banner inside 01 it

La stagione del raccolto a Termeno - Come era in passato - Pubblicato da Standortentwicklung Tramin

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

In passato nell’agricoltura locale prevalevano la viticoltura e le coltivazioni per l’autosufficienza alimentare (mais, patate, fagioli, piselli, verdura, frutta). Nel periodo interbellico nella Bassa Atesina si passò alla coltivazione intensiva di mele e pere che, a partire dagli anni cinquanta, nel giro di pochi decenni sostituì le coltivazioni per l’autosufficienza alimentare nella pianura. Allora fieno e mais sparirono così come l’impiego di buoi e cavalli per i vecchi carri. Con l’utilizzo di trattori cambiarono anche le modalità di trasporto.
La mostra “La stagione del raccolto a Termeno - Come era in passato” nei vicoli e in piazza Municipio di Termeno offre una panoramica su attrezzi e mezzi di trasporto per il raccolto usati dalle generazioni precedenti di Termeno.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Dom 10 Ott 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 06 Nov 2021 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Mosche, lattine, guerra e vette immaginarie. È sempre un po' folle voler andare oltre i limiti del “fotografabile”. Fare ciò significa infatti esporre per intero l'ambiguità insita nella fotografia, lasciandosi così impressionare dalla sua seducente finzione. Scatti, esposizioni multiple, differenti momenti raccolti nella stessa immagine, il tutto per avere più di una visione, di un approfondimento o di un arricchimento e, allo stesso tempo, una perdita, un decadimento. In questi cicli di opere inediti le immagini si trasformano, attraverso collage di Rorschach, in motivi ornamentali, restituendo così il fascino delle cose legittimamente ambigue. Si tratta di un gioco illusionistico che simultaneamente collega e sostituisce, combina e trasforma. L'obiettivo è capire che ogni elemento realistico cela o implica qualcosa di ambiguo, evasivo, enigmatico. Siamo chiamati a cercare ciò che non esiste, l'alternativa possibile, l'altra faccia del mondo. Ma non è forse questa l'eterna ambiguità ed elusività delle immagini? Mostrare e nel contempo nascondere, rappresentare il mondo e contemporaneamente cambiarlo? Nato a Cortina d'Ampezzo nel 1973, Giancarlo Lamonaca ha studiato arte e pittura all'Accademia di Belle Arti di Bologna e all'HDK di Berlino. Attualmente vive e lavora nel suo studio di Varna. I suoi scatti vanno oltre il rapporto diretto con la realtà che si può stabilire attraverso il mezzo fotografico. Egli stratifica e sovrappone la realtà all'immaginario, dando luogo ad uno spazio in cui tutto sembra possibile, ma niente può essere totalmente definito. Le sue installazioni di grande formato e i cicli attualmente in lavorazione possono essere definiti come autentici camuffamenti della realtà, derivanti dal suo approccio sperimentale alla fotografia. Durante la mostra saranno rispettati tutti i protocolli anti-Covid19 attualmente in vigore.
  • Mercoledì 27 Ott 2021
    27.10.2021 ore 16:00 – 17:30 Punto d‘incontro: vicino a un fiume, online Registrazione: info@argekunst.it lingua: tedesco, inglese Siamo in un'ex palude. Qui, dopo la bonifica, si costruì una fabbrica poiché quest’area era in una posizione ideale e nei pressi di un corso d’acqua. Fino agli anni '40, la Montecatini di Sinigo, una frazione di Merano, ha prodotto tonnellate di fertilizzante artificiale che scorreva in tubi d’acciaio. La palude è diventata una zona industriale e si è sviluppata in un villaggio. E se comprendessimo questo paesaggio come un corpo e percepissimo il nostro corpo umano come un organismo fluido in esso? Questa relazione tra i corpi, tra l’umano e il terreno, é indagato dall'artista Katrin Hornek nella sua mostra personale, che apre all'ar/ge kunst il 26.11.2021, e parte dalla storia locale e la produzione di ammoniaca ad essa intrecciata. Reading Rivers #3 e #4 invita l? partecipant? ad approfondire la mostra e la pratica artistica di Katrin Hornek leggendo, esplorando e discutendo testi rilevanti che vedono l'uomo in relazione e come parte dell'ambiente. Tra gli autori si trovano María Puig de la Bellacasa, Sabina Holzer, Sarah Demeuse, Myra J. Hird, Kathryn Yusoff, Marisol de la Cadena. Il gruppo di lettura è su appuntamento e l? partecipant? sono pregat? di leggere i testi in anticipo. Durante l'evento, i testi saranno ascoltati via podcast e discussi in inglese in una conversazione comune. Un booklet con gli estratti dei testi e informazioni logistiche