banner eventi annullati it

TRA AUGUSTA E VENEZIA - LA SCUOLA PITTORICA IN VAL PASSIRIA - Pubblicato da Südtiroler Landesmuseen

0

Informazioni evento

Nel corso di tre generazioni, tra il 1719 e il 1845 circa, una bottega di pittori attiva a San Martino in Passiria ha fornito dipinti alle chiese dell’omonima valle e dei dintorni. L’insediamento del pittore meranese Nikolaus Auer, fondatore di tale bottega, in un villaggio lontano dai centri artistici urbani è dovuto all’iniziativa di Michael Winnebacher, sacerdote amante dell’arte, attivo anche come poeta. Presso la bottega di Auer svolsero il loro apprendistato non solo i tre figli del maestro, ma anche diversi altri pittori barocchi, alcuni dei quali di importanza sovraregionale. Gli allievi più talentuosi, Johann Evangelist Holzer di Burgusio in Alta Val Venosta e Joseph Haller di San Martino, proseguirono la loro formazione nell’allora metropoli artistica di Augusta, proprio come a suo tempo aveva fatto il loro primo maestro. Mentre Holzer rimase ad Augusta affermandosi come uno degli artisti più celebrati della Germania meridionale, Haller, dopo il suo ritorno nella sua valle natale, realizzò numerosi dipinti ad olio di rara luminosità e raffinatezza cromatica. Il figlio di Nikolaus Auer, Johann Benedikt, invece, ricevette la sua formazione a Venezia e lavorò come incisore a Bolzano e a San Martino.
A circa 300 anni dalla sua fondazione, per la prima volta una grande mostra è dedicata alla cosiddetta scuola pittorica passiriana.
Le circa 80 opere esposte, nella mostra virtuale ridotti a 40 – per lo più dipinti e stampe, ma anche sculture e libri scritti da Michael Winnebacher – provengono sia da chiese e musei altoatesini, sia da collezioni austriache e germaniche.
Concetto scientifico: Hanns-Paul Ties
Testi: Leo Andergassen, Hanns-Paul Ties

Tags

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Mar 08 Dic 2020
  • Gio 26 Novembre, 2020
  • Ven 27 Novembre, 2020
  • Sab 28 Novembre, 2020
  • Dom 29 Novembre, 2020
  • Lun 30 Novembre, 2020
  • Mar 01 Dicembre, 2020
  • Mer 02 Dicembre, 2020
  • Gio 03 Dicembre, 2020
  • Ven 04 Dicembre, 2020
  • Sab 05 Dicembre, 2020
  • Dom 06 Dicembre, 2020
  • Lun 07 Dicembre, 2020
  • Mar 08 Dicembre, 2020

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni settimana fino a Dom 17 Gen 2021 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    La mostra a Kunst Meran Merano Arte propone, per la prima volta, una riesamina esaustiva dell’eredità artistica di Lisa Ponti (1922-2019), artista, scrittrice e per molti anni redattrice della rivista “Domus”. Nonostante abbia sempre disegnato, Lisa Ponti ha realizzato la sua prima personale soltanto all’età di 70 anni, nel 1992. Le sue opere su carta, con linee decise e dinamiche, sono caratterizzate da chiarezza e immediatezza, nonché da una meravigliosa dimensione poetica, da un umorismo raffinato e da una sobria eleganza. A Kunst Meran Merano Arte sarà proposta un’ampia selezione di queste opere eccezionali, sempre realizzate su fogli A4. L’artista aveva affermato: “È un bene usare un foglio sempre uguale, cosi il disegno sa dove atterrare”. I suoi disegni sembrano infatti dei voli del pensiero, fissati su carta in pochi minuti, combinando semplici tratti a matita, talvolta colorata, con acquarelli, collage minimali o sperimentando colorazioni su carta bruciata. La sua vita è stata plasmata dalle sue diverse attività. Tra il 1940 e il 1979, lavorò molto anche assieme al padre, il noto architetto e designer Gio Ponti, prima nella redazione della rivista “Stile” e quindi come caporedattrice di “Domus”, di cui ha curato anche le pagine dedicate all’arte fino al 1986. Ha scritto inoltre numerosi saggi e interviste dedicati all’arte, all’architettura e al design e ha realizzato libri per bambini. Le opere di Lisa Ponti sono state esposte in diverse mostre in Italia e all’estero, tra cui si possono ricordare quelle alla Galleria Franco Toselli, Milano (1992), alla Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma (2005), alla Victor Saavedra Gallery di Barcellona (2009), alla Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto (2011), alla galleria Milano di Carla Pellegrini (2011) e alla Galleria Federico Vavassori di Milano (2017).
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 17 Gen 2021
    Artisti: Olafur Eliasson, Sebastian Behmann A cura di: Christiane Rekade Partner di progetto: Barth Innenausbau, Talking Water Society in cooperation with Pichler, Frener & Reifer Merano Arte ospita la prima mostra in uno spazio istituzionale dello Studio Other Spaces (SOS). SOS è stato fondato nel 2014 a Berlino dall’artista danese Olafur Eliasson e dall’architetto tedesco Sebastian Behmann con l’intento di coniugare arte e architetture a partire da un approccio sperimentale e interdisciplinare. Le ricerche approfondite e l’uso consapevole degli spazi e delle risorse che caratterizzano lo studio saranno illustrati attraverso una serie di progetti, modelli prototipi ed oggetti. In particolare per Merano Arte SOS ha appositamente formulato una forma di presentazione nuova, sostenibile e attuale, che ripensa le modalità espositive tradizionalmente dedicate all’architettura.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Mar 08 Dic 2020
    Nel corso di tre generazioni, tra il 1719 e il 1845 circa, una bottega di pittori attiva a San Martino in Passiria ha fornito dipinti alle chiese dell’omonima valle e dei dintorni. L’insediamento del pittore meranese Nikolaus Auer, fondatore di tale bottega, in un villaggio lontano dai centri artistici urbani è dovuto all’iniziativa di Michael Winnebacher, sacerdote amante dell’arte, attivo anche come poeta. Presso la bottega di Auer svolsero il loro apprendistato non solo i tre figli del maestro, ma anche diversi altri pittori barocchi, alcuni dei quali di importanza sovraregionale. Gli allievi più talentuosi, Johann Evangelist Holzer di Burgusio in Alta Val Venosta e Joseph Haller di San Martino, proseguirono la loro formazione nell’allora metropoli artistica di Augusta, proprio come a suo tempo aveva fatto il loro primo maestro. Mentre Holzer rimase ad Augusta affermandosi come uno degli artisti più celebrati della Germania meridionale, Haller, dopo il suo ritorno nella sua valle natale, realizzò numerosi dipinti ad olio di rara luminosità e raffinatezza cromatica. Il figlio di Nikolaus Auer, Johann Benedikt, invece, ricevette la sua formazione a Venezia e lavorò come incisore a Bolzano e a San Martino. A circa 300 anni dalla sua fondazione, per la prima volta una grande mostra è dedicata alla cosiddetta scuola pittorica passiriana. Le circa 80 opere esposte, nella mostra virtuale ridotti a 40 – per lo più dipinti e stampe, ma anche sculture e libri scritti da Michael Winnebacher – provengono sia da chiese e musei altoatesini, sia da collezioni austriache e germaniche. Concetto scientifico: Hanns-Paul Ties Testi: Leo Andergassen, Hanns-Paul Ties