarteten „Lösung“. Und egal, ob man als Kind oder Erwachsener schon von der ein oder anderen Episode gehört hat – in diesem Sommerspektakel wird das Publikum mit Sicherheit aufs Neue ins Staunen versetzt! Beginn Einlass und Bistro: ab 19:00 Uhr Beginn der Vorstellung: 21:00 Uhr Shuttle-Dienst zwischen 19.30 bis 20.45 Uhr ab Kreuzung Vereinshaus – 2 €

0
Cinema
Mercoledì, 18 Ago 2021 20:30
Mercoledì 18 Ago 2021

di Marjane Satrapi - F/D/B 2011 - 93’ Nasser Ali, violinista di incredibile talento, decide di “lasciarsi morire”, perché durante un litigio la moglie gli distrugge lo strumento. La storia, piuttosto surreale, assume una dimensione onirica e sospesa, palese omaggio a Fellini, ed è ambientata in un Iran visto nella sua dimensione fiabesca, fuori dal tempo e dalla storia. La regista rievoca con grande abilità la radice autentica dei luoghi e dei personaggi raccontati: la millenaria cultura persiana, riprendendo anche nella struttura narrativa, organizzata in una vicenda principale (o cornice) e in varie parentesi aneddotiche, la tradizione degli antichi classici indo-iranici. Nell'ambito di "Estate al cinema. Regia: sostantivo femminile". Entrata libera - Posti limitati

0
Art & Culture
Mercoledì, 18 Ago 2021 19:00
Mercoledì 18 Ago 2021

Dalle ore 19:00: Godetevi l’atmosfera serale del MMM Firmian – visitando il museo o cenando nel nostro ristorante. All’ora del crepuscolo (ore 21:00), Reinhold Messner incontrerà i visitatori per una chiacchierata attorno a un fuoco acceso all'aperto, Vi parlerà della sua vita e risponderà alle Vostre domande. Si consiglia di portare un cuscino e di munirsi di ombrello o impermeabile in caso di pioggia. Prezzo: adulti 25€ | bambini 8 – 16 anni 10€ La museummobilcard non viene accettata per l’evento serale, i biglietti si acquistano esclusivamente la sera dell’evento. Col bel tempo non è necessario prenotarsi! In caso di pioggia la registrazione e il Corona Pass sono prerequisiti: info@messner-mountain-museum.it

0
Kids
Mercoledì, 18 Ago 2021 17:30
Mercoledì 18 Ago 2021

Eins, zwei, drei – Zauberei...Upps, kein Zauberstab dabei? Kein Problem, ein Finger ist vollkommen ausreichend. Julian Button entführt euch in eine Welt voller Wunder und Magie. Es wird geshaked, gelacht und mitgemacht. In der großen Zaubershow sind die Kinder die Stars. Pssst, Mami und Papi dürfen auch mit... Für Menschen ab 4 Jahren Dauer: ca. 45 Minuten

0
Theatre
Martedì, 17 Ago 2021 21:00
ogni giorno fino a Gio 19 Ago 2021

Wir schreiben das Jahr 2050. Das Knurren des Weltalls hat sich ausgebreitet und alles Leben auf der Welt verschluckt. Nur eine letzte Festung trotzt dem schwarzen, unheilvollen Nichts: der Tschumpus! Dort, hinter den ehemaligen Gefängnismauern, zwischen Nussbaum und Hollerstauden, haben sich die letzten Überlebenden verschanzt und suchen einen Weg, um das Unfassbare rückgängig zu machen. Gescheiterte, seltsame, liebenswerte Existenzen hat der Zufall da zusammengewürfelt. Angeführt werden sie von der hellsichtigen Kassandra. Sie und ihr ausrangierter Androide Datalack reisen mit Hilfe des größenwahnsinnigen Erfinders Dr. Wernher K. K. Braun zurück in die Vergangenheit. Sie wollen jene Stelle auf der Zeitleiste in der Geschichte der Menschheit finden, an der das Verderben seinen Anfang genommen hat. Doch eine Zeitreise ist kein Honiglecken. Auf ihrem Weg durch die letzten Jahrzehnte stehen ihnen nicht nur die machthungrige Wiltrud und der gierige Winfried Tauber im Weg. Kassandra muss auch in die Abgründe ihrer eigenen familiären Verstrickungen blicken und so einige Löcher im Strickmuster des Schicksals stopfen. Und so wirkt die Fahrt ins „Damals“ wie eine Jukebox, die nicht nur Lovesongs spielt, sondern auch ordentlich auf die Pauke haut. Ans Licht kommen Geheimnisse, die sogar ein schwarzes Loch erzittern lassen. Doch wo ein Wille ist und Glaube an das Gute in den Menschen, dort ist auch Rettung niemals fern! Wenn einem nicht ein Oktopus ein Schnippchen schlägt, mit dem niemand gerechnet hat. Das neue Stück für den Tschumpus, angelehnt an den Filmklassiker „Back to the future“, lässt fast vergessene Epochen wieder aufleben und schwebt musikalisch durch die Hitparaden alter Zeiten. „Das Jahr des Oktopus“ ist eine Geschichte über Macht und Gier, aber auch über Zuversicht, Mut und Optimismus. Über Liebe, Freundschaft und das Glück, im richtigen Moment das Richtige zu tun. Und natürlich verspricht es, wie alle ernsthaften Dinge im Leben, auch sehr, sehr lustig zu werden! Regie: Eva Kuen Musikalische Leitung: Stephen Lloyd Kostüme & Bühne: Christina Khuen Schauspieler: Georg Kaser, Viktoria Obermarzoner, Peter Schorn, Lukas Lobis, Ingrid Maria Lechner, Miriam Kaser, Gianluca Iolocano, Patrizia Solaro Musiker: Ingo Ramoser, Markus Dorfmann, Roberto Motta Text: Peter Schorn, Eva Kuen & Lukas Lobis Regieassistenz: Magdalena Troi Lichtdesign: Werner Lanz, videoproject Foto: Arnold Ritter, Focus Fotodesign Bu?hnenbau: Josef Lanz, Nicola Scantamburlo Technik: Matteo Oliva, Simon Boccolari, Karl Dander

0
Theatre
Martedì, 17 Ago 2021 21:00
Martedì 17 Ago 2021

Lassen sie alle Lockdowns hinter sich, hängen Sie die Sorgenfalten an den Garderobenhaken und geben sie dem Hier und Jetzt eine Chance! Denn in der Sommerarena von Naturns geben sich das Bozner Improtheater Carambolage und die WendeJacken aus Kempten ein Stelldichein, um die Träume auf große Reise zu schicken. Wurde ja auch Zeit! Die beiden fulminanten Improgruppen aus Kempten und Bozen werden plan- und furchtlos Geschichten für den Augenblick erfinden, sich schmeichelnd in die Herzen singen und den Lachmuskeln ein Push-up Training bescheren. Inspiriert durch Ihre Zurufe wird endlich wieder um das grenzüberjodelnde Murmeltier gespielt! Streuen sie Rosen und bleiben Sie neugierig: denn beim Improtheater ist jeden Tag Welturaufführung! Improtheater Carambolage sind acht freie Schauspieler*innen und zwei Musiker mit unbändiger Spiellust und dem Mut zum Ungewissen. Berührende, witzige Geschichten und schräge Figuren lebendig werden zu lassen ist ihre Leidenschaft. Seit 2005 springen sie regelmäßig auf die Bühne des Theaters Carambolage, entern fremde Bühnenbilder und gastieren zwischen Innsbruck und Berlin. Die WendeJacken sind Improprofis der Sonderklasse. Die Truppe um Nadine Schneider und Norman Graue sind seit Jahren im Allgäu ein Fixstern am Improvisationstheaterhimmel. Mit der Entwicklung von immer neuen Formaten, der Ausbildung von jungen Talenten und einer unbändigen Spielfreude punkten sie immer wieder beim Publikum.

0
Art & Culture
Martedì, 17 Ago 2021 17:30-18:30 |
Martedì 17 Ago 2021

Guido Tonelli - Tempo: il sogno di uccidere Chrònos Il tempo non è un concetto astratto. È una sostanza materiale che occupa l'universo intero e si deforma, vibra, oscilla. È nato in modo furibondo e poi ha avuto una strana evoluzione. Ma allora scorre o sta fermo? Esiste o non esiste? E noi possiamo farne a meno? Si può uccidere Kronos? Esiste un tempo delle grandi distanze cosmiche. Esiste un tempo dell'esperienza, scandito dalla memoria e dal desiderio. Esiste un tempo del battito cardiaco. «Il tempo del mondo è fuori dai cardini; ed è un dannato scherzo della sorte ch'io sia nato per riportarlo in sesto,» dice Amleto. Kronos è un mistero e non solo per i fisici. Lo era per i primi uomini e continua a esserlo per noi oggi. Da Newton a Einstein, da Planck all'orologio cosmico, è stato protagonista di metamorfosi vertiginose, affascinanti e mostruose. Il tempo scorre? Oppure sta fermo? E come si misura? Come fa la gravità a rallentarlo? E in che modo i buchi neri riescono a fermarlo? Da sempre viviamo nel tempo, che però non è eterno. La sua è una lunga storia, segnata da un prima e un dopo. Per avventurarci in questa straordinaria vicenda dobbiamo accettare un paradosso e chiederci cosa ci fosse all'inizio, per immaginare il non-luogo del non-tempo da cui scaturì la coppia indissolubile: spazio-tempo e massa-energia. Avremo bisogno della logica e anche della fantasia, dell'arte e della filosofia per vedere la bizzarra relazione che lega il tempo all'energia, alla massa e alla gravità. Guido Tonelli ci conduce lungo la tortuosa via d'accesso alla comprensione di mondi dominati da effetti relativistici, dove esiste un futuro che arriva prima del passato e anzi lo crea. Un viaggio in cui si impara ad ascoltare anche la misura del nostro tempo interiore, per sentire la velocità e la sospensione, l'attesa e l'accelerazione, che alterano le dimensioni del tempo attraverso i nostri ricordi e le nostre aspettative. Guido Tonelli è professore di Fisica all’Università di Pisa ed è uno dei protagonisti della scoperta del bosone di Higgs al Cern di Ginevra. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, fra cui il Fundamental Physics Prize, il premio Enrico Fermi e la medaglia d’onore del Presidente della Repubblica. Per Rizzoli ha pubblicato La nascita imperfetta delle cose. La grande corsa alla particella di Dio e la nuova fisica che cambierà il mondo (2016) e Cercare mondi. Esplorazioni avventurose ai confini dell'universo (2017). Ha pubblicato con Feltrinelli Genesi, il grande racconto delle origini (2019) e Tempo. Il sogno di uccidere Chrónos (2021). Con l’autore: Alberto Faustini, Direttore di Alto Adige e l’Adige. Canzoni e musica a cura di Simona Bondanza e Roberto Gorgazzini.

0
Theatre
Lunedì, 16 Ago 2021 21:00
Lunedì 16 Ago 2021

Ausgehend von der 1954 entstandenen gleichnamigen Erzählung des großen Dichters Erich Kästner Inszeniert wird es von Torsten Schilling, der Künstlerische Leiter der Schlossfestspiele. Mit seinem Team und dem Schauspielensemble wird eine einzigartige Revue voll tiefsinnigem Witz, mitreißender Live-Musik, überraschender Ausstattung sowie choreografischer Gesamtkomposition erschaffen. Ob es um den Bau eines neuartigen Rathauses geht, um das Verstecken einer Kirchenglocke, um die Überführung einer Kuh auf einen speziellen Weideplatz oder um eine lyrische Bürgermeisterwahl – immer verblüffen die Schildbürger mit ihrer unerwarteten „Lösung“. Und egal, ob man als Kind oder Erwachsener schon von der ein oder anderen Episode gehört hat – in diesem Sommerspektakel wird das Publikum mit Sicherheit aufs Neue ins Staunen versetzt! Beginn Einlass und Bistro: ab 19:00 Uhr Beginn der Vorstellung: 21:00 Uhr Shuttle-Dienst zwischen 19.30 bis 20.45 Uhr ab Kreuzung Vereinshaus – 2 €

0
Art & Culture
Lunedì, 16 Ago 2021 10:30-11:30 |
Lunedì 16 Ago 2021

Erri de Luca - A grandezza naturale In queste pagine unisco», chiarisce De Luca nell'introduzione, «storie estreme di genitori e figli». La narrazione si rinsalda nelle radici della storia tramandata: si inizia da Isacco, naturalmente, dalla mancanza di legittima difesa contro il padre – la legatura di Isacco, in ebraico così ci si riferisce a quello che noi di solito chiamiamo «il sacrificio», perché quel nodo stretto fra lui e Abramo è irreparabile. Nodo che sembra potersi sciogliere solamente diventando a propria volta genitori, «passaggio che fa scordare e slega dallo stato di figlio». Come succederà a Chagall, dopo aver dipinto il ritratto del padre – struggente il racconto dell'opera in queste pagine –, e come invece non potrà fare la figlia del vecchio nazista, nel tentativo estremo di mettersi al riparo dal torto del soldato scegliendo di non procreare. E come non succederà a chi racconta, rimasto figlio – nelle orecchie ancora il suono della camicia lacerata del padre come atto di dolore, rumore «amplificato a squarcio», reazione al suo allontanamento da casa. Tuttavia proprio per ciò egli è il narratore ideale di queste storie: «Ne sono estraneo a metà: senza essere padre, sono rimasto necessariamente figlio. Non ho sperimentato la responsabilità, la protezione, la prova di educare. Non cambio comportamento con un giovane o un anziano. Da figlio li considero alla pari, dei contemporanei. Da lettore e da scrittore lo divento delle storie che ho davanti». In A grandezza naturale Erri De Luca attraversa, «per esempi e dal basso», con il suo sguardo personale, con la sensibilità esperta e soprattutto con la prosa essenziale e stratificata, il rapporto cardinale alle origini dell'umanità e di ogni storia che si voglia raccontare. Erri De Luca, diciottenne, vive in prima persona la stagione del '68 ed entra nel gruppo extraparlamentare Lotta Continua. Poi sceglie di esercitare diversi mestieri manuali in Africa, Francia, Italia: camionista, operaio, muratore. Studia da autodidatta l'ebraico e traduce alcuni libri della Bibbia. È opinionista de «il Manifesto». Ha scritto numerosi racconti e romanzi, sempre in vetta alle classifiche. Con l'autore: Michil Costa, Presidente Maratona dles Dolomites, imprenditore e uomo di natura. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Capienza della sala e posti limitati nel rispetto delle disposizioni di legge. Programma disponibile presso gli uffici turistici Alta Badia. In caso di tempo instabile l'incontro di terrà alle 17:30 presso la sala manifestazioni di Corvara.

0
Kids
Lunedì, 16 Ago 2021 08:00-13:00 |
ogni settimana fino a Ven 27 Ago 2021 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi

Esplorazione della città di Bolzano con metà delle ore in aula e metà all’aperto (condizioni meteo permettendo), cacce al tesoro, visite ai musei e la lingua. LINGUE: tedesco e inglese ORARIO: dal lunedì al venerdì, dalle 8:00 alle 13:00. LUOGO: Centro Parrocchiale - Piazza Parrocchia 24, Bolzano PASTO: non previsto PREZZO: 120€ primo figlio + tessera Azb | 110€ secondo figlio (se iscritto contemporaneamente) + tessera Azb

0
Cinema
Domenica, 15 Ago 2021 21:30
Domenica 15 Ago 2021

USA/GB 2018, 135 min. regia: Bryan Singer con: Joseph Mazzello, Rami Malek, Aidan Gillen, Lucy Boynton, Mike Myers Il film ricostruisce la meteorica ascesa della band attraverso le sue iconiche canzoni e il suo sound rivoluzionario, la sua crisi quasi fatale, man mano che lo stile di vita di Mercury andava fuori controllo, e la sua trionfante reunion alla vigilia del Live Aid, quando Mercury, afflitto da una gravissima malattia, condusse la band in una delle performance più grandiose della storia del rock.

0
Cinema
Sabato, 14 Ago 2021 21:30
Sabato 14 Ago 2021

DE 2021, 92 Min. Regie: Daniel Brühl mit: Daniel Brühl, Peter Kurth, Rike Eckermann, Aenne Schwarz, Detlef Benedix, Vicky Krieps Daniel, ein erfolgsverwöhnter und ziemlich eitler deutscher Schauspieler, der auch in Hollywood Fuß gefasst hat, soll zu einem Casting nach London fliegen. Weil seine Agentur den Fahrer zum Flughafen viel zu früh bestellt hat, kehrt Daniel noch in seiner Lieblingskneipe im Berliner Prenzlauer Berg ein. Dort sitzt auch Bruno, der Daniels Filme allesamt gesehen hat und ungefragt das Werk des Stars kritisiert. Das nervt Daniel zunehmend, doch schlimmer wiegt noch, dass Bruno sein Nachbar ist, seit Jahren seine Post in Empfang nimmt und über private Probleme des Schauspielers und dessen Geheimnisse bestens informiert scheint. Brunos Insiderwissen selbst über Affären und sexuelle Tabus nehmen immer bedrohlichere Formen an. NEBENAN ist ein Kammerspiel über einen Schauspielstar und seinen Nachbarn (Peter Kurth, famos als einfühlsamer Widerling!), der das Leben des narzisstischen Promis zerfranst, bis dieser vor den Scherben seiner Existenz steht. Bitterböse und schwarz-lustig mit coolen Typen in einer Berliner Eckkneipe ist das Regiedebut von Daniel Brühl, deutscher Schauspielstar, mit viel Selbstironie gespielt und inszeniert. Daniel Brühl und Drehbuchautor Daniel Kehlmann beweisen ein gutes Gefühl für Rhythmus und Komik.

0
Theatre
Sabato, 14 Ago 2021 21:00
Sabato 14 Ago 2021

Ausgehend von der 1954 entstandenen gleichnamigen Erzählung des großen Dichters Erich Kästner Inszeniert wird es von Torsten Schilling, der Künstlerische Leiter der Schlossfestspiele. Mit seinem Team und dem Schauspielensemble wird eine einzigartige Revue voll tiefsinnigem Witz, mitreißender Live-Musik, überraschender Ausstattung sowie choreografischer Gesamtkomposition erschaffen. Ob es um den Bau eines neuartigen Rathauses geht, um das Verstecken einer Kirchenglocke, um die Überführung einer Kuh auf einen speziellen Weideplatz oder um eine lyrische Bürgermeisterwahl – immer verblüffen die Schildbürger mit ihrer unerwarteten „Lösung“. Und egal, ob man als Kind oder Erwachsener schon von der ein oder anderen Episode gehört hat – in diesem Sommerspektakel wird das Publikum mit Sicherheit aufs Neue ins Staunen versetzt! Beginn Einlass und Bistro: ab 19:00 Uhr Beginn der Vorstellung: 21:00 Uhr Shuttle-Dienst zwischen 19.30 bis 20.45 Uhr ab Kreuzung Vereinshaus – 2 €

0
Sport
Sabato, 14 Ago 2021 19:30
Sabato 14 Ago 2021

Sabato 14 agosto si tiene la 44° edizione della tradizionale Marcia Notturna di Dobbiaco. La gara di corsa parte alle ore 20.30 davanti al Centro Culturale Grand Hotel per finire, dopo un percorso di 10 km, nella piazza in centro a Dobbiaco. Come ogni anno, anche quest’anno l’Associazione Turistica di Dobbiaco, che è organizzatrice della gara, attende molti partecipanti alla gara tradizionale di corsa dall’Italia e dall’estero. Nata come escursione serale per gli ospiti di Dobbiaco, la Marcia Notturna é diventata una gara importante per gli amanti dell’atletica leggera. Gli ospiti abituali di Dobbiaco non perdono l’occasione di mettersi alla prova e di battere il proprio tempo raggiunto nelle edizioni passate. La gara parte dal suggestivo Grand Hotel a Dobbiaco Nuova, conduce alle frazioni di Dobbiaco, ossia Rienza, Nove Case, Santa Maria fino a Valle San Silvestro, proseguendo fino al centro storico di Dobbiaco su un percorso complessivo di 10 km. La Marcia Notturna è una gara di alto livello, il quale scopo è di avvicinare i partecipanti allo sport ma anche alla natura incontaminata della zona delle Dolomiti. Perciò quello che conta non è vincere, ma poter fare parte di un gruppo di sportivi amanti della natura. Pertanto non vengono premiati solo i primi di ogni categoria, ma anche il gruppo più numeroso, gli atleti il cui tempo si avvicinerà maggiormente al tempo di gara medio della categoria iscritta (uomini, donne e bambini) ed i seguenti 3 piazzamenti: 111, 222 e 333. La premiazione si svolge in centro a Dobbiaco: i bambini vengono premiati tra le ore 21.30 e le ore 22.00, gli adulti tra le ore 22.00 e le ore 23.00. NEWS: A causa del COVID 19, la Marcia Notturna si svolge in una forma leggermente modificata. Sotto indicato si trovano tutte le informazioni rilevanti. La manifestazione è chiusa al pubblico e gli atleti devono rispettare le norme di sicurezza COVID 19. Informazioni sulla 44° Marcia Notturna: ? partenza: 14 agosto 2021 presso il Grand Hotel a Dobbiaco Nuova adulti: partenza libera possibile tra le ore 19.30 – 20.30; bambini: ore 20.35 ? percorso: giro delle frazioni di Dobbiaco su un percorso complessivo di 10 km (9,6 km) e gara per i bambini dai 6 ai 14 anni su un percorso di 2,4 km ? organizzazione: Associazione Turistica Dobbiaco tel. 0474 972 132, info@dobbiaco.info ? iscrizioni: solo online https://bit.ly/3wnaz3b entro 14.08.2021, ore 19.00 ? quota d’iscrizione: 15,00 € per gli adulti e 8,00 € per i bambini ? categorie: gruppo di partenza dei bambini su 2 km di tracciato: nati tra il 2007 e il 2015, gruppo di partenza degli adulti su un percorso di 10 km nati tra il 2006 e il 1961 e oltre ? ogni partecipante che arriva fino alla fine della gara, riceve una medaglia e un regalo di partecipazione ? verrà inoltre assegnato un premio speciale al club e all’alloggio presente con il maggior numero di concorrenti ? ritiro pacco gara: (solo su presentazione del Green Pass o test nasale*) Associazione Turistica Dobbiaco (Tel. +39 0474 972 132) venerdì, 13.08.2021, ore 08.30 – 19.00 sabato, 14.08.2021, ore 08.30 – 12.30 partenza sabato, 14.08.2021, ore 14.00 – 20.15 ? premiazione: bambini: tra le ore 21.30 e le ore 22.00 adulti: tra le ore 22.00 e le ore 23.00 ? la gara si svolge con qualsiasi tempo. *) stazione di test presso la Nordic Arena il 14 agosto 2021 dalle ore 14.00 alle 18.30

0
Others
Sabato, 14 Ago 2021 18:00
Sabato 14 Ago 2021

Una serata dedicata ai canederli: canederli allo speck, al formaggio, agli spinaci o canederli dolci alle albicocche. Assaggiate tanti tipi di canederli sulla festa organizzata dall’Associazione Volley. Dalle ore 18 sul piazzale semicoperto delle feste con musica e eccellenti vini di Termeno.

