banner inside pecore2020 IT

Ötzi per curiosi: Curiosità e segreti sull’attrezzatura - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

Ogni oggetto è una storia. Ci racconta del paesaggio, delle abitudini, della vita sociale, degli spostamenti, delle conoscenze tecnologiche dell’epoca.
Viaggio alla scoperta di alcuni materiali scelti che Ötzi portava con sè.
Selce, pelli e pellicce, metallo, cortecce, tendini e funghi: tantissimi sono i materiali che Ötzi conosceva e sapeva lavorare per ottenere oggetti utili alla sua vita quotidiana.
Ötzi e la natura: viaggio alla scoperta dei materiali che conosceva e usava nel quotidiano…

L’attività è inclusa nel prezzo dell’ingresso.

Tags

Contatti :

  • Organizzatore : Museo Archeologico dell'Alto Adige - Südtiroler Archäologiemuseum
  • Location : Museo Archeologico dell'Alto Adige
  • Indirizzo : Via Museo 43, Bolzano, BZ
  • Telefono : 0471 320100
  • Email : info@iceman.it
  • Sito Web : www.iceman.it

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

L'evento si terrà domani e ogni settimana fino a Mer 25 Nov 2020 nei giorni di: Mercoledi
  • Mer 23 Settembre, 202014:30-16:30 |
  • Mer 30 Settembre, 202014:30-16:30 |
  • Mer 07 Ottobre, 202014:30-16:30 |
  • Mer 14 Ottobre, 202014:30-16:30 |
  • Mer 21 Ottobre, 202014:30-16:30 |
  • Mer 28 Ottobre, 202014:30-16:30 |
  • Mer 04 Novembre, 202014:30-16:30 |
  • Mer 11 Novembre, 202014:30-16:30 |
  • Mer 18 Novembre, 202014:30-16:30 |
  • Mer 25 Novembre, 202014:30-16:30 |

Potrebbe interessarti anche :

  • Martedì 22 Set 2020
    Interviene Maria Teresa Milano Introduce e modera don Gioele Salvaterra In ebraico “voce” si dice qol e si pronuncia come la parola kol che significa “tutto”. Questo gioco linguistico, così affine allo stile midrashico, è il punto di partenza di un percorso in cui si indagano le vicende di diverse “donne vocali” dalla Bibbia a oggi. Il volume racconta anche alcune figure chiave dei nuovi fermenti che animano Israele. Negli ultimi anni infatti le donne religiose hanno portato grandi cambiamenti, hanno iniziato a chiedere e ottenere spazi nella sfera pubblica e politica (sono scrittrici, registe, politiche e direttrici di Scuole Talmudiche); si sono moltiplicati i movimenti per i diritti e alcuni rabbini hanno abbracciato la causa dell’empowerment femminile mentre diverse istituzioni in Israele si adoperano per combattere la discriminazione giuridica e arginare gli episodi di intolleranza maschile. E se i giornali ultraortodossi sono soliti abusare di photoshop per cancellare i volti delle donne dalle fotografie – si tratti di Angela Merkel alla marcia per Charlie Hebdo o di Kim Kardashian a cena con il sindaco di Gerusalemme – al contrario questo libro intende, come suggerisce l’opera “Visible Women” dell’artista Carol Hamoy, rendere le donne visibili. La voce è tutto, perché il canto è memoria e tradizione, espressione di sé e della propria storia. La voce è il mezzo per esprimersi, cantare, pregare e, in fondo, per sentirsi innanzitutto esseri umani, come auspicava in uno dei suoi storici scritti la battagliera Shulamit Aloni. Maria Teresa Milano, autrice del libro, dottore di ricerca in Ebraistica, traduttrice, autrice e formatrice. Crea e conduce progetti su storia, cultura e musica ebraica per conto di scuole e istituzioni. Cura la rubrica «In ascolto» per Pagine Ebraiche – Moked. È docente di ebraico presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Fossano e tiene corsi di lingua e di cultura ebraica. All’attività di ricerca affianca quella artistica come cantante nel gruppo klezmer Mishkalé, con cui ha prodotto Shtetl (recital e disco).
  • Giovedì 24 Set 2020
    Giacomo Fornari L’arte di Karajan – Un percorso nella storia dell’interpretazione Raccolta di saggi di studiosi internazionali e dello stesso Fornari su Herbert von Karajan, uno dei massimi interpreti del Novecento musicale che, con il suo senso per il marketing, l'amore per la tecnologia e la straordinaria musicalità ha cambiato il modo di dirigere l'orchestra diventando il simbolo della direzione orchestrale.
  • Venerdì 09 Ott 2020
    Marco Aime, antropologo modera Barbara Gramegna L‘ultimo libro di Marco Aime (Einaudi, 2020) ruota intorno ad operazioni che siamo portati a compiere, spesso senza averne chiari i meccanismi e le conseguenze. Classificare è una pratica che risulta utile alla semplificazione e ci porta a ricercare in individui e cose delle caratteristiche comuni che ce li fanno poi assegnare a un insieme, a una categoria, per farlo dobbiamo necessariamente “separare”. Tutto questo pare alleviarci un po’ la fatica di comprendere un mondo sempre più complesso, ma ci riporta ancora una volta verso le pericolose conseguenze dei processi che appiattiscono, polarizzano, banalizzano. Separare il noi dal voi, i buoni dai cattivi, i neri dai bianchi, quelli che parlano una lingua da quelli che ne parlano un’altra, ne fa categorie a cui sentiamo o non sentiamo di fare parte e che ci tranquillizza quasi sapere rimangano immutabili nel tempo, per non dovere rimetterci in discussione e concepirci come attori di società e relazioni che sono invece dinamiche. Come mai accade tutto ciò e come questo meccanismo, fino a un certo punto inconsapevole, può diventare invece atto cosciente e determinante per la definizione di come vogliamo disegnare la nostra società? Ingresso gratuito Luogo Teatro Cristallo Ingresso omaggio. I biglietti gratuiti vanno ritirati in cassa a partire da una settimana prima dell'evento.