corsi e percorsi banner inside GIUSTO

Dunant, gli ultimi anni del fondatore della Croce Rossa - Pubblicato da valentina_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Uno spettacolo Le Mani Nude

Nel 1895 Henry Dunant, ideatore della Croce Rossa Internazionale e promotore della Convenzione di Ginevra, è solo, malato e in miseria presso Heiden, piccolo paese nella Svizzera tedesca.Accanto a lui vivono persone semplici, parte di quel piccolo mondo in riva al lago di Costanza; persone ignare della Storia e dei suoi grandi stravolgimenti, ma ricche di umanità, di vita pulsante. Tutto intorno l’Europa, continente gravido di violenza, accecato dai sogni di benessere della rivoluzione industriale, ignaro delle terribili devastazioni che lentamente vanno preparandosi.
Sarà il destino a mettere Dunant di fronte ad un’ultima occasione di riscatto; per ottenerlo dovrà però sconfiggere i suoi vecchi fantasmi, tra rancori e sensi di colpa, per tornare ad avere fiducia nel futuro. Questa è la trama dello spettacolo teatrale dedicato “agli ultimi anni di Henry Dunant” realizzato dall’Associazione “Le mani nude” con la regia di Ettore Oldi, testo già vincitore del Premio Franco Molè Città di Terni 2016 (sezione drammaturgia).

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 12 Dic 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 14 Feb 2020
    Elementare Teatro indagine, testo e regia Carolina De La Calle Casanova con Corinna Grandi, Marco Ottolini, Paola Tintinelli e Federico Vivaldi scenografie Ilaria Bassoli e Davide Vivaldi musiche originali Marcello Gori prodotto da Elementare Teatro commissionato e co-prodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia Autonoma di Trento nell’ambito del progetto Trentino Global Network - TgN > in collaborazione con il Coordinamento Teatrale Trentino Durata: 95' ca Questo paese sta invecchiando; i giovani se ne vanno, anno dopo anno. Nemmeno la Brexit, l’Isis, gli estremismi in aumento, la nascita di nuovi mestieri at home arrestano le ben tre generazioni invisibili che prendono residenza all’estero. E tutto ciò non lo diciamo noi, lo dicono i dati (incompleti per difetto) dell’Aire, il rapporto annuale dell’Istat, gli studi. Nell’Era del Virtuale l’emigrazione giovanile sembra solo essere la punta di un iceberg inesplorato; sotto acqua, in disgelo, c’è un cambiamento in essere di cui i nostri figli saranno comunque protagonisti. Invisibili Generazioni è la commedia grottesca e punk che narra questo cambiamento attraverso la storia di una famiglia molto particolare. Come ogni buon cambiamento che si rispetti, questo canto non può che iniziare dal caos. Al termine dello spettacolo il pubblico sarà invitato a fermarsi in foyer con la compagnia per bere un bicchiere di vino gentilmente offerto dalla Cantina Vivallis. Rassegna In Scena - Teatro Cristallo in collaborazione col Teatro Stabile di Bolzano
  • ogni giorno fino a Sab 21 Mar 2020
    di Pippo Delbono con Compagnia Pippo Delbono ERT - EMILIA ROMAGNA TEATRO La gioia di Pippo Delbono è uno spettacolo sul sentimento più bello e misterioso, frutto di una circostanza unica e di un viaggio attraverso i sentimenti più estremi come l’angoscia, il dolore, la felicità, l’entusiasmo. Un vortice di suoni, immagini, movimenti, balli si fondono con la magia del circo, i colori dei clown e la malinconia del tango, in una girandola caleidoscopica di maschere, storie personali e stati d’animo. Dopo il vuoto lasciato dalla scomparsa di Bobò, fedele compagno di scena di Delbono a partire dal primo incontro nel 1995 nel manicomio di Aversa, questa creazione diventa un nuovo percorso verso la “gioia”. Protagonista di molti spettacoli, icona poetica, Bobò continuerà ad essere una presenza-assenza dentro e fuori la scena in questo nuovo viaggio verso “l’inno alla gioia”.
  • Domenica 08 Mar 2020
    Eine Produktion des VBB-Theaterclubs Regie: Christian Mair Uraufführung In Zusammenarbeit mit dem Südtiroler Theaterverband Liebe kennt keine Grenzen! Kennt Liebe keine Grenzen? Es ist noch nicht so lange her, dass die Akzeptanz für Paare, die „aus der Norm fallen“ in Südtirol selbstverständlich ist. Inzwischen sind gemischtsprachige, bikulturelle, gleichgeschlechtliche Beziehungen keine Seltenheit mehr. Doch mit welchen Vorurteilen und Hindernissen haben diese Paare zu kämpfen und mit welchem Reichtum und Perspektivenwechsel werden sie beschenkt? Wie beeinflussen Mehrsprachigkeit, unterschiedliche kulturelle Werte, Rollenzuweisungen das alltägliche Leben? Wir suchen Menschen aller Altersgruppen, die uns ihre persönlichen, glücklichen oder gescheiterten Liebesgeschichten erzählen und daraus gemeinsam mit Regisseur Christian Mair einen Theaterabend entwickeln. Nach „Made in Südtirol. Meine Kindheit“ geht der VBB-Theaterclub in seine zweite Runde. Das Persönliche, Einmalige, Herausfordernde, Beglückende steht im Mittelpunkt dieses Theaterprojektes. Neugierig folgen wir den Spuren der Gefühle und laden Sie herzlich auf diese Entdeckungsreise ein. Wir werden die Studiobühne in Bozen sowie Gasthäuser in Südtirol bespielen und mitten im Publikum Platz nehmen. Mit viel Musik, Tanz und spannenden Geschichten feiern wir gemeinsam ein grenzenloses Fest der Liebe!