0
Cinema
Venerdì, 13 Ago 2021 21:30
Venerdì 13 Ago 2021

DK/SE/NL 2020, 117 min. regia: Thomas Vinterberg con: Mads Mikkelsen, Thomas Bo Larsen, Magnus Millang, Lars Ranthe, Maria Bonnevie, Helene Reingaard Neumann, Susse Wold Esiste una teoria per cui saremmo dovuti nascere con una piccola quantità di alcol nel sangue, poiché un leggero inebriamento apre al mondo le nostre menti, diminuendo i nostri problemi e aumentando la nostra creatività. Incoraggiati da questa teoria, Martin e tre amici, tutti esausti docenti di scuola superiore, iniziano un esperimento per mantenere costante per tutta la giornata il livello di alcol nel sangue. Se Churchill aveva vinto la Seconda Guerra Mondiale stordito dall’alcol, che effetto potrebbero avere poche gocce su di loro e sui loro studenti? I primi risultati sono positivi, così il piccolo progetto degli insegnanti si trasforma in una vera ricerca accademica. I risultati di entrambe le loro classi continuano a migliorare e il gruppo si sente di nuovo vivo! Un bicchierino dopo l’altro, alcuni partecipanti continuano a riscontrare miglioramenti mentre altri perdono il controllo. Diventa sempre più chiaro che, sebbene l’alcol abbia prodotto grandi risultati nella storia dell’umanità, l’audacia di certi gesti comporta delle conseguenze. Vincitore premio Oscar® miglior film internazionale.

0
Music
Venerdì, 13 Ago 2021 21:15
Venerdì 13 Ago 2021

Concerto della rassegna musicale Festival Badiamusica con il gruppo "Re-Sonanz": Ulrike Hofbauer (soprano), Franz Comploi all'organo, Priska Comploi all'oboe e al flauto dolce e Philipp Comploi al violoncello. I quartetto suonerà opere di Johann David Heinichen, Georg Philipp Telemann, Johann Sebastian Bach e altri ancora.

0
Theatre
Venerdì, 13 Ago 2021 21:00
Venerdì 13 Ago 2021

Gehen sie durch die große Eingangstür des Mietshauses, dann geradeaus weiter durch das Tor. Jetzt stehen Sie im Hinterhof, links neben Ihnen die Abfalleimer. Schreiten Sie am besten zügig weiter, rechts herum, vorbei an der alten Kastanie, die ihre Äste in das bisschen Himmel reckt. Gleich dahinter befindet sich der Eingang zum Hinterhaus. Über ein schmales Treppenhaus kommen Sie in den zweiten Stock. Vor Ihnen befindet sich eine rote Eingangsstür. Dahinter haust der Egers mit der Frau. Treten Sie ein! Hinten in der Wohnung, da liegt er im Bett und träumt seine lustigen Nachrichten. Kommen Sie mit in die Küche, da hat er gerade ein Käsebrot gegessen, man kann den Käse noch riechen. Jetzt lehnt er sich zum Küchenfenster hinaus. Sie können ihm direkt über die Schulter blicken. Man hört die alte Frau Schlitzbier aus dem Vorderhaus husten. Einen Stock darunter plärren die Bahulgenkinder und die Kindsmutter; es geht um die Feuerkäfer vom Bub, die im Bett herumlaufen, sie plärren so laut, dass einem schier die Synapsen aus dem Ohr herausfallen. Schnell schließt der Egersdörfer das Fenster wieder, und da hat er Sie entdeckt. Doch Sie brauchen keine Angst zu haben, er tut Ihnen nichts. Er kocht Ihnen sogar einen Kaffee. Sie müssen sich nur zu ihm an den Küchentisch setzen und ihm zuhören. Schon erzählt er Ihnen, was es mit dem Husten und den Käfern auf sich hat und und und. Er ist ein guter Erzähler und Sie das perfekte Publikum.

0
Music
Venerdì, 13 Ago 2021 21:00
Venerdì 13 Ago 2021

Diego Polli, Antonio del Giudice, Mirko Frego, Davide Altieri Pop rock italiano e straniero con Diego Polli, Antonio del Giudice, Mirko Frego, Davide Altieri. L'evento si terrà nella PIAZZETTA DEI MUNICIPIO a LAIVES. In caso di maltempo verrà spostato presso il Teatro Tenda Pfarrheim. Ingresso Libero

0
Music
Venerdì, 13 Ago 2021 20:30
Venerdì 13 Ago 2021

Il programma di questa sera, espressamente concepito per danza e pianoforte, narra la storia di una vita. Il primo atto inizia in modo infantile con il risveglio di una personache inizia prima in modo giocoso, poi con crescente allegria e voglia il suo cammino. Nel secondo atto subentrano nella vita sentimenti profondi e contrastanti quali la nostalgia ed il peso di alcune decisioni, la tristezza insieme alla passione e la disperazione della persona. La persona nella sua purezza, in pace con se stessa e a tratti fiduciosa concludono il terzo atto. La fine sembra essere un nuovo inizio. Il giornale “Stuttgartner Zeitung” scrive a proposito: “Stefanie Goes, eccellentemente accompagnata dal pianista Christoph Soldan, riesce attraverso gli elementi del balletto classico, della danza moderna e della pantomima ad esprimere con intensitá momenti filosofici della vita. Il linguaggio della danza e della musica si collegano diventando un’unica forma di arte.” PROGRAMMA Robert Schumann: Von fremden Ländern und Menschen Kuriose Geschichte Wichtige Begebenheit Am Kamin Wichtige Begebenheit Glückes Genug Ritter vom Steckenpferd Fürchtenmachen Träumerei Fast zu Ernst Fürchtenmachen Fast zu ernst Arnold Schoenberg: Klavierstück op. 11 Fanny Hensel: Januar Frédéric Chopin: Etüde op. 25, 6 Etüde op. 25, 2 Maurice Ravel: Lóiseaux tristes Robert Schumann: Bittendes Kind Arvo Pärt: Variationen für Arinuschka Robert Schumann: Kind im Einschlafen „Der Dichter spricht“ Danza e coreografia: Stefanie Goes Pianoforte: Christoph Soldan

0
Music
Venerdì, 13 Ago 2021 19:00
Venerdì 13 Ago 2021

Visita serale del MMM Firmiano (dalle ore 19:00). Alle ore 21:00 Reinhold Messner farà un’introduzione, in seguito viene proiettato il film muto “Im Kampf mit dem Berge” (la lotta con la montagna) del 1920. L’Orchestra Haydn suonerà la musica del film, direttore d'orchestra: Frank Strobel. Il ristorante interno è aperto la sera. Prezzo: adulti 25€ | bambini 8 – 16 anni 10€ La museummobilcard non viene accettata per l'evento serale, i biglietti si acquistano esclusivamente la sera dell'evento. Non è necessario prenotarsi! In caso di maltempo (diluvio) lo spettacolo sarà annullato.

0
Others
Venerdì, 13 Ago 2021 18:00-23:00 |
Venerdì 13 Ago 2021

LUOGO: Laghetto delle Ninfee COSTI: 35,00 € costo per cestino per 2 persone (escluso l'ingresso) INGRESSO: 8,50 € Biglietto Sera d'Estate dalle ore 18.00 PRENOTAZIONE cestino: online o tramite mail info@trauttmansdorff.it (La preghiamo di fornirci il suo numero di telefono) entro mercoledí IMPORTANTE: portare la propria coperta Picnic sotto le palme e il cielo stellato: il 18 giugno, 23 luglio e il 13 agosto, gli ospiti hanno l’opportunità di gustare un cestino di piccole prelibatezze sulle sponde del Laghetto delle Ninfee. Gli irresistibili ritmi della musica dal vivo e uno scenario mozzafiato fanno da sfondo a un indimenticabile picnic nel verde! In caso di maltempo, il picnic viene annullato. Programma musica: 13/08/2021 Greta Marcolongo Trio (Pop, Jazz, Swing)

0
Cinema
Giovedì, 12 Ago 2021 21:30
Giovedì 12 Ago 2021

USA 1959, 81 Min. Regie: Bert Stern Der legendäre Fotograf Bert Stern fing 1959 in unvergleichlichen Bildern die Chronologie eines Sommertags voller Musik, Sinnlichkeit, Eleganz und Lässigkeit ein. Der Schauplatz: die spätere Jazz-Hauptstadt der Welt Newport. Auf der Bühne: unsterbliche Größen wie Chuck Berry, Thelonious Monk, Louis Armstrong und Mahalia Jackson, deren leidenschaftliche Performance den Sommerabend beschließt. Restauriert in 4K vom Original Kamera-Negativ

0
Music
Giovedì, 12 Ago 2021 21:00
Giovedì 12 Ago 2021

I biglietti per i concerti sono fin da ora in vendita. Attenzione: Saranno applicate le misure di sicurezza in vigore il giorno del concerto. Informazioni: Ingresso dalle ore 19.00 Inizio alle ore 21.00 Prezzo del biglietto: 15,00 € Manuel Randi Trio Illusion Manuel Randi è un musicista brillante la cui versatilità gli permette di collaborare con i più riconosciuti artisti del suono a livello nazionale e internazionale. Attualmente fa parte dell’Herbert Pixner Project, con il quale è in tournée durante tutto l’anno. Soprattutto in Germania, Austria, Italia e Svizzera questa formazione riscuote continuamente grandi successi con una serie quasi infinita di concerti sold-out. Le sue performance da solista sono occasioni d’una piacevolezza unica. In questa occasione sarà accompagnato da Marco Stagni (contrabbasso e basso elettrico) e da Mario Punzi (batteria). I tre musicisti sono cresciuti musicalmente insieme e riescono a stabilire un vero dialogo, in cui i tre strumenti si fondono in uno solo. Dai brani più placidi ai ritmi infuocati del flamenco e fino alle esplosioni del rock fusion: non c’è stato d’animo che i tre non mettano in scena con passione. Il programma include canzoni dagli ultimi tre CD di Manuel Randi: New Old Songs, Toscana e Illusion, così come molte nuove composizioni che fondono vari stili musicali come il flamenco, il folklore italiano, la bossa nova e le influenze africane in un cocktail musicale originale e unico. Composizioni senza confini in tutti i sensi! Composizioni senza confini in tutti i sensi! Manuel Randi chitarra acustica, flamenco ed elettrico, clarinetto Marco Stagni Basso Mario Punzi Batteria

0
Kids
Giovedì, 12 Ago 2021 18:00
ogni giorno fino a Ven 13 Ago 2021

Mit Astrid Gärber und Fabian Mair Mitterer Regie: Brigitte Knapp Musik: Roland Gasser Kostu?me: Christina Khuen ?„Drunter und Drüber“ ist eine clownesk humorvolle Geschichte übers Rechthaben und Rechthaben wollen. Der Dicke und der Dünne auf der Bühne versuchen mit viel Situationskomik und Slapstick sich selbst und dem Publikum das Gegenteil zu beweisen. Dabei ist es manchmal gar nicht so einfach zu entscheiden, was besser ist: dick oder dünn, voll oder leer, oben oder unten? Vielleicht gibt es ja noch etwas dazwischen – dann müsste man sich nicht immer über alles streiten… Theater für die ganze Familie! Produktion: Freiluft – kinder+jugendtheater

0
Art & Culture
Giovedì, 12 Ago 2021 17:30
Giovedì 12 Ago 2021

Luca Barbarossa - Non perderti niente Mentre fervono i preparativi per la festa dei suoi sessant'anni Luca Barbarossa è sia il padre felice sia il ragazzino che medita la fuga per non mancare agli appuntamenti con gli imprevisti. Si sottrae alla dittatura anagrafica, partendo in libertà a bordo di pagine che pulsano di incontri straordinari con Maradona e Pavarotti, Benigni e Bruce Springsteen, non più importanti e formativi di quelli con una spogliarellista spagnola, un pescatore cubano, un mago messicano e il suo gallo Django. Non perderti niente è la sua autobiografia irregolare, quasi un romanzo di formazione che procede chiedendo passaggi in autostop alla memoria, per tornare alle piazze europee che da adolescente batteva con stivali texani ai piedi e chitarra in spalla, o ai grandi palchi, ai successi sanremesi, prendendosi gioco del tempo che «si allunga, si accorcia, è prematuro, in ritardo. Qualche volta però è di una puntualità spiazzante». Canzoni come Roma spogliata, Via Margutta, L'amore rubato, Portami a ballare e Passame per sale non sono mai slegate da vicende personali e nazionali: il cineforum alla sezione della Fgci di Mentana, gli anni di piombo, Roma, la Roma, il Social Club, gli amori tossici, fugaci, eterni. Tutto narrato con ironia e intensità in questa appassionata ode a quel viaggio incredibile che è la vita, che cambia e sorprende a ogni curva. Lui, che da ragazzetto avrebbe voluto essere Adriano Panatta, è diventato uno dei più rispettati artisti italiani. Luca Barbarossa (Roma, 1961) è uno dei più celebri cantautori italiani. Nella sua lunga carriera, ha pubblicato undici album e vinto il Festival di Sanremo nel 1992 con Portami a ballare. Da anni conduce Radio 2 Social Club. Con l'autore: Alberto Faustini, Direttore di Alto Adige e l'Adige. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Capienza della sala e posti limitati nel rispetto delle disposizioni di legge.

0
Cinema
Mercoledì, 11 Ago 2021 21:30
Mercoledì 11 Ago 2021

USA 2020, 115 min. regia: Lee Isaac Chung con: Steven Yeun, Yeri Han, Youn Yuh-Jung, Alan S. Kim, Will Patton, Scott Haze, Noel Cho, Darryl Cox, Ben Hall Anni '80: Jacob e la sua famiglia, immigrati sudcoreani stanchi di sopravvivere grazie a lavori come il sessaggio dei polli, si trasferiscono dalla California all'Arkansas. Jacob vuole avviare una coltivazione in proprio e rivendere i prodotti del suo lavoro nelle grandi città. La sua ambizione richiede enormi sacrifici e la moglie Monica è sempre meno disposta a concederne, specie per le complicazioni cardiache del figlio David. Pur di mantenere la famiglia unita Jacob accetta che si trasferisca da loro la suocera, Soonja: a differenza di Jacob, la donna è rimasta ancorata alle tradizioni coreane e si dimostra tutto fuorché corrispondente all'immagine tradizionale della nonna. Un film piccolo, ma dalla potenza significativa fortissima, un vero trattato sull’immigrazione ieri come oggi, che vede protagonista una famiglia coreana trasferitasi nell’America degli anni Ottanta. Premio miglior film, Golden Globe 2021.

0
Theatre
Mercoledì, 11 Ago 2021 21:00
ogni giorno fino a Ven 13 Ago 2021

Eine Krimikomödie nach Motiven von Edgar Wallace Eine Mordserie hält die ganze Stadt in Atem. Über das gesamte Stadtgebiet verteilt werden wertvolle Juwelen gestohlen. Der maskierte Mörder ist der Polizei stets einen Schritt voraus und hinterlässt überall sein Markenzeichen: „die schwarze Hand“. Inspektor Platt und seine unerschrockene Kollegin Derrick erforschen die labyrinthischen Gänge der Burg, folgen einer heißen Spur ins Gasthaus am See und stoßen schlussendlich in ein Wespennest. Ein Wettlauf gegen die Zeit beginnt, als die hübsche Sekretärin des Polizeichefs spurlos verschwindet, auf die Platt längst ein Auge geworfen hat und währenddessen geschehen weitere Morde… Eine temporeiche, lustige und zugleich spannende Adaptierung des 1962 entstandenen Edgar Wallace Klassikers „Das Gasthaus an der Themse“. In den damaligen Hauptrollen u.a. Joachim Fuchsberger und Klaus Kinski. In der Stückbearbeitung für die Rittner Sommerspiele erlebt das Publikum wie 6 SchauspielerInnen in über 40 Rollen eine abenteuerliche Reise an verschiedene Schauplätze des legendären Edgar Wallace Filmes unternehmen! Großes Kino auf kleiner Bühne! Regie: Konrad Hochgruber Es spielen: Hanenn Huber, Julian Pichler, Werner Hohenegger, Jos Niederstätter, Joachim Mitterutzner, Andreas Penn.

0
Theatre
Mercoledì, 11 Ago 2021 21:00
ogni giorno fino a Gio 12 Ago 2021

Ausgehend von der 1954 entstandenen gleichnamigen Erzählung des großen Dichters Erich Kästner Inszeniert wird es von Torsten Schilling, der Künstlerische Leiter der Schlossfestspiele. Mit seinem Team und dem Schauspielensemble wird eine einzigartige Revue voll tiefsinnigem Witz, mitreißender Live-Musik, überraschender Ausstattung sowie choreografischer Gesamtkomposition erschaffen. Ob es um den Bau eines neuartigen Rathauses geht, um das Verstecken einer Kirchenglocke, um die Überführung einer Kuh auf einen speziellen Weideplatz oder um eine lyrische Bürgermeisterwahl – immer verblüffen die Schildbürger mit ihrer unerwarteten „Lösung“. Und egal, ob man als Kind oder Erwachsener schon von der ein oder anderen Episode gehört hat – in diesem Sommerspektakel wird das Publikum mit Sicherheit aufs Neue ins Staunen versetzt! Beginn Einlass und Bistro: ab 19:00 Uhr Beginn der Vorstellung: 21:00 Uhr Shuttle-Dienst zwischen 19.30 bis 20.45 Uhr ab Kreuzung Vereinshaus – 2 €

0
Kids
Mercoledì, 11 Ago 2021 17:30
Mercoledì 11 Ago 2021

Kaum ist die Katze aus dem Haus, feiern die Mäuse eine Party! Herbert und Mimi sind allein daheim. Eigentlich sollten sie schlafen. Aber das Sandmännchen ist schon wieder fort, und um müde zu werden, spielen die beiden ein Spiel. Und dann noch ein Spiel. Dabei entdecken sie die Freude des Gewinnens und das Leid des Verlierens. Und plötzlich ist nichts mehr so wie es sein sollte. Das totale Chaos. Doch mit Hilfe des Publikums richten sich Herbert und Mimi im Durcheinander so ein, dass die Welt wieder in Ordnung ist. Für Menschen ab 3 Jahren Dauer: ca. 50 Minuten

0
Cinema
Martedì, 10 Ago 2021 21:30
Martedì 10 Ago 2021

DE 2021, 92 Min. Regie: Daniel Brühl mit: Daniel Brühl, Peter Kurth, Rike Eckermann, Aenne Schwarz, Detlef Benedix, Vicky Krieps Daniel, ein erfolgsverwöhnter und ziemlich eitler deutscher Schauspieler, der auch in Hollywood Fuß gefasst hat, soll zu einem Casting nach London fliegen. Weil seine Agentur den Fahrer zum Flughafen viel zu früh bestellt hat, kehrt Daniel noch in seiner Lieblingskneipe im Berliner Prenzlauer Berg ein. Dort sitzt auch Bruno, der Daniels Filme allesamt gesehen hat und ungefragt das Werk des Stars kritisiert. Das nervt Daniel zunehmend, doch schlimmer wiegt noch, dass Bruno sein Nachbar ist, seit Jahren seine Post in Empfang nimmt und über private Probleme des Schauspielers und dessen Geheimnisse bestens informiert scheint. Brunos Insiderwissen selbst über Affären und sexuelle Tabus nehmen immer bedrohlichere Formen an. NEBENAN ist ein Kammerspiel über einen Schauspielstar und seinen Nachbarn (Peter Kurth, famos als einfühlsamer Widerling!), der das Leben des narzisstischen Promis zerfranst, bis dieser vor den Scherben seiner Existenz steht. Bitterböse und schwarz-lustig mit coolen Typen in einer Berliner Eckkneipe ist das Regiedebut von Daniel Brühl, deutscher Schauspielstar, mit viel Selbstironie gespielt und inszeniert. Daniel Brühl und Drehbuchautor Daniel Kehlmann beweisen ein gutes Gefühl für Rhythmus und Komik.

0
Theatre
Martedì, 10 Ago 2021 21:00
Martedì 10 Ago 2021

In seinem Programm entführt Sie der Bauchredner Tim Becker in seine verrückte Wohngemeinschaft. Freuen Sie sich auf einen Abend voller Unterhaltung mit Witz und Niveau. Tim Becker präsentiert acht Darsteller, acht Charaktere und -unzählige skurrile, manchmal auch nachdenkliche Momente. In dieser Comedy-Show geben sich halluzinierende Kiffer, coole Musicalstars, sprechende Lebensmittel, mies gelaunte Gestalten und herzerwärmende Angsthasen die Klinke in die Hand. Hier kollidiert ausgeprägter Sinn für Ordnung mit chaotischen Parties, Diskussionen über Anstand mit exzentrischem -Narzissmus und Größenwahn mit knallharten Fakten. Schon bald wird allen klar: Jeder spielt gegen jeden und doch stehen alle für den -anderen gerade. Sie werden die Momente lieben, in denen Tim Becker scheinbar die Kontrolle über seine Puppen verliert und aus dem Selbst-gespräch ein erfrischendes Bauchgespräch wird. Eine Comedy-Show voller Überraschungen mit Bauchreden, -Puppenspiel und bester Unterhaltung.

0
Others
Martedì, 10 Ago 2021 18:00-23:00 |
Martedì 10 Ago 2021

Un appuntamento imperdibile per gli amanti di Bacco nella notte di San Lorenzo. I produttori di Bolzano verseranno le loro migliori etichette. Un’esperienza unica per lasciarsi sorprendere dai sapori, dai profumi e dalle emozioni. Ingresso: 5 € a persona (incluso 1 buono) Buono per 1 consumazione: 1,50 € (i buoni possono essere acquistati direttamente in loco) Affamato? Durante la serata ci sarà la possibilità di degustare dei prodotti tipici locali (a pagamento). Prenotazione obbligatoria: - direttamente su questo sito - o presso l’Azienda di Soggiorno (Camera di Commercio, piano terra) - Capienza massima: 300 persone - 4 Persone per ogni tavolo - Ingresso riservato a soli maggiorenni. - All’ingresso si dovrà esibire la conferma di prenotazione cartacea o su dispositivo mobile. - Ingresso solo con Green Pass valido.

