banner inside 01 it

Concerto dell'Orchestra Haydn - Dir: Enrico Calesso - Pubblicato da FondazioneHaydnStiftung

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

“Se Haydn fosse vissuto ai nostri giorni, egli avrebbe parte del suo vecchio stile, pur accettando nello stesso tempo qualcosa di nuovo”. Con queste parole Sergej Prokof’ev presenta, nella propria autobiografia, la sua Prima Sinfonia, composta a 25 anni tra il 1916 e il 1917, pochi anni dopo essersi diplomato al Conservatorio di San Pietroburgo ma già compositore e pianista in carriera. La Sinfonia “Classica” è un’ulteriore dimostrazione di quell’interesse crescente per la riscoperta della musica “antica” che dal tardo Ottocento circolava in Europa. Un altro esempio di questo ritorno alla classicità è l’Apollon Musagète di Stravinskij, un balletto “basato su momenti o episodi della mitologia greca interpretati plasticamente da ballerini della cosiddetta scuola classica”, come riporta lo stesso Stravinskij nelle sue Cronache. Il tema è quello di Apollo e delle muse, un grande omaggio al Seicento francese, ma anche al ballet blanc, espressione del balletto ottocentesco più eterea e fantasiosa, in cui Stravinskij vedeva “una meravigliosa freschezza, il prodotto dell'assenza di ogni attrattiva policroma e di ogni sovrabbondanza”. Caratteristiche, queste, che si applicano interamente anche all’Apollon stravinskiano. Freschezza ed essenzialità sono anche le caratteristiche del Concerto per oboe di Strauss, prodotto della maturità straussiana e un omaggio all’amatissimo Mozart. La genesi del Concerto è strettamente legata alla fine della Seconda Guerra Mondiale: nel 1945, Strauss si era ritirato presso la propria villa a Garmisch, in cui ricevette numerose visite; tra queste, il soldato-oboista americano John De Lancie, che propose a Strauss di scrivere un concerto per oboe – ricevendo inizialmente un secco rifiuto, poi rapidamente smentito da Strauss, che in pochi mesi aveva già terminato la partitura.

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • Concerto dedicato al pianoforte e violino in una ricerca interessante e innovativa. All'ombra di atonalità, dodecafonia e serialismo, per tutto il XX secolo ha continuato a fiorire una corrente parallela, che ha rifiutato i presupposti estetici e tecnici delle avanguardie più estreme per trovare un'alternativa alla tonalità classica grazie all'utilizzo della modalità.
  • Il Duo Thedéen-Shirinyan presenta opere per pianoforte e violoncello "La musica è il modo divino di dire cose belle e poetiche al cuore". Questa citazione è dello spagnolo Pablo Casals, forse il più grande violoncellista di tutti i tempi. Il suo strumento, il violoncello, delizierà il pubblico nel concerto del 12 aprile. Torleif Thedéen e Marianna Shirinyan presenteranno opere per pianoforte e violoncello sotto il motto "Canzoni che nascono nei sogni". Il violoncellista svedese Torleif Thedéen è uno dei più illustri strumentisti e gode di una reputazione internazionale come solista, artista discografico e insegnante. All'età di 23 anni aveva già vinto tre dei più prestigiosi concorsi di violoncello del mondo. La sua partner al pianoforte è la pianista armena Marianna Shirinyan, nata nella capitale armena Yerevan. Secondo i critici musicali, è senza dubbio una delle soliste e musiciste da camera più creative e ricercate d'Europa ed è quindi ospite regolare di numerosi festival internazionali. Oltre a "Tre romanze" di Clara Schumann, una sonata per violoncello e pianoforte del marito Robert e due opere di Franz Schubert, il duo eseguirà anche la celebre Sonata per violoncello e pianoforte di Samuel Barber. Quando: 12 aprile 2024, ore 20.00 Dove: Lanserhaus, Appiano Prenotazioni e prevendita biglietti: www.ticket.bz.it Tel. 0471 053 800 info@ticket.bz.it
  • Juri Vallentin / oboe Sindy Mohamed / viola Aaron Pilsan / pianoforte August Klughardt Schilflieder, 5 Fantasiestücke Robert Schumann Drei Romanzen op. 94 Märchenbilder op. 113 Charles Martin Loeffler Deux Rhapsodies César Franck Prélude, Choral et Fugue Robert Kahn Serenade op. 73