banner inside 01 it

Morte di un commesso viaggiatore - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

di Arthur Miller
regia Leo Muscato
con Alessandro Haber, Alvia Reale

TEATRO STABILE DI BOLZANO- GOLDENART- TEATRO STABILE DEL VENETO

Caposaldo della letteratura internazionale che dal suo esordio nel 1949 continua a riscuotere un successo dilagante, Morte di un commesso viaggiatore è la storia di un sogno; la storia di un piccolo uomo e del suo sogno più grande di lui. Willy Loman è nato in America, un paese giovane e impaziente, sogna a occhi aperti il successo facile, veloce. È un commesso viaggiatore che si guadagna da vivere con la parlantina, ha allevato i figli al culto dell’apparenza e della superficialità. Quando le sue forze vengono meno, però, il suo mondo si incrina sprofondandolo in un baratro di sconforto. Alessandro Haber interpreta per la prima volta l’esausto commesso viaggiatore Loman, vittima di un sistema.

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

Domenica 01 Mar 2020
  • Dom 01 Marzo, 202016:00

Potrebbe interessarti anche :

  • Domenica 01 Mar 2020
    da Henrik Ibsen uno spettacolo di Alessandro Serra con Umberto Orsini e Lucia Lavia, Renata Palminiello, Pietro Micci, Chiara Degani, Salvo Drago e con Flavio Bonacci COMPAGNIA ORSINI - TEATRO STABILE DELL'UMBRIA Umberto Orsini interpreta il capolavoro della maturità di Ibsen. Il costruttore Solness è la storia di un uomo che vorrebbe fermare l’inesorabile scorrere degli anni e avere una nuova occasione di felicità, ma resta vittima della propria ambizione. Anziano e affermato costruttore edile, Solness è ostile ai giovani, da cui teme di essere soppiantato. La giovanissima Hilde bussa alla sua porta; gli ricorda un incontro e una promessa di dieci anni prima, fatta a lei, bimba, da lui al vertice del successo. Solness non rammenta ed è tormentato dal senso di colpa per un episodio all’origine della sua fortuna sociale, professionale ed economica, ma anche dell’infelicità sua e della moglie.
  • ogni settimana fino a Dom 24 Mag 2020 nei giorni di: Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    di Stephen Adly Guirgis regia e traduzione Leo Muscato TEATRO STABILE DI BOLZANO Stephen Adly Guirgis è un autore pluripremiato, ma mai rappresentato in Italia. Il suo testo Gli ultimi giorni di Giuda Iscariota ha debuttato nel 2005 a New York per la regia di Philip Seymour Hoffman ed è ambientato all’interno di un’aula di Tribunale in un angolo del Purgatorio chiamato Speranza. È qui che le anime tormentate attendono di sapere se saranno assegnate all'Inferno o al Paradiso. Un giudice annoiato e severo rinvia a data da destinarsi tutti i casi che gli vengono sottoposti. Non riesce però a disfarsi del caso di Giuda Iscariota, di cui un'avvocatessa si oppone all’ennesimo rinvio, portando come testimoni una serie di anacronistici e assurdi personaggi storici come Satana, Simone Lo Zelota, Sigmund Freud, Caifa, Ponzio Pilato, Madre Teresa di Calcutta e molti altri... Gli ultimi giorni di Giuda Iscariota è un dramma giudiziario con forti tentazioni comiche che racchiude inserti poetici e onirici di disarmante e inaspettata intensità e commozione.
  • Giovedì 30 Gen 2020
    Schauspiel von Peter Handke Regie: Robert Schuster Mit: Hadar Dimand, Nasir Formuli, Pasquale di Filippo, Magda Kropiunig, Céline Martin-Sisteron, Sarah Merler, Alexandre Ruby, Jonas Schlagowsky, Katharina Schmölzer, Romaric Séguin, Axel Sichrovsky, Katja Uffelmann Koproduktion mit dem Stadttheater Klagenfurt und der KULA-Compagnie Peter Handkes Stück kommt ohne Worte aus. Es spielt allein mit der Poesie der Bewegung, der Zeichen, der Körper, des Lichts, der Farben, des Bildes. Hauptakteur des 1992 uraufgeführten Werkes ist ein Platz in irgendeiner Stadt, in irgendeinem Land. Er wird zur Bühne des Alltäglichen, zum Schauplatz der Menschen, die ihn queren. Passant*innen, Junge und Alte, Fremde und Vertraute, Privilegierte und Benachteiligte, Erinnerte und Vergessene. Sie kommen allein oder sind zu zweit, sie bilden Gruppen, lösen sie wieder auf. Sie verstören und sie bezaubern. Der Platz wird somit zum Ort eines Schau-Spiels im wörtlichen Sinn. Ein dramatisches Kaleidoskop der menschlichen Vielfalt öffnet sich und all die unzähligen Details verdichten sich zu Spuren und zu Geschichten – werden zu einer Bestandsaufnahme unserer Gesellschaft. Robert Schuster, der 2012 mit internationalen Schauspieler*innen die KULA-Compagnie gründete, setzt die Begegnungen der zwölf Akteur*innen, die im Laufe des Stücks einen mehrere hundert Figuren umfassenden Kosmos erschaffen, auf humorvolle und sehr körperliche Art und Weise in Szene. Traum- und albtraumhaft entsteht ein Echoraum europäischer Geschichte.