0
Cinema
Lunedì, 09 Ago 2021 21:30
Lunedì 09 Ago 2021

FR/DE 2001, 120 min. regia: Jean-Pierre Jeunet con: Mathieu Kassovitz, Audrey Tautou Amelie ama andare al cinema, osservare nel buio le facce degli altri spettatori e cogliere i piccoli particolari che si possono notare solo sul grande schermo: piccoli piaceri che solo la magia della sala sa regalare. Diretto da Jean-Pierre Jeunet, IL FAVOLOSO MONDO DI AMÉLIE debuttò al cinema il 25 aprile del 2001. Ora, a vent'anni di distanza, quel film che ha lanciato la carriera della sua protagonista Audrey Tautou, capace di avere un impatto fortissimo sull'immaginario degli spettatori di tutto il mondo, e che è diventato un vero e proprio cult-movie, torna nelle sale cinematografiche italiane.

0
Theatre
Lunedì, 09 Ago 2021 21:00
ogni giorno fino a Mar 10 Ago 2021

Wir schreiben das Jahr 2050. Das Knurren des Weltalls hat sich ausgebreitet und alles Leben auf der Welt verschluckt. Nur eine letzte Festung trotzt dem schwarzen, unheilvollen Nichts: der Tschumpus! Dort, hinter den ehemaligen Gefängnismauern, zwischen Nussbaum und Hollerstauden, haben sich die letzten Überlebenden verschanzt und suchen einen Weg, um das Unfassbare rückgängig zu machen. Gescheiterte, seltsame, liebenswerte Existenzen hat der Zufall da zusammengewürfelt. Angeführt werden sie von der hellsichtigen Kassandra. Sie und ihr ausrangierter Androide Datalack reisen mit Hilfe des größenwahnsinnigen Erfinders Dr. Wernher K. K. Braun zurück in die Vergangenheit. Sie wollen jene Stelle auf der Zeitleiste in der Geschichte der Menschheit finden, an der das Verderben seinen Anfang genommen hat. Doch eine Zeitreise ist kein Honiglecken. Auf ihrem Weg durch die letzten Jahrzehnte stehen ihnen nicht nur die machthungrige Wiltrud und der gierige Winfried Tauber im Weg. Kassandra muss auch in die Abgründe ihrer eigenen familiären Verstrickungen blicken und so einige Löcher im Strickmuster des Schicksals stopfen. Und so wirkt die Fahrt ins „Damals“ wie eine Jukebox, die nicht nur Lovesongs spielt, sondern auch ordentlich auf die Pauke haut. Ans Licht kommen Geheimnisse, die sogar ein schwarzes Loch erzittern lassen. Doch wo ein Wille ist und Glaube an das Gute in den Menschen, dort ist auch Rettung niemals fern! Wenn einem nicht ein Oktopus ein Schnippchen schlägt, mit dem niemand gerechnet hat. Das neue Stück für den Tschumpus, angelehnt an den Filmklassiker „Back to the future“, lässt fast vergessene Epochen wieder aufleben und schwebt musikalisch durch die Hitparaden alter Zeiten. „Das Jahr des Oktopus“ ist eine Geschichte über Macht und Gier, aber auch über Zuversicht, Mut und Optimismus. Über Liebe, Freundschaft und das Glück, im richtigen Moment das Richtige zu tun. Und natürlich verspricht es, wie alle ernsthaften Dinge im Leben, auch sehr, sehr lustig zu werden! Regie: Eva Kuen Musikalische Leitung: Stephen Lloyd Kostüme & Bühne: Christina Khuen Schauspieler: Georg Kaser, Viktoria Obermarzoner, Peter Schorn, Lukas Lobis, Ingrid Maria Lechner, Miriam Kaser, Gianluca Iolocano, Patrizia Solaro Musiker: Ingo Ramoser, Markus Dorfmann, Roberto Motta Text: Peter Schorn, Eva Kuen & Lukas Lobis Regieassistenz: Magdalena Troi Lichtdesign: Werner Lanz, videoproject Foto: Arnold Ritter, Focus Fotodesign Bu?hnenbau: Josef Lanz, Nicola Scantamburlo Technik: Matteo Oliva, Simon Boccolari, Karl Dander

0
Theatre
Lunedì, 09 Ago 2021 21:00
Lunedì 09 Ago 2021

Eine Krimikomödie nach Motiven von Edgar Wallace Eine Mordserie hält die ganze Stadt in Atem. Über das gesamte Stadtgebiet verteilt werden wertvolle Juwelen gestohlen. Der maskierte Mörder ist der Polizei stets einen Schritt voraus und hinterlässt überall sein Markenzeichen: „die schwarze Hand“. Inspektor Platt und seine unerschrockene Kollegin Derrick erforschen die labyrinthischen Gänge der Burg, folgen einer heißen Spur ins Gasthaus am See und stoßen schlussendlich in ein Wespennest. Ein Wettlauf gegen die Zeit beginnt, als die hübsche Sekretärin des Polizeichefs spurlos verschwindet, auf die Platt längst ein Auge geworfen hat und währenddessen geschehen weitere Morde… Eine temporeiche, lustige und zugleich spannende Adaptierung des 1962 entstandenen Edgar Wallace Klassikers „Das Gasthaus an der Themse“. In den damaligen Hauptrollen u.a. Joachim Fuchsberger und Klaus Kinski. In der Stückbearbeitung für die Rittner Sommerspiele erlebt das Publikum wie 6 SchauspielerInnen in über 40 Rollen eine abenteuerliche Reise an verschiedene Schauplätze des legendären Edgar Wallace Filmes unternehmen! Großes Kino auf kleiner Bühne! Regie: Konrad Hochgruber Es spielen: Hanenn Huber, Julian Pichler, Werner Hohenegger, Jos Niederstätter, Joachim Mitterutzner, Andreas Penn.

0
Theatre
Domenica, 08 Ago 2021 21:00
ogni giorno fino a Lun 09 Ago 2021

Ausgehend von der 1954 entstandenen gleichnamigen Erzählung des großen Dichters Erich Kästner Inszeniert wird es von Torsten Schilling, der Künstlerische Leiter der Schlossfestspiele. Mit seinem Team und dem Schauspielensemble wird eine einzigartige Revue voll tiefsinnigem Witz, mitreißender Live-Musik, überraschender Ausstattung sowie choreografischer Gesamtkomposition erschaffen. Ob es um den Bau eines neuartigen Rathauses geht, um das Verstecken einer Kirchenglocke, um die Überführung einer Kuh auf einen speziellen Weideplatz oder um eine lyrische Bürgermeisterwahl – immer verblüffen die Schildbürger mit ihrer unerwarteten „Lösung“. Und egal, ob man als Kind oder Erwachsener schon von der ein oder anderen Episode gehört hat – in diesem Sommerspektakel wird das Publikum mit Sicherheit aufs Neue ins Staunen versetzt! Beginn Einlass und Bistro: ab 19:00 Uhr Beginn der Vorstellung: 21:00 Uhr Shuttle-Dienst zwischen 19.30 bis 20.45 Uhr ab Kreuzung Vereinshaus – 2 €

0
Art & Culture
Domenica, 08 Ago 2021 17:30
Domenica 08 Ago 2021

Romana Petri - La rappresentazione Lisbona. Dopo la mostra in cui la pittrice Albertini ha ritratto l’intera famiglia del marito, la coppia è costretta a trasferirsi a Roma. Lì entra in gioco un abile gallerista di Milano e arriva il successo, soprattutto a partire da una serie di quadri su santa Teresa d’Ávila. Non solo: i critici notano che – basta guardarli con attenzione – quei quadri prendono vita. Pittrice ormai ricca e famosa, la Albertini potrebbe finalmente vivere una bella vita con il marito Vasco, abituato, a differenza di lei, ad avere un patrimonio alle spalle. E tuttavia il rapporto coniugale si complica, innescando una sorta di conflitto che è al contempo torbida sfida e luminoso riscatto. È forse l’amore solo una “rappresentazione”? Romana Petri si muove con insinuante agilità fra l’ottusità dei rituali famigliari, il teatro morbido e morboso della bellezza di Lisbona e il gesto rivelatore e magico dell’arte. Passione, scandaglio di anime, saga famigliare, La rappresentazione è un romanzo che esplora i suoi confini, e li supera. Romana Petri vive a Roma. Tra le sue opere, Ovunque io sia (2008), Ti spiego (2010), Le serenate del Ciclone (2015, premio Super Mondello e Mondello Giovani), Il mio cane del Klondike (2017), Pranzi di famiglia (2019, premio The Bridge), Figlio del lupo (2020, premio Comisso e premio speciale Anna Maria Ortese-Rapallo) e Cuore di furia (2020). Traduttrice e critico, collabora con "Io Donna", "La Stampa", "il Venerdì di Repubblica" e il "Corriere della Sera". I suoi romanzi sono tradotti in Inghilterra, Stati Uniti, Francia, Spagna, Serbia, Olanda, Germania e Portogallo (dove ha lungamente vissuto). Con l'autore: Guido Rispoli, Procuratore. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Capienza della sala e posti limitati nel rispetto delle disposizioni di legge.

0
Cinema
Sabato, 07 Ago 2021 21:30
Sabato 07 Ago 2021

100 Min. Tutti i sette cortometraggi vengono presentati in un blocco unico di 100 minuti IL MONDIALE IN PIAZZA (IT 2018, regia: Vito Palmieri, 15', ital.) Alcuni amici decidono di ospitare la propria "Coppa del Mondo 2018" nella piazza principale della loro città nel sud d’Italia. DIE UNSICHTBARE FRAU (DE 2019, regia: Natalia Sinelnikova, 10', dt./ted.) Una donna viene trascurata in un ristorante. Quando cerca di pagare, nessuno sembra notarla, nemmeno la cameriera. Dal momento che tutti i suoi tentativi di attirare l'attenzione della gente falliscono, prende misure drastiche. DAS PROBESPIEL (AT 2019, regia: Guy Lichtenstein, 22', dt./ted.) La talentuosa Sarah suona ancora a piccoli eventi. Oggi al matrimonio della sua ex. Entrambi cercano di schivare, ma emergono vecchi ricordi. PIZZA BOY (IT 2019, regia: Gianluca Zonta, 15', ital.) Saba, un ragazzo della Georgia, lavora come fornitore di pizza a Bologna. Durante il suo turno serale, riceve una chiamata importante: suo figlio sta per nascere. VACA (ES 2018, regia: Marta Bayarri, 15', catalan) Marga vive la sua vita senza speranza. Ma oggi una mucca l'ha guardata direttamente. PARRU PI TÌA (IT 2018, regia: Giuseppe Carleo, 15', ital.) Annachiara vuole riconquistare il suo ex ragazzo. Sua nonna suggerisce di usare un vecchio rito che potrebbe salvare il suo amore perduto. UNTER MENSCHEN (DE 2019, regia: Caren Wuhrer, 8', dt./ted.) Edda ed Egon hanno davvero immaginato il loro nuovo genero in modo diverso. Soprattutto, meno rigato e peloso.

0
Cinema
Sabato, 07 Ago 2021 21:00
Sabato 07 Ago 2021

A RIVEDER LE STELLE-Cinema Sotto Le Stelle-Open Air Cinema 50 posti a sedere/ingresso libero Regia di Melina Matsoukas. Con Daniel Kaluuya, Jodie Turner-Smith, Bokeem Woodbine, Chloë Sevigny, Flea. Genere Drammatico, - USA, 2019, durata 132 minuti. UN'OPERA PRIMA TRA DRAMMA POLITICO E ROMANCE CHE SI INSERISCE NELLA CONTEMPORANEA VOLONTÀ DI HOLLYWOOD DI RACCONTARE LA REALTÀ DEGLI AFROAMERICANI

0
Exhibitions
Sabato, 07 Ago 2021 16:00-19:00 |
ogni settimana fino a Sab 04 Set 2021 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Georitmie è il titolo della prima personale di Mona Lisa Tina in Val Gardena – appositamente ideata per gli spazi della Vijion Art Gallery di Ortisei e curata da Livia Savorelli – e della live performance che verrà realizzata, in occasione dell’opening, venerdì 6 agosto. Artista visiva e arte terapeuta, classe 1977, la sua ricerca privilegia come medium la performance declinata in azioni fortemente simboliche e dal forte pathos, in cui il Corpo – come luogo di continui processi psichici e fisici – diventa viatico di un’interazione empatica con il fruitore, per promuovere nuovi processi di condivisione simbolica e di riappropriazione identitaria. Come sottolinea la curatrice della mostra Livia Savorelli «Sostenitrice dell’Universalità del linguaggio trasversale dell’Arte, capace di superare qualsiasi barriera – culturale, geografica o di genere – Mona Lisa Tina, attraverso il suo ascolto silenzioso, la sua potente capacità di entrare in empatia, di cogliere le emozioni e di “leggere” il dolore, di “accogliere” nel senso più ampio del termine, invita a tracciare nuove strade di incontro con l’Altro. Un approccio inclusivo per provare a delineare, attraverso il linguaggio dell’Arte, ipotesi costruttive per la definizione di “quel mondo migliore” di cui tutti noi abbiamo un gran bisogno». A partire dall’opera Nero (2020), la mostra presenta la produzione fotografica di Mona Lisa Tina, facente parte di Primario, un ciclo interamente dedicato alla forza primigenia del colore primario – sviscerato nel suo significato simbolico associato alla cromoterapia – nel quale il colore indagato e protagonista della rispettiva serie (rosso, bianco, blu, giallo), è unico elemento di congiunzione tra il corpo dell’artista e lo scenario naturale che lo accoglie, emblema simbolico del legame ancestrale con la Natura che si apre all’Umanità in un abbraccio rigenerante. Un’unione che l’artista rende ancora più forte attivando azioni performative che originano dal significato intrinseco di ogni singolo colore, come nel caso della performance Georitmie, dedicata al colore rosso ed ideata per gli spazi di Vijion Art Gallery, in cui l’artista intreccerà suono, immagini fortemente evocative ed azione partecipata, attivando un dialogo silenzioso con il pubblico. In occasione della mostra, Mona Lisa Tina presenterà inoltre due serie inedite Bianco e Blu, entrambe del 2021, che accompagnano la serie Rosso del 2020. BIO MONA LISA TINA: Artista visiva e arte terapeuta, Mona Lisa Tina vive e lavora a Bologna. Nata a Francavilla Fontana (BR) nel 1977, si è diplomata nel 2005 in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna e si è specializzata nel 2012 in Arte Terapia presso Art Therapy Italiana. È docente e referente didattico del Corso Triennale in arte terapia presso LE NUOVE ARTI TERAPIE, direttore Oliviero Rossi, indirizzo Arti Visive e Performative che si tiene a Bologna, Firenze, Roma e Milano. Mona Lisa Tina pone al centro di tutte le sue riflessioni il Corpo come luogo di continui processi trasformativi psichici e fisici. All’interno delle azioni performative promuove una dimensione simbolica di autocoscienza e una reale riappropriazione identitaria. L’artista intende proporre una fisicità “alternativa”, che si libera dai modelli di bellezza standardizzati, esibendola come spazio simbolico aperto e veicolo di comunicazioni significative su più piani di lettura. Ha esposto presso musei in Italia e all’estero, e in gallerie e spazi di ricerca di arte contemporanea. Conduce seminari e workshop sugli aspetti fondanti della sua indagine artistica, nonché ha curato e preso parte a molte pubblicazioni che hanno per oggetto il linguaggio espressivo della Performance e la centralità del corpo.

0
Kids
Sabato, 07 Ago 2021 10:30
Sabato 07 Ago 2021

Robin Hood ist ein lebendiges Phantom. Er versteckt sich in den Wäldern von Sherwood und bringt den Armen das Geld zurück, das ihnen der gierige Sheriff von Nottingham abnahm. Mit seinen drei Gefährten Little John, Bruder Tuck und Will Scarlet kann Robin diesen nimmersatten Gewalthaber und seinen Gehilfen Guy de Gisbourne immer wieder austricksen. Kein Wunder, dass das arme Volk Robin Hood liebt und schützt. Brenzlig wird es, als ihn auch Lady Marian, Tochter von König John, mehr als interessant findet. Die freche Neufassung für Kinder ab 5 Jahren wird mit Wortwitz, Mut und natürlich mit Pfeil und Bogen ausgefochten, Erlebnis Kränzelhof (mit Anmeldung). Treffpunkt: Kränzelhof, Tscherms Alter: 4-99 Jahre Teilnehmerbegrenzung: begrenzte Zuschauerzahl Ticketpreis Freilichtspiel: Kinder und Erwachsene 10,00 Euro Kombiticketpreis Freilichtspiel + Labyrintgarten Kränzelhof: beim Vorzeigen der Eintrittskarte für das Theater bekommen Sie eine Ermäßigung für den Gartenbesuch. Reservierung: Tourismusbüro Lana von MO-FR 9.00-18.00 Uhr, SA 9.00-12.30 + 15.00-17.30 Uhr, T 0473 561770 – Freilufttheater MO-SO ab 18.00 Uhr, H 320 2822459 Bezahlung: Abendkassa im Kränzelhof

0
Others
Sabato, 07 Ago 2021 09:30-22:00 |
ogni giorno fino a Dom 08 Ago 2021

“Charing” è un programma dedicato a tutti gli appassionati di golf e gastronomia. Possibilità di partecipare a diverse gare, attività e serate di beneficenza. Iscrizione: 342 6195489 charing@charing.events Informazioni dettagliate: www.charing.events Per poter partecipare all'evento è obbligatorio avere il Green Pass. Il calendario può subire modifiche in base alle disposizioni governative. Sul sito ufficiale del turismo in Alto Adige https://www.suedtirol.info/it/informazioni/coronavirus trovate le risposte alle principali domande sul Coronavirus in Alto Adige. 07.08.2021 Ore 09:30 Golf Club Alta Badia Partenza shot-gun gara di golf 9 buche Ore 09:30 Cabinovia Piz La Ila Partenza Mountain Ryder Challenge, percorso alta quota - 4 buche Ore 09:30 Hotel Lujanta Partenza Mountain Ryder Challenge, percorso Cascate del Pisciadú - 5 buche Ore 11:30 Golf Club Alta Badia Apertura Villaggio Charing ristorazione Ore 13:30 Golf Club Alta Badia Partenza shot-gun gara di golf 9 buche Ore 13:30 Cabinovia Piz La Ila Partenza Mountain Ryder Challenge, percorso alta quota - 4 buche Ore 13:30 Hotel Lujanta Partenza Mountain Ryder Challenge, percorso Cascate del Pisciadú - 5 buche Ore 19:00 Terrazza Coppa del Mondo a La Villa Speech “150 anni di Serafico” e a seguire Dinner Party della Tradizione Ladina a sfondo benefico e premiazione di gara 08.08.2021 Ore 09:30 Golf Club Alta Badia Partenza shot-gun gara di golf 9 buche individuale & isole degustative Ore 09:30 Alpine Ski World Cup Alta Badia - La Villa Partenza Nearest to the Parterre Gran Risa Ore 11:30 Golf Club Alta Badia Apertura Villaggio Charing ristorazione Ore 13:30 Golf Club Alta Badia Partenza shot-gun gara di golf 9 buche individuale & isole degustative Ore 13:30 Alpine Ski World Cup Alta Badia - La Villa Partenza Nearest to the Parterre Gran Risa Ore 19:00 Terrazza rialzata del Palazzo di Coppa del Mondo a La Villa Speech e a seguire Cena Gourmet a sfondo benefico e premiazioni di gara

0
Theatre
Venerdì, 06 Ago 2021 21:00
Venerdì 06 Ago 2021

Eine Krimikomödie nach Motiven von Edgar Wallace Eine Mordserie hält die ganze Stadt in Atem. Über das gesamte Stadtgebiet verteilt werden wertvolle Juwelen gestohlen. Der maskierte Mörder ist der Polizei stets einen Schritt voraus und hinterlässt überall sein Markenzeichen: „die schwarze Hand“. Inspektor Platt und seine unerschrockene Kollegin Derrick erforschen die labyrinthischen Gänge der Burg, folgen einer heißen Spur ins Gasthaus am See und stoßen schlussendlich in ein Wespennest. Ein Wettlauf gegen die Zeit beginnt, als die hübsche Sekretärin des Polizeichefs spurlos verschwindet, auf die Platt längst ein Auge geworfen hat und währenddessen geschehen weitere Morde… Eine temporeiche, lustige und zugleich spannende Adaptierung des 1962 entstandenen Edgar Wallace Klassikers „Das Gasthaus an der Themse“. In den damaligen Hauptrollen u.a. Joachim Fuchsberger und Klaus Kinski. In der Stückbearbeitung für die Rittner Sommerspiele erlebt das Publikum wie 6 SchauspielerInnen in über 40 Rollen eine abenteuerliche Reise an verschiedene Schauplätze des legendären Edgar Wallace Filmes unternehmen! Großes Kino auf kleiner Bühne! Regie: Konrad Hochgruber Es spielen: Hanenn Huber, Julian Pichler, Werner Hohenegger, Jos Niederstätter, Joachim Mitterutzner, Andreas Penn.

0
Cinema
Venerdì, 06 Ago 2021 21:00-23:00 |
Venerdì 06 Ago 2021

Immergiti nella magia del cinema e lasciati ispirare: Buenos Aires. Lu e Fati sono madri adolescenti che vivono in una casa famiglia religiosa. Dall’Italia arriva Suor Paola, in procinto di prendere i voti perpetui. L’incontro tra le tre donne e il loro rapporto con la maternità scateneranno reazioni inaspettate. Adolescenze strappate bruscamente al flusso naturale della crescita, donne che sono ancora ragazze e già madri: da un lato si trovano le ragazze inadeguate a essere madri, dall’altro le donne che hanno scelto di non diventarlo, benché nel caso di Paola la volontà recondita sembri affermare tutt’altro... MATERNAL Italia/Argentina 2019, Maura Delpero, 91 min, orig., Il film è sottotitolato in italiano. La Noisteria sarà aperta per un aperitivo. -> 06.08.2021 | ore 21 - 22:30 |Biglietto unico: 8€ | Ridotto: 6,50€ |Prenotazioni telefoniche: 0471 059090 Trovi tutte le informazioni sugli eventi all?indirizzo www.noi.bz.it/Summer_at_NOI Enjoy Summer at NOI!

