inside 200

Gianna Schelotto - Vorrei e non vorrei - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Sposarsi, cambiare lavoro, intraprendere un percorso di studi, ma anche quali scarpe mettere o cosa mangiare. Ci sono sempre più persone che di fronte alle scelte si bloccano, si tormentano e si dibattono fra dubbi e paure, temendo di non essere in grado di capire cosa è meglio per loro. È ormai acquisito che nelle decisioni da prendere, grandi o piccole che siano, siamo condizionati non solo dalla ragione, ma anche da una fitta rete di giudizi e pregiudizi, consci e inconsci, norme sociali e intime convinzioni che rendono impervie le nostre scelte.Tuttavia, gli aut aut nei quali i dubbiosi si dibattono sono una specie di mappa: proprio grazie alle continue esitazioni si riesce spesso a intuire le cause dei malesseri che li affliggono. L’indecisione è quindi una guida preziosa, una sorta di radiografia della psiche.Partendo da questi presupposti, Gianna Schelotto, curatrice della nostra rassegna e affezionata amica della Val Badia da molti anni, racconta dieci casi illuminanti che parlano di indugi, priorità, amori, tradimenti, traslochi, segreti e rimpianti. Un mosaico di dilemmi, ansie e contraddizioni che affligge chi, più o meno frequentemente, si dondola sull’altalena del “vorrei” e “non vorrei”.

CON L’AUTRICE
Carlo Cottarelli, direttore dell’Osservatorio Conti Pubblici Italiani dell’Università Cattolica di Milano
e Veronica Pivetti, attrice, regista e doppiatrice

CANZONI E MUSICA
a cura di Simona Bondanza e Alessandro Trebo

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Martedì 13 Ago 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Sabato 14 Set 2019
    Raccontare i fiori nella Biblioteca Civica di Vipiteno Sabato 14 settembre, alle ore 10.30, nella Biblioteca Civica di Vipiteno, piante e fiori racconteranno le lore storie – dall'aquilegia al ciombolino comune”. Margareta Fuchs, guida escursionistica e cantastorie, dà voce a fiori e piante e presenta storie e leggende su di essi, narrando di superstizioni e antiche tradizioni, vecchie conoscenze e naturalmente del potere curativo delle piante. Inoltre l'autrice del libro “Was Blumen erzählen”, offrirà la possibilità di conoscere le piante presentate direttamente in biblioteca, soprattutto a coloro che non hanno mai visto un'aquilegia o un ciombolino comune. Si chiede gentilmente di confermare la partecipazione al: 0472 723 760 / biblioteca@vipiteno.eu
  • Martedì 20 Ago 2019
    Predomina ancora una visione del periodo dell’Umanesimo che ne esalta, da un lato, i valori estetico-artistici, e tende a ridurne, dall’altro, il pensiero a elementi retorico-filologici. Ma che significa “umanesimo”? L’umanesimo storico ci dice ancora qualcosa? Quale visione ne emerge dalle recenti ricerche di Asor Rosa, Ciliberto, Ginzburg? Massimo Cacciari ci fa capire come le cose siano più complesse e meno schematiche e come la stessa filologia umanistica vada in realtà inserita in un progetto culturale più ampio nel quale l’attenzione al passato è complementare alla riflessione sul futuro, mondano e ultramondano. Dunque una filologia che è intimamente filosofia e teologia. E i nodi filosofici affrontati dagli umanisti (che in quest’ottica non iniziano con Petrarca o con i padovani, ma con lo stesso Dante) sono difficilmente ascrivibili a sistemi armonici o pacificanti, secondo una visione tradizionale del Rinascimento. C’è un nucleo tragico del pensiero umanistico, fortemente «anti-dialettico», in cui le polarità opposte non si armonizzano né vengono sintetizzate
  • Lunedì 19 Ago 2019
    SERGIO ROMANO Il giorno in cui fallì la Rivoluzione INSIEME A BEDA ROMANO Bruxelles. Terra di frontieratra mondo latino e tedesco Due luoghi. E in un certo senso due frontiere, perché le frontiere non sono fatte solo di fili spinati della storia, ma anche di storie, da declinarsi al plurale. Da una parte Sergio Romano si fa una domanda secca, diretta: Chi avrebbe governato la Russia dopo il fallimento della rivoluzione? Con questa domanda si aprono le pagine di storia controfattuale in cui il noto diplomatico, col piglio dello storico, ma anche del romanziere, immagina un epilogo diverso per il grande Ottobre rosso. I bolscevichi arrivarono infatti al potere grazie a una serie di circostanze fortuite e di malintesi: gli eventi di quei giorni – e, di conseguenza, la storia del Novecento – avrebbero benissimo potuto prendere un’altra strada. Dall’altra Beda Romano, col piglio del giornalista, racconta una Bruxelles che è lo straordinario incrocio di culture, non senza conflitti e incomprensioni, incredibile e feconda combinazione di stili, arti e tendenze: Bruxelles può ben dirsi un microcosmo dell’Unione europea, con le sue tante lingue, nazionalità e istituzioni. Nonostante i suoi problemi di integrazione, la città di Magritte e del surrealismo resta una delle capitali più accoglienti e cosmopolite dell’intero continente. Due mondi. O forse bisognerebbe aggiungere un punto interrogativo: due mondi? Certamente due storie da raccontare e da capire. MODERA Enrico Franco, giornalista