fis cup 600x220px OK

Dio ride - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

di e con Moni Ovadia
regia Moni Ovadia
con le musiche dal vivo della Moni Ovadia Stage Orchestra

CTB Centro Teatrale Bresciano e Corvino Produzioni

Artista ironico e auto-ironico, narratore dotato di una lucidità e di una profondità fuori dal comune e intellettuale poliedrico, Moni Ovadia ha alle spalle una carriera artistica straordinaria, quasi interamente volta alla conservazione e alla diffusione dell’antica cultura yiddish e dell’Europa dell’Est. Con la vitalità da giullare del popolo, Moni Ovadia porta sul palcoscenico il suo nuovo spettacolo, Dio ride, Nishkoshe, che ha per protagonista il compagno (tovarisch) Rabinovich o il cittadino (grajdanìn) Rabinovich, il carattere più celebre dell'umorismo ebraico-sovietico.

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Sab 08 Dic 2018

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni giorno fino a Sab 12 Gen 2019
    Opera di Pechino regia Marco Plini con gli attori della compagnia nazionale dell’Opera di Pechino e l’ensemble musicale composto da musicisti italiani e cinesi Il progetto Turandot, diretto da Marco Plini, è la ricerca di un punto di incontro tra diverse tradizioni teatrali, da un lato la poesia dell’Opera di Pechino, dall’altro il grande mistero della Commedia dell’Arte. Per la prima volta infatti un regista italiano si confronta con l’opera di Pechino, una realtà artistica che è teatro, danza, musica ma soprattutto arte dell’attore, un attore che dedica la sua vita al perfezionamento del gesto artistico, riproducendo costantemente un codice tramandato dai suoi maestri. Due culture si incontrano e dialogano sul palco, così come sta accadendo anche fuori da teatro.
  • Domenica 03 Mar 2019
    di Oscar Wilde regia, scene e costumi di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia Dialoghi taglienti come lame, battute che si susseguono a getto continuo, «sparate» da personaggi che, nella colorata, vivace e divertente lettura registica di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia sono spietate marionette, eleganti, annoiate, opportuniste e benpensanti. In questa "commedia frivola per gente seria" Wilde, utilizza come espediente il rovesciamento paradossale del senso comune per «demolire» con sorridente ferocia i luoghi comuni su cui si fonda ogni solida società borghese. Un'irriverenza che non è mai fine a se stessa e pone le basi dell'umorismo queer, un umorismo che, attraverso l'epoca d'oro della commedia hollywoodiana, è arrivato fino a noi senza perdere in freschezza e causticità.
  • ogni giorno fino a Gio 17 Gen 2019
    di Marco Paolini e Francesco Niccolini regia Gabriele Vacis «Era nata come Odissea tascabile, è cresciuta nel tempo, nei suoni e nello spazio: è diventata olimpica e quasi alpina. Perché Ulisse più lo conosci e più ti porta lontano: e la distanza (celeste e marina) è la condizione essenziale per comprenderlo e cantarlo. Perché di questo si tratta: un canto. Forse il canto. Antico di tremila anni, passato di bocca in bocca, e di anima in anima: il soul per eccellenza. Perché questa è la storia dell'Occidente, e tutto contiene: dal primo istante, quando nulla esisteva, e un giorno cominciò a esistere, a partire proprio da quelle misteriose, ambigue capricciosissime entità che questa storia muovono: gli dèi» Marco Paolini e Francesco Niccolini descrivono così Nel tempo degli dei – Il calzolaio di Ulisse, un primo studio sull’Odissea. Un’opera in divenire, un’anteprima presentata nell’ambito di Wordbox per la regia di Gabriele Vacis, che vedrà Paolini, affiancato da un gruppo di interpreti, solcare nuovamente le rotte tracciate dal primo romanzo epico della letteratura occidentale. Ex guerriero, ex eroe, ex aedo, l’Ulisse immaginato da Paolini e Niccolini si è ridotto a calzolaio viandante che da dieci anni cammina verso non si sa dove con un remo in spalla, secondo la profezia che il fantasma di Tiresia, l'indovino cieco, gli fa nel suo viaggio nell'al di là. Questo Ulisse pellegrino e invecchiato non ama svelare la propria identità e tesse parole simili al vero. Si nasconde, racconta balle, si inventa storie alle quali non solo finisce col credere, ma che diventano realtà e, addirittura, mito.