0
Theatre
Venerdì, 06 Ago 2021 21:00
Venerdì 06 Ago 2021

Laut Wörterbuch ist ein Hoppala ein kleiner Ausrutscher. „Hoppala, war das Ihr Zecherl unter meinem Koffer, gnä Frau?!” in der Wiener U-Bahn. Oder: „Hoppala, sorry wir haben uns doch geirrt wegen der irakischen Atomwaffen! Oops we did it again!” im amerikanischen Senat. So ist das: Hoppalas können lustig oder tragisch sein, fatal oder wurscht. Aber eines haben sie alle gemeinsam: sie sind nur allzu menschlich! Die Königin der satirischen Persiflage beleuchtet kleine und große, erfundene und wahre Missgeschicke der Menschheitsgeschicke. Wieder einmal begibt sich die preisgekrönte Kabarettistin in ihre multiple Welt von schrägen Frauencharakteren. Unglaublich vielseitig in Sprache, Darstellung und Gesang zieht sie Zwischenmenschliches pointiert durch den Kakao! Immer mit optimistischem Blick in eine rosige Zukunft: „Die Gleichstellung der Geschlechter wird in ca. 100 Jahren Realität ... Hoppala! Da bin ich ja gar nicht mehr da!” Egal, alles wird gut! „Diese Frau ist pures Dynamit. Adrenalin pur und verbal intravenös ... Mit Witz, mit Hochspannung und einem Talent jenseits von dieser Welt!” Hillevi Hofmann/SCHICKmagazin

0
Theatre
Venerdì, 06 Ago 2021 21:00
Venerdì 06 Ago 2021

Im Fundus von Theakos hat auch 2021 wieder der Klassiker „Goethes Faust“ seinen festen Platz. Das Stück beginnt schlicht als Goethe-Lesung; bald schon verselbständigen sich aber die Figuren und die Geschichte zieht die zwei Schauspieler in ihren Sog. Mit einfachen Mitteln verwandeln sie sich in „höllischem“ Tempo von Faust und Mephisto in Gretchen und Famulus Wagner, vom suspekten Pudel und besorgten Bruder zur gewissenlosen Marthe, zu Meerkatern und Hexen ... Und das ist erst ein Tröpfchen Fegefeuer! Seit 2013 gespielt, erfreut sich das fulminante Spektakel mit Tiefgang ungebrochener Beliebt- heit und ist aus dem Tschumpus-Sommer nicht mehr wegzudenken. Jahr für Jahr steigert sich die Besucherzahl und so ist auch 2021 Goethes Faust eine feste Größe im ehemaligen Gefängnis.

0
Music
Venerdì, 06 Ago 2021 20:00
Venerdì 06 Ago 2021

Lo straordinario progetto musicale del polistrumentista e compositore altoatesino Herbert Pixner è tra i complessi più apprezzati del genere “new & progressive folk”. Attraverso la fusione di linguaggi musicali diversi quali jazz, rock o blues, una tecnica brillante, entusiasmo e passione, il complesso coinvolge il pubblico in uno spettacolo unico. Il concerto si svolgerà all'aperto con qualsiasi condizione di tempo. I biglietti acquistati non saranno rimborsati se non utilizzati. All'ingresso è obbligatorio mostrare il Coronapass (certificato vaccino da non oltre 6 mesi / guariti da non oltre 6 mesi / tampone negativo - PCR o antigenico nasale - effettuato nelle ultime 48 ore). Obbligo di mascherina.

0
Art & Culture
Venerdì, 06 Ago 2021 18:3020:30
Venerdì 06 Ago 2021

In occasione dell’opening si terrà la performance Georitmie di Mona Lisa Tina. La performance sarà realizzata in due diverse fasce orarie: alle ore 18,30 e alle ore 20,30. Prenotazione obbligatoria entro lunedì 2 agosto inviando mail a: info@vijion.it Georitmie è il titolo della prima personale di Mona Lisa Tina in Val Gardena – appositamente ideata per gli spazi della Vijion Art Gallery di Ortisei e curata da Livia Savorelli – e della live performance che verrà realizzata, in occasione dell’opening, venerdì 6 agosto. Artista visiva e arte terapeuta, classe 1977, la sua ricerca privilegia come medium la performance declinata in azioni fortemente simboliche e dal forte pathos, in cui il Corpo – come luogo di continui processi psichici e fisici – diventa viatico di un’interazione empatica con il fruitore, per promuovere nuovi processi di condivisione simbolica e di riappropriazione identitaria. Come sottolinea la curatrice della mostra Livia Savorelli «Sostenitrice dell’Universalità del linguaggio trasversale dell’Arte, capace di superare qualsiasi barriera – culturale, geografica o di genere – Mona Lisa Tina, attraverso il suo ascolto silenzioso, la sua potente capacità di entrare in empatia, di cogliere le emozioni e di “leggere” il dolore, di “accogliere” nel senso più ampio del termine, invita a tracciare nuove strade di incontro con l’Altro. Un approccio inclusivo per provare a delineare, attraverso il linguaggio dell’Arte, ipotesi costruttive per la definizione di “quel mondo migliore” di cui tutti noi abbiamo un gran bisogno». A partire dall’opera Nero (2020), la mostra presenta la produzione fotografica di Mona Lisa Tina, facente parte di Primario, un ciclo interamente dedicato alla forza primigenia del colore primario – sviscerato nel suo significato simbolico associato alla cromoterapia – nel quale il colore indagato e protagonista della rispettiva serie (rosso, bianco, blu, giallo), è unico elemento di congiunzione tra il corpo dell’artista e lo scenario naturale che lo accoglie, emblema simbolico del legame ancestrale con la Natura che si apre all’Umanità in un abbraccio rigenerante. Un’unione che l’artista rende ancora più forte attivando azioni performative che originano dal significato intrinseco di ogni singolo colore, come nel caso della performance Georitmie, dedicata al colore rosso ed ideata per gli spazi di Vijion Art Gallery, in cui l’artista intreccerà suono, immagini fortemente evocative ed azione partecipata, attivando un dialogo silenzioso con il pubblico. In occasione della mostra, Mona Lisa Tina presenterà inoltre due serie inedite Bianco e Blu, entrambe del 2021, che accompagnano la serie Rosso del 2020. BIO MONA LISA TINA: Artista visiva e arte terapeuta, Mona Lisa Tina vive e lavora a Bologna. Nata a Francavilla Fontana (BR) nel 1977, si è diplomata nel 2005 in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna e si è specializzata nel 2012 in Arte Terapia presso Art Therapy Italiana. È docente e referente didattico del Corso Triennale in arte terapia presso LE NUOVE ARTI TERAPIE, direttore Oliviero Rossi, indirizzo Arti Visive e Performative che si tiene a Bologna, Firenze, Roma e Milano. Mona Lisa Tina pone al centro di tutte le sue riflessioni il Corpo come luogo di continui processi trasformativi psichici e fisici. All’interno delle azioni performative promuove una dimensione simbolica di autocoscienza e una reale riappropriazione identitaria. L’artista intende proporre una fisicità “alternativa”, che si libera dai modelli di bellezza standardizzati, esibendola come spazio simbolico aperto e veicolo di comunicazioni significative su più piani di lettura. Ha esposto presso musei in Italia e all’estero, e in gallerie e spazi di ricerca di arte contemporanea. Conduce seminari e workshop sugli aspetti fondanti della sua indagine artistica, nonché ha curato e preso parte a molte pubblicazioni che hanno per oggetto il linguaggio espressivo della Performance e la centralità del corpo.

0
Art & Culture
Venerdì, 06 Ago 2021 18:00-23:00 |
Venerdì 06 Ago 2021

Vivere Plan de Corones in versione notturna, camminare verso l’MMM Corones illuminati dalle fiaccole e godersi un’atmosfera unica. Dalle ore 18:00 alle ore 23:00. Impianti aperti dalle 18:00 alle 23:00: - Kronplatz 1+2| Riscone - Ruis | Passo Furcia - Prezzo: Andata e ritorno 12,00€ a persona - Bambini fino a 8 anni gratis Musei aperti: - MMM Corones Museum - Lumen Museum - Prezzo: 9,00€ dai 15 anni in poi a persona e museo - Juniores da 9 – 14 anni 4,00€ - Bambini fino a 8 anni gratis

0
Cinema
Giovedì, 05 Ago 2021 21:30
Giovedì 05 Ago 2021

AT/BE 2020, 107 min. regia: Evi Romen con: Thomas Prenn, Noah Saavedra, Josef Mohamed, Kida Khodr Ramadan u. a. tedesco [sottotit. italiani] Mario vive a Hochwald, piccolo paese del Sudtirolo; un luogo di confine etnico-linguistico in cui si finge in silenzio di non sapere della sua omosessualità. Ha una sconsiderata passione per la danza e, mentre lavora come pasticciere, nel tentativo di guadagnare per coltivare la sua carriera artistica, passa le giornate in macelleria, facendosi pagare per "servizi speciali" resi nel retrobottega a un suo collega. Il sovraccarico esistenziale viene ulteriormente alimentato quando, in un locale gay a Roma, il suo caro amico Lenz rimane vittima di un attacco terroristico. L’evento innesterà un’oscillazione emotiva fra il senso di colpa e la volontà di liberazione. Premio Provincia autonoma di Bolzano per il miglior lungometraggio al 34o Bolzano Film Festival (BFFB).

0
Cinema
Giovedì, 05 Ago 2021 21:00
Giovedì 05 Ago 2021

A RIVEDER LE STELLE-Cinema Sotto Le Stelle-Open Air Cinema 50 posti a sedere/ingresso libero Claudio Milano e i Sincopatici in occasione del settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri creano un vero e proprio spettacolo multimediale, in cui la componente musicale non ha solamente il ruolo di commento sonoro dal vivo durante la proiezione del film, ma dialoga con il film in un continuo, cangiante gioco di prospettive, dando vita a una moderna rilettura dell'immortale capolavoro adatta a tutte le età.

0
Theatre
Giovedì, 05 Ago 2021 21:00
Giovedì 05 Ago 2021

Ausgehend von der 1954 entstandenen gleichnamigen Erza?hlung des großen Dichters Erich Ka?stner Inszeniert wird es von Torsten Schilling, der Ku?nstlerische Leiter der Schlossfestspiele. Mit seinem Team und dem Schauspielensemble wird eine einzigartige Revue voll tiefsinnigem Witz, mitreißender Live-Musik, u?berraschender Ausstattung sowie choreografischer Gesamtkomposition erschaffen. Ob es um den Bau eines neuartigen Rathauses geht, um das Verstecken einer Kirchenglocke, um die U?berfu?hrung einer Kuh auf einen speziellen Weideplatz oder um eine lyrische Bu?rgermeisterwahl – immer verblu?ffen die Schildbu?rger mit ihrer unerwarteten „Lo?sung“. Und egal, ob man als Kind oder Erwachsener schon von der ein oder anderen Episode geho?rt hat – in diesem Sommerspektakel wird das Publikum mit Sicherheit aufs Neue ins Staunen versetzt! Beginn Einlass und Bistro: ab 19:00 Uhr Beginn der Vorstellung: 21:00 Uhr Shuttle-Dienst zwischen 19.30 bis 20.45 Uhr ab Kreuzung Vereinshaus – 2 €

0
Kids
Giovedì, 05 Ago 2021 19:00
ogni giorno fino a Ven 06 Ago 2021

Robin Hood ist ein lebendiges Phantom. Er versteckt sich in den Wäldern von Sherwood und bringt den Armen das Geld zurück, das ihnen der gierige Sheriff von Nottingham abnahm. Mit seinen drei Gefährten Little John, Bruder Tuck und Will Scarlet kann Robin diesen nimmersatten Gewalthaber und seinen Gehilfen Guy de Gisbourne immer wieder austricksen. Kein Wunder, dass das arme Volk Robin Hood liebt und schützt. Brenzlig wird es, als ihn auch Lady Marian, Tochter von König John, mehr als interessant findet. Die freche Neufassung für Kinder ab 5 Jahren wird mit Wortwitz, Mut und natürlich mit Pfeil und Bogen ausgefochten, Erlebnis Kränzelhof (mit Anmeldung). Treffpunkt: Kränzelhof, Tscherms Alter: 4-99 Jahre Teilnehmerbegrenzung: begrenzte Zuschauerzahl Ticketpreis Freilichtspiel: Kinder und Erwachsene 10,00 Euro Kombiticketpreis Freilichtspiel + Labyrintgarten Kränzelhof: beim Vorzeigen der Eintrittskarte für das Theater bekommen Sie eine Ermäßigung für den Gartenbesuch. Reservierung: Tourismusbüro Lana von MO-FR 9.00-18.00 Uhr, SA 9.00-12.30 + 15.00-17.30 Uhr, T 0473 561770 – Freilufttheater MO-SO ab 18.00 Uhr, H 320 2822459 Bezahlung: Abendkassa im Kränzelhof

0
Formation
Giovedì, 05 Ago 2021 09:00-17:00 |
Giovedì 05 Ago 2021

Giovedì 5 agosto, a partire dalle ore 9.00, in diretta streaming sul canale youtube www.youtube.com/fondazionemach si svolgerà il tradizionale incontro tecnico dedicato al comparto biologico. Fondazione Edmund Mach la mattina, e il Centro di Sperimentazione Laimburg nel pomeriggio, realizzeranno due approfondimenti rispettivamente su viticoltura e frutticoltura biologica, nel corso dei quali saranno presentate le attività di sperimentazione condotte nel 2021 in provincia di Trento e Bolzano. Programma Presentazione prove sperimentali in viticoltura biologica Fondazione Edmund Mach 9:00 Saluto di apertura Mario Del Grosso Destreri - Direttore Generale Fondazione Edmund Mach 9:10 Introduzione alla giornata e presentazione delle attività dell’Unità Agricoltura biologica nel 2021 Daniele Prodorutti - Unità Agricoltura Biologica FEM-CTT. 9:20 Controlli e situazione fitosanitaria 2021 nelle aziende biologiche in Trentino Marco Chiusole, Roberto Lucin, Marino Gobber, Roberto Zanzotti – Unità Agricoltura Biologica FEM-CTT 9:40 Gestione dei giallumi della vite nelle aziende a conduzione biologica in Trentino. Marino Gobber, Roberto Lucin – Unità Agricoltura Biologica FEM-CTT 10:00 Gestione della peronospora: risultati della sperimentazione 2021 Romano Maines, Flavia Forno, Roberto Zanzotti – Unità Agricoltura Biologica FEM-CTT 10:20 Esperienze di contenimento della peronospora della vite con coperture antipioggia Ewald Lardschneider, Markus Kelderer – Centro di Sperimentazione Laimburg 10.40 Spazio domande via WhatsApp (335 8484120) PROGRAMMA POMERIGGIO Presentazione prove sperimentali in frutticoltura biologica Centro di Sperimentazione Laimburg 13.30 Presentazioni in ITALIANO Saluto inaugurale • Nuove molecole per contenere le malattie fungine in frutticoltura biologica? Markus Kelderer, Claudio Casera, Centro di Sperimentazione Laimburg • A che punto siamo con la gestione delle fumaggini? Markus Kelderer, Claudio Casera, Centro di Sperimentazione Laimburg • BioFruitNet: un progetto per la frutticoltura europea!   Markus Kelderer, Alfredo Mora Vargas, Centro di Sperimentazione Laimburg Spazio domande via WhatsApp (335 1309591) Dopo le presentazioni in lingua italiana seguono quelle in lingua tedesca

0
Theatre
Mercoledì, 04 Ago 2021 21:00
Mercoledì 04 Ago 2021

Eine Krimikomödie nach Motiven von Edgar Wallace Eine Mordserie hält die ganze Stadt in Atem. Über das gesamte Stadtgebiet verteilt werden wertvolle Juwelen gestohlen. Der maskierte Mörder ist der Polizei stets einen Schritt voraus und hinterlässt überall sein Markenzeichen: „die schwarze Hand“. Inspektor Platt und seine unerschrockene Kollegin Derrick erforschen die labyrinthischen Gänge der Burg, folgen einer heißen Spur ins Gasthaus am See und stoßen schlussendlich in ein Wespennest. Ein Wettlauf gegen die Zeit beginnt, als die hübsche Sekretärin des Polizeichefs spurlos verschwindet, auf die Platt längst ein Auge geworfen hat und währenddessen geschehen weitere Morde… Eine temporeiche, lustige und zugleich spannende Adaptierung des 1962 entstandenen Edgar Wallace Klassikers „Das Gasthaus an der Themse“. In den damaligen Hauptrollen u.a. Joachim Fuchsberger und Klaus Kinski. In der Stückbearbeitung für die Rittner Sommerspiele erlebt das Publikum wie 6 SchauspielerInnen in über 40 Rollen eine abenteuerliche Reise an verschiedene Schauplätze des legendären Edgar Wallace Filmes unternehmen! Großes Kino auf kleiner Bühne! Regie: Konrad Hochgruber Es spielen: Hanenn Huber, Julian Pichler, Werner Hohenegger, Jos Niederstätter, Joachim Mitterutzner, Andreas Penn.

0
Cinema
Mercoledì, 04 Ago 2021 21:00
Mercoledì 04 Ago 2021

Immergiti nella magia del cinema e lasciati ispirare: In un piccolo borgo in Sud Italia la statua di un Gesù nero viene venerata da secoli. La comunità si trova di fronte a un bivio alla richiesta del diciannovenne ghanese Edward, ospite del contestato centro di accoglienza del paese, di affiancare i portatori locali della statua, prendendo parte attivamente alla processione annuale. In un viaggio alla ricerca delle radici profonde della xenofobia, gli abitanti del posto sono chiamati a mettere in discussione la propria identità, a partire dall'icona stessa della loro fede. A BLACK JESUS Germania, 2020 Luca Lucchesi, 92 min. orig. Il film è sottotitolato in tedesco. La Noisteria sarà aperta per un aperitivo. -> 04.08.2021 | ore 21 - 22:30 |Biglietto unico: 8€ | Ridotto: 6,50€ |Prenotazioni telefoniche: 0471 059090 Trovi tutte le informazioni sugli eventi all?indirizzo www.noi.bz.it/Summer_at_NOI. Enjoy Summer at NOI!

0
Cinema
Mercoledì, 04 Ago 2021 21:00
Mercoledì 04 Ago 2021

A RIVEDER LE STELLE-Cinema Sotto Le Stelle-Open Air Cinema 50 posti a sedere/ingresso libero Fondatore e principale compositore dei mitici CCCP e poi dei CSI, Zamboni a vent’anni dal mitico primo viaggio si inoltra nuovamente nella terra che li lega profondamente: un nuovo viaggio, una scoperta ulteriore, indagine sull’Altrove che abita in noi, un’esplorazione necessaria tra le stanze della memoria più intima di quella tabula rasa elettrificata.

0
Cinema
Mercoledì, 04 Ago 2021 20:30
Mercoledì 04 Ago 2021

di Yasemin Samdereli - D 2011 - 101’ La storia di una famiglia turca emigrata in Germania negli anni Sessanta raccontata attraverso un alternarsi di flashback e ritorni al presente, quando il protagonista Huseyn, ormai divenuto nonno e di cittadinanza tedesca, propone alla famiglia di rientrare in Anatolia. Il film gioca su registri comico e tragico insieme: comico quando si descrivono gli incerti approcci alla vita tedesca della famiglia di Huseyn, tragico quando vengono messi in luce i conflitti di una identità che non è più turca ma che non è ancora tedesca. La vicenda si evolve in parallelo con la progressiva germanizzazione della famiglia di Huseyn e con lo scoprirsi stranieri mano a mano che la vacanza in Anatolia procede. Nell'ambito di "Estate al cinema. Regia: sostantivo femminile". Entrata libera - Posti limitati

0
Kids
Mercoledì, 04 Ago 2021 17:30
Mercoledì 04 Ago 2021

Bauer Kruse hat drei Schweinekuhlen: die Unter-, die Mittel- und die Oberkuhle. Josephine lebt in der Unterkuhle zwischen „fressen, matschen und schlafen!“ Sie träumt jedoch von einem besseren Leben. Davon, einmal ein mittelkuhles oder gar ein oberkuhles Schwein zu sein. Eines Nachts macht sie sich tatsächlich auf den Weg. Sie verlässt ihre Kuhle und versucht ihr Glück. Ihr Aufstieg endet mit bitterer Enttäuschung. Verzweifelt flieht sie aus dem Schweinehof und landet im tiefsten Wald, wo sie das Wildschwein Parcival kennenlernt. Beide verlieben sich ineinander. Sie verbringen zusammen wunderbare Tage im Wald. Josephine aber bekommt von der Wildschweinrotte wieder einmal zu spüren, was es heißt, anders zu sein. Wieder wird sie ausgestoßen... Als dann auch noch Bauer Kruse und Jägermeister Spieß im Wald auftauchen, um die Wildschweine in „leckere Würstchen“ umzuwandeln, nimmt sich Josephine ein Herz: „... das Glück den Tapferen!“ Eine Fabel als Erzähltheater mit Figuren und Musik. Für Menschen ab 5 Dauer: ca. 50 Minuten

0
Art & Culture
Mercoledì, 04 Ago 2021 17:30
Mercoledì 04 Ago 2021

Beppe Severgnini - Palloni. Campioni. Nazioni - Un racconto in musica L’Italia vince gli Europei dopo 43 anni. Il torneo continentale si trasforma in una festa itinerante, dopo un periodo molto difficile per tutti. Cos’è nascosto dentro un pallone? Cosa rappresenta il calcio? Perché le nazioni hanno bisogno di questi sfoghi? Cosa rivelano? Beppe Severgnini proverà a ragionare su tutto questo e su uno sport che lo appassiona da sempre, al quale ha dedicato articoli, libri e interventi televisivi. Interista romantico, ovviamente non dimenticherà lo splendido 19º scudetto nerazzurro, cui ha appena dedicato “Inter Nos” (Solferino). Lo accompagnerà sul palco, come sempre, la voce incantevole di Simona Bondanza, che racconterà in musica i campioni, le nazioni e il fascino del pallone. Al piano, Alex Trebo. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Capienza della sala e posti limitati nel rispetto delle disposizioni di legge.

