banner inside 01 it

BRUNOD – GALLO – BARBIERO (I) “EXTREMA RATIO” - Pubblicato da parkhotellaurin

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

All That Music – Jazz

BRUNOD – GALLO – BARBIERO (I)
“EXTREMA RATIO”

Maurizio Brunod electric, classic guitars
Danilo Gallo electric bass, double bass
Massimo Barbiero drums & percussion

Chitarra elettrica e acustica, basso elettrico, contrabbasso, elettronica e percussioni contribuiscono a costruire la spaziosa ambientazione timbrica di “Extrema Ratio”, l’album firmato Maurizio Brunod, Danilo Gallo e Massimo Barbiero, con brani originali, traditional e qualche rifacimento.

Un concerto in collaborazione con
“Itaclub Jazz Festival”

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 08 Ott 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 18 Nov 2021
    Elsa Martin & Stefano Battaglia (I): “Al centro delle cose” Entreda debant/Eintritt frei/Ingresso gratuito En colaborazion con la Consulta ladina dl Comun de Bulsan Elsa Martin: voice Stefano Battaglia: piano È un omaggio al poeta Pierluigi Cappello, sulle cui liriche Elsa Martin e Stefano Battaglia hanno scritto composizioni originali. Le poesie scelte dalla ricca produzione di Cappello, coinvolgono testi in lingua friulana e italiana. Artigiano della parola dalla potenza disarmante, la cui bellezza è così nitida, che si impone per la sua innocenza profonda, conquistata e per la sua trasparenza commovente che sa parlare ai cuori. Nelle prospettive di Elsa Martin e Stefano Battaglia, la musica e? l’arte privilegiata per osare un dialogo con la parola di Cappello. Al centro delle cose é na scincunda al poet Pierluigi Cappello y a sies poejies, metudes en mujiga da Elsa Martin y Stefano Battaglia, con composizions originales che se muef da la forma ciantia a estetiches contemporanes nueves, tres n sistem prezis de strutures morfologiches videdes da les evocazion dl test. Les poejies chirides fora tla rica produzion de Cappello é scrites tant per furlan che per talian. Artejan dla parola da la potenza dejarmanta, de na beleza tant clera che à la souramessa per sia inozenza sota, concuisteda y per sia trasparenza comoventa che sà da ti rejoné ai cuers.
  • Venerdì 10 Dic 2021
    Auf dem Programm stehen das Quintett Es-Dur, KV 452 für Klavier, Oboe, Klarinette, Horn und Fagott von Wolfgang Amadeus Mozart; LUDWIG THUILLES Sextett in B-Dur, op. 6 fu?r Klavier und Bla?serquintett und weitere Werke fu?r Bla?serquintett von Hans-Werner Henze und Gabriel Pierne?. Il programma comprende il Quintetto in mi bemolle maggiore, KV 452 per pianoforte, oboe, clarinetto, corno e fagotto di Wolfgang Amadeus Mozart; LUDWIG THUILLES Sestetto in si bemolle maggiore, op. 6 per pianoforte e quintetto di fiati e altre opere per quintetto di fiati di Hans-Werner Henze e Gabriel Pierné
  • Lunedì 15 Nov 2021
    THE LAST COAT OF PINK (I): Spaces and silences of Pink Floyd's music Kathya West: vocals Alberto Dipace: piano Danilo Gallo: bass The Last Coat Of Pink è il nome di un intelligente progetto dedicato alla musica dei Pink Floyd. “I Pink Floyd… spazi immensi pieni di suoni interminabili. Sentieri dove la percorribilità lineare è solo un’illusione ottica generata da un’alterata percezione dei vuoti. Distese colme di papaveri mossi dal vento, fiori i cui pistilli risuonano diversamente a seconda della sua direzione. Non è semplice suonare una vastità, ma la si può far suonare. Per il vento si può soffiare. Per l’illusione ci sono i sogni. Per i vuoti c’è la musica, quella che suona ciò che non esiste. Quella dei Pink Floyd. The Last Coat Of Pink è il pistillo di uno di quei fiori, il più delicato e fragile, mosso dal vento.” Queste le parole usate dal trio per presentare il progetto. Il lavoro di Danilo Gallo, Kathya West e Alberto Dipace affonda le mani nel repertorio di un autentico monumento della musica inglese: i Pink Floyd, dei quali The Last Coat of Pink offre una manciata di rivisitazioni “da camera”, principalmente tratte dal monumentale The Wall del 1979, con un po’ di eccezioni pescate da The Dark Side of The Moon, Wish You Were Here e A Momentary Lapse of Reason. L’atmosfera che si respira è di estrema eleganza con la voce di Kathya appoggiata su pianoforte e contrabbasso, alle prese con pagine di musica scritte originariamente per tessiture ben più ingombranti e ricche che in questa dimensione regalano sensazioni delicatamente piacevoli anche grazie al fatto di diventare subito riconoscibili. Non viene quasi mai scelta una chiave dissacratoria o un registro forzatamente alternativo; il trio applica piuttosto un po’ di personalità a spartiti entrati nel DNA di una moltitudine di appassionati di musica per un’operazione che diventa un prodotto trasversale capace di ammaliare chi ama le canzoni dei Pink Floyd quanto chi non li ha, per assurdo, mai ascoltati. Un’ora di estrema piacevolezza.