corsi e percorsi banner inside GIUSTO

Mi piace ... di più - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

di e con GABRIELE CIRILLI
con la partecipazione di UMBERTO NOTO

Dopo il travolgente successo de La famiglia Addams, Gabrieli Cirilli ritorna con uno spettacolo originale ed esilarante: una di quelle prove d’attore che Gabriele non disattende mai.
Mi piace... di più si dipana attraverso il backup del cellulare di Gabriele. Scorrono velocemente delle immagini che danno spunto per parlare di cose, di persone, di avvenimenti, vissuti o immaginati con
un ritmo veloce e piacevole. Il filo conduttore dello spettacolo è la risata, che si diffonde contagiando immancabilmente anche lo spettatore più scettico e serioso.
Il coinvolgimento è totale anche perché chi può rimanere indifferente a un “mi piace”? Continuamente apprezziamo o siamo apprezzati, giudichiamo e veniamo giudicati. “Mi piace - dice Cirilli - è la parola chiave dei social e della nostra esistenza! Se piaci o ti piace è fatta!

Mi piace il palcoscenico, il rumore delle assi di legno che cigolano sotto i miei passi. Mi piace il momento in cui sto per entrare in scena in cui il panico si mescola con la scarica elettrica della sfida
che sto per affrontare. Mi piace il calore dell’applauso, e soprattutto lo scoppio della risata che consacra ogni goccia di sudore e mi fa sentire al settimo cielo.
Questo spettacolo è lo show col quale riesco ad abbracciare il pubblico fino a portarlo dopo due ore in camerino da me soddisfatto, appagato, stupito, colpito, ammirato, basito, sorridente, insomma,
guarito per un paio d’ore dalla quotidianità che non è sempre così divertente.
Mi piace sentire a fine spettacolo ‘Che bello, mi sono divertito tantissimo. Ho riso per due ore’. E questo, devo dire, è la cosa che mi piace... di più”.

Contatti :

Date e orari evento :

Martedì 12 Nov 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Martedì 18 Feb 2020
    Jiri Bubenicek è stato Primo ballerino al Balletto di Amburgo e all’Opera di Dresda prima di dedicarsi alla coreografia. Chiamato da Cristina Bozzolini a ideare per i quattrordici danzatori del Nuovo Balletto di Toscana una versione originale di Cenerentola, Bubenicek ha optato per la versione della fiaba dei fratelli Grimm: risvolto più triste rispetto a Perrault con immancabile trionfo del bene e dell’onestà sulla travolgente musica di Sergej Prokof’ev Rassegna regionale che ospita le migliori compagnie italiane e straniere sui grandi palcoscenici del Teatro Sociale di Trento, del Teatro Comunale di Bolzano e dell’Auditorium Fausto Melotti, così come su gran parte del territorio regionale.
  • Martedì 25 Feb 2020
    "A che servono gli uomini?" è una commedia musicale di grandi firme, scritta da Iaia Fiastri, storica collaboratrice della premiata ditta Garinei e Giovannini con la quale firma, tra gli altri, "Aggiungi un posto a tavola", "Alleluja brava gente" e "Taxi a due piazze". Nel 1988, anno della prima messa in scena della commedia, la protagonista venne interpretata da Ombretta Colli, e suo marito Giorgio Gaber preparò per lo spettacolo una colonna sonora ricca di ritmi, originalità, brani belli e semplici che arrivano subito all’orecchio e rimangono nella testa degli spettatori. una commedia musicale di Iaia Fiastri musiche di Giorgio Gaber regia di Lina Wertmüller
  • Venerdì 14 Feb 2020
    Elementare Teatro indagine, testo e regia Carolina De La Calle Casanova con Corinna Grandi, Marco Ottolini, Paola Tintinelli e Federico Vivaldi scenografie Ilaria Bassoli e Davide Vivaldi musiche originali Marcello Gori prodotto da Elementare Teatro commissionato e co-prodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia Autonoma di Trento nell’ambito del progetto Trentino Global Network - TgN > in collaborazione con il Coordinamento Teatrale Trentino Durata: 95' ca Questo paese sta invecchiando; i giovani se ne vanno, anno dopo anno. Nemmeno la Brexit, l’Isis, gli estremismi in aumento, la nascita di nuovi mestieri at home arrestano le ben tre generazioni invisibili che prendono residenza all’estero. E tutto ciò non lo diciamo noi, lo dicono i dati (incompleti per difetto) dell’Aire, il rapporto annuale dell’Istat, gli studi. Nell’Era del Virtuale l’emigrazione giovanile sembra solo essere la punta di un iceberg inesplorato; sotto acqua, in disgelo, c’è un cambiamento in essere di cui i nostri figli saranno comunque protagonisti. Invisibili Generazioni è la commedia grottesca e punk che narra questo cambiamento attraverso la storia di una famiglia molto particolare. Come ogni buon cambiamento che si rispetti, questo canto non può che iniziare dal caos. Al termine dello spettacolo il pubblico sarà invitato a fermarsi in foyer con la compagnia per bere un bicchiere di vino gentilmente offerto dalla Cantina Vivallis. Rassegna In Scena - Teatro Cristallo in collaborazione col Teatro Stabile di Bolzano