0
Music
Mercoledì, 04 Ago 2021 05:15
Mercoledì 04 Ago 2021

Risveglio in musica: passeggiata per ammirare il sole che sorge, concerto e colazione Sabato mattina 4 settembre non sarà una mattina qualunque. Quando il sole sorgerà intorno alle ore 6:40 a Bressanone 150 fortunati muniti di biglietto assisteranno sulla Plose ad un concerto speciale di Max von Milland, cantautore brissinese conosciuto anche oltre i confini altoatesini. Si fa chiamare con il nome del sobborgo di Bressanone dove è cresciuto: Milland (Millan). Max è cresciuto a Bressanone e ora vive a Monaco di Baviera come cantautore. Per lui casa non è uno spazio concreto, ma piuttosto una sensazione: una serata insieme agli amici, facendo musica o festeggiando. Questa estate Max torna a “casa” e accompagnerà i primi raggi del sole con un concerto speciale sulla Plose. Se non avete mai partecipato a un concerto all’alba, questa è l’occasione giusta, aspettando l’arrivo del sole e del nuovo giorno con lo sguardo rivolto verso l’orizzonte accompagnati dalle note del cantautore brissinese. Il concerto sarà un appuntamento straordinario organizzato da Bressanone Turismo come un saluto musicale all’alba, ambientato nella spettacolare cornice della montagna di casa, la Plose. La proposta brissinese coniuga musica, montagna e gusto nel rispetto per la natura. Appuntamento per i più mattinieri: ritrovo a Sant’Andrea alla stazione a valle della cabinovia alle ore 5:15. Poi si sale di quota con la cabinovia Plose, si cammina (non dimenticare la torcia frontale) per raggiungere il palco e per ammirare il sorgere del sole. Per attendere l'evento è richiesto il Green Pass! A quest'ora del giorno può fare piuttosto freddo sulla montagna. Si consiglia quindi di vestirsi adeguatamente caldi e di portare una coperta o un cuscino per sedersi a terra. In caso di maltempo, il concerto sarà posticipato a domenica 5 settembre.

0
Cinema
Martedì, 03 Ago 2021 21:30
Martedì 03 Ago 2021

DE 2020, 95 Min. Regie: Leonie Krippendorff mit: Lena Urzendowsky, Jella Haase, Lena Elenke, Elina Vildanova, Anja Schneider, Denise Ankel Im multikulturellen Mikrokosmos ihres Berliner Viertels gibt es viele erste Male für die 14-jährige Nora. Sie bekommt zum ersten Mal ihre Periode, raucht Marihuana, entdeckt ihre Liebe zu anderen Mädchen und trifft die wilde Romy. Mit ihr wirkt die laute Gegend von Kreuzberg plötzlich unendlich groß und voller versteckter Schönheit. Nora verliert ihr Herz an Romy und lernt, für sich selbst einzustehen. Ein starker Film über das Erwachsenwerden mit großer Zärtlichkeit für seine Figuren und ihre Konflikte.

0
Theatre
Martedì, 03 Ago 2021 21:00-23:00 |
Martedì 03 Ago 2021

Cerchi il gusto e i suoni dell?estate? Cinema meets Opera” presenta una serata dedicata all'opera su grande schermo. Prenotati alle ore 21:00 per vedere "Il Trovatore" di Giuseppe Verdi: CLARISSA COSTANZO| Soprano JORGE MARTINEZ | Baritono RISTINA BATTISTELLA | Pianoforte FABIO SARTORELLI | Narratore L'evento è in lingua italiana. La Noisteria sarà aperta per un aperitivo. ->03.08.2021 | 21 - 23 | Info&Ticket: https://www.busoni-mahler.eu/it/home/. Trovi tutte le informazioni sugli eventi all?indirizzo www.noi.bz.it/Summer_at_NOI. Enjoy Summer at NOI!

0
Theatre
Martedì, 03 Ago 2021 21:00
Martedì 03 Ago 2021

Größte Heiterkeit in Theatersälen und Konzerthäusern von den Niederlanden – Concertgebouw Amsterdam – bis ins spanischeHochgebirge – Festival de teatre Esterri d‘Àneu, Pyrenäen: Herzlich Willkommen in der herrlich grotesken und umwerfend komischen Welt der Konzertakrobaten Gogol & Mäx. Was diese meisterlichen Komiker auf der Theaterbühne darbieten, ist schlichtweg atemberaubend. Zwei prall gefüllte Stunden des Lachens und Staunens über die akrobatische und musikalische Kunstfertigkeit und die schier unbegreifliche Instrumentenvielfalt. Und wenn im „Finale grande“ die Pianisten-Ballerina im rosa-farbenen Tutu auf filigranem Stahl balanciert, dann hat es den Anschein, als könne sich selbst die auf dem Klavier thronende Bachbüste vor Lachen kaum mehr auf ihrem Sockel halten. „Ein Publikum, das sich vor Lachen zeitweise kaum noch auf den Stühlen halten kann.“ Westfalen Blatt „Große Kunst, nach der der Jubel im Saal zu Recht keine Ende nehmen wollte.“ Süddeutsche Zeitung „2 Künstler – 1 Wort: urkomischbrillantwitzigARTistischvirtuoskomödiantischgenialquietschfidelgroßARTig.“ Ute Nebel, Unterhaus Mainz

0
Cinema
Martedì, 03 Ago 2021 21:00
Martedì 03 Ago 2021

A RIVEDER LE STELLE-Cinema Sotto Le Stelle-Open Air Cinema 50 posti a sedere/ingresso libero Regia di Samuele Rossi. Con Andrea Arru, Giorgia Wurth, David Paryla, Loretta Goggi, Massimo De Lorenzo. Genere Drammatico, - Italia, 2020, durata 90 minuti. UNA STORIA DELICATA CHE RIPORTA AL CENTRO DI UN FILM PER RAGAZZI IL GUSTO DELL'AVVENTURA DI GRUPPO.

0
Art & Culture
Martedì, 03 Ago 2021 19:00
L'evento si terrà oggi e ogni settimana fino a Mar 31 Ago 2021 nei giorni di: Martedi

Dienstags im August: Abendliche Museumsbesichtigung des MMM Firmian (ab 19:00 Uhr). Das interne Restaurant ist abends auch geöffnet. Mit einsetzender Dämmerung (21:00 Uhr) erzählt Ihnen0 Reinhold Messner aus seinem Leben und beantwortet Ihre Fragen. Preis: Erwachsene 25€ | Kinder (8 – 16 Jahre) 10€ | Kinder unter 8 Jahren haben freien Eintritt Die Museummobilcard wird bei der Abendveranstaltung nicht angenommen. Tickets nur an der Abendkasse erhältlich. Bei schönem Wetter keine Anmeldung erforderlich! Bei Regenwetter sind Anmeldung und Corona-Pass Voraussetzung: info@messner-mountain-museum.it

0
Art & Culture
Martedì, 03 Ago 2021 17:30
Martedì 03 Ago 2021

Chiara Francini - Il cielo stellato fa le fusa Questa è una storia che prende vita sulle colline di Firenze, durante un giorno di maggio, in una dimora dal nome che pare scritto da Petrarca. O da Biancaneve. Villa Peyron al Bosco di Fontelucente. In questa magione profumata di fiori, caffellatte e bucati si svolge, durante un fine settimana, un convegno prelibato che parla di Cibo e Cultura. I partecipanti, golosi di bellezza e d'arte, vengono da ogni angolo del creato. Governante e regina della magione è la Lauretta, colei che tutto tiene a bada, sbenedizionando a destra e a manca col mestolo disinvolto, la cucina sopraffina e la ciabatta lesta quanto la lingua. Ma d'improvviso, accade l'impensabile. Il variopinto bouquet d'umani si trova rinchiuso, sprangato per un tempo assai più lungo di quello immaginato. Una clausura involontaria, un perimetro stretto stretto, anche se straordinario. Che ne sarà dei nostri sventurati, alla ventura? Sconosciuti gli uni agli altri. In fondo anche a se stessi. E non potendo più uscire, che si fa? Ci si ispira al Decameron del Ser Boccaccio, si raccontano novelle! Chiara Francini, nata a Firenze e cresciuta a Campi Bisenzio, è una scrittrice e attrice di teatro e cinema. Collabora con “La Stampa” come editorialista. Per Rizzoli ha pubblicato i romanzi bestseller Non parlare con la bocca piena (2017) e Mia madre non lo deve sapere (2018), entrambi disponibili in BUR. Il suo ultimo libro è Il cielo stellato fa le fusa (2020). Con l'autrice: Gianna Schelotto, psicoterapeuta e scrittrice. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Capienza della sala e posti limitati nel rispetto delle disposizioni di legge.

0
Kids
Martedì, 03 Ago 2021 08:00-16:30 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Ven 27 Ago 2021 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi

6-10 anni I bambini saranno accolti in spazi aperti e bellissimi, nell’aria medievale del suggestivo Castel Roncolo. Un corso utile alla socializzazione in lingua inglese. Un modo per fare un tuffo nel passato immersi nella natura che offre questo luogo. Impareranno ad impastare il pane e a creare insieme ad un nostro esperto in lingua. LINGUE: inglese ORARIO: dal lunedì al venerdì, 8:00 – 16:30 LUOGO: Castel Roncolo - Via Sill 15, Bolzano PASTO: incluso PREZZO: 160€ + tessera Azb | 150€ secondo figlio (se iscritto contemporaneamente) + tessera Azb PREZZO SCONTATO: Iscrizioni entro 31.03.2021 > 140€ a bambino iscritto

0
Kids
Martedì, 03 Ago 2021 08:00-13:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Ven 27 Ago 2021 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi

I bambini saranno coinvolti in attività ludiche e di riflessione linguistica con dei Teacher Dogs. Un corso che ha come obiettivo quello di far conoscere il mondo animale, valorizzarne l’intelligenza e incentivare comportamenti consapevoli nei bambini, il tutto utilizzando la lingua inglese. LINGUE: inglese ORARIO: dal lunedì al venerdì, 8:00 – 13:00 LUOGO: Centro Parrocchiale - Piazza Parrocchia 24, Bolzano PRANZO: non previsto PREZZO: 160€ + tessera Azb | 150€ secondo figlio (se iscritto contemporaneamente) + tessera Azb PREZZO SCONTATO: Iscrizioni entro 31.03.2021 > 140€ a bambino iscritto

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021 15:00-19:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Ven 03 Set 2021 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

L'avenir nous appartient L'avenir ne nous appartient pas La giovane artista Linda Jasmin Mayer di Merano, insieme al suo partner Sebastian Kulbaka, ha vinto la borsa di studio per la promozione di giovani artisti 2020. Per la seconda volta è stato bandito il premio, sostenuto dal Südtiroler Künstlerbund e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, con lo scopo di promuovere giovani artisti locali all'estero. Il premio comprende un soggiorno di 3 mesi presso la rinomata Cité Internationale des Arts nel centro di Parigi. I risultati della permanenza Parigina vengono presentati in una mostra alla Galleria Prisma. "L'avenir nous appartient L'avenir ne nous appartient pas" è il titolo della prima mostra congiunta di Linda Jasmin Mayer e Sebastian Kulbaka. Il progetto premiato prevede una serie di opere realizzate focalizzando l'estetica del processo lavorativo. Un'opera precedente è stata riutilizzata per creare una serie infinita di nuove opere. Un tessuto di 50 metri quadrati imbevuto di cera d'api, la base dell'installazione "Reveal" del 2019 creata da Linda Jasmin Mayer per la mostra "Beauty Case" alla Hofburg di Bressanone, è il manufatto che è stato rielaborato. La mostra presenta opere che continueranno a trasformarsi. Prima era un'installazione, poi è diventato un costume e in futuro sarà qualcos'altro. "L'avenir nous appartient" (Il futuro è nostro) e la sua negazione "L'avenir ne nous appartient pas" (Il futuro non è nostro) diventano il concetto base della mostra, rappresentando l'ambivalenza in cui ci troviamo. Non conosciamo il futuro, ma in qualche modo ci appartiene e siamo legati ad esso. Linda Jasmin Mayer (nata nel 1986 a Merano, Italia) è un'artista visiva. La sua pratica artistica comprende una vasta gamma di strategie e forme di espressione. Questi includono immagini in movimento, opere sonore, arte partecipativa ed esplorazioni scultoree. Utilizza immagini in movimento e suoni per trasformare gli spazi in spazi "alternativi" e crea installazioni immersive progettate per fornire spazio alla contemplazione. Nel 2014 riceve un MFA dal programma di studio Time and Space alla Finnish Academy of Fine Art, Helsinki. Nel 2015 studia alla School of Media Arts alla Royal Danish Academy of Fine Arts, Copenhagen. Nel 2010 si laurea con un BFA in Scultura all'Accademia di Belle Arti Brera, Milano. Nel 2018 partecipa al programma di studio indipendente Maumaus a Lisbona. Le sue opere sono state esposte in mostre personali e collettive in Italia, Spagna, Finlandia, Danimarca, Austria, Germania, Bulgaria, Sri Lanka, Egitto e Russia. Il suo progetto finale "How to Break the Ice" ha ricevuto il premio Kuvataideakatemian Ystävät nel 2013. Il suo lavoro video "Snowcats" è stato mostrato diverse volte, tra cui al Trento Film Festival 2014 in una proiezione curata dal MART. Nel 2016 partecipa alla Biennale d'arte di Colombo in Sri Lanka. Sebastian Kulbaka (nato nel 1985 a Lodz, Polonia) è un artista visivo con sede a Merano. Ha frequentato l’Istituto d’Arte A. Vittoria di Trento. Dopo un’esperienza di studio all’Accademia di Belle Arti di Roma, si è diplomato in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Le opere di Kulbaka trattano le pratiche dell'estetica relazionale e l'elaborazione mediale del dolore e della memoria. Sebastian Kulbaka ha partecipato a diverse mostre e progetti nello spazio pubblico e nel campo dell'arte ambientale. Tra gli altri il suo lavoro Mundus, realizzato in collaborazione con Adriano Siesser, è stato esposto nel 2016 all'ottava edizione di 'Sentieri nell'arte', a Caprino Veronese, Verona. Nel 2015 è arrivato secondo al Premio nazionale di Land Art a Villa Breda Di Padova.

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 29 Ago 2021

L'opera d'arte non è ciò che appare - o almeno - non soltanto! Prevale il processo ideativo, l'applicazione dei "saperi", raccolti nel corso di una "vita" artistica. Danzano i segni, i colori, le forme, ma dietro si aprono innumerevoli strade che partono da "lontano". Ogni via è un percorso, un'idea, una narrazione! GLI ARTISTI: MARIANA ACUÑA CELESTINA AVANZINI MAURO CAPPELLETTI ALDA FAILONI RAPHAEL MUR CLAUDIO OLIVOTTO ROBERTO PEDROTTI ALEX PERGHER LEANDER PIAZZA SERGIO SOMMAVILLA EDITH STROBL LIZ TABER GIUSEPPE ZOPPI

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021 10:00-12:00 | 16:00 - 18:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 07 Ago 2021 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Nella fotografia, Sissa Micheli ama giocare con la presenza e l'assenza, con la materialità e la sensualità, con il piacere della stravaganza e del surreale, con l'enigmatico e l'umoristico. La superficie visibile dell'immagine spesso rimanda a qualcos'altro, a qualcosa di celato dietro di essa, a una storia nascosta che può essere solo parzialmente intuita, ad un enigma che può essere risolto solo in parte. Curiosa, l’artista si avvicina ai suoi campi d'indagine e dà vita ad un cosmo sensuale ed enigmatico, in perenne movimento tra realtà e finzione, tra passato, presente e futuro. In generale la messa in scena è una componente essenziale del lavoro di Sissa Micheli: l'immagine mobile e dinamica è una compagna costante delle sue opere. Con capi d’abbigliamento volanti, l’artista crea affascinanti sculture temporanee che celebrano la fugacità e l'effimero in un gioco sensualmente dinamico. Nelle nuove opere, Micheli trova ispirazione nella piega che conduce all'infinito, come descritto dal filosofo francese Gilles Deleuze nel suo libro "La piega": Leibniz e il barocco" (1988). Deleuze scopre nell’opera di Leibniz i termini "piegare" e "avvolgere e disfare" e ricostruisce, partendo da questa base, una metafisica barocca. In riferimento alla sua monadologia (la dottrina delle sostanze semplici o elementi ultimi della realtà), l'anima umana è immaginata come una monade, ovvero come un'unità richiusa su sé stessa, colma di pieghe poste su due livelli: le "pieghe della materia" e le "pieghe dell'anima", delimitate e tuttavia vicendevolmente intrecciate. Il presunto mondo esterno è sempre attualizzato solo come una rappresentazione interna; la totalità delle rappresentazioni lo veste dall'interno, ed esse si diffondono al suo interno sotto forma di piega. Allo stesso tempo, le opere di Micheli assurgono a simbolo della caratteristica fondamentale della fotografia, ovvero catturare e congelare visivamente un attimo non percepibile dall'occhio umano, infondendogli un significato. I tessuti messi in scena davanti al viso ed al corpo di una figura femminile giocano con il contrasto tra velatura e rivelazione, tra protezione e assenza di difese, e mostrano un essere umano vulnerabile, gettato nel mondo e alla sua mercé. Micheli ha iniziato a dipingere questa serie di opere ben prima della pandemia. Ora, sono più attuali che mai. (Günther Oberhollenzer) BIOGRAFIA: Sissa Micheli è nata a Brunico, in Alto Adige, nel 1975 e ha studiato alla Scuola di Fotografia Artistica e all'Accademia di Belle Arti di Vienna. Ha vinto numerosi premi e borse di studio, tra cui una borsa di studio a New York (2006), il Premio dell’Accademia (2008), la borsa di studio di atelier BMUKK a Londra (2009) e Parigi (2013), la borsa di studio statale per la fotografia artistica (2015) e il premio “Artista altoatesino dell'anno” di HGV e SKB (2016). Ha all’attivo numerose mostre personali e collettive sia sul territorio nazionale che all'estero. Vive e lavora a Vienna. www.sissamicheli.net La mostra può essere visitata nei seguenti orari: 27.7 - 7.08.2021 - da martedì a sabato, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18 (Kunstforum Unterland – Galleria della Comunità Comprensoriale Oltradige Bassa Atesina – Portici 26 - Egna). Durante tutta la durata della mostra, saranno naturalmente rispettati tutti i protocolli di sicurezza anti - Covid - 19.

0
Kids
Martedì, 03 Ago 2021 08:00-17:30 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Ven 06 Ago 2021 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi

In collaborazione con la scuola di danza DanceProject di Pineta di Laives si alternano lezioni di danza classica, hip hop, danza moderna e lingua inglese o tedesca. Il progetto nasce per poter divertire e imparare contemporaneamente il ballo e la lingua scelta. LINGUE: tedesco e inglese ORARIO: dal lunedì al venerdì, 8:00 – 17:30 LUOGO: Zona Produttiva Vurza 24, Pineta di Laives PASTO: al sacco PREZZO: 150€ + tessera Azb | 140€ secondo figlio (se iscritto contemporaneamente) + tessera Azb

0
Exhibitions
Domenica, 08 Ago 2021 16:00-20:00 |
ogni settimana fino a Dom 08 Ago 2021 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Sulle pareti del Circolo Artistico e Culturale di Ortisei saranno appese dal 23. 07. 2021 al 08.08.2021 sette opere dell'artista Ulrich Egger. È difficile assegnarle a un genere. Attraverso la sua lente d'ingrandimento ribelle, Egger espone la fragilità del mondo materiale. Le opere danno una nuova prospettiva sull'ambiente cambiato, e dovrebbero portare l'umanità al punto, scuotendola. C'è qualcosa che non va in questo mondo! L'artista si occupa dello sviluppo del turismo e pone delle domande, come ad esempio quali conflitti e cambiamenti possono sorgere come risultato. Opere come "Belvedere", “Enteignung”, "Hotel" e "Aufstieg" mostrano realtà che fanno riflettere. Le viste interne ed esterne sono caratterizzate da un'atmosfera fredda, inquietante e astratta, da una certa materialità visiva delle superfici che Egger cattura in diversi ambienti. L'artista si occupa dell'interazione tra forma, materiale, spazio e fotografia. L'opera Belvedere mostra un hotel ancora incompiuto ricoperto con teli di plastica tesa: un imperdonabile intervento sulla natura. Un fotomontaggio raffigura un lungo tratto di autostrada su una silhouette di montagna. Cosa c'è ancora da fare? Tre sculture giacciono a terra. Case senza finestre, dorate o ricoperte di piastrelle bianche. Cosa potrebbe nascondersi dietro le facciate? Nella fotografia Ulrich Egger ha trovato un mezzo che gli permette di alienare la materia attraverso le tecniche di elaborazione digitale.

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 19 Set 2021

I cambiamenti climatici stanno progressivamente modificando il volto dei paesaggi con fenomeni più evidenti come enormi iceberg che si staccano dall’Antartide o i ghiacciai delle nostre montagne che si ritirano lasciando scoperte le vette sopra i duemila metri. Flora e fauna nel loro progressivo adattamento rivelano paesaggi insoliti che vengono colti nel “fermo immagine” di questa mostra resi ancora più coinvolgenti per il grande formato dell’installazione. Il fotografo Sergio Pitamitz (National Geographic Image Collection Contributing Photographer), nei suoi reportage nel mondo ha colto impercettibili o, in alcuni casi, evidenti trasformazioni degli habitat naturali. Il tema dei cambiamenti climatici sarà al centro del prossimo G20 e di Cop 26 di Glasgow, la conferenza delle Nazioni Unite che si terrà il prossimo Novembre 2021. La mostra è stata realizzata dalla Cooperativa Turistica San Vigilio-San Martin in collaborazione con Swarovski Optik.

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021 10:00-17:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 22 Ago 2021

La mostra al Museum Ladin rende fruibile e visibile ciò che normalmente è celato nel deposito museale; lo prende, lo "rispolvera" e lo ripropone a nuova osservazione. A questo scopo il Museum Ladin ha ripreso dal suo deposito dipinti, disegni e sculture che artiste e artisti defunti delle valli ladine, più o meno noti, hanno realizzato dal XVII secolo ad oggi.

