Banner Delai

Concerto dell'Orchestra Haydn - Timothy Redmond - Pubblicato da FondazioneHaydnStiftung

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Direttore: Timothy Redmond
Violino: Ilya Gringolts
Orchestra Haydn

Gabriel Fauré: Pelléas et Mélisande, op. 80
Max Bruch: Concerto per violino e orchestra n. 1 in sol minore, op. 26
Jean Sibelius: Pelléas et Mélisande, op. 46

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • Alexander Krichel, pianoforte 150 anni dalla nascita di SERGEI RACHMANINOFF Prélude do diesis minore op. 3 n. 2 (da: Morceaux de fantaisie) Prélude in sol# minore op. 32 n. 12 Prélude op. 23 n. 5 in sol minore Variazioni su un tema di Corelli op. 42 Etudes-Tableaux op. 39
  • 80 anni compiuti l’8 marzo 2021, oltre 160 dischi incisi in Italia e all'estero e 20 premi Top Jazz vinti nella sua carriera, di cui 11 nella categoria “Musicista italiano dell’anno”, il meranese Franco D’Andrea è ormai considerato uno dei migliori pianisti contemporanei e rappresenta l’eccellenza che il jazz italiano ha saputo partorire negli ultimi 50 anni. La sua arte vale l'oceanica immensità della costante ricerca di un linguaggio personale all'interno della tradizione jazzistica e trova proprio nel "piano solo” un’esemplificazione scintillante: una straordinaria panoramica sul suo pensiero musicale libero da manierismi di sorta e costantemente alla ricerca di un'espressività autentica e profonda. Musica di una caparbietà gentile, appuntita, magmatica, scattante e raffinata. Travolgente e coerente allo stesso tempo. Mirabilmente in bilico tra Apollo e Dioniso. Intensamente personale, completamente jazz.  “ll piano solo rappresenta nel jazz” - afferma Franco – “una delle occasioni più adatte per ricercare, improvvisando, nuove combinazioni musicali, con esiti imprevedibili. In genere il musicista ha molti tasselli del mosaico pronti. Nel mio caso possono essere composizioni originali o anche brani dei miei autori preferiti (Kid Ory, George Gershwin, Duke Ellington, Billy Strayhorn, Thelonious Monk, Lennie Tristano, John Coltrane) col profumo che le varie ere del jazz a cui appartengono portano ancora oggi con sé. Ma la trama finale è tutta da inventare, il racconto che ogni sera si dipana sul palcoscenico sarà sempre diverso. Inoltre, qualche volta, suonando può venire alla luce un elemento musicale nuovo, non conosciuto, di cui non sono chiare le implicazioni. Accettare il confronto con questo nuovo elemento significa, in un certo modo, aprirsi un varco verso il mistero.”  In un'epoca in cui - artisticamente parlando - si maneggia tutto, Franco e la sua musica sono una delle luci più forti in una notte buia. Un vero faro che mostra la rotta da seguire. Arte.
  • Food, Drinks & Good Vibes al Luna Bar del Parkhotel Mondschein. I DJ locali e internazionali si alterneranno ogni venerdì nel nuovo Luna Bar del Parkhotel Mondschein pronti ad iniziare il weekend con voi. Il 24 marzo alla consolle: Aux Habibi.