banner inside 01 it

R-Estate: Classical Mood Quartet - Cinema Serenade - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Alice Tomada, Roberto Tomada: violini
Margherita Pigozzo: viola
Nicolò Tomada: contrabbasso

Serata con “Le più belle melodie del Cinema raccontate”, esecuzione di una selezione delle più famose musiche per il cinema di Morricone, Piovani, Bacalov, Ortolani, Williams, “raccontate” prima dell’esecuzione attraverso citazioni, curiosità, note biografiche dei rispettivi autori.

Ingresso libero.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 11 Lug 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Domenica 22 Mar 2020
    L. van Beethoven, Sinfonia n. 9 in Re min. Op. 125 per soli, coro ed orchestra Olga Tselinskaia, Soprano | Barbara Dorfmann, Mezzosoprano | Weng Yuxiang, Tenore | Davide Piva, Baritono Coro della scuola musicale in lingua italiana, Prof. Francesco Antimiani | Coro del Liceo G. Pascoli, Prof. Rossella Simonazzi | Coro del liceo Walther von der Vogelweide, Prof. Ulrike Malsiner Orchestra del conservatorio C. Monteverdi Bolzano Emir Saul, Direttore
  • Martedì 27 Ott 2020
    CLAUDE DEBUSSY : Sonata per violino e pianoforte L148 BÉLA BARTÓK : Rapsodia per violino e pianoforte n. 2 MAURICE RAVEL : Sonata per violino e pianoforte n. 2 in sol magg. JOHANNES BRAHMS : Sonata per violino e pianoforte n. 3 in re min. op. 108 Il violinista venezuelano Giovanni Guzzo si è affermato come uno degli artisti più versatili e carismatici della sua generazione. Figlio di genitori italiani e venezuelani, Giovanni Guzzo entusiasma ad ogni suo concerto con il suo carisma e la sua passione. Entusiasta camerista, Guzzo ha lavorato a stretto contatto con alcuni dei più importanti musicisti di oggi, tra cui Martha Argerich, Joshua Bell, Martin Fröst, Daniel Hope, Takacs Quartets e Maxim Vengerov. Si esibirà a Bolzano il 27 ottobre e interpreterà sonate di Claude Debussy, Béla Bartók, Maurice Ravel e Johannes Brahms. Il suo accompagnatore pianistico Zoltán Fejérvári si è esibito in rinomate sedi concertistiche in Europa e negli Stati Uniti. È un appassionato camerista.
  • Lunedì 16 Mar 2020
    Sylvie Couvoisier: piano Drew Gress: bass Kenny Wollesen: drums "Alcuni pianisti si avvicinano allo strumento come se fosse una cattedrale - Sylvie Courvoisier a volte lo tratta come un parco giochi", osserva Kevin Whitehead nelle note di copertina di un recente disco del trio di Sylvie Courvoisier: “in due minuti, copre più terreno di quanto alcuni pianisti riescano a fare in un set”. Kenny Wollesen, sontuoso batterista del progetto afferma a proposito: "questo è un esempio del come fare musica collettiva seguendo la strada di un divertimento leggero in un vero trio musicale ove basso e batteria sono partner a pieno titolo del pianoforte”. Dentro a questo progetto trovate tutto: coesione, gioco collettivo, colore, groove e melodia. Oltre al trio, Courvoisier si è guadagnata la fama per l'equilibrio di due mondi distinti - la profondità riccamente dettagliata delle sue radici cameristiche europee e i suoni grooving e carichi di ganci della scena jazz del centro di New York. La sua lunga collaborazione con il violinista Mark Feldman ha dato vita ad un duo apparentemente telepatico, oltre che ad un quartetto. Il resto chiedetelo a John Zorn, innamorato pazzo della sua musica e del suo mood.