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Ven 27 Ago 2021

Nuovo appuntamento con l’arte altoatesina, negli ampi e luminosi spazi dell’area lounge, all’interno della hall principale del Four Points by Sheraton, in via Buozzi 35 a Bolzano. Nel la fase clou del periodo estivo, la piacevole climatizzazione del Four Points by Sheraton sarà un invito a sorseggiare qualcosa in compagnia mentre l’attenzione sarà richiamata dai suggestivi lavori scultorei di Armin Grunt, proposti in questa esposizione dal titolo ”Trascendenza figurativa”, allestita da mercoledì 14 luglio (vernice inaugurale alle ore 18) a venerdì 27 agosto, naturalmente 2021 Classe 1969, a Ortisei dal suo laboratorio Armin Grunt fa uscire, dopo un lungo lavoro introspettivo e di creazione manuale, la concretizzazione della sua visione artistica della vita. Una visione creativa che in maniera molto semplice potrebbe essere inquadrata, quasi in ossimoro, anche come la modernità della tradizionale e classica scultura “in legno ”, per la quale la Val Gardena è famosa nel mondo. Ma le creazioni di Armin Grunt comprese nell’esposizione “Trascendenza figurativa” riescono a portare, fin dal primo sguardo, in una dimensione “altra” dell’umanità. Lasciamo definire questi lavori allo stesso artista gardenese. “Donna o Uomo? Irrilevante – spiega Armin -. Nelle mie sculture le caratteristiche apparentemente ovvie si sfuocano, quel che sembra importante sfuma e converge in una figura dai lineamenti sia maschili che femminili. La Trascendenza è mutamento continuo, un processo fluido. La conoscenza svanisce, sfocia nell’incertezza. In alcune figure, potrebbe persino sembrare che l’anima sia stata rubata”. Ancor più illuminante, è l’analisi tracciata dall’esperto d’arte Andrea Baffoni per “leggere” la scultura “Spirito libero”, che potrebbe essere sicuramente indicata come quella più esplicita per descrivere la mostra “Trascendenza figurativa”. La libertà scrive Andrea Baffoni è una condizione da conquistare a duro prezzo. Sembra dircelo Armin Grunt con l’opera Spirito libero, una scultura delineata da un forte espressionismo figurativo e istintuale, risolta attraverso il vigore tecnico della motosega lavorando la materia con decisa immediatezza. Le figure acquistano vitalità espressiva trovando la perfetta coincidenza tra l’essenza formale e il materiale da cui sono ricavate. E aggiunge poi, l’esperto d’arte: ”L’artista ci esorta a considerare la liberazione come un istinto fisico primordiale capace di sovrastare le restrizioni fisiche, ma anche ideologiche: le leggi, la religione, la burocrazia; regole tradotte visivamente in una sorta di elemento geometrico dipinto in rosso che schiaccia la figura. La scultura, al cui titolo Spirito libero va aggiunta la frase “la forza dei pensieri”, indica infatti l’esistenza di una forza capace di oltrepassare la materia”. La conclusione, secondo Andrea Baffoni? Eccola: “Al corpo piegato sotto il peso delle limitazioni o sotto il peso delle limitazioni fa da contraltare la figura collocata fuori da questa zona oppressa, una silhouette il cui gesto liberatorio di alzare il braccio dichiara apertamente il senso dichiara apertamente il senso di riscatto finale. Nel messaggio di Armin Grunt è fondamentale la considerazione che dove non può arrivare il corpo potrà giungere la mente, così l’opera diventa un monito per tutti, la possibilità di considerare che la vita non si vita non si limita ai beni materiali, ma che ognuno di noi non è mai del tutto oppresso fin quando la sua mente e il suo spirito saranno liberi di oltrepassare le barriere imposte dalle leggi dell’uomo”. Armin Grunt: Bio. Nasce a Bolzano nel 1969. Nella sua Val Gardena, dopo aver completato il triennio di Liceo artistico, frequenta l'Istituto tecnico per arti e mestieri della Val Gardena. Supera poi l'esame professionale di artigiano e inizia a creare opere artistiche in legno che si caratterizzano subito per la loro particolarità suggestiva. Prende parte a diverse mostre collettive con il gruppo di artisti "Unika" e con le sue opere è presente a esposizioni, fin dal 2014, organizzate in Italia, Austria, nonché a simposi internazionali dove Armin Grunt opera anche come scultore in ghiaccio e neve.

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021 09:00-12:45 | 14:00 - 17:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Sab 08 Gen 2022

Quasi 2000 cartoline, appartenute al collezionista Gaetano Sessa e acquistate dalla Fondazione Castelli di Bolzano, ripercorrono la storia, l'espansione e il cambiamento paesaggistico del capoluogo altoatesino. Allestita su tre piani nella torre di Castel Mareccio, la mostra "C'era una volta...Bolzano" permette al visitatore di compiere un tuffo nel passato tra istantanee della città e piccoli racconti di vita quotidiana. Un déjà-vu con oltre un secolo di storia alle spalle: se infatti oggi si è soliti comunicare la quotidianità attraverso un post su Instagram in sostituzione dell'ormai poco pratico e troppo formale sms, nella seconda metà dell'800 ciò avveniva allo stesso modo con la cartolina, spedita in alternativa alla classica lettera. ?La nascita della cartolina risale al 1865 - spiega Anna Bernardo, curatrice della mostra e collaboratrice della Fondazione Castelli -. La sua introduzione è dovuta all'idea di un funzionario delle poste tedesche, il quale ritenne che il progresso dei mezzi di comunicazione necessitasse di semplicità e brevità che la lettera non poteva offrire. La prima cartolina venne spedita in Austria nel 1869 e da quel momento fu testimonianza di quello che si fa ancora oggi con messaggi istantanei e foto sui social. Poche righe per raccontare una vacanza, un luogo, qualche aneddoto?. Per i più curiosi è anche possibile leggere il contenuto delle cartoline, riportato rigorosamente in lingua originale: da chi celebrava il primo valico del Brennero con un’automobile non trainata da cavalli a chi raccomandava ad un proprio caro di aspettare ad arrivare perché un inquilino non era ancora stato letteralmente "sbattuto fuori" di casa. A spedirle era spesso gente della medio-alta borghesia e i destinatari talvolta erano pure contesse e personaggi rinomati. Con il passare degli anni le cartoline iniziarono ad essere colorate o illustrate anche da noti artisti, divenendo una vera e propria testimonianza del turismo in città. ?Nel corso dell’800 - continua Bernardo - a Bolzano vennero create bellissime passeggiate e diverse strutture al servizio degli ospiti. Intorno al 1913 la città poteva contare su un centinaio di pubblici esercizi, molti dei quali, però, sono stati successivamente abbattuti come l'Hotel Bristol o il Vittoria. Altri invece hanno conservato la struttura, ma hanno cambiato funzione come il Kamposch divenuto Banca Nazionale del Lavoro. Inoltre, all’inizio del secolo scorso, Bolzano si pose all’avanguardia nella valorizzazione turistica dei dintorni attraverso l’inaugurazione di numerosi mezzi di trasporto. Ne sono un esempio le funicolari del Virgolo e del Guncina e la ferrovia a cremagliera del Renon ?. Se da un lato le cartoline rappresentano i bellissimi luoghi e le innovazioni introdotte in città, allo stesso modo mostrano anche ciò che è andato perduto durante la Seconda guerra mondiale. ?I bombardamenti degli anni '40 hanno danneggiato il centro storico con le sue chiese e monasteri di epoca medievale. Alcune di queste sono andate completamente distrutte come S. Nicolò presso il Duomo, o la Chiesa di S. Osvaldo? conclude Bernardo. La torre di Castel Mareccio garantisce una visione a 360° di Bolzano e dei suoi quartieri: per il visitatore sarà quindi possibile constatare con i propri occhi il cambiamento della città, spostando lo sguardo dalle cartoline esposte al panorama circostante. Nell'epoca dei social, la cartolina è forse un mezzo di comunicazione vintage, ma sarà sempre in grado di raccontare il ricordo, la storia e le emozioni di un luogo.

0
Others
Venerdì, 06 Ago 2021 18:00-23:00 |
ogni settimana fino a Ven 20 Ago 2021 nei giorni di: Venerdi

LUOGO: Café delle Palme, presso il Laghetto delle Ninfee INGRESSO: Dalle ore 18.00 Biglietto Sera d'Estate 8,50€ Nei venerdì lunghi a giugno, luglio e agosto, con ingresso al prezzo della tariffa serale ridotta i visitatori dei Giardini potranno godere dell'inconfondibile atmosfera delle tiepide sere d'estate nella suggestiva cornice di Trauttmansdorff. Negli appuntamenti della serie "Trauttmansdorff di Sera", il parco coniuga specialità gastronomico-musicali da leccarsi i baffi con contenuti didattici di grande fascino. Un'occasione per gustare al Ristorante Schlossgarten squisite prelibatezze sullo sfondo della magnifica vista sul giardino. Nella rilassata atmosfera del Café delle Palme, presso il Laghetto delle Ninfee, dal 25 giugno sarà inoltre servito un ricco e raffinato aperitivo da assaporare in coppia o con amici! Anche il Touriseum, ospitato all'interno di Castel Trauttmansdorff, rimane aperto fino alle ore 23.00 e vi invita a un alla scoperta di 250 anni di storia del turismo alpino.

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 26 Set 2021

Ciclismo doppiamente protagonista in Val di Sole. Sul campo, con il Campionato del Mondo MTB specialità Cross Country, 4X, Downhill, XCC, E-MTB che la Val di Sole ospiterà dal 25 al 29 agosto, e nella storia della fotografia con la grande mostra, in prima mondiale, “Vite di corsa. La bicicletta e i fotografi di Magnum. Da Robert Capa ad Alex Majoli” dal 1 luglio al 26 settembre 2021. L’esposizione dei maestri della celebre agenzia fotografica Magnum (circa 80 immagini, molte delle quali mai prima esposte al pubblico), sarà accolta dall’antico Castello di Caldes, grazie alla collaborazione del Castello del Buonconsiglio, monumenti e collezioni provinciali e della Rete dei castelli del Trentino. A promuovere sia l’evento mondiale che questa originale mostra-evento è l’Azienda per il turismo Val di Sole che per la mostra – organizzata dalla società Suasez – agisce in collaborazione con il Castello del Buonconsiglio, monumenti e collezioni provinciali e il Comune di Caldes. Marco Minuz per “Vite di corsa. La bicicletta e i fotografi di Magnum. Da Robert Capa ad Alex Majoli” ha scelto fotografie d’autore che esplorano la dimensione umana di questa pratica sportiva che fa del ciclismo uno degli sport più popolari e amati. Raccontando le epopee dei campioni e delle grandi manifestazioni internazionali, Tour de France in primis, ma anche la quotidiana, straordinaria umanità di campioni e del grande pubblico che ai bordi delle strade e al traguardo li sostiene, immedesimandosi con loro e con il loro impegno. Sudore, fango, tenacia, imprese di uomini che macinano chilometri misurandosi innanzitutto con sé stessi, la propria forza e i propri limiti. Colpiscono le immagini di uomini stremati, che letteralmente crollano sull’asfalto o sul pavé appena superato il traguardo, la partecipazione emotiva dei loro sostenitori, l’indifferente serenità di una mandria che continua a brucare mentre gli umani sembrano impazzire per l’impresa del loro campione. La spettacolare sequenza di immagini in mostra è aperta da una serie, poco nota, di fotografie realizzate da Robert Capa nel 1939 quando venne incaricato dalla rivista “Match” di seguire il Tour de France di quell’anno. Fotografie dove l’attenzione si sposta prevalentemente nella partecipazione del pubblico alla corsa, cogliendo sguardi ed equilibri compositivi. Un’altra serie raccoglierà foto realizzate da Guy Le Querrec nel Tour de France del 1954; all’epoca il fotografo aveva solo 13 anni e si trovava in Bretagna per passare le vacanze estive e dove, in quell’edizione, passava la celebre corsa ciclistica. Circa 30 anni dopo, nel 1985, il fotografo venne invitato a seguire la squadra ciclistica della Renault-Elf durante gli allenamenti invernali; in questa stagione scattò fotografie del campione Laurent Fignon e seguì il campionato di ciclocross. Il percorso proseguirà con fotografie Christopher Anderson dedicate al ciclista Lance Amstrong nel 2004 che suggeriscono il triste epilogo della carriera di questo sportivo per doping. Una sezione sarà dedicata agli spettatori con i loro riti con foto di Mark Power, Robert Capa, Harry Gruyaert e Richard Kalvar. Poi le immagini realizzate dal fotografo francese Harry Gruyaert nel Tour del 1982 e una sezione dedicata ai velodrom, con immagini di René Burri, Stuart Franklin e Raymond Depardon. Il fotografo italiano Alex Majoli sarà presente con delle fotografie dedicate al celebre produttore di bici milanese Alberto Masi con sede del suo laboratorio sotto le curve del Velodromo Vigorelli. Infine una selezione di immagini di Peter Marlow dedicate a frammenti di quotidianità dei corridori impegnati nel giro della Bretagna nel 2003. Il progetto vuole indagare, attraverso lo sguardo di celebri fotografi di Magnum, la dimensione umana di uno degli sport più seguiti dal grande pubblico. Scegliere la sensibilità degli autori di questa agenzia permette di andare oltre alle gesta sportive, e porre l’attenzione sulle alchimie del ciclismo, l’unico sport, come ripeteva Gianni Mura, dove “chi fugge non è un vigliacco”.

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021 09:30-12:00 | 15:30 - 18:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 21 Ago 2021 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Entrata con CoronaPass, l'ingresso sarà scaglionato L’artista Sonya Hofer – una virtuosa nel trattare i colori intensi – imbocca una via nuova con questa gamma di colori tenui e ha scoperto, attraverso la voglia di sperimentare, una nuova tecnica per se stessa. Lei modella conchiglie, ciotole, montagne e paesaggi di argilla. Nell'attuale mostra al Museo Civico, l'artista presenta i suoi lavori più recenti: rilievi con paesaggi montani.

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Ven 31 Dic 2021

WWW.ETRANGER.ONLINE Étranger è un viaggio virtuale che - attraverso documenti, foto, sonorizzazione e un registro narrativo agile - racconta la storia di tre giovani altoatesini, Rodolfo Altadonna, Beniamino Leoni ed Emil Stocker che hanno combattuto con la Legione straniera francese nella prima guerra d’Indocina. Un'occasione per scoprire una pagina di storia poco conosciuta e forse per guardare ai tanti disgraziati che si sono arruolati come legionari con occhi diversi. Per ulteriori info, clicca sul titolo. Buona navigazione! Dettagli: PRESENTAZIONE Il lockdown imposto dalla pandemia è stato anche una sfida per esplorare nuove strade e tentare qualcosa di innovativo. È così che è nata la mostra “Étranger”, “Straniero”, pensata in un primo momento come un evento in “presenza” e che, causa Covid, sarà invece online dal 15 giugno 2021 (www.etranger.online). Attraverso testi e immagini, “Étranger” è la storia vera di tre giovani altoatesini, Rodolfo Altadonna, Beniamino Leoni ed Emil Stocker (raccontata nel libro di Luca Fregona “Soldati di sventura” edito da Athesia), che hanno combattuto con la Legione straniera francese nella prima guerra d’Indocina. IL PROGETTO La mostra, unica nel suo genere, è un percorso digitale che - attraverso documenti, foto e un registro narrativo agile - svela una pagina di storia poco conosciuta, quella del “Vietnam italiano”. Si calcola infatti che dai 5 ai 7 mila giovani italiani abbiano combattuto in Indocina dal 1946 al 1954, e che circa un migliaio siano morti. Il sito, graficamente molto raffinato e intuitivo, è una vera e propria immersione nella guerra, ma anche nelle vicende umane di quei ragazzi spediti a combattere e morire a diecimila chilometri da casa, tra paludi e risaie. ... E ANCORA La gran parte delle foto che scorrono sullo schermo sono state scattate da Emil Stocker, legionario meranese, morto nel 2020, che faceva parte della 13esima Mezza Brigata, impiegata dai francesi nelle operazioni nel Delta del Tonchino e falcidiata nella battaglia finale di Dien Bien Phu, che ha sancito la fine del colonialismo francese in Indocina e la divisione del paese sul 17esimo parallelo tra il Nord comunista di Ho Chi Minh e il Sud in orbita statunitense. Immagini in bianco e nero che documentano le diverse fasi del conflitto, ma anche la vita nelle risaie, nei villaggi e in città come Hanoi, all’epoca ancora sotto amministrazione francese. Stocker, inoltre, era presente al passaggio dei poteri tra l’Armata francese e il Vietminh, l’esercito di liberazione del Vietnam del generale Giap. La mostra mescola le immagini alle biografie, soffermandosi anche sulle ragioni che hanno portato i tre protagonisti a firmare l’ingaggio. Una scelta estrema che va inquadrata nel contesto storico del secondo dopoguerra. Le loro storie rappresentano, infatti, quelle di migliaia di giovani più o meno costretti a vedere nella Legione straniera l’unico approdo possibile. Molti di loro erano migranti economici, entrati clandestinamente in Francia in cerca di lavoro. Una volta scoperti, venivano messi di fronte ad un aut aut: l’ingaggio nei Kepì blanc oppure la galera e poi il rimpatrio. Altri ancora, seppur giovanissimi, erano in fuga dalle “scorie” della guerra: ex fascisti e repubblichini, ma anche partigiani e anarchici o semplicemente sbandati, incapaci di reinserirsi nella società. C’era poi chi scappava dalla giustizia e vedeva nell’anonimato garantito dalla Legione un’opportunità per evitare il carcere. Molti di questi giovani avevano solo un’idea vaga di cosa fosse realmente la Legione straniera, e, ancor meno, cognizione del conflitto in Indocina. Una guerra che per ferocia, vittime e crudeltà è paragonabile solo al Vietnam “americano” degli anni Sessanta. Gli altri due protagonisti sono Beniamino Leoni, bolzanino, che poi ha disertato per combattere insieme ai partigiani viet; e Rudi Altadonna, anch’egli bolzanino, ucciso a 24 anni il 21 aprile 1954 nella conca di Dien Bien Phu.

0
Exhibitions
Venerdì, 06 Ago 2021
ogni settimana fino a Sab 08 Gen 2022 nei giorni di: Venerdi Sabato

Mostra personale di Michael Krebber “Studiofloor and Diamond Paintings”. La prima mostra personale di Michael Krebber in Italia presenta le due serie “Studiofloor” e “Diamond Paintings”, che illustrano la volontà dell'artista di espandere la sua riflessione sul tema della pittura, intesa come performance oltre la tela e oltre lo spazio ad essa tradizionalmente attribuito. La mostra è curata da Vincenzo de Bellis e organizzata in collaborazione con la Greene Naftali Gallery di New York. Da decenni, il lavoro e la ricerca di Michael Krebber sono caratterizzati da un approccio concettuale alla pittura basato sulla convinzione che sia ormai impossibile inventare qualcosa di nuovo nell'arte, poiché tutto è già stato inventato. Più che semplici “reinvenzioni”, gli interventi minimali e apparentemente irrisolti dell'artista offrono al pubblico una “tela aperta” a molteplici possibilità: come una frase incompiuta, le sue opere lasciano gli spettatori liberi di indovinare cosa potrebbe accadere. Secondo Michael Krebber la pittura è da intendere quasi come una performance: il suo approccio creativo è stato definito come un “sistema di esitazioni nel quale forze opposte simultaneamente si incoraggiano e si ostacolano”, espandendo la pittura al di là della nozione convenzionale del dipinto come oggetto. L’estetica incompiuta di Krebber non è tuttavia il risultato di un tentativo di sabotaggio del medium, quanto piuttosto della precisa volontà di estendere il discorso al di fuori della tela e dello spazio tradizionalmente attribuito alla pittura. Intenzione che emerge con particolare chiarezza nelle due serie in mostra a Bolzano. Studiofloor e Diamond Painting La serie intitolata studiofloor MK/P MK19/087/1-8 (2000), è stata presentata con un’immagine enigmatica, sulla copertina di Artforum nel 2005. Per una mostra di qualche anno prima, Krebber aveva chiesto in prestito ad alcuni collezionisti una serie di suoi stessi dipinti, che ha poi disposto su grandi tavoli al centro della stanza. Le pareti, rimaste vuote – sulle quali sarebbero dovuti essere installati i dipinti – sono state invece ricoperte da grandi pannelli di masonite, porzioni di pavimento dello studio dell’artista, tagliate e posizionate sul muro come fossero quadri. La sostituzione delle più tradizionali tecniche pittoriche con l’utilizzo del readymade, ritorna anche nella seconda serie esposta. Nelle quattordici tele di Diamond Painting (2003), Krebber smitizza in maniera sistematica, come suggerisce il titolo della serie, la centralità del soggetto e della tecnica in pittura, creando invece uno spazio aperto alla sospensione e all’incompletezza. Tessuti acquistati in negozio, decorati con pattern prestampati, sostituiscono la tradizionale tela e divengono la superficie su cui Krebber dipinge semplici forme geometriche di rombi bianchi. Come spesso accade nel suo lavoro, il riferimento a influenti artisti tedeschi, in questo caso scelti tra chi ha utilizzato il tessuto nella propria pratica come Rosmarie Trockel e Sigmar Polke, rivela la profonda conoscenza della storia dell’arte e della pittura contemporanea. Michael Krebber è nato a Colonia nel 1954, ha studiato pittura all’Akademie der Bildenden Künste di Karslruhe. Dal 2016 vive e lavora a New York. È stato assistente dei celebri artisti tedeschi Martin Kippenberger e Georg Baselitz. Dal 2002 al 2016 è stato professore alla Städelschule di Francoforte, dove con il suo insegnamento ha influenzato profondamente una generazione di giovani artisti. Le sue mostre personali più recenti si sono tenute, tra le altre, al Museum Brandhorst di Monaco (2019), alla Galerie Buchholz di Berlino (2019), alla Greene Naftali Gallery di New York (2018) e alla Kunsthalle di Bern (2017).

0
Exhibitions
Martedì, 03 Ago 2021 10:00-18:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 07 Nov 2021 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Resistono alle radiazioni, hanno una forza incredibile, armi chimiche e strategie di guerra: queste sono solo alcune capacità da supereroi che possiedono gli insetti! Spesso invisibili ai nostri occhi, gli insetti hanno delle caratteristiche strabilianti: armi chimiche, strategie di guerra, una forza eccezionale e molto altro. Sono dei supereroi che dominano il nostro pianeta! Nella mostra, più di 15 modelli di insetti, grandi fino a 3 metri, realizzati dallo scultore scientifico Lorenzo Possenti, ci faranno rimpicciolire ed entrare in un mondo sconosciuto, cogliendo dettagli altrimenti visibili solo sotto una lente di ingrandimento. Parti anatomiche e apparati boccali tridimensionali, diorami e terrari evidenziano i modi straordinari con cui gli insetti hanno colonizzato ogni angolo della Terra. Il rapporto tra insetti e uomo emerge dalla mostra: dai vettori di malattie a quelli utili come fonte di alimentazione per l’uomo, dalle specie invasive a quelle minacciate. Scoprirete i metodi con cui i ricercatori del museo valutano lo stato di conservazione di una specie e cosa ciascuno di noi può fare in questo campo.

