banner inside 01 it

DJ’n’Drinks - Pubblicato da Parkhotel Mondschein

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Food, Drinks & Good Vibes al Luna Bar del Parkhotel Mondschein.
I DJ locali e internazionali si alterneranno ogni venerdì nel nuovo Luna Bar del Parkhotel Mondschein pronti ad iniziare il weekend con voi.
Il 27 Januar alla consolle: DJ Martinez.

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • La banda musicale di Laives vi invita al concerto di sabato 02 marzo 2024 alle ore 20.00 nella chiesa parrocchiale di Laives.
  • Ethan Iverson: piano Thomas Morgan: bass Kush Abadey: drums Ethan Iverson è uno dei pianisti di riferimento del mondo del jazz moderno. Noto soprattutto per essere stato membro fondatore del trio jazz d'avanguardia The Bad Plus, ormai da diversi anni si è distinto per i suoi progetti solistici e con il nuovo trio. Al Carambolage, il pianista americano presenterà il suo nuovo album “Technically Acceptable”, pubblicato da Blue Note Records all’inizio 2024. Come nessun altro, Ethan riesce ad integrare passato e il presente del jazz con un profondo inchino ai grandi maestri del passato, ma anche con un tocco proprio. Questo rende il suo modo di suonare contemporaneamente avventuroso e riconoscibile. Nel corso degli anni, Iverson ha registrato album con musicisti famosi come Ron Carter, Lee Konitz, Mark Turner, Tom Harrell e Jack DeJohnette. Anche il suo nuovo trio è composto solo da musicisti di alto livello. Il bassista Thomas Morgan, che suona sempre magnificamente, è da anni al fianco di musicisti come Bill Frisell, Craig Taborn e Jakob Bro. Il batterista Kush Abadey ha lavorato in precedenza con Terence Blanchard, Chris Potter e Ravi Coltrane, tra gli altri.
  • Beethoven era, per Šostakovi?, un modello imprescindibile con cui confrontarsi, non solo come compositore, ma anche come giovane pianista nelle classi del Conservatorio di San Pietroburgo, per i cui saggi ed esami dovette affrontare grandi quantità di repertorio, tra cui numerose sonate dell’amatissimo Beethoven. Il concerto di Alevtina Ioffa affianca questi due giganti della musica, partendo dall’Ouverture per Le creature di Prometeo, l’unico balletto completo realizzato da Beethoven, un balletto allegorico che ripercorre il mito di Prometeo, il titano punito da Zeus per aver rubato il fuoco agli dei e averlo donato agli uomini. Il balletto nacque con le coreografie di Salvatore Viganò, celeberrimo ballerino, coreografo e compositore, nipote e allievo di Boccherini, Maître de ballet a Vienna e poi alla Scala di Milano. Beethoven tornerà nella seconda parte del concerto con la Quinta Sinfonia, descritta da E.T.A. Hoffmann come una delle opere più importanti della sua epoca. Questa definizione sarà poi confermata dalla storia della musica, che celebrerà la Quinta di Beethoven come una delle opere più importanti di ogni epoca, sia per la dirompente carica drammatica ed espressiva, figlia dello Sturm und Drang e del Romanticismo letterario, sia per l’abilità architettonica mostrata da Beethoven, che partendo dal celebre “motivo del Destino” dell’esordio costruisce l’intera struttura della Sinfonia. Tra questi due lavori si colloca il Primo Concerto di Šostakovi?, che a Beethoven guarda esplicitamente con la citazione dalla Sonata “Appassionata” (che Šostakovi? studiò in Conservatorio), affiancata ad altre citazioni da repertorio classico e popolare, oltre ad autocitazioni da opere precedenti, spesso venate di sarcasmo. Per eseguire il Concerto op. 35 di Šostakovi?, Ioffe sarà affiancata dalla pianista Anna Kravtchenko, nota al pubblico fin dalla sua vittoria al Concorso Busoni nel 1996, a soli 16 anni, e dalla prima tromba dell’Orchestra Haydn, Nicola Baratin.