banner inside pecore2020 IT

Il costruttore Solness - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

da Henrik Ibsen
uno spettacolo di Alessandro Serra
con Umberto Orsini
e Lucia Lavia, Renata Palminiello, Pietro Micci, Chiara Degani, Salvo Drago
e con Flavio Bonacci

COMPAGNIA ORSINI - TEATRO STABILE DELL'UMBRIA

Umberto Orsini interpreta il capolavoro della maturità di Ibsen. Il costruttore Solness è la storia di un uomo che vorrebbe fermare l’inesorabile scorrere degli anni e avere una nuova occasione di felicità, ma resta vittima della propria ambizione. Anziano e affermato costruttore edile, Solness è ostile ai giovani, da cui teme di essere soppiantato. La giovanissima Hilde bussa alla sua porta; gli ricorda un incontro e una promessa di dieci anni prima, fatta a lei, bimba, da lui al vertice del successo. Solness non rammenta ed è tormentato dal senso di colpa per un episodio all’origine della sua fortuna sociale, professionale ed economica, ma anche dell’infelicità sua e della moglie.

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Dom 19 Apr 2020

Note sugli orari :

dom h. 16:30

Potrebbe interessarti anche :

  • Martedì 04 Ago 2020
    Un cortile come set cinematografico. Due Fellini, il giovane e il vecchio, uno di fronte all’altro. “Signori, buongiorno! Attenzione prego, ascoltatemi tutti, oggi qui gireremo il mio primo , scusatemi se farò qualche errore…” Partendo dalla biografia di Fellini, dalle sue interviste e dalle parole degli amici viaggeremo attraverso le immagini oniriche che hanno reso grande il suo cinema. Il giovane regista sta per girare il suo primo film, il set è pronto ma all’improvviso compare il vecchio Fellini come suo alter ego, premonitore di quella che sarà la carriera di uno dei più grandi registi italiani. A cento anni dalla nascita, nelle geometrie della periferia bolzanina, i balconi, i palazzi e i volti del pubblico saranno parte attiva dello spettacolo; come tanto piaceva al regista. I due Fellini si ritroveranno a discutere, improvviseranno delle scene e vestiranno i panni dei grandi attori, preannunciando quelle che diventeranno le scene più iconiche del cinema felliniano. Evocheranno la magia del cinema e le atmosfere delle sequenze che hanno reso indimenticabile il cineasta romagnolo. Un’altalena emotiva che oscillerà tra attese, prove, imprevisti, racconti biografici e scherzi. Scaricando così la tensione per l’inizio delle riprese. Motore. Partito... Azione! viaggio in un set di Federico Fellini testo e regia a cura di Andrea Bernard con Salvatore Cutrì e Paolo Grossi l'evento è gratuito fino all'esaurimento dei posti a disposizione, seguendo le indicazioni per il covid 19
  • Venerdì 14 Ago 2020
    von Ödön von Horváth REGIE: Roland Selva Bühne u. Kostüme: Nora Veneri Lichtgestaltung: Alfredo Piras mit: Katharina Gschnell, Magdalena Schwellensattl Anton Gallmetzer, Horst Herrmann, Sebastian von Malfér, Nik Neureiter, Markus Westphal Spielort: Hof der Volksschule Neumarkt Reservierung: 0471 812128 (Bürozeiten, ab 20. Juli) oder emeil: info@fsu-neumarkt.com oder www.fsu-neumarkt.com/reservierung Zum Stück: Wie sich die Zeiten gleichen. Horváths Stück „Zur schönen Aussicht“ entstand 1926, in einer Zeit, die geprägt war vom Wandel und der Auflösung gewohnter Strukturen in der Gesellschaft, und dies geht stets einher mit Wirtschaftskrisen und der Verelendung großer Teile der Bevölkerung. Auch die Globalisierung und die propagierte neoliberale Weltordnung heben alte Ordnungen auf. In solchen Zeiten gibt es nur einen Gott, der da heißt Geld und er zwingt die Menschen in sein Gebet. (C. M. Meier) Inhalt: Das Hotel „Zur schönen Aussicht“ hat schon einmal bessere Zeiten gesehen. „Aussicht“ gibt’s dort kaum noch, „schöne“ schon gar nicht. Der Betrieb kann nur dank des einzigen Gastes, der Baronin Ada Freifrau von Stetten, einer aufgebügelten Halbweltdame, gerade noch überleben. Dafür müssen Hotelbesitzer Strasser, ehemaliger Offizier, Schauspieler und Bonvivant, der Kellner Max, vormals Plakatmaler und Autoschieber sowie der Chauffeur Karl, vor 1914 angeblich Plantagenbesitzer mit Zuchthausbekanntschaft in Portugal, bei der exaltierten Dame zum Liebesdienst antreten. Dazu kommen der Sektvertreter Müller, ein glühender Anhänger des, in Zeiten des Niedergangs, besonders aufblühenden Nationalismus sowie Ada’s hoffnungslos verschuldeter Zwillingsbruder Emanuel, dem nur noch der Titel verblieben ist. In diese dubiose Gesellschaft platzt Christine, die im Vorjahr eine Affäre mit Strasser hatte, die nicht „ohne Folgen“ blieb. Strasser will naturgemäß von Unterhaltszahlung oder gar Heirat nichts wissen und als jeder der Herren kurzerhand behauptet, Christine ebenfalls „näher gekannt“ zu haben, scheint die Ordnung wieder hergestellt – wenn da nicht der mittellosen „ledigen“ Mutter die Hilfe Gottes zugefallen wäre, die der männlichen Solidargemeinschaft ein jähes Ende bereitet…
  • Sabato 29 Ago 2020
    Spettacolo teatrale Spettacolo in collaborazione con Teatro Stabile di Bolzano e WE-Empowerment Per la consueta iniziativa in collaborazione con il Teatro Stabile quest’anno – nella terza serata della Stagione Estiva Don Bosco – ci sarà per la prima volta al Parco delle Semirurali un monologo femminile: la travolgente e unica Arlecchino donna in Italia. Claudia Contin, attrice, autrice, regista, scenografa, artista figurativa e insegnate di teatro, scrittrice di saggi e autrice di testi teatrali pubblicati in diverse lingue. Lo spettacolo è dedicato alle figure femminili della Commedia dell'Arte e alla loro emancipazione - che ancora oggi ispira le attrici contemporanee - iniziata nel Cinquecento. Il tema fondamentale è la “Donna in scena”: oggi siamo abituati a vedere le figure e le personalità femminili sulle scene contemporanee, ma nel Sedicesimo Secolo in Italia alle donne era vietato “calcare le scene”. In questa Confessione-Buffa, l’attrice Claudia Contin che da sempre nella sua carriera teatrale porta i panni di Arlecchino, si “spoglia” sulla scena dei suoi panni maschili e ci introduce, invece, alla sua filosofia autoironica sulla femminilità e ai segreti del mestiere delle “Comiche”. In caso di pioggia Istituto Pascoli, Via G. Deledda 4