Location di : martin_inside

Castello

Residenza dinastica dei conti del Tirolo, il castello ha dato il nome all'intera regione. La sua realizzazione risale alla seconda metà dell'XI secolo. Il percorso museale è incentrato sulla storia del Tirolo dai primordi ai giorni nostri. Nel palazzo meridionale si trovano i due portali romanici, mentre nella cappella del castello, intitolata a San Pancrazio ed edificata su due piani, notevoli pitture murali gotiche. Nel mastio è possibile ripercorrere la storia dell’Alto Adige nel XX secolo.

Castello

Castel Presule, un tempo residenza dinastica dei signori Völs-Colonna, ospita, accanto a dipinti e disegni del XIX e XX sec. della raccolta “Cà de Bezzi”, una collezione d’armi del XIX secolo, dipinti della Donazione Lotte Copi e la mostra permanente di ritrovamenti archeologici "finff Majolica Schaln".

Castello

Il castello risale al 1140. Il percorso propone gli affreschi del “Ciclo di Ivano” (XIII sec.), primissima testimonianza della cultura profana e cavalleresca di area tedesca, la sala nuziale e la cappella riccamente dipinte, l’ampia biblioteca e una raccolta di dipinti, stemmi e armi.

Castello

Castel Roncolo risale al XIII sec. Oltre al celebre ciclo di affreschi profani risalenti al Medioevo e a oggetti dalla vecchia armeria, si possono periodicamente ammirare mostre temporanee su temi di storia culturale.

Museo

A chi lo visita, Capriz, il caseificio da vivere, permette di immergersi con tutti i sensi nel mondo della produzione di formaggio di capra. Negli ambienti espositivi a pianterreno e nel piano interrato è rappresentato l’intero processo, dalla capra che fornisce la materia prima, passando per il latte come prodotto di partenza fino alla forma di formaggio finita e al suo adeguato stoccaggio. Un ruolo speciale lo giocano elementi interattivi.

Museo

La Casa di via Bari 11 è uno dei pochi esempi ancora esistenti a Bolzano delle centinaia di case “semirurali” costruite alla fine degli anni Trenta e demolite a partire dagli anni Ottanta del Novecento per far posto a costruzioni a maggiore intensità abitativa. Da parte degli abitanti del quartiere delle Semirurali non è mai venuta meno la richiesta di conservarne la memoria. Il percorso espositivo, aperto al pubblico nel 2015, propone un viaggio nella storia di questo luogo attraverso fotografie, filmati, mappe, modellini tridimensionali e la suggestiva narrazione di storie di vita quotidiana.

Castello

Castel Monteleone è una fortificazione del XIII secolo, ampliata nei secoli XVI, XVII e XVIII. Un percorso storico-artistico che si snoda attraverso giardini, cortili e sale offre un viaggio nei secoli, dal medioevo al periodo del rococò.

Museo

Orologi a muro, opere in legno intagliato, maschere, tappi di bottiglia, cavatappi, pipe, macinini per il caffè e utensili da cucina, oggetti religiosi, oldtimer e motociclette, come ad esempio diversi modelli di Vespa: fanno tutti parte della collezione privata della famiglia Trebo. Gli oggetti raccontano storie vecchie anche di 150 anni e sono disseminati nei diversi locali dell’hotel. Un paradiso per i nostalgici!

Museo

L’Archeoparc Velturno testimonia una storia insediativa che, a partire dal neolitico, abbraccia tutte le più importanti epoche e culture. Sepolture e resti di attività di produzione della ceramica parlano di coltivatori e allevatori le cui storie risalgono fino al 5000 a.C.

Museo

La mostra Archimod presenta una cinquantina di modelli architettonici della Provincia Autonoma di Bolzano (piazze, scuole, palazzi per uffici, musei, complessi residenziali, ospedali, strade, gallerie, ponti), realizzati nell’arco degli ultimi 25 anni o in fase di progettazione o costruzione. Archimod è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici (treno, autobus) e ben visibile grazie alla grande scritta sulla facciata.

Museo

Il percorso espositivo "BZ '18–'45. Un monumento, una città, due dittature", aperto al pubblico nel luglio del 2014, illustra la storia del Monumento alla Vittoria, eretto a Bolzano dal regime fascista tra il 1926 e il 1928 su progetto di Marcello Piacentini. Vengono ripercorse le vicende storiche locali, nazionali e internazionali degli anni compresi tra le due guerre mondiali (1918–1945), legate in particolare modo all’avvicendarsi di due dittature (quella fascista e quella nazionalsocialista) e vengono illustrati i radicali mutamenti urbanistici operati nella città di Bolzano, a partire dalla fine degli anni Venti. Il percorso espositivo affronta, infine, il difficile rapporto di convivenza di una così ingombrante eredità dell’epoca fascista con il territorio, nel mutato quadro politico e sociale della seconda metà del Novecento fino ai giorni nostri.

Museo

“Nessuno ha il diritto di obbedire”: da fine 2017 questa citazione della filosofa politica e scrittrice Hannah Arendt (1906-1975) spicca, in italiano, tedesco e ladino, sull’edificio degli Uffici finanziari di piazza del Tribunale a Bolzano. Esso si contrappone al carattere autoritario del monumento fascista e al suo motto “Credere, obbedire, combattere”. Integrata da esaurienti spiegazioni realizzate da una commissione di storici poste su stand informativi sulla piazza, la scritta progettata da Arnold Holzknecht e Michele Bernardi intende dare nuovo significato al bassorilievo monumentale dell’artista di Chiusa Hans Piffrader (1888-1950), rendendolo un’occasione educativa.

Museo

Sito in un ex bunker dell'epoca fascista, poi utilizzato dalla NATO durante la Guerra Fredda, il Bunker Museum tematizza in primo luogo la struttura stessa e il suo retroscena storico. Sotto la lente è posta anche la storia segreta della Guerra Fredda. Il museo espone prevalentemente oggetti che un tempo facevano parte dell'equipaggiamento del bunker, come impianti radio, telefoni da campo, armi, razioni alimentari, ecc. In futuro tuttavia l'esposizione si focalizzerà non tanto sull'aspetto militare, ma sul tema dei confini.

Castello

Il palazzo del XVI secolo fu fino al 1803 residenza estiva dei principi vescovi di Bressanone. Particolari attrazioni sono i preziosi arredi rinascimentali (pannelli lignei, stufe, affreschi) e una collezione di opere d’arte risalenti ai secoli XV–XX. La struttura è gestita da Castel Tirolo.

Castello

Il Castello Principesco è situato ai piedi del Monte Benedetto, nel cuore della città. Il Castello, completamente ricostruito dall’arciduca Sigismondo d’Austria intorno al 1470, venne in seguito utilizzato dai Principi del Tirolo come alloggio durante la loro permanenza a Merano. A partire dal 1875, dopo un provvidenziale intervento di salvaguardia che ne impedì l’abbattimento, questa storica residenza fu sottoposta ad un ampio restauro. Oggi il Castello Principesco offre una preziosa occasione per studiare abitudini e modi di vita del tardo Medioevo: arredi di uso quotidiano, utensili da cucina, una delle più antiche stufe di maiolica giunte fino a noi, ritratti, strumenti musicali e armi consentono di toccare con mano un passato ormai remoto.

Museo

Il Centro di documentazione "Culten" tematizza l'insediamento dell'età del bronzo e del ferro (1400-600 a.C.) - poi trasformato in luogo per olocausti - sul "Kirchbichl" a Santa Valpurga/Ultimo, presentando la storia insediativa della valle e reperti di diverse epoche.

Castello

Il castello di Scena (XIV–XVIII sec.) fu residenza dall’arciduca Giovanni d’Asburgo. Custodisce collezioni su storia, cultura e arte tirolesi, armi storiche, arredi originali e dipinti. Nel sottostante mausoleo neogotico si trova la tomba dell’arciduca.

Museo

Il Centro visite racconta i forti contrasti e la varietà di ambienti che contraddistinguono questo parco. Qui si sperimenta in piccolo il mondo del parco. Lo stagno, gli aquari, il canale di irrigazione tipico, detto "Waal", pietre, preparati di animali, pannelli verticali e box per esperienze tattili invitano a scoprire la natura.

Museo

Il Centro visite “Lahner Säge” del Parco Nazionale dello Stelvio illustra quanto sia essenziale l’ecosistema “bosco” per l’uomo e la natura. Nell’antica segheria ad acqua alla veneziana, ora restaurata, i tronchi vengono trasformati in tavole, mentre la macina trasforma i chicchi di grano in farina.

Museo

Il Centro visite è ospitato in un vecchio mulino elettrico ristrutturato. L’esterno del Centro comprende un’area con la tipica vegetazione su substrato calcareo e porfirico e dispone di uno stagno per anfibi, di un orto con erbe medicinali e di un piccolo campo di grano.

Museo

Il Centro visite è dedicato alla geologia delle Dolomiti e all’alpinismo di Reinhold Messner. Nell’area "Meraviglie della natura" è possibile scoprire animali e erbe, pellicce di animali, uova di volatili, penne, dentature e corna.

Museo

Il Centro visite, situato nell'ex-Grand Hotel di Dobbiaco, spiega i paesaggi naturali e culturali dell'area protetta, l'attività alpinistica e turistica sviluppatasi in questo territorio e gli avvenimenti bellici avvenuti lungo il fronte dolomitico. La mostra permanente dedicata alle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO illustra per quale motivo ampie aree delle Dolomiti sono state dichiarate Patrimonio mondiale dell'UNESCO ed evidenzia le particolerietà geologiche e i fantastici scenari paesaggistici del Parco naturale.

Museo

Nel visitare Certosa l’impianto dell’antico convento è ancora riconoscibile. Davanti al chiostro un film della durata di 9 minuti racconta con immagini poetiche le alterne vicende storiche della certosa. Arte nella Certosa: Ogni anno, circa dalla metà di luglio alla fine di agosto, il chiostro ospita una mostra di artiste e artisti altoatesini.

Museo

Il museo espone tecnologia cinematografica e televisiva: macchine di proiezione di varie epoche, telecamere, moviole, banchi di montaggio, videoproiettori, pellicole film, ecc., nonché documenti storici, manifesti, documentari e altre testimonianze della storia del cinema nella regione. Propone rassegne cinematografiche, conferenze, attività di mediazione e didattiche e restauro film.

Museo

Il Museo Dolomythos introduce nel mondo delle Dolomiti Patrimonio naturale dell’umanità Unesco, delle quali illustra la genesi, ed esplora, presentandole, le specificità geologiche e il mondo vegetale e animale dei “monti pallidi”. Per mezzo di ricostruzioni, rappresenta inoltre i dinosauri come antichi abitanti delle Dolomiti. Ulteriori temi sono i miti e le leggende sulle Dolomiti e il mondo delle erbe. In un apposito percorso, i bambini possono intraprendere una caccia al tesoro e cercare fossili, cristalli e oro.

Galleria d arte

La Fondazione Antonio Dalle Nogare nasce per promuovere l’arte contemporanea, intesa come linguaggio per leggere i cambiamenti della società, come strumento di dialogo tra arte, architettura, innovazione e ricerca artistica. Il connubio di arte e architettura è evidente anche nella sede progettata dagli architetti Walter Angonese e Andrea Marastoni. La Fondazione espone periodicamente parti della collezione di arte astratta e concettuale del suo fondatore e ospita mostre temporanee. Organizza attività didattiche e visite guidate, promuove residenze d'artista ed aderisce a manifestazioni intermuseali.

Museo

Con la sua imponente struttura e il labirinto di stanze, corridoi e scale, il Forte di Fortezza è considerato una delle più interessanti fortificazioni dell’area alpina e un capolavoro dell’architettura bellica austriaca. Edificato tra il 1833 e il 1838, ha vissuto alterne vicende, finché nel 2008 non è stato aperto al pubblico. Da allora ospita mostre d’arte e di architettura di portata regionale e internazionale e diverse manifestazioni. La mostra permanente "Cattedrale nel deserto" offre sguardi nella realizzazione del Forte e negli effetti che questa ha avuto sulla zona circostante. Al suo areale appartiene anche il Bunker n. 3, che si nasconde sotto un fitto strato di vegetazione in un tratto di bosco sul suo perimetro orientale e si può visitare su prenotazione.

Museo

Il GEOMuseo di Redagno, allestito nell’edificio "Peter Rosegger", situato nei pressi della chiesa di Redagno di Sopra, espone i più importanti reperti fossili provenienti dal GEOPARC Bletterbach e le sue caratteristiche rocce.

Museo

Il GEOPARC Bletterbach rientra nelle Dolomiti Patrimonio Mondiale Unesco e si estende su una superficie complessiva di 818 ettari. Nel suo paesaggio unico si trovano fossili di piante e orme di sauri. Nell’areale e nel centro visitatori sono illustrate questa particolare geologia e geomorfologia.

Museo

Realizzato nel 1940-41 dal regime fascista per scopi difensivi, il bunker è un’impressionante fortificazione sotterranea su più piani costituita da una lunga rete di gallerie che collegano postazioni di tiro e ampi spazi interni. Nella parte iniziale è allestita una galleria espositiva di immagini (Gampen Gallery), mentre l’interno ospita tra l’altro un’esclusiva collezione di minerali.

Galleria d arte

Il Giardino di sculture di Sieglinde Tatz Borgogno all'interno di un piccolo terreno boschivo a Pochi di Salorno è il risultato di una lunga e intensa fase creativa dell'artista. Vi si possono ammirare e toccare centinaia di figure femminili e alcune figure maschili, fatte prevalentemente di bronzo e di dimensioni diverse, alcune molto piccole, altre molto grandi, sedute, sdraiate, in piedi. Il giardino inoltre regala un panorama stupendo sulla sottostante Val d'Adige. Ulteriori informazioni presso l'Ufficio turistico Castelfeder.

Galleria d arte

Il Kunstforum Unterland - Galleria della Comunità Comprensoriale Oltradige/Bassa Atesina presenta, nei suoi spazi medievali sotto i portici di Egna, mostre d'arte contemporanea di caratura sia locale che internazionale. Diverse posizioni artistiche vengono presentate attraverso sei appuntamenti annuali. La galleria è diventata un punto d'incontro e di riferimento per gli operatori e amanti del settore.

Museo

Questo museo a 2.275 metri di altitudine, in cima al Plan de Corones nei pressi di Brunico, nelle Dolomiti, è dedicato alla fotografia di montagna. Il percorso si snoda su 1.800 metri quadrati e quattro piani, alla scoperta della storia della fotografia di montagna dagli inizi ad oggi, e propone opere artistiche di fotografi e fotografe da tutto il mondo, fotografie storiche, innovazioni digitali, mostre temporanee e allestimenti scenografici.

Museo

Sito nei locali della parrocchia di Lappago, il museo permette di conoscere l’acqua con tutte le sue qualità e i suoi segreti e richiama l’attenzione su ciò che è casuale e marginale, ovvero sulle piccole cose che si incontrano nella natura.

Museo

Guide con una formazione specifica sul tema del marmo presentano curiosità e informazioni interessanti sulla genesi, la storia, la pericolosa estrazione e la lavorazione dell’“oro bianco”, il pregiato marmo di Lasa. Tutti i giorni diverse visite guidate partono direttamente dalla stazione ferroviaria di Lasa.

Galleria d arte

Aperta tutto l'anno, Merano Arte presenta nei suoi 500 mq di superficie espositiva, distribuita su tre piani, le ricerche contemporanee più attuali in ambito di arte figurativa, architettura, letteratura, musica, fotografia e nuovi media. La struttura è gestita dall'associazione culturale Merano Arte che in collaborazione con istituzioni pubbliche e partner privati ne organizza la programmazione.

Museo

Situato sul Plan de Corones (2275 m), al margine del più spettacolare altopiano panoramico dell’Alto Adige, il MMM Corones è dedicato all’alpinismo tradizionale, disciplina che ha plasmato ed è stata plasmata in maniera decisiva da Reinhold Messner. La vista mozzafiato sulle Alpi, che si gode dall’inconfondibile edificio progettato da Zaha Hadid, è parte integrante dell'esperienza museale: lo sguardo spazia in tutte e quattro le direzioni cardinali, anche oltre i confini provinciali, dalle Dolomiti di Lienz a est fino all’Ortles a ovest, dalla Marmolada a sud fino alle Alpi della Zillertal a nord.

Museo

Il cuore del circuito museale ideato da Reinhold Messner trova spazio tra le antica mura di Castel Firmiano, rese accessibili da una struttura moderna in vetro e acciaio. Il percorso espositivo si snoda tra le torri, le sale e i cortili della rocca, offrendo al visitatore una visione d'insieme dell'universo montagna. Opere, quadri, cimeli e reperti naturali raccontano lo stretto rapporto che unisce l'uomo alla montagna, l'orogenesi delle catene montuose ed il loro disfacimento, il legame tra montagna e religione, la maestosità delle vette più famose del mondo, la storia dell'alpinismo dagli inizi fino all'odierno turismo alpino.

Museo

Arroccato su un'altura nella splendida val Venosta, Castel Juval ospita il museo che Reinhold Messner ha voluto dedicare al “mito” della montagna. Per molti popoli in tutto il mondo la montagna è sacra, dall'Olimpio all'Ararat, dal Sinai al Kailash, dal Fujiama in Giappone all'Ayers Rock in Australia. Il museo custodisce una raccolta di dipinti con vedute delle grandi montagne sacre, una preziosa collezione di cimeli tibetani e di maschere provenienti dai cinque continenti, la stanza del Tantra e, nei sotteranei, le attrezzature usate da Reinhold Messner nelle sue spedizioni. Nei pressi del museo, bello ed emozionante, si possono visitare i vigneti in pendenza dell'azienda agricola Unterortl e la trattoria Schlosswirt Juval che serve piatti tipici.

Museo

Dedicato al tema del ghiaccio e allestito in una moderna struttura sotterranea, il museo è situato a Solda, a 1900 metri di quota, ai piedi dalla vedretta dell'Ortles, che la famosa carta del Tirolo disegnata nel 1774 da Peter Anich indicava come la “Fine del mondo”. Nel MMM Ortles incontriamo il terrore del ghiaccio e dell'oscurità, i miti dell'uomo delle nevi e del leone delle nevi, il white out e il terzo polo, in un viaggio attraverso due secoli di storia degli attrezzi da ghiaccio, dello sci, dell'arrampicata su ghiaccio e delle spedizioni ai poli. MMM Ortles espone la più vasta collezione di dipinti con vedute dell'Ortles. La trattoria Yak&Yeti, situata accanto al museo, propone specialità delle montagne sudtirolesi e himalayane.

Museo

Nel Castello di Brunico, situato sulla collina a sud del capoluogo della val Pusteria, Reinhold Messner ha allestito il penultimo dei suoi sei musei dedicati alla montagna. Circondato da masi contadini, il castello ospita il museo dei popoli di montagna. Dal museo MMM Ripa (in lingua tibetana “ri” sta per montagna e “pa” per uomo) si gode una splendida vista su Plan de Corones, luogo di forte richiamo turistico, sul paesaggio rurale della valle Aurina e sulle Alpi della valle di Zillertal. Il moderno alpinismo è nato 250 anni fa, ma è da più di 10.000 anni che l'uomo abita e frequenta i rilievi montuosi. Da principio ci si recava per cacciare, poi per condurre mandrie e greggi di pascolo in pascolo, quindi vi si stabilì per lavorare la terra e allevare bestiame. Stabilitisi tra i fondali delle valli e i pascoli estivi, i popoli di montagna hanno saputo sviluppare una propria arte della sopravvivenza, una cultura che, al contrario della cultura urbana, si basa sulla responsabilità personale, sulla rinuncia al consumo, sul mutuo aiuto. È a questo modo di vivere, che solo all'osservatore superficiale può apparire diverso da luogo a luogo, che Reinhold Messner dedica il museo MMM Ripa.

Museo

Nel medioevo la miniera di Villandro era annoverata tra le aree di estrazione del minerale più significative del Tirolo. Dopo la sua chiusura all’inizio del XX secolo cadde nell’oblio. Con un faticoso lavoro, l’Associazione culturale e museale di Villandro l’ha resa nuovamente accessibile al pubblico. È possibile visitare diverse gallerie nell’ambito di visite guidate.

Museo

Il Mondo del Loden presenta ai visitatori l’intero processo che dalla pecora porta al capo di abbigliamento finito. Utensili storici raccontano la storia della produzione delle stoffe, l’attività di filatura delle donne, i viaggi dei venditori ambulanti di panni e la follatura del Loden.

Museo

La zona di Aldino era un tempo sede di innumerevoli mulini, brillatoi e pestini, poiché la coltivazione dei cereali rappresentava la più importante fonte di sostentamento. Lungo il rio Thal ora alcuni di essi, riattivati, sono accessibili al pubblico.

Galleria d arte

Nel 2017 il magistrato, imprenditore e collezionista bolzanino Josef Kreuzer donò alla Provincia di Bolzano la sua collezione di oltre 1.500 opere di circa 300 artisti del Tirolo, dell’Alto Adige e del Trentino, insieme al palazzo che la ospita in pieno centro storico a Bolzano, a condizione di farne un museo accessibile al pubblico. A pianterreno è stato ricavato un ambiente per mostre temporanee d’arte, lo Spazio Eccel Kreuzer.

Museo

Il Museo Mansio Sebatum è dedicato all’insediamento romano di San Lorenzo. I reperti esposti offrono una panoramica della vita nell’antica stazione di sosta di “Sebatum”, con le sue terme, il suo mercato e i suoi scambi, oltre che dei riti funebri e del mondo delle divinità dei Romani.

Museo

Il museo espone schizzi e bozzetti dei numerosi affreschi, oltre a studi, acquerelli e lavori di grafica del famoso pittore sudtirolese Rudolf Stolz (1874–1960), nonché dipinti del fratello Albert Stolz e propone ogni anno mostre temporanee con opere di artisti prevalentemente di area tirolese.

Museo

Il museo Uomo nel tempo ripercorre la vita dell’uomo in Alto Adige dall’età della pietra fino al recente passato. Le diverse epoche sono rappresentate attraverso innumerevoli oggetti originali, esperimenti e animazioni. Mostre temporanee a cadenza annuale offrono sguardi nell’ampia collezione.

Museo

Il museo illustra la storia naturale e culturale della Val Gardena: nascita delle Dolomiti, antiche testimonianze archeologiche, una collezione di sculture lignee gardenesi, vita e opere di Luis Trenker, regista e attore di film di montagna, la tela quaresimale di San Giacomo e la camera da letto “Bierjun” del tardo Medioevo.

