banner inside 01 it

vhs.wissen live: Femizide - Warum Männer Frauen töten und wa - Pubblicato da VHS_Suedtirol

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Jeden Tag versucht in Deutschland ein Mann, seine Frau umzubringen. Alle 3 Tage wird eine Frau von ihrem Partner oder Ex-Partner getötet. Hinzu kommen die Morde an Frauen durch ihnen unbekannte Täter.
Diese Verbrechen sind keine Ehrenmorde oder Beziehungstaten, sondern Femizide: Morde, die an Frauen verübt werden, weil sie Frauen sind.
Laura Backes und Margherita Bettoni zeigt in dem Vortrag, dass die Tötung von Frauen aufgrund ihres Geschlechts auch bei uns ein ernsthaftes gesamtgesellschaftliches Problem ist. Als Familientragödien verharmlost, bleiben viele Frauenmorde verborgen und verdecken die patriarchalen Macht- und Gewaltmuster, die sich tief durch unsere Gesellschaft ziehen.

Margherita Bettoni ist Investigativjournalistin mit den Schwerpunkten Organisierte Kriminalität und sexualisierte Gewalt. Sie ist Co-Autorin der Bücher »Die Mafia in Deutschland. Kronzeugin Maria G. packt aus« (Econ, 2017) und »Corona: Geschichte eines angekündigten Sterbens« (dtv, 2020). Für ihre Recherchen hat sie den Marlies-Hesse-Nachwuchspreis, den Migration Media Award und den Grimme Online Award gewonnen.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 25 Nov 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Mercoledì 15 Dic 2021
    Presentazione del volume pubblicato dalla casa editrice ESI, Napoli 2021, che raccogli gli atti dell'evento che non si è potuto tenere nel 2020. (Dalla prefazione a cura di Giovanni Cordini) Gli orientamenti in tema di protezione dell'ambiente proposti negli ordinamenti dei Paesi europei che si sono ispirati ai principi della democrazia liberale rivelano alcune tendenze comuni. In via di principio la tutela dell’ambiente viene indicata tra i valori fondamentali dell’ordinamento, ove si esprimono le condizioni utili per assicurare il benessere ed il progresso delle persone, per cui ai legislatori e ai pubblici poteri vengono assegnate delle specifiche funzioni di promozione, di tutela e di garanzia. Analoghe considerazioni si possono rinvenire anche nelle recenti "dichiarazioni internazionali" (come quella dell’Unione Europea, enunciata a Nizza nell’anno 2000 e poi integrata nel Trattato di Lisbona) o nei documenti finali delle Conferenze Internazionali in tema di “Ambiente e Sviluppo” (ad esempio Stoccolma 1972, Rio 1992, Johannesburg 2002 e Rio 2012, oltre che negli Atti delle Conferenze Cop sul clima). Formule costituzionali ambientali e principi, se pure tradotti con differenti espressioni linguistiche, si possono rinvenire anche in talune forme di Stato ove non sono accolti tutti i valori espressi dal costituzionalismo occidentale e vengono enunciati degli orientamenti ideologici e culturali diversi, o addirittura alternativi, rispetto a quelli proposti dalle democrazie liberali: dai modelli fondamentalisti e teocratici dell'islamismo, ai sistemi giuridici influenzati dal marxismo, ai modelli transitori e sovente del tutto privi d’effettività di molti Paesi del "terzo mondo" che si propongono di coniugare, talvolta con contraddizioni ed antinomie, le antiche culture con la realtà contemporanea, alla quale il sistema giuridico è approdato subendo le trasformazioni dovute agli influssi del post-colonialismo e della modernizzazione. Muovendo da queste premesse questo volume consente di aprire una finestra interdisciplinare sulle tematiche ambientali mettendo a confronto filosofi, storici, giuristi e altri studiosi secondo un modello che l’Istituto Rosmini ha applicato e consolidato nel corso del tempo per consentire una visione ad ampio spettro di questa decisiva questione che prospetta interrogativi in tema di sostenibilità, diritti delle generazioni future e scelte politiche e sociali decisive per tutti i popoli del Pianeta. Presiede: Prof. Michael Rainer Intervengono in presenza: Luigi Bonizzi (Univ. Di Milano Statale), Danilo Castellano (Udine), Giovanni Cordini (Pavia), Marcello Fracanzani (Corte di Cassazione, Roma) In collegamento zoom: Miguel Ayuso (Univ. Comillas, Madrid), Lorenza Violini (Univ. Statale di Milano)
  • ogni giorno fino a Dom 09 Gen 2022
    Ogni colore richiama una specifica emozione nel cervello, uno stato d’animo ben definito. Imparare a conoscerne gli effetti ci permette di comunicare attraverso di essi, amplificando l’effetto delle nostre opere pittoriche. Verranno trattate le principali teorie dei colori con esercizi pratici e realizzeremo insieme emozionanti e creativi dipinti. Attraverso i colori è infatti possibile rappresentare non solo la realtà che ci circonda, ma anche la nostra personalità.
  • ogni giorno fino a Dom 13 Feb 2022
    Obiettivo del workshop è chiarire il percorso pittorico che portò gli artisti dell’Ottocento in ambito europeo, in particolare J.B.C.Corot, a creare le premesse per il passaggio graduale dal figurativo all’astratto. Verranno analizzate anche le correnti artistiche americane ed europee dalla metà del ‘900, le Neoavanguardie degli anni ’60 e ’70, fino alle proposte più significative dei nostri giorni. Stimolati dalla conoscenza dei grandi pittori del passato, eseguiremo in laboratorio lavori partendo da immagini figurative, puntando ad una loro progressiva astrazione, fino a giungere ad opere totalmente astratte e di grande impatto.