banner inside 01 it

Jasmine Deporta – 11 - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Jasmine Deporta riflette su ciò che la circonda, sulle relazioni ed è una riflessione personale sulla brama, la paura e soprattutto l’identità. Lavorando principalmente con pellicola analogica, cattura i momenti introspettivi nella sua personale visione della realtà.

Le origini di Deporta come fotografa derivano dai primi tentativi di catturare la sua vita di tutti i giorni, quando ricevette la sua prima fotocamera analogica all’età di nove anni. L’ingenuità che caratterizza l’esperienza dell’infanzia è ciò che rimane nella pratica di Jasmine fino ad oggi. Lavorare nel presente, lasciando spazio alla?coincidenza ed essere intuitivi fa parte del suo modus operandi e le dà la possibilità di cogliere realtà singolari nel modo più puro che esista.

Deporta ama giocare con i contrasti. Nel suo lavoro sposta l’enfasi da ciò che è ignoto a ciò che è visibile, e viceversa. Questo risuona anche nel suo linguaggio visivo, che è femminile e morbido ma, allo stesso tempo, malinconico e illusorio. Le donne che appaiono nelle sue immagini sono spesso oscurate o, in qualche modo, nascoste alla vista, eppure la loro presenza irradia forza ed equilibrio. L’artista fonde gesti performativi, incontri intimi e simbolismi quotidiani in nuovi scenari e rivela immagini visive che preservano la naturale e cruda?onestà del soggetto. Di conseguenza le sue fotografie non sono solo veicoli di significato ma vere espressioni del desiderio.

In ’11’ Jasmine Deporta mostra immagini di serie diverse. Abbinandole tra loro le inserisce in un dialogo di forme, colori, composizione, contenuto e gioca con l’immaginazione e la connotazione dello spettatore. Il titolo della mostra racchiude in sé lo strato personale del lavoro di Deporta in quanto si riferisce al suo giorno di nascita:?l’11.11.

Jasmine Deporta (1989, Italia) è un’artista visiva multidisciplinare che lavora principalmente nel mondo della fotografia. Dopo i suoi studi di Design e Arte, e alcuni anni di esperienza artistica e lavorativa tra l’Italia e Berlino, attualmente sta seguendo il Master in Fotografia all’ECAL di Losanna, in Svizzera.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Sab 09 Mar 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Note sugli orari :

Sa/sab h. 10:00 - 12:00

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 16 Giu 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    A 500 anni dalla sua morte, il Museo di scienze naturali dell’Alto Adige rende omaggio al principe e poi imperatore Massimiliano I che ordinò la costruzione del palazzo, sede del museo dal 1998. Una piccola mostra temporanea per illustrare l’attività della casa che amministrava il commercio e il traffico di merci dell’epoca. Tasse e tributi, così come multe e canoni di affitto e utilizzo di edifici, campi e vigneti venivano versati nelle casse della casa principesca, che conservava le entrate in un’apposita cassaforte. Sui registri venivano annotate le fiorenti attività di una città le cui fiere erano conosciute in mezza Europa. Pedaggi e diritti di mercato contribuivano a colmare le casse di quello che fu definito “il piccolo gioiello del Tirolo”. Tutto ciò, e molto altro, rivive in questa mostra che ci proietterà nella Bolzano della fine del ‘400.
  • L'evento si terrà oggi e ogni settimana fino a Ven 19 Apr 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi
    sculture, quadri, disegni
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 17 Nov 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    L’archeologia in Alto Adige muove i suoi primi passi nel periodo che precede il 1919, quando l’odierno Alto Adige faceva ancora parte dell’Impero austro-ungarico. La mostra temporanea prende in esame interessanti reperti di questa fase iniziale, analizza i primi scavi e racconta l’istituzione dei primi musei, presentando i pionieri e i protagonisti di quest’epoca, studiosi e appassionati profani accomunati dall’entusiasmo per la storia locale e la tutela dei beni culturali. Molti reperti rinvenuti in questo periodo sono tuttavia finiti nel mercato antiquario e oggi si trovano sparsi in musei e collezioni private di tutto il mondo. Per questa mostra i curatori hanno rintracciato oggetti di particolare interesse, scoperti prima del 1919, e li presentano per la prima volta in Alto Adige, nella loro “antica patria”. Dopo la prima guerra mondiale, cento anni fa, venne stipulato il trattato di Saint-Germain, mediante il quale l’odierno Alto Adige fu annesso all’Italia. Questo profondo cambiamento politico ebbe ripercussioni anche sull’archeologia: cambiarono le competenze delle autorità preposte alla tutela dei beni culturali, i reperti dovettero essere restituiti, i musei si riorganizzarono. La mostra temporanea si occupa di questo periodo cruciale e ci restituisce un‘interessante fotografia della storia dell’archeologia dell’Alto Adige prima del 1919.