Museo

Sito al secondo piano della Residenza Lächler, sopra l'associazione turistica, il museo intende essere un centro di ricerca, documentazione e informazione sul costume tradizionale ("Tracht") di Castelrotto e sulla sua storia. Espone costumi tradizionali del XVIII, XIX e XX sec. e parti di essi nonché una ricca raccolta di immagini storiche. Ospita mostre temporanee, organizza visite guidate, conferenze e corsi e collabora con associazioni del settore.

Museo

In questo museo privato della famiglia Schmid, attrezzi e utensili illustrano lo sviluppo della viticoltura e della lavorazione del vino, della lotta antiparassitaria e dell’agricoltura nel Burgraviato, nonché la tradizione della produzione dello speck.

Museo

Nel museo della Collegiata l’arte sacra della chiesa, il tesoro del Duomo, i libri risalenti ai sec. XV–XVIII e una significativa raccolta di manoscritti sono testimonianza dell’attività intellettuale e spirituale della più antica Collegiata del Tirolo. Nella seconda sede, ovvero nel Convento dei Francescani (via P.-P.-Rainer 15, 39038 San Candido) invece sono esposti numerosi reperti archeologici di San Candido risalenti ai secoli dell’Impero romano e una collezione di oggetti folkloristici.

Museo

Il museo conduce in un viaggio nel passato all’interno di un’abitazione dell’antica borghesia brissinese con i suoi sontuosi rivestimenti lignei, gli affreschi unici e le originali stufe ad olle. Nella sede della Farmacia Peer si è conservato un prezioso tesoro fatto di rari oggetti, che narrano con la loro molteplicità e fantasia «l'arte di curare». Allo stesso tempo questo piccolo gioiello museale rappresenta una perla di rara bellezza per gli amanti dell’architettura e dell’arte moderna.

Museo

Il Museo della Scuola di Bolzano è stato concepito come museo aperto. Gli oggetti esposti (materiali didattici, fotografie, documenti, arredi, cartelloni) rispecchiano la storia delle tre culture di questa terra, in un incontro tra esperienze personali e vicende collettive.

Museo

Attraverso abiti, accessori, oggetti di uso quotidiano e curiosi, il Museo delle Donne descrive la storia della donna e il suo ruolo sociale ieri e oggi. Ogni anno organizza mostre temporanee su temi che riguardano le donne e manifestazioni correlate.

Museo

Situato nell’antica residenza urbana e sede degli uffici amministrativi dell’imperatore Massimiliano I, il Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige illustra la storia naturale e paesaggistica dell’Alto Adige, uno dei territori più multiformi d’Europa. Su una superficie espositiva di circa 1.000 mq, il museo consente di scoprire – in una sorta di viaggio nel tempo scandito da plastici, diorami e postazioni sperimentali e multimediali – i momenti più importanti delle origini della terra e della nascita e dello sviluppo dei vari ambienti naturali. Il piano terra ospita regolarmente mostre temporanee. Il museo gestisce anche il Planetario "Alto Adige" di San Valentino in Campo (Cornedo all'Isarco), vero e proprio simulatore stellare il cui sistema tecnologico permette di ricreare il moto dei pianeti e delle stelle sfruttando la tecnologia 3D.

Museo

Nel museo allestito nell’edificio della sinagoga, documenti e oggetti offrono testimonianze della comunità ebraica formatasi a Merano tra fine ‘800 e inizio ‘900 e accompagnata fino agli anni ’30 da un fiorente turismo ebraico.

Museo

Il Museo locale espone opere di arte sacra che rispecchiano le forme di devozione religiosa e artistiche del barocco e del rococò. Un gioiello particolare è il tesoro del maso Thal. Il museo conserva anche dipinti, sculture lignee, monete e medaglie provenienti da collezioni private.

Museo

Nell’antica sede del Magistrato Mercantile i preziosi oggetti d’arredo del XVIII sec., i dipinti di pittori barocchi e i documenti originali testimoniano la tradizione delle fiere di Bolzano, centro mercantile di fama internazionale.

Museo

Il museo è il risultato di un impegnativo lavoro di ricerca e raccolta durato diversi decenni nelle Alpi di Ziller (Aurine) e negli Alti Tauri ed espone circa 1.000 esemplari di minerali. Oltre ai più grossi quarzi affumicati trovati nella nostra regione, merita particolare attenzione un rarissimo cristallo di rocca “ritorto”, tra i più belli venuti alla luce finora e ritrovato nella miniera di Predoi. La sezione multimediale presenta la nascita dei minerali, la loro ricerca e il faticoso recupero, infine l’azione terapeutica di molti di essi.

Museo

Il museo, ampliato di recente, custodisce la collezione mineralogica composta dai famosi geodi di Tiso, cristalli di rocca e altri minerali della zona alpina, raccolti dal collezionista Paul Fischnaller. Le famiglie possono cercare geodi insieme al collezionista.

Museo

La Torre Bianca, uno dei simboli di Bressanone, ospita un museo che, a partire da vari modelli, racconta il suo significato di torre cittadina e campanaria. Propone inoltre campane in miniatura, l’interno dell’originale globo del campanile e il ruolo dei guardiani del campanile.

Museo

Il museo propone una cinquantina di opere di arte sacra, allestite con cura. Le statue, i dipinti e gli altri tesori esposti conducono attraverso oltre 700 anni di storia regionale. Dal 1984 il museo parrocchiale è ospitato nel granaio gotico, nell’angolo nord-est del giardino della canonica. Sopra il portone d’entrata è incisa la cifra 1559, data di ristrutturazione dell’edificio.

Museo

L’attività mineraria ha caratterizzato per secoli e fino ai nostri giorni non solo il paesaggio, ma anche la vita degli abitanti delle Alpi centrali. Nell’antico Granaio di Cadipietra le mostre temporanee raccontano ai visitatori i loro volti e le loro storie. Attraverso immagini di minatori al lavoro nei secoli passati nelle miniere di Ridanna/Monteneve e di Predoi la mostra in corso “Ritratti. Gente di miniera” presenta i loro ritratti e racconta con brevi biografie la loro vita. Immagini, testi, registrazioni audio e diversi oggetti personali permettono di ridare un volto e una voce a imprenditori minerari e minatori, ma anche alle donne impiegate nella miniera.

Museo

A Predoi dal 1996 è possibile effettuare, a bordo di un trenino, una suggestiva visita guidata vestiti con elmetto e cerata alla galleria “ Sant’Ignazio”, lunga oltre 1 km. Da essa ancora oggi si estrae rame di cementazione: il particolare impianto è visibile e perfettamente funzionante. All’interno comincia l’avventuroso percorso guidato di 350 m, disseminato di rappresentazioni di scene lavorative. Il centro climatico si trova a ca. 1.100 m nel cuore della montagna e si presenta come luogo di quiete, distensione e rigenerazione.

Museo

La sede di Ridanna fu costruita 150 anni fa ed è una testimonianza unica del periodo della rivoluzione industriale. Nell’impianto di arricchimento del minerale a Masseria, dotato delle tecnologie più moderne per l’epoca, i visitatori possono toccare con mano l’intero processo di produzione grazie a macchinari funzionanti. Il più lungo sistema di trasporto minerario al mondo, composto di piani inclinati e binari per il traino con i cavalli che si estendono dal distretto in alta montagna alle gallerie di Monteneve, ma anche i grandi bacini di flottazione e i potenti macchinari fanno intuire sia le dimensioni impressionanti sia le difficoltà dell'attività estrattiva e invitano il visitatore ad un viaggio nel tempo tornando alla rivoluzione industriale in campo minerario.

Museo

Il Museo degli usi e costumi di Teodone illustra la vita della società rurale in epoca preindustriale, dal nobile al contadino fino al bracciante. Al centro si trova la residenza barocca Mair am Hof (costruita alla fine del XVII secolo) con le sale padronali e le collezioni etnografiche. Nell’area all’aperto di oltre tre ettari, i masi contadini originali, le officine degli artigiani, gli orti agricoli e gli animali domestici raccontano la vita quotidiana di una volta.

Museo

Il Museo provinciale del vino si trova nel centro di Caldaro, in quello che fu l’edificio amministrativo della signoria Caldaro-Laimburg. Il museo offre uno sguardo sulla storia della viticoltura in Alto Adige: dagli attrezzi storici che accompagnavano l’annata lavorativa del viticoltore, fino alle rappresentazioni religiose che illustrano il rapporto tra vino e religione. Nel piccolo vigneto del museo si coltivano oltre 30 vitigni diversi le cui uve si possono assaggiare in autunno.

Museo

Il bunker è un residuato degli anni '40 scavato nella roccia. Ospita una mostra sulla storia della valle dall’epoca glaciale al XX sec. e presenta, come punto informativo del Parco naturale del Gruppo di Tessa, le specificità naturali della zona. Il museo, fondato nell'aprile del 2010, da gennaio 2017 viene gestito dalla neocostituita associazione MuseumHinterPasseier.

Museo

La struttura museale Timmel_Transit è stata inaugurata nel 2018 in una ex caserma sul valico del Rombo. Essa intende integrare il Museo del Passo, che si trova in territorio austriaco, e completare il percorso dell’“Esperienza Passo Rombo” – sei piccole stazioni museali lungo la strada alpina del Passo Rombo. Attraverso immagini, pannelli e filmati con interviste a testimoni d’epoca, la mostra permanente tematizza la storia della costruzione della strada del Passo Rombo sul versante altoatesino. Timmel_Transit include anche un archivio digitale con quasi 3.000 documenti e immagini relative alla realizzazione della strada del Passo Rombo, conservato al Bunker Mooseum e in parte ancora in elaborazione.

Museo

Ciastel de Tor, famoso per la sua caratteristica torre e nel XIII secolo sede del giudizio “Thurn an der Gader”, è luogo di riferimento della cultura degli oltre 30.000 ladini, uniti nella loro identità da due elementi essenziali: la lingua derivata dal latino volgare e lo straordinario paesaggio montuoso delle Dolomiti. Dal 2001 il ?iastel ospita il Museo provinciale ladino. Esso fornisce preziose informazioni sulla geologia, archeologia, storia, lingua, sul turismo e artigianato artistico delle cinque valli ladine.

Museo

Il museo è dedicato all’orso preistorico delle caverne di 40.000 anni fa e alla geologia delle Dolomiti. Illustrano gli aspetti dell’”Ursus ladinicus” e del suo habitat numerosi reperti originali – ossa, denti, crani – e installazioni video. Nel piano interrato si trova la ricostruzione della grotta delle Conturines, luogo di ritrovamento dell’Ursus ladinicus, con una ricostruzione dell’orso delle caverne in letargo e dell’orso bruno M12 (Mico).

Museo

In occasione della costruzione del centro anziani sono venute alla luce straordinarie testimonianze di epoca romana: un edificio riccamente affrescato con sala colonnata e una massiccia struttura, probabilmente la base di un tempio o di un monumento. Ad oggi sono i resti archeologici più importanti di Pons Drusi, la Bolzano di epoca romana.

Museo

Dal 2015 il Palais Mamming Museum – che presenta le collezioni del Museo Civico di Merano – è ospitato nella nuova sede di piazza Duomo, in un palazzo barocco ristrutturato recentemente. La collezione fornisce una panoramica sull'evoluzione storica della città. Il percorso, a sviluppo circolare, ha inizio dalla preistoria e protostoria, toccando via via tutti gli ambiti, fino all’arte del XX secolo. Ciò che contraddistingue il fascino particolare di questa collezione sono anche alcuni pezzi “esotici” e curiosi, tra cui una mummia egizia, la collezione d’armi sudanesi di Slatin Pascha, una macchina da scrivere di Peter Mitterhofer e una maschera funebre di Napoleone.

Museo

Promosso dall’Autostrada del Brennero spa, il Plessi Museum è il primo spazio museale in autostrada in Italia. È segnato dalla presenza dell’installazione che l’artista Fabrizio Plessi aveva realizzato nel 2000, in occasione dell’Expo di Hannover, pensata per celebrare l’Euregio. È una scultura che unisce tre composizioni rappresentanti le province di Trento, Bolzano e Innsbruck. Il percorso espositivo raccoglie installazioni video, sculture e presenze grafico-pittoriche.

Museo

Il “Rohrerhaus”, menzionato già nel 1280 e uno dei maggiori masi della valle, è un luogo di incontro a carattere museale. Oltre a stube, cucina e un’altra piccola stube fanno parte del complesso anche il forno e il mulino.

Museo

La "serra III" di fine anni '50 della Floricoltura Schullian è l'ultima di questo tipo in Alto Adige. Al suo interno, l'artista Paul Thuile ha ideato una mostra permanente. Oggetti e fotografie d’epoca, testi, filmati e interviste presentano la storia dell’ortofrutticoltura, le vicende delle dieci più importanti ditte e famiglie che hanno fondato il settore in Alto Adige nonché ritratti dei maggiori protagonisti del suo sviluppo in questa terra negli ultimi 60 anni. Tra essi, spicca il fondatore della floricoltura che ospita l'esposizione, Franz Schullian.

Museo

Lo Speckworld Moser è situato in un edificio costruito in stile architettonico alpino e mostra la storia dello Speck. Si possono ammirare la tradizionale cucina, l’affumicatoio, l’originale mangiatoia per i maiali, l’antica siringa per le salsicce, un’antica bilancia e molti altri i utensili originali utilizzati nella produzione dello Speck. Diverse stazioni interattive e tavole informative illustrano l’antica e moderna produzione artigianale dello Speck, elargendo consigli per conservare al meglio il prodotto, per affettarlo in modo ideale e molto altro ancora. Immagini e ricette di piatti a base di Speck svelano inoltre le sue possibilità di utilizzo.

Museo

All’interno della Torre di Porta Sluderno, su due piani, sono illustrate le "Tappe di una piccola città". Temi centrali sono il commercio, la difesa, il mercato, le professioni nonché la ricostruzione e fortificazione della città di Glorenza nel XVI sec.

Museo

Un tempo residenza estiva dell’imperatrice Elisabetta d’Austria, meglio nota come Sissi, Castel Trauttmansdorff oggi ospita il Touriseum, il Museo provinciale del Turismo, il primo in tutto l’arco alpino specializzato nella storia del turismo. Il Touriseum, circondato dallo spettacolare orto botanico di Castel Trauttmansdorff, offre un emozionante viaggio nel tempo alla scoperta dei 200 anni di tradizione turistica del Tirolo, attraverso un percorso arricchito di pannelli illustrati. Il visitatore, proiettato nel passato, rivive l’atmosfera del tempo sia dal punto di vista dei villeggianti sia da quello della popolazione locale.

Museo

Il museo è dedicato alle specificità della Val Venosta, come il sistema di irrigazione con i canali detti “Waale”, l’archeologia nel “magico triangolo retico” (siti del Ganglegg e del Tartscher Bühel) e il tema degli “Schwabenkinder” (bambini costretti a lavorare in Germania meridionale).

Museo

Nel 1905 Franz Fromm, commerciante di origini tedesche, si trasferì a Merano, dove diversi anni dopo acquistò Villa Freischütz. Essa divenne per Fromm il definitivo approdo per sé e la sua famiglia e il forziere per la sua collezione di tesori artistici raccolti con passione. È grazia a sua nipote Rosamaria Navarini (1926-2013) se questa collezione si è potuta conservare fino ai giorni nostri. Nel suo testamento, dispose che questi tesori diventassero fruibili al pubblico nella villa. Costruita nel 1909, Villa Freischütz rappresenta un significativo esempio di edificio dell’"età dell’oro" della città di cura e custodisce una varia e preziosa collezione di opere d’arte e d’arte applicata. L’intreccio degli oggetti e delle singole storie presentati nella mostra traccia un ritratto di una tipica famiglia borghese dell’epoca.

Galleria d arte

L'ar/ge kunst è il Kunstverein (Associazione artistica) di Bolzano. Il nome – un’abbreviazione di Arbeitsgemeinschaft, comunità di lavoro - indica l’obiettivo di promuovere un’idea di lavoro collettivo intorno ai linguaggi dell’arte contemporanea e alla loro relazione con discipline quali l’architettura, il design, le arti performative e il cinema. L’istituzione produce e presenta pratiche artistiche regionali, nazionali ed internazionali e, attraverso esse, conduce una ricerca critica sul ruolo dell’arte in rapporto alla sfera sociale e politica. Negli ultimi anni ar/ge kunst ha rivolto la propria indagine sull’idea di mostra come medium e ha sviluppato workshop, residenze, lecture e performance.

Museo

Il parco-museo didattico vicino al luogo di ritrovamento di Ötzi spiega come fu trovato l’Uomo venuto dal ghiaccio e come viveva 5300 anni fa. Nelle mostre spiccano le ricostruzioni delle capanne neolitiche e dell’equipaggiamento di Ötzi. A famiglie e amanti di tecniche artigianali antiche è consigliata la visita dei percorsi 2 e 3 (area laboratori, pontile canoa monossile e area tiro con l’arco).

Castello

Visita del castello Castel Mareccio è principalmente un centro eventi, che può essere affittato per diversi occasioni come congressi, mostre, concerti, matrimoni... Però è anche uno dei gioielli storico-artistici di Bolzano da non perdere! E può essere visitato nei giorni nei quali NON ci sono manifestazioni. Come tanti castelli medievali, anche Castel Mareccio venne ampliato nel corso del 1500. Oggi si possono vedere le sale affrescate e salendo nella torre si può ammirare il panorama a 360°. Prezzo d'ingresso: 5€ Orario per le visite: ore 9-12.45 (ultimo ingresso 12) e 14-17 (ultimo ingresso 16.15) Contattateci per maggiori informazioni: (+39) 0471 976615 oppure mareccio@mareccio.info

Castello

Arroccato su un’erta parete rocciosa sopra il comune di Appiano sulla Strada del Vino, troneggia maestoso Castel d’Appiano. Da qui, a 636 m s.l.m., lo sguardo spazia libero sull’intera Val d’Adige, l’Oltradige e la conca di Bolzano, posandosi su un idilliaco panorama in cui spiccano gli incantevoli vigneti – tratto distintivo di questo angolo dell’Alto Adige –, il profilo delle Alpi dell’Ötztal e le pallide vette delle Dolomiti. Castel d’Appiano ha alle spalle una lunga e interessante storia. Costruito nel 1130 dal conte Ulrico II, divenne presto una delle fortezze più significative e delle dimore più prestigiose della regione. Tutt’oggi, chi da vicino o da lontano osserva il castello prova un senso di soggezione alla vista del mastio pentagonale, che con i suoi 23 m di altezza si eleva verso il cielo. Nel suo nuovo ruolo di meta escursionistica distante poco meno di un’ora a piedi da Missiano, Castel d’Appiano ha moltissimo da offrire a giovani e anziani, amanti della natura e della buona tavola: dalla taverna, in cui si servono deliziosi piatti tipici, alla cappella, massima espressione della ricchezza culturale del maniero, fino al percorso per tiro con l’arco nei boschi circostanti alla rocca. Il Castello Hocheppan è aperto ogni giorno dalle ore 10.00 alle 18.00 (mercoledì giorno di riposo, ad ottobre nessun giorno di riposo). Visite guidate in italiano, tedesco e inglese da luglio ad agosto dal giovedì alla domenica, a settembre tutti i giorni tranne il mercoledì e ad ottobre fino all’8 novembre tutti i giorni dalle ore 11.00 alle ore 16.00. In caso di pioggia le visite guidate potrebbero essere sospese! Per maggiori informazioni sulle visite guidate, si prega di contattare l’Associazione Turistica Appiano scrivendo all’indirizzo di posta elettronica info@eppan.com o telefonando al numero +39 0471 662206.

Castello

Sulle orme dei signori del castello in Alto Adige Il Castel Tasso a Campo di Trens presso Vipiteno è uno dei castelli medioevali meglio conservati dell'Alto Adige. È ben protetto su una collina ed è accessibile tramite un breve sentiero. Il castello fu menzionato per la prima volta in documenti scritti nel 1100, fino alla metà del 13° secolo risiedeva il vescovo ministeriale che gestiva da lì la zona circostante. Nel 1469 è entrato in possesso dei Cavalieri Teutonici, fino al 1809. A seguito il castello è stato lasciato alla famiglia Thurn e Taxis, che è ancora proprietaria ed è tenuto in ottime condizioni. Particolarmente degne di nota all'interno del Castello Tasso sono la stanza di fumo, i dormitori dei soldati e dei servi, la stanza verde, le cui pareti sono decorate con bellissimi affreschi, la stanza delle torture, una prigione sotterranea e la vicina chiesetta di San Zeno. Visite guidate: Il castello può essere visitato solo nell'ambito di una visita guidata. Visitabile tramite audioguida, proprio smartphone(codice QR) o informazione scritta. - Costo del biglietto: adulti 8€, bambini 4€ - Per gruppi con più di 15 persone richiediamo una prenotazione telefonica - Durata della visita: 1 ora circa - Sabato giorno di riposo, escluso la settimana di Ferragosto - Chiuso il 1 novembre Visite guidate alta stagione: 16 luglio - 10 settembre lun, mar, mer, gio, ven, dom 10:00 - 12:30 14:00 - 17:00

Castello

Il Castello di Monguelfo o Welsperg è il complesso fortificato più antico tra Brunico e Lienz e si trova a pochi minuti a piedi dalla località di Monguelfo, in cima ad una collina soleggiata. Il castello fu fatto costruire nel 1140 dai fratelli Schwikher e Otto von Welsperg. La signoria Von Welsperg fu una stirpe nobiliare potente ed influente, soprattutto con il Barone Guidobold Von Welsberg, che ricevette il titolo di conte da Leopoldo I. Dal Castello di Monguelfo i Signori Von Welsperg amministravano un ampio feudo. Per quanto riguarda il castello invece, il maschio antico e molto alto risale agli anni 1126-1140 ed è senza dubbio la parte più antica del castello – era perfetto per vedere in lontananza e osservare bene il territorio circostante. Solo poco tempo dopo furono costruiti la piccola cappella romanica, un fabbricato per la servitù e il palazzo. Tra il XV e il XVI secolo l'intero complesso fu ristrutturato e ampliato più volte. Purtroppo nel 1765 un incendio ha danneggiato gravemente il castello e ne ha distrutto alcune parti. Nonostante i restauri che seguirono, in seguito il castello non fu più abitato. Oggi il Curatorio del Castello di Monguelfo si occupa del complesso ed organizza ogni estate numerosi concerti, mostre e altri eventi.