saranno fornite al momento della registrazione. A differenza di un ordinario gruppo di lettura, dove l? partecipant? siedono insieme per discutere i testi, Reading Rivers vi invita ad avvicinarvi ad un corso d’acqua. Come l'acqua di un fiume, i testi hanno un'origine chiara; attraverso la lettura collettiva entrano in contatto e si uniscono a elementi nuovi prima di continuare a fluire in qualcosa di più grande. Attraversano diversi paesaggi, tempi, personaggi. Incontrano ostacoli e li aggirano trovando percorsi dove c'è meno resistenza. Lo scorrere delle acque del fiume è come la conoscenza: ancorata a punti stabili, rimane comunque in costante movimento, permettendo nuove letture delle complesse questioni del presente.
  • ogni settimana fino a Sab 08 Gen 2022 nei giorni di: Venerdi Sabato
    Mostra personale di Michael Krebber “Studiofloor and Diamond Paintings”. La prima mostra personale di Michael Krebber in Italia presenta le due serie “Studiofloor” e “Diamond Paintings”, che illustrano la volontà dell'artista di espandere la sua riflessione sul tema della pittura, intesa come performance oltre la tela e oltre lo spazio ad essa tradizionalmente attribuito. La mostra è curata da Vincenzo de Bellis e organizzata in collaborazione con la Greene Naftali Gallery di New York. Da decenni, il lavoro e la ricerca di Michael Krebber sono caratterizzati da un approccio concettuale alla pittura basato sulla convinzione che sia ormai impossibile inventare qualcosa di nuovo nell'arte, poiché tutto è già stato inventato. Più che semplici “reinvenzioni”, gli interventi minimali e apparentemente irrisolti dell'artista offrono al pubblico una “tela aperta” a molteplici possibilità: come una frase incompiuta, le sue opere lasciano gli spettatori liberi di indovinare cosa potrebbe accadere. Secondo Michael Krebber la pittura è da intendere quasi come una performance: il suo approccio creativo è stato definito come un “sistema di esitazioni nel quale forze opposte simultaneamente si incoraggiano e si ostacolano”, espandendo la pittura al di là della nozione convenzionale del dipinto come oggetto. L’estetica incompiuta di Krebber non è tuttavia il risultato di un tentativo di sabotaggio del medium, quanto piuttosto della precisa volontà di estendere il discorso al di fuori della tela e dello spazio tradizionalmente attribuito alla pittura. Intenzione che emerge con particolare chiarezza nelle due serie in mostra a Bolzano. Studiofloor e Diamond Painting La serie intitolata studiofloor MK/P MK19/087/1-8 (2000), è stata presentata con un’immagine enigmatica, sulla copertina di Artforum nel 2005. Per una mostra di qualche anno prima, Krebber aveva chiesto in prestito ad alcuni collezionisti una serie di suoi stessi dipinti, che ha poi disposto su grandi tavoli al centro della stanza. Le pareti, rimaste vuote – sulle quali sarebbero dovuti essere installati i dipinti – sono state invece ricoperte da grandi pannelli di masonite, porzioni di pavimento dello studio dell’artista, tagliate e posizionate sul muro come fossero quadri. La sostituzione delle più tradizionali tecniche pittoriche con l’utilizzo del readymade, ritorna anche nella seconda serie esposta. Nelle quattordici tele di Diamond Painting (2003), Krebber smitizza in maniera sistematica, come suggerisce il titolo della serie, la centralità del soggetto e della tecnica in pittura, creando invece uno spazio aperto alla sospensione e all’incompletezza. Tessuti acquistati in negozio, decorati con pattern prestampati, sostituiscono la tradizionale tela e divengono la superficie su cui Krebber dipinge semplici forme geometriche di rombi bianchi. Come spesso accade nel suo lavoro, il riferimento a influenti artisti tedeschi, in questo caso scelti tra chi ha utilizzato il tessuto nella propria pratica come Rosmarie Trockel e Sigmar Polke, rivela la profonda conoscenza della storia dell’arte e della pittura contemporanea. Michael Krebber è nato a Colonia nel 1954, ha studiato pittura all’Akademie der Bildenden Künste di Karslruhe. Dal 2016 vive e lavora a New York. È stato assistente dei celebri artisti tedeschi Martin Kippenberger e Georg Baselitz. Dal 2002 al 2016 è stato professore alla Städelschule di Francoforte, dove con il suo insegnamento ha influenzato profondamente una generazione di giovani artisti. Le sue mostre personali più recenti si sono tenute, tra le altre, al Museum Brandhorst di Monaco (2019), alla Galerie Buchholz di Berlino (2019), alla Greene Naftali Gallery di New York (2018) e alla Kunsthalle di Bern (2017).