banner inside 01 it

Invisibili generazioni - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Elementare Teatro
indagine, testo e regia Carolina De La Calle Casanova
con Corinna Grandi, Marco Ottolini, Paola Tintinelli e Federico Vivaldi
scenografie Ilaria Bassoli e Davide Vivaldi
musiche originali Marcello Gori
prodotto da Elementare Teatro
commissionato e co-prodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia Autonoma di Trento nell’ambito del progetto Trentino Global Network - TgN
> in collaborazione con il Coordinamento Teatrale Trentino

Durata: 95' ca

Questo paese sta invecchiando; i giovani se ne vanno, anno dopo anno. Nemmeno la Brexit, l’Isis, gli estremismi in aumento, la nascita di nuovi mestieri at home arrestano le ben tre generazioni invisibili che prendono residenza all’estero. E tutto ciò non lo diciamo noi, lo dicono i dati (incompleti per difetto) dell’Aire, il rapporto annuale dell’Istat, gli studi. Nell’Era del Virtuale l’emigrazione giovanile sembra solo essere la punta di un iceberg inesplorato; sotto acqua, in disgelo, c’è un cambiamento in essere di cui i nostri figli saranno comunque protagonisti. Invisibili Generazioni è la commedia grottesca e punk che narra questo cambiamento attraverso la storia di una famiglia molto particolare. Come ogni buon cambiamento che si rispetti, questo canto non può che iniziare dal caos.

Al termine dello spettacolo il pubblico sarà invitato a fermarsi in foyer con la compagnia per bere un bicchiere di vino gentilmente offerto dalla Cantina Vivallis.

Rassegna In Scena - Teatro Cristallo in collaborazione col Teatro Stabile di Bolzano

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 14 Feb 2020

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni giorno fino a Sab 28 Mar 2020
    von Miroslav Krleža Regie: Rene Medvešek Mit: Tim Breyvogel, Dennis ?ubi?, Christoph Kail, Philip Leonhard Kelz, Emilia Rupperti, Othmar Schratt, Lukas Spisser, Marlies Untersteiner Deutschsprachige Erstaufführung Deutsch von Sead Muhamedagic Koproduktion mit dem Landestheater Niederösterreich Als der Entdecker und Seefahrer Christoph Kolumbus 1492 in See sticht, um die Weststrecke nach Indien zu erkunden, befindet sich Europa mitten in extremen Umbrüchen. Es ist der Übergang vom Mittelalter in die Neuzeit. Neue wissenschaftliche Erkenntnisse, zum Beispiel dass die Erde keine Scheibe ist, verändern den Kontinent in all seinen Gewissheiten. Was für die einen den Weltuntergang bedeutet, ist für die anderen der Weg in eine strahlende Zukunft. In starken expressionistischen Bildern erzählt Krleža von Christoph Kolumbus’ abenteuerlicher Seefahrt. Er beschreibt Kolumbus als einen Visionär, eine moderne Erlöser-Figur, der seinen Matrosen für die lange und beschwerliche Seefahrt eine ungeahnte Freiheit und eine glorreiche Zukunft in der Neuen Welt verspricht. Doch die meuternde Mannschaft will Brot und keine Heilserwartung, die Männer wollen Goldschätze und nicht die leeren Versprechungen eines Idealisten … In „Christoph Kolumbus“, entstanden 1917, verdichtet Krleža die Ideale des Sozialismus mit der Botschaft aus der katholischen Heilsgeschichte. Der kroatische Regisseur Rene Medvešek wird mit einem mehrsprachigen Ensemble aus zehn Schauspieler*innen eine formstarke, atmosphärisch dichte, rhythmisch sehr intensive Theaterarbeit schaffen.
  • Domenica 15 Mar 2020
    Filocircus - Filodrammatica di Laives regia Giuseppe Marazzi Sogno è la piccola storia di un piccolo circo raccontata attraverso il teatro. Come nella vita, ci sono la pista e il retroscena, un cerchio dentro il quale si muovono buoni e cattivi, maschere e verità, uno spazio in cui nascono desideri e muoiono speranze, dove pagliacci e acrobati fanno capriole per divertire il pubblico e soddisfare i direttori, entrambi espressione di quella Umanità, che troppo spesso dimentica che ridere... è una cosa seria! Fantasia e ragione, un volo sospeso tra ideale e realtà, dove sognare non fa chiudere gli occhi, ma li fa aprire! E bisogna volerlo, bisogna crederci: solo così si crea il futuro cui aneliamo e, a prescindere dal risultato, vivere acquista più significato. Rassegna Buona domenica a teatro - UILT
  • ogni giorno fino a Sab 29 Feb 2020
    di Arthur Miller regia Leo Muscato con Alessandro Haber, Alvia Reale TEATRO STABILE DI BOLZANO- GOLDENART- TEATRO STABILE DEL VENETO Caposaldo della letteratura internazionale che dal suo esordio nel 1949 continua a riscuotere un successo dilagante, Morte di un commesso viaggiatore è la storia di un sogno; la storia di un piccolo uomo e del suo sogno più grande di lui. Willy Loman è nato in America, un paese giovane e impaziente, sogna a occhi aperti il successo facile, veloce. È un commesso viaggiatore che si guadagna da vivere con la parlantina, ha allevato i figli al culto dell’apparenza e della superficialità. Quando le sue forze vengono meno, però, il suo mondo si incrina sprofondandolo in un baratro di sconforto. Alessandro Haber interpreta per la prima volta l’esausto commesso viaggiatore Loman, vittima di un sistema.