banner inside pecore2020 IT

ATS (r) - American Tribal Style Level 1 - Pubblicato da Christine

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Corso di ATS-American Tribal Style per principianti. L'ATS è una fusione nata negli USA alla fine degli anni '80 fra la Danza del ventre, il Flamenco, la Danza Indiana e il Folclore Nordafricano. Si danza in gruppo ma improvvisando, senza seguire una coreografia prestabilita. La comunicazione avviene attraverso un codice di movimenti e attraverso l'eye contact (contatto con gli occhi)L'ATS favorisce la comunicazione fra le danzatrici, migliora la fiducia e consapevolezza di sè, favorisce la concentrazione, la memoria, il senso del ritmo e dello spazio.
La postura fiera dell'ATS migliora il portamento, i movimenti dolci dei ritmi lenti donano eleganza e femminilità e i ritmi veloci permettono di "scatenarsi" e divertirsi, bruciando calorie senza affaticarsi troppo, essendo questa danza una attività a basso impatto. Per questo l'ATS è praticabile a tutte le età e indipendentementa dalla costituzione fisica.
Vieni a provare con le tue amiche e riscopri il piacere di una vera condivisione al femminile!!!!

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Mer 18 Dic 2019 nei giorni di: Mercoledi

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • Sabato 12 Set 2020
    Lo svettante profilo di una montagna scolpita nel marmo di Covelano, la cui consistenza cristallina rappresenta il puro candore e la solidità, viene interrotto da una parete liscia quasi perpendicolare in cui è raffigurata una figura umana. La silhouette del corpo sopravvissuto, a grandezza naturale, attraversa completamente la montagna in tutto il suo spessore ricordando nella posa e nella forma il ritrovamento dell’uomo venuto dal ghiaccio. Ha resistito lungo i millenni fino allo sciogliersi del ghiaccio che finalmente ce lo ha restituito. Lo scultore sudtirolese Aron Demetz è stato invitato dal collezionista e mecenate Heinrich Gasser a rappresentare questo momento epocale in una scultura pensata esclusivamente per l’Alto Adige come icona della sua storia. Nella sua attività plastica Demetz indaga l’intimità dei materiali utilizzati: alla roccia, al legno e persino al materiale di fusione conferisce simbolicamente la possibilità di continuare a crescere. Così la resina trabocca dalle aperture, il legno è lavorato fino a diventare una massa lanuginosa che invita a lambire i contorni dei corpi, morbidi rami di rose si arrampicano alla mistura di chamotte del getto di bronzo. Tanto più persuasiva diventa dunque l’illusione con cui il marmo si trasforma nella rappresentazione del ghiaccio che si scioglie ed il corpo, fattosi sopravvivenza storica, che irrevocabilmente viene scavato fuori dalla sua segretezza millenaria. Così la scultura diventa simbolo della sopravvivenza dell’uomo, che comprende in sé anche la consapevolezza della transitorietà di questo momento effimero. Perciò non è importante attribuirgli per forza il nome datogli dal luogo del suo ritrovamento. (Karin Pernegger) La mostra rimarrà in esposizone fino al 26 settembre.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Gio 03 Set 2020
    Notti illuminate da stelle cadenti e giorni arsi dal sole rovente: questo è l’agosto che conosciamo. Ma quest’anno si presenta in maniera diversa: non c’è il cinema sotto le stelle nel cortile della Teßmann, nessun amore estivo spontaneo che sboccia durante un festival, niente feste cittadine allegre… Un rimedio c’è! Passate alla Teßmann dove Vi attende un regalo; un libro da un’ampia scelta di letteratura premiata con il quale potrete vivere grandi momenti, sentire farfalle nello stomaco, ascoltare musica a tutto volume, partecipare a sfrenate feste, farVi venire la pelle d’oca e molto di più. Troverete gioielli della letteratura contemporanea, libri capaci di mediare in maniera appassionante tra conoscenza e valori ed altri che sanno semplicemente intrattenere in modo meraviglioso. Ma soltanto dopo aver scartato il pacchetto, scoprirete quale libro il destino ha scelto per voi. Questo libro sarà il vostro appuntamento al buio estivo! Tutti i lettori con una valida tessera della biblioteca potranno conquistare il loro libro-sorpresa in piena sicurezza al banco prestiti della biblioteca provinciale Dr. Friedrich Teßmann a partire dal 10/08/2020 - naturalmente solo fino ad esaurimento scorte! Un’iniziativa della Biblioteca Provinciale Dr. Friedrich Teßmann Photo credits: Sofia Pinni
  • Sabato 05 Set 2020
    La mostra “AGRODOLCE”, ideata appositamente per il Kunstforum Unterland, presenta disegni e fotografie dell’artista Anuschka Prossliner. I suoi disegni derivano da linee che, di fatto, non sono linee. Non sono infatti tracciate in modo continuo, ma consistono di una serie di punti disegnati a brevissima distanza. La negazione della linea si distanzia dalla comprensione del disegno quale scrittura spontanea, personale, gestuale de emotiva dell'artista, mettendo in atto uno scambio con il punto neutro. I motivi dei disegni sono teste e volti velati, appesi a linee sottilissime nello spazio vuoto, in parte intrecciati in strutture a rete di precisione geometrica. La fugacità dei volti, il loro distacco e la velatura, hanno il loro corrispettivo nella fugacità degli agglomerati di punti, che danno vita a qualcosa, non permettendogli tuttavia di entrare completamente nel mondo. Il quotidiano, il banale, lo strappato dal tempo sono le tematiche dell'effimero che affascinano Anuschka Prossliner. La particolarità risiede nel fatto che le sue immagini non sono stampate su carta o Alu-Dibond, ma su lastre di ottone o di rame. L'effetto ottenuto è una sorta di sfocatura, così come abbiamo imparato a conoscerla attraverso i pittorialisti. Negli anni Venti dello scorso secolo questi ultimi svilupparono infatti un linguaggio fotografico pittorico orientato alla pittura del Diciannovesimo secolo. Prossliner raggiunge lo sfumato atmosferico dei pittorialisti stampando su lastre di rame. E tutto ciò nel senso più autentico del termine: l’artista dipinge le stampe poiché la stampa su rame trasfigura il medium fotografico, trasformando le fotografie in pittura. Il fotografato diventa pertanto mera materia prima da trasformare in effimero pittorico.