Notteinbici inside top banner 600x220px

Nina Duschek & Band - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Swingy Street Rock // Voices

Nina Duschek è cantautrice e musicista di strada e vive il palco con molta passione. Dal 2016 scrive le proprie canzoni e fornisce stimoli per ballare e per riflettere, come prova anche la canzone “Denk driber noch”, uscita la scorsa estate.
Ha già calcato il palco di diversi club della scena sudtirolese e di festival, dal 2021 è in giro anche con la sua band, che per la prima volta porta a Brunico. Cosa definisce la sua musica: la sua voce focosa e soave allo stesso tempo, sospesa su ritmi giocosi ed accordi di un indie rock dallo spirito libero, che si mischia a soul, reggae, blues e un po’ di trasognatezza, raccontando quello che tocca la sua anima.
Sta registrando il suo primo album assieme alla sua band ed ha pubblicato il primo singolo ufficiale, “Married to the Art”.

Nina Duschek – voce, chitarra // Damian Pichler – basso // Benedikt Leitner – batteria

Info:
Tutte le manifestazioni sono programmate come esperienze all’aperto che hanno luogo nell’UFO Arena. In caso di tempo incerto, sarà utile portare antipioggia ed eventualmente coperte.
Se per la serata le previsioni danno pioggia forte o tempesta, le proiezioni di film avverranno in sala e i concerti sul terrazzo coperto.

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • Tour di Dominik Plangger spostato al 2022 oltre alle tre date confermate si aggiungono altre due nuovo progetto musicale 2022 Le date di Dominik Plangger sono state spostate dal 2021 al 2022 I biglietti già acquistati rimangono validi per la nuova data. Dominik Plangger è arrivato nell’alta classifica della scena musicale di lingua tedesca nel genere cantautorale La sua scrittura riflette sui molti squilibri della nostra società, nomina senza sosta verità scomode e ci sorprende ancora e ancora con prospettive alternative su fatti apparentemente monolitici. Oltre a tutte le storie tragiche e dolorose del nostro tempo, egli ci mostra sempre di nuovo come può essere bella la vita. Con incrollabile fiducia, il cantautore dichiara il suo attaccamento alla vita e all’amore in un modo che solo un poeta di questa portata può. Dominik Plangger non solo affascina con la sua poesia, ma incanta anche il pubblico con la sua chitarra virtuosa e la sua voce ammaliante.
  • Junipa Gold's name resemblance to the wild bush, Juniperus communis, that gave us the spirit of Gin is not accidental. The art of mastering a craft, be it gardening or the fabrications of music and melodies, is something that is in itself an artistic act. The botanist that takes the plant and fashions a drink out of it is within the essence of Junipa Gold as a band - it takes passion to refine the simple things and turn them into something enjoyable, and Junipa Gold have mastered this without any doubt. The four musicians have known each other for four years. They have used the fact that their musical influences couldn't be more different to their advantage to set Mia's lyrics and soulful voice in the right ambience. For Junipa Gold it is the combining of the wild and the tame, the soothing and the awakening that earns them their name's attribute "gold". Their lyrical production gives an insight to the band's drive to reach into the world and connect with people everywhere. Frontwoman Mia writes about places of longing, parting of ways and takes feelings on a voyage with an open end. Together with fellow musicians Fabio, Sascha and Pascal the band invites us to a journey between melancholy, joy and an atmosphere of departure. As listeners get to participate in an experience that is at the same time honest and personal as well as vague, Junipa Gold hopes to transfix the audience into a wholesome spell.
  • Luciano Biondinis Programm ist eine musikalische Reflexion von Luciano über die Musik des großen Komponisten und seine Einflüsse auf die Musik Italiens im Allgemeinen und Luciano im Besonderen. Der weltweit bekannte Akkordeonist gehört seit langem zu jener kleinen Handvoll überragender europäischer Akkordeonvirtuosen, die zwar im Jazz zu Hause sind, aber immer auch mit Haut und Haar der mediterranen Musik ihrer Heimat verbunden geblieben sind. Nach zwei Alben mit dem Schweizer Schlagzeuger Lucas Niggli und dem französischen Tubaspieler Michel Godard hat Biondini jetzt eine Soloplatte eingespielt, die ganz den großen italienischen Canzoni der Sechziger bis Achtziger Jahre gewidmet ist, mit der er im umbrischen Spoleto groß geworden ist: Von Gino Paoli, von Domenico Modugno, Ernesto de Curtis oder Pino Daniele. Lieder von Fiorenzo Carpi, der in den Siebziger Jahren die Musik für die märchenhafte TV-Kinderserie "Le Avventuri di Pinocchio" geschrieben hat. Oder auch Ennio Morricones melancholische Titelmelodie für Giuseppe Tornatores Film "Cinema Paradiso". Biondini spielt alle diese Canzoni mit ungezähmter Leidenschaft. Der Jazzkritiker Christian Rentsch schreibt in den Linernotes: „Wie Luciano Biondini die sentimentale Melodie nicht gleich vom ersten Moment an preisgibt, sondern sich gleichsam an das Thema heranschleicht und es während des ganzen Stücks immer wieder verfremdet, umspielt, kurz verschwinden lässt und wieder hervorzaubert, das ist große Meisterschaft". Es spielt Luciano Biondini (acc)