banner inside 01 it

FLOATING FEARS / EXPOSED LAND / PREDATORY HABITUS - Pubblicato da ar/ge kunst

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

JOHANNA PLATZGUMMER UND ELISABETH TAUBER
Presentazione film e discussione
Parte di Hostile Environment(s)

26.10.2021, ore 18
Aula D1.02
unibz, Libera Università Bolzano
Piazza Università 1

La museologa Johanna Platzgummer e la antropologa sociale Elisabeth Tauber presentano un breve video saggio sullo stato della loro attuale ricerca sui movimenti transfrontalieri dei lupi nella regione alpina e su ciò che questi attraversamenti di confine scatenano, in modo piuttosto inaspettato per un fenomeno naturale di questa portata. La proiezione sarà seguita da una discussione con Emanuele Guidi (direttore artistico di ar/ge kunst Bolzano) e Roberto Gigliotti (professore di Interior e Exhibit Design presso la Facoltà di Design e Arti di unibz).

L’ingresso in Università sarà consentito solo previa presentazione di green pass.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Martedì 26 Ott 2021

Note sugli orari :

26.10.2021, ore 18
Aula D1.02
unibz, Libera Università Bolzano
Piazza Università 1

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • Mercoledì 15 Dic 2021
    Presentazione del volume pubblicato dalla casa editrice ESI, Napoli 2021, che raccogli gli atti dell'evento che non si è potuto tenere nel 2020. (Dalla prefazione a cura di Giovanni Cordini) Gli orientamenti in tema di protezione dell'ambiente proposti negli ordinamenti dei Paesi europei che si sono ispirati ai principi della democrazia liberale rivelano alcune tendenze comuni. In via di principio la tutela dell’ambiente viene indicata tra i valori fondamentali dell’ordinamento, ove si esprimono le condizioni utili per assicurare il benessere ed il progresso delle persone, per cui ai legislatori e ai pubblici poteri vengono assegnate delle specifiche funzioni di promozione, di tutela e di garanzia. Analoghe considerazioni si possono rinvenire anche nelle recenti "dichiarazioni internazionali" (come quella dell’Unione Europea, enunciata a Nizza nell’anno 2000 e poi integrata nel Trattato di Lisbona) o nei documenti finali delle Conferenze Internazionali in tema di “Ambiente e Sviluppo” (ad esempio Stoccolma 1972, Rio 1992, Johannesburg 2002 e Rio 2012, oltre che negli Atti delle Conferenze Cop sul clima). Formule costituzionali ambientali e principi, se pure tradotti con differenti espressioni linguistiche, si possono rinvenire anche in talune forme di Stato ove non sono accolti tutti i valori espressi dal costituzionalismo occidentale e vengono enunciati degli orientamenti ideologici e culturali diversi, o addirittura alternativi, rispetto a quelli proposti dalle democrazie liberali: dai modelli fondamentalisti e teocratici dell'islamismo, ai sistemi giuridici influenzati dal marxismo, ai modelli transitori e sovente del tutto privi d’effettività di molti Paesi del "terzo mondo" che si propongono di coniugare, talvolta con contraddizioni ed antinomie, le antiche culture con la realtà contemporanea, alla quale il sistema giuridico è approdato subendo le trasformazioni dovute agli influssi del post-colonialismo e della modernizzazione. Muovendo da queste premesse questo volume consente di aprire una finestra interdisciplinare sulle tematiche ambientali mettendo a confronto filosofi, storici, giuristi e altri studiosi secondo un modello che l’Istituto Rosmini ha applicato e consolidato nel corso del tempo per consentire una visione ad ampio spettro di questa decisiva questione che prospetta interrogativi in tema di sostenibilità, diritti delle generazioni future e scelte politiche e sociali decisive per tutti i popoli del Pianeta. Presiede: Prof. Michael Rainer Intervengono in presenza: Luigi Bonizzi (Univ. Di Milano Statale), Danilo Castellano (Udine), Giovanni Cordini (Pavia), Marcello Fracanzani (Corte di Cassazione, Roma) In collegamento zoom: Miguel Ayuso (Univ. Comillas, Madrid), Lorenza Violini (Univ. Statale di Milano)
  • Venerdì 10 Dic 2021
    Nach Jahrzehnten des wilden Konsums machen Klimakatastrophen, Pandemien und Tierleid vielen Menschen immer nachdenklicher. Viele Personen, vor allem die jüngere Generation und Familien, legen großen Wert auf Nachhaltigkeit und Bioprodukte. Auch bei der Urlaubswahl wird vermehrt auf diese zwei Aspekte geachtet. Hoteliers und Gastronomen reagieren hier oft sehr zögerlich oder gar nicht und verlieren somit potenzielle Kunden. Durch die Umstellung auf Bioprodukte wird nicht nur die Umwelt geschont, sondern man arbeitet auch mit qualitativ deutlich hochwertigeren Produkten. Dieser Workshop vermittelt wie man die Mehrkosten in den Griff bekommt, woher die Bioprodukte kommen und wie der Gast darauf reagiert. Inhalte: Neue Zielgruppen erschließen Lieferanten finden Kostenkalkulation Wie reagiert der Gast? Bio richtig kommunizieren Kriterien der Biohotels Kriterien Bioland-Gastronomie Infos über regionale Produkte, Kreislaufwirtschaft, Tierwohl, Klimabilanz, Gemeinwohlökonomie Referent: Kurt Resch, Biohotel Steineggerhof, Steinegg Zielgruppe: Geschmacksprofis Sprache:Deutsch Teilnahmegebühr: 140,00 € Referent: Resch Kurt
  • Sabato 11 Dic 2021
    Konversation in Englisch und Italienisch Wenn Sie in angenehmer Atmosphäre Ihre Sprachkenntnisse üben wollen, dann kommen Sie doch zum Sprachentreff. Sie finden dort unterschiedliche Fremdsprachentische, an die Sie sich ungezwungen dazusetzen und mitplaudern können. Unsere VHS-Sprachreferenten moderieren die jeweiligen Sprachentische.