corsi e percorsi banner inside GIUSTO

Il costruttore Solness - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

da Henrik Ibsen
uno spettacolo di Alessandro Serra
con Umberto Orsini
e Lucia Lavia, Renata Palminiello, Pietro Micci, Chiara Degani, Salvo Drago
e con Flavio Bonacci

COMPAGNIA ORSINI - TEATRO STABILE DELL'UMBRIA

Umberto Orsini interpreta il capolavoro della maturità di Ibsen. Il costruttore Solness è la storia di un uomo che vorrebbe fermare l’inesorabile scorrere degli anni e avere una nuova occasione di felicità, ma resta vittima della propria ambizione. Anziano e affermato costruttore edile, Solness è ostile ai giovani, da cui teme di essere soppiantato. La giovanissima Hilde bussa alla sua porta; gli ricorda un incontro e una promessa di dieci anni prima, fatta a lei, bimba, da lui al vertice del successo. Solness non rammenta ed è tormentato dal senso di colpa per un episodio all’origine della sua fortuna sociale, professionale ed economica, ma anche dell’infelicità sua e della moglie.

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Dom 19 Apr 2020
  • Gio 16 Aprile, 202020:30
  • Ven 17 Aprile, 202020:30
  • Sab 18 Aprile, 202020:30
  • Dom 19 Aprile, 202020:30

Note sugli orari :

dom h. 16:30

Potrebbe interessarti anche :

  • Sabato 04 Apr 2020
    Debutto del nuovo spettacolo di Luci della Ribalta Nello spazio immutabile di una lussuosa suite d'albergo, tre donne si muovono di vent'anni in vent'anni utilizzando un misterioso varco temporale di cui conoscere le regole assume un'importanza vitale quando intuiscono cosa lega una all'altra. Ma il destino si può cambiare? Con la certezza.... del nulla! In scena Luci della Ribalta di Bolzano
  • ogni giorno fino a Sab 30 Mag 2020
    Musical mit den Hits von Giorgio Moroder Musikalische Leitung und Orchestrierung: Stephen Lloyd Regie: Andreas Gergen Uraufführung Buch von Susanne Felicitas Wolf Koproduktion mit der Stiftung Haydn von Bozen und Trient Von Einem der auszog wild zu träumen, die Seele fliegen zu lassen, der ungezähmten Liebe Freiheit zu schenken, das Leben zu feiern und zu tanzen ... Auf wen trifft das zu? Auf eine Figur wie Peer Gynt? Faust? Oder vereint ein Künstler wie Giorgio Moroder all diese Eigenschaften? Und sind damit die 80er oder eine ganze Disco-Generation gemeint? Das ist „Hot Stuff“, wenn sich die ersten Rhythmen von „What A Feeling“ aufbauen und die Sinnlichkeit von Songs wie „Take My Breath Away“ das Kinopublikum in Atem hält. Da schreibt der aus Gröden in die weite Welt hinaus gezogene Songwriter und Produzent Giorgio Moroder Musikgeschichte; mit ihm brechen allen voran die amerikanische Pop-Diva Donna Summer zu ungeahnten Disco-Himmel- Höhen auf und eine Ära des Synthesizer-Sounds an, die den weltweiten Dancefloor beben lässt. Das Lebensgefühl der 80er-Jahre mit Disco-Glamour und den Disco-Queens: Dafür steht Giorgio Moroder heute wie damals. Jeder einzelne seiner Hits, der quer durch das Who is Who der Branche mit Nina Hagen, David Bowie, Barbara Streisand, Freddie Mercury, Britney Spears und unzähligen anderen entstanden ist, erzählt eine eigene Geschichte. Auch eine Liebesgeschichte. Und eine Lebensgeschichte. In den bewährten Händen des deutschen Regisseurs Andreas Gergen und der erfahrenen Autorin Susanne Felicitas Wolf ist diese Hommage an Giorgio Moroder zu seinem 80. Geburtstag eine einzige sich ständig drehende Disco-Kugel auf einem einzigen großen Clubbing...
  • Domenica 02 Feb 2020
    Compagnia Luci della Ribalta (Bolzano) di Pierre Chesnot regia Alessandro Di Spazio con Laura Barocco, Antonio Perrone, Tiziana Barbin, Eleonora Cucè, Alessandro Folchini, Claudia Beatrice, Paolo Cattaruzza Dorigo, Daniela Recca, Enrico Matrella, Francesca Presutti, Cristiana Bertelli Durata: 90' Ambientato ai giorni nostri in una Parigi in festa per l’imminente Natale, Roland Barrot, apprezzato pubblicitario, viene lasciato dalla moglie che decide di trasferirsi con la figlioletta dalla madre a pochi giorni dal Natale. La sua storica amante Stephanie Mercier, arrampicatrice sociale snob, ne approfitta all’istante per programmare le nuove nozze e la futura maternità, ormai tardiva e per stabilirsi in casa con la complicità della zelante madre Geneviève. Il nuovo vicino di casa, Patrick Vertbois, un convinto seduttore “tombeur de femmes”, anch’egli padre e reduce da una recente separazione, lo coinvolge nella mondana Parigi facendogli conoscere l’interessante amica Monika Müller. Ad aumentare la crisi coniugale di Roland si aggiungeranno i continui dispetti dell’ex moglie, che esaspereranno il povero Roland fino all’arrivo della conturbante Laetitia. Sarà l’atmosfera natalizia che farà affiorare in Roland tutte le emozioni, i ricordi e anche la nostalgia di una vita coniugale apparentemente perfetta, assistito moralmente e legalmente dall’integerrimo amico avvocato Gilles Delarive. Roland con tutti i suoi interlocutori, ripercorre le fasi di una separazione con simpatiche confessioni, dando vita ad una serie di stati emotivi da uomo lasciato libero dalle incombenze familiari. Sarà veramente questa la libertà? O si è veramente liberi e felici se si riesce a raggiungere la serenità in un sano ambiente familiare? Lo stesso interrogativo se lo pongono anche i suoi amici Gilles e Patrick, mentre Roland risolve l’enigma in un travolgente e poetico finale ricco di buffe sorprese. Rassegna Buona domenica a teatro - UILT