banner inside 01 it

Hallowcore Vol. 2 - Pubblicato da kuba Kaltern

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Am 31. Oktober steigt im kuba Kaltern die etwas andere Halloween – Party! Live on stage: Dead Like Juliet, Moderntears, Prospective

Beim Hallowcore Vol. II beehren uns gleich drei sehr besondere Bands mit einer Mischung aus Metal, Hardcore und Punk.

Mit den Meranern Dead Like Juliet als Headliner kann man schon erahnen, dass im rustikalen Keller kein Stein auf dem anderen bleiben wird. Die sechs Musiker haben sich in Südtirol eine große Fangemeinschaft erspielt und sind seit mehreren Jahren mit ihrer Musik in ganz Europa unterwegs.

Als Support treten Moderntears' aus der Toskana und Prospective aus
Bologna auf, beides Bands, die sich ebenfalls italienweit und darüber hinaus einen Namen gemacht haben.

- Dead Like Juliet
Hardcore/Metalcore, Meran

- Moderntears'
Modern Melodic, Tuscany

- Prospective
Progressive Metalcore, Bologna

Entry: 5€
FREE ENTRY WITH HALLOWEEN COSTUME!

Doors: 20:00

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 31 Ott 2019

Note sugli orari :

20:00 - 01:00

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • Domenica 08 Mar 2020
    Frank Peter Zimmermann, violino e direzione Accademia d’archi Bolzano JOHANN SEBASTIAN BACH : Concerto per violino e archi in la magg. ricostruzione dalla versione per clavicembalo in la magg. BWV 1055 Concerto per violino in sol magg. dal concerto per clavicembalo in mi magg. BWV 1053 LUDWIG VAN BEETHOVEN : Concerto per violino in re magg. op. 61 Una delle più popolari composizioni classiche è il Concerto per violino di Beethoven. L'8 marzo avremo modo di ascoltarlo nell’esecuzione del grande violinista Frank Peter Zimmermann assieme all'Accademia d'archi di Bolzano. Il programma sarà integrato da due concerti per violino di J. S. Bach, trascritti da originari concerti per clavicembalo.
  • Martedì 07 Apr 2020
    Michele Mariotti, direttore d'orchestra Varvara Nepomnyashchaya, pianoforte Orchestra Haydn di Bolzano e Trento Wolfgang A. Mozart: Concerto per pianoforte n. 21 in do maggiore, K 467 Robert Schumann: Sinfonia n. 4 in re minore, op. 120
  • Lunedì 16 Mar 2020
    Sylvie Couvoisier: piano Drew Gress: bass Kenny Wollesen: drums "Alcuni pianisti si avvicinano allo strumento come se fosse una cattedrale - Sylvie Courvoisier a volte lo tratta come un parco giochi", osserva Kevin Whitehead nelle note di copertina di un recente disco del trio di Sylvie Courvoisier: “in due minuti, copre più terreno di quanto alcuni pianisti riescano a fare in un set”. Kenny Wollesen, sontuoso batterista del progetto afferma a proposito: "questo è un esempio del come fare musica collettiva seguendo la strada di un divertimento leggero in un vero trio musicale ove basso e batteria sono partner a pieno titolo del pianoforte”. Dentro a questo progetto trovate tutto: coesione, gioco collettivo, colore, groove e melodia. Oltre al trio, Courvoisier si è guadagnata la fama per l'equilibrio di due mondi distinti - la profondità riccamente dettagliata delle sue radici cameristiche europee e i suoni grooving e carichi di ganci della scena jazz del centro di New York. La sua lunga collaborazione con il violinista Mark Feldman ha dato vita ad un duo apparentemente telepatico, oltre che ad un quartetto. Il resto chiedetelo a John Zorn, innamorato pazzo della sua musica e del suo mood.