generazioni viola fubini venturi

NEL TEMPO DEGLI DEI - IL CALZOLAIO DI ULISSE - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

di Marco Paolini e Francesco Niccolini
regia Gabriele Vacis
con Marco Paolini
e con Saba Anglana, Elisabetta Bosio, Vittorio Cerroni, Lorenzo Monguzzi, Elia Tapognani

MICHELA SIGNORI, JOLEFILM E PICCOLO TEATRO DI MILANO - TEATRO D’EUROPA
con la collaborazione di Estate Teatrale Veronese e Teatro Stabile Bolzano

Marco Paolini porta in scena il suo Ulisse. Il suo è un Ulisse che ha molto vissuto, viaggiato e sofferto. Un uomo ormai anziano, da più di vent’anni lontano dalla sua Itaca che, giunto quasi al termine della sua esistenza terrena, ama celare la propria identità e quando parla incanta. «I poemi della tradizione omerica sono la base del pensiero occidentale e del nostro comune sentire. La sfida è dare suono a quei libri, entrare in un flusso, in una “consonanza”, che ci permetta di ricreare l’in-cantesimo dell’originale. Omero racconta un’epoca di dei, semidei ed eroi. Oggi, le potenzialità che il progresso ci ha regalato fanno sì che siamo noi, occidentali, le divinità di questo mondo. Abbiamo un potere immenso che richiede un bilanciamento».

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Sab 09 Nov 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Domenica 08 Mar 2020
    6° appuntamento con la rassegna di teatro "Il Mascherone 2019_20" Il sig. Ponza e sua suocera, la sig.ra Frola, giunti da poco in paese, scelgono di star lontani dal pettegolezzo ininterrotto dei borghesi salotti. Lui ha una moglie che nessuno ha mai veduto perchè non esce mai di casa. Lei, la sig.ra Frola, non sale in casa della figlia e si accontenta di vederla e di parlarle da lontano. Ma il loro tentativo di celare, di proteggere il mistero di questa strana relazione affettiva, scatena l'incontenibile curiosità di tutto il paese. In scena il Teatro Armathan di Verona
  • ogni giorno fino a Sab 18 Gen 2020
    di Duncan Macmillan dall’originale inglese di Corinna Brocher Con Peter Schorn e Simon Gamper (musica) regia: Eva Niedermeiser scenografia e costumi: Christina Khuen luci e tecnica: Claus Stecher, Julian Geier foto: Tiberio Sorvillo Un pezzo che celebra la vita su un argomento mortalmente serio: come reagire da bambino al tentativo di suicidio di tua madre? Le scrivi una lista con tutto quello che c'è di bello nel mondo. Si spera che tua madre legga davvero la lista, che la sua depressione svanisca e che la vita continui. E lo fa. Ma non tutto va automaticamente a posto… "Adorabile, straziante e senza sentimentalismi... È anche un pezzo incredibilmente comico sulla depressione - e forse uno dei pezzi più comici di sempre". (The Guardian) "Il perfetto equilibrio tra ciò che porta disperazione nella vita e ciò che la rende così meravigliosa." (The Independent) "Perché vale la pena di vivere? E perché vale la pena andare a teatro? Se vuoi che entrambe le domande abbiano una risposta, va’ a vedere questo pezzo.” (Kronen Zeitung) Una produzione del Carambolage
  • Giovedì 05 Mar 2020
    Eine Produktion des VBB-Theaterclubs Regie: Christian Mair Urauffu?hrung In Zusammenarbeit mit dem Su?dtiroler Theaterverband Liebe kennt keine Grenzen! Kennt Liebe keine Grenzen? Es ist noch nicht so lange her, dass die Akzeptanz fu?r Paare, die „aus der Norm fallen“ in Südtirol selbstverständlich ist. Inzwischen sind gemischtsprachige, bikulturelle, gleichgeschlechtliche Beziehungen keine Seltenheit mehr. Doch mit welchen Vorurteilen und Hindernissen haben diese Paare zu kämpfen und mit welchem Reichtum und Perspektivenwechsel werden sie beschenkt? Wie beeinflussen Mehrsprachigkeit, unterschiedliche kulturelle Werte, Rollenzuweisungen das alltägliche Leben? Wir suchen Menschen aller Altersgruppen, die uns ihre persönlichen, glücklichen oder gescheiterten Liebesgeschichten erzählen und daraus gemeinsam mit Regisseur Christian Mair einen Theaterabend entwickeln. Nach „Made in Südtirol. Meine Kindheit“ geht der VBB-Theaterclub in seine zweite Runde. Das Persönliche, Einmalige, Herausfordernde, Beglückende steht im Mittelpunkt dieses Theaterprojektes. Neugierig folgen wir den Spuren der Gefühle und laden Sie herzlich auf diese Entdeckungsreise ein. Wir werden die Studiobühne in Bozen sowie Gasthäuser in Südtirol bespielen und mitten im Publikum Platz nehmen. Mit viel Musik, Tanz und spannenden Geschichten feiern wir gemeinsam ein grenzenloses Fest der Liebe!