antichi egizi trevilab

ALL THAT MUSIC 30: Roberto Gatto Quartet - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Alessandro Presti, trumpet
Alfonso Santimone, piano
Gabriele Evangelista, bass
Roberto Gatto, drums

Oltre a una ricerca timbrica raffinata e a una tecnica esecutiva perfetta, i gruppi a suo nome sono caratterizzati dal calore tipico della cultura Mediterranea; questo rende senza dubbio Roberto Gatto uno dei più interessanti batteristi e compositori in Europa e nel mondo.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • Die Clempanei, ovvero Georg Clementi e Ossy Pardeller, hanno registrato il loro primo album come duo. Dopo un anno in tournée, si sono ritirati in una casa galleggiante sul Wallersee dove hanno inciso le loro chanson transalpine per chitarra. Sono canzoni per il cuore e per il cervello in egual misura, con molto umorismo, poesia e un'arte chitarristica sofisticata, condita con armonica e percussioni. Con i loro pezzi, i due costruiscono un ponte per gli appassionati di musica dal Lago di Garda a Bolzano e dalle Dolomiti a Salisburgo, fino alle grandi città di Vienna, Berlino e Amburgo. Qui non viene servito un menù musicale da tutti i giorni. Gli ingredienti principali delle loro idiosincratiche chansons per chitarra sono i testi poetici del pluripremiato autore di "Zeitlieder" Clementi e gli arrangiamenti originali dell'eccezionale chitarrista Pardeller. Come contorno, ci sono inserti a due voci, percussioni infuocate e una dolce armonica. E poiché i due si sentono a casa anche nel mondo del teatro, le loro canzoni sono talvolta condite con drammaticità poetica e talvolta con profondo umorismo.
  • L'orchestra proporrà un programma che si rifà ai brani eseguiti negli ultimi anni assieme ad alcune novità di repertorio che vogliono coniugare il mandolino dalla tradizione ai brani di autori contemporanei in un percorso musicale ricco di coloriture, stili ed emozioni. Brani di Hermann Ambrosius, Raffaele Calace, Carlo Munier, Konrad Wölki, Amedeo Amadei, Abraham Zevi Idelsohn, Bruno Szordikovski, S. Alfonso Maria de' Liguori e Franz Xaver Gruber. Direttore: Ugo Orrigo Ingresso libero
  • Prosegue il percorso di Ottavio Dantone nell’opera di Haydn con una delle più maestose delle sue sinfonie, la Sinfonia n. 100 in Sol maggiore. Il soprannome “Militare” è, per una volta, sorprendentemente calzante. Già nel primo movimento, che si svolge generalmente nel segno del più vivace ma cordiale dialogo, non mancano improvvisi momenti di grande pathos, ma sarà il secondo movimento, con il suo generoso uso delle “turcherie” (cassa, piatti, triangolo) ad evocare le atmosfere militaresche, insieme al vigoroso rullar di timpani e alla fanfara delle trombe, atmosfere poi confermate dall’esuberante rondò finale. Non è un caso che i commentatori dell’epoca notassero in questa Sinfonia “il ruggito infernale della guerra”. Se la guerra evocata da Haydn nella “Militare” si svolge in campo aperto, quella de Le nozze di Figaro di Mozart è tutta condotta tra le mura e il parco del castello di Almaviva, in uno scontro d’arguzie tra classi sociali, tra uomini e donne, tra giovani e anziani. Tratta da Mozart e Da Ponte dal Mariage de Figaro di Beaumarchais, l’opera fu un travolgente successo anche grazie (e nonostante) la feroce satira politica solo apparentemente censurata, ma in realtà abilmente celata da compositore e librettista tra le pieghe della brillante scrittura. Brillante scrittura già anticipata nell’ouverture, perfettamente compiuta, equilibrata ed essenziale. Compiutezza, essenzialità, esuberanza sono anche caratteristiche della magnifica Sinfonia da camera di Franz Schreker. Composta nel 1916 per un’orchestra di piccole dimensioni, la Kammersymphonie di Schreker prende a modello l’omonimo brano di Schönberg, da cui trae la densità e la raffinatezza di scrittura, rileggendolo però con il proprio inconfondibile slancio enfatico e il magistero nella creazione di impasti e colori orchestrali quasi sovrannaturali.