banner inside 01 it

Il bugiardo - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Commedia in dialetto veneto
Due atti di Carlo Goldoni
Regia di Paolo Marchetto

Compagnia “Dell’Orso”, Lonigo (Vi)

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 11 Gen 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 19 Lug 2019
    Ha debuttato con grande successo di pubblico e critica alla Biennale de la Danse di Lione 2018 Franchir la nuit (Attraversare la notte), pièce per cinque danzatori e una folla di bambini reclutati sul territorio, di Rachid Ouramdane. Ultima fatica del coreografo franco-algerino intorno a temi a lui cari, la migrazione e l’esilio, in Franchir la nuit rivolge l’indagine alla popolazione più indifesa, i bambini. Su un palco ricoperto da una massa d’acqua di una quindicina di centimetri, illuminato da luci che trascolorano dal tramonto all’oscurità, vediamo corpi attraversare lo spazio, incrociarsi, assemblarsi, fermarsi in un’immobilità dolorosa. Una dozzina di tableaux in cui si evoca la violenza, i ricordi, la speranza, la paura, il mutuo soccorso, i giochi, ma anche la morte. Con la raffinatezza che lo caratterizza, e con l’ausilio delle immagini video di Mehdi Meddaci, il coreografo pone domande allo spettatore, costantemente istigato a prendere posizione accompagnato dal canto di matrice africana, europea e orientale di Deborah Lennie-Bisson, colonna sonora che permette una parallela migrazione social-culturale.
  • Giovedì 18 Lug 2019
    Coreografia: Camilla Monga Prima assoluta Camilla Monga, coreografa e danzatrice; Filippo Vignato, trombonista jazz vincitore di diversi Premi. Insieme danno vita a un progetto di musica e danza di cui Bolzano Danza è coproduttore insieme al Festival Novara Jazz. Esplorando i processi di composizione istantanea che accomunano il mondo del jazz alla danza contemporanea, Filippo e Camilla si fanno interpreti di tutte le potenzialità dello strumento e del corpo. In Golden Variations - il nome risuona come un tributo alle Goldberg Variations di Bach nell’esecuzione di Glenn Gould messe in danza dal padre della contact improvisation Steve Paxton – fanno risaltare l’estensione del trombone dalla nota più grave a quella più acuta e trasportano lo spettatore in una danza dalle atmosfere sfaccettate. Come lo strumento rievoca la polifonia dei canti sardi ancestrali, la musica concreta, il blues, i motivi da music-all ad eleganti rapsodie, anche il corpo di Monga fa proprie queste atmosfere emozionali in un imprevedibile susseguirsi di immagini.
  • Mercoledì 17 Lug 2019
    Coreografia: Silvia Gribaudi Coreografa dal segno graffiante, Silvia Gribaudi sa colorare le sue composizioni con intelligente ironia. R.OSA è un assolo coinvolgente nato sulla bravura della performer Claudia Marsicano, già diventato un cult delle ultime stagioni. Nel titolo, gli intenti: osare al femminile. Il brano si interroga infatti sul ruolo che il corpo femminile occupa nella società contemporanea e Claudia Marsicano, con le sue forme abbondanti, svelate senza pudore, percorre un affascinante viaggio a braccetto con il pubblico sul tema della bellezza. Possibile superare i canoni estetici imposti con dirompente personalità? Certamente. In una scena priva di orpelli, il corpo di Marsicano diviene movimento coreografico, suono, parola, immagine e colore: una partitura del gesto apparentemente informale che esprime un disegno più ampio, ovvero la figura di una donna con i suoi dettagli, le sue forme, la sua bellezza. Performer che diviene opera. Opera che diviene messaggio. Messaggio che arriva dritto al cuore. Nata a Torino, Silvia Gribaudi è artista attiva in ambito performativo. Il suo linguaggio coreografico attraversa la performing art, la danza e il teatro, mettendo al centro della ricerca il corpo e la relazione col pubblico. La sua poetica si avvale di una ricerca costante di confronto e inclusione con il tessuto sociale e culturale in cui le performance si sviluppano. Il suo linguaggio artistico è l’incontro della danza con la comicità cruda ed empatica. Nel 2009 crea A corpo Libero con cui vince il Premio Giovane Danza d’Autore attribuito dal pubblico e dalla giuria. A partire dal 2013 si concentra sul corpo e la nudità con i lavori The film contains nudity e What age are you acting? – Le età relative mentre tra il 2016 e il 2017 firma tre diverse performance presentate in vari teatri del mondo: My Place, Felice e R.OSA. FREE ENTRY / OUTDOOR