inside goes virtual IT

Kaleidoskop. Opere di Sabine Fliri - Pubblicato da peter mitterhofer47

1
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Dopo lo studio di traduttrice per lo spagnolo e l’italiano e una formazione professionale in uno studio grafico Sabine Fliri inizia a dedicarsi sempre più all’arte, unendosi al “Gruppe 84”, gruppo di artisti fondato dalla nota artista di Innsbruck Fritzi Gerber nel ’84. Continuavano diverse mostre, tra cui due nella Hofburg di Innsbruck, la partecipazione a concorsi d’arte internazionali.
Nelle sue opere l’artista ritrae il quotidiano, brevi attimi, ma anche paesaggi, edifici, animali e persone. Il “paesaggio” di un volto è quello che le interessa particolarmente, tentando di cogliere tratti caratteristici nell’espressione di una persona, lasciando raccontare lo sguardo e l’espressione del volto. L’artista si concentra sull’essenziale e per questo spesso i colori utilizzati sono pochi. Tra i suoi ritratti i più espressivi sono senz’altro quelli di personalità famose, nonché diversi pionieri ed inventori, tra cui infine anche Peter Mitterhofer.

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Dom 01 Dic 2019 nei giorni di: Martedi

Note sugli orari :

Bis 31.10. Mo 10-12, Di-Fr 10-12 14-18, Sa 10-12

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 07 Giu 2020 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    Tra Augusta e Venezia. La scuola pittorica della Val Passiria Nel corso di tre generazioni, tra il 1719 e il 1845 circa, una bottega di pittori attiva a San Martino in Passiria ha fornito dipinti alle chiese dell’omonima valle e dei dintorni. L’insediamento del pittore meranese Nikolaus Auer, fondatore di tale bottega, in un villaggio lontano dai centri artistici urbani è dovuto all’iniziativa di Michael Winnebacher, sacerdote amante dell’arte, attivo anche come poeta. Presso la bottega di Auer svolsero il loro apprendistato non solo i tre figli del maestro, ma anche diversi altri pittori barocchi, alcuni dei quali di importanza sovraregionale. Gli allievi più talentuosi, Johann Evangelist Holzer di Burgusio in Alta Val Venosta e Joseph Haller di San Martino, proseguirono la loro formazione nell’allora metropoli artistica di Augusta, proprio come a suo tempo aveva fatto il loro primo maestro. Mentre Holzer rimase ad Augusta affermandosi come uno degli artisti più celebrati della Germania meridionale, Haller, dopo il suo ritorno nella sua valle natale, realizzò numerosi dipinti ad olio di rara luminosità e raffinatezza cromatica. Il figlio di Nikolaus Auer, Johann Benedikt, invece, ricevette la sua formazione a Venezia e lavorò come incisore a Bolzano e a San Martino. A circa 300 anni dalla sua fondazione, per la prima volta una grande mostra è dedicata alla cosiddetta scuola pittorica passiriana. Le circa 80 opere esposte – per lo più dipinti e stampe, ma anche sculture e libri scritti da Michael Winnebacher – provengono sia da chiese e musei altoatesini, sia da collezioni austriache e germaniche.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 30 Ago 2020 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    Artista/i: Teodora Axente, Francesca Grilli, Massimo Grimaldi, Klara Lidén, Christian Niccoli, Riccardo Previdi, Liesl Raff, Monika Sosnowska, Barbara Tavella, Wolfgang Tillmans, Beatrice Volpi, Raul Walch, Gernot Wieland a cura di: Christiane Rekade “Il risentimento è come bere del veleno ed attendere che l'altra persona muoia” (Malachy McCourt). “Risentimento”, dal francese ressentir, indica letteralmente un sentimento che si protrae nel tempo, che si ripete, una forma di rancore recondito e reiterato. Il dizionario tedesco Duden lo definisce come «un pregiudizio, un senso di inferiorità o affine, basato su un’avversione emotiva spesso inconscia». Il risentimento viene così assunto a stato emotivo che, come pochi altri, caratterizza il nostro tempo. Non si tratta solo di una sensazione individuale ma descrive piuttosto una condizione sociale e una strategia politica con particolari forza e dinamismo. La mostra è parte di una collaborazione interdisciplinare tra KUNST MERAN MERANO ARTE, l’associazione Conductus e la casa editrice Alpha Beta. A partire da una riflessione su quale sia nel nostro tempo il significato più profondo di questo termine, le tre istituzioni intendono indagarlo da un punto di vista letterario, musicale e artistico, pianificando una serie di eventi e progetti che vanno al di là delle distinzioni tra le diverse discipline. Il punto di partenza del progetto, ideato da Aldo Mazza della casa editrice Alpha Beta, è una collana che ha visto 10 diversi autori contemporanei (5 di lingua italiana, 5 di lingua tedesca) cimentarsi con questo tema realizzando dei racconti, che saranno tradotti nell’altra lingua a marzo 2020. Ensemble Conductus, sotto la direzione di Marcello Fera, dedicherà la prossima edizione del festival annuale Sonora al tema del Risentimento/ Ressentiment e proporrà nuove produzioni e concerti appositamente realizzati per questa occasione. La mostra ospitata da KUNST MERAN MERANO ARTE intende dunque approfondire questo sentimento nei suoi aspetti e meandri più reconditi, tanto nel significato peculiare di ciascun individuo quanto nelle sue valenze sociali e politiche. Quali forme e quali espressioni può assumere questo sentimento? Quali posizioni possono prendere gli artisti in relazione a questa tematica? Inoltre, la mostra proverà a indagare questa sensazione di “avvelenamento volontario” che rende la vita impossibile da un’altra prospettiva, cercando delle alternative al circolo vizioso innescato dal risentimento.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 07 Giu 2020 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    Nel corso di tre generazioni, tra il 1719 e il 1845 circa, una bottega di pittori attiva a San Martino in Passiria ha fornito dipinti alle chiese dell’omonima valle e dei dintorni. L’insediamento del pittore meranese Nikolaus Auer, fondatore di tale bottega, in un villaggio lontano dai centri artistici urbani è dovuto all’iniziativa di Michael Winnebacher, sacerdote amante dell’arte, attivo anche come poeta. Presso la bottega di Auer svolsero il loro apprendistato non solo i tre figli del maestro, ma anche diversi altri pittori barocchi, alcuni dei quali di importanza sovraregionale. Gli allievi più talentuosi, Johann Evangelist Holzer di Burgusio in Alta Val Venosta e Joseph Haller di San Martino, proseguirono la loro formazione nell’allora metropoli artistica di Augusta, proprio come a suo tempo aveva fatto il loro primo maestro. Mentre Holzer rimase ad Augusta affermandosi come uno degli artisti più celebrati della Germania meridionale, Haller, dopo il suo ritorno nella sua valle natale, realizzò numerosi dipinti ad olio di rara luminosità e raffinatezza cromatica. Il figlio di Nikolaus Auer, Johann Benedikt, invece, ricevette la sua formazione a Venezia e lavorò come incisore a Bolzano e a San Martino. A circa 300 anni dalla sua fondazione, per la prima volta una grande mostra è dedicata alla cosiddetta scuola pittorica passiriana. Le circa 80 opere esposte - per lo più dipinti e stampe, ma anche sculture e libri scritti da Michael Winnebacher - provengono sia da chiese e musei altoatesini, sia da collezioni austriache e germaniche. La mostra verrà inaugurata il 20 marzo alle ore 17.