banner inside 01 it

CACHE (INSURANCE POLICY) - Pubblicato da ar/ge kunst

0

Informazioni evento

CACHE (INSURANCE POLICY)
JUMANA MANNA

16.05 – 27.07.2019

A cura di by Emanuele Guidi

Nella sua prima mostra personale in Italia, l’artista Jumana Manna porta avanti il suo interesse nei sistemi di conservazione e nelle politiche delle pratiche di preservazione, tracciando paralleli tra ambienti scientifici e culturali.

Cache (Insurance Policy) (2018 – 2019) è un’installazione composta da sculture in ceramica, alcune recenti, altre appositamente realizzate per l'occasione, dislocate negli spazi di ar/ge kunst. Un lavoro che, come il termine “cache” suggerisce, esplora i concetti di deposito, raccolta, scorta e salvaguardia, sia di risorse naturali sia di artefatti, a tutela della sopravvivenza, del patrimonio e del vantaggio economico.

Nella prima stanza, sculture di forma cubica sono esposte come frammenti museologici rimossi dal loro contesto architettonico: opere in ceramica che si ispirano alla “khabya”, un elemento tipico, ormai obsoleto, delle case rurali levantine. Prima dell’avvento della refrigerazione, queste camere climatiche erano usate per conservare i grani per il consumo annuale; esagerando le sporgenze e le aperture di queste forme, le opere di Jumana Manna assumono una qualità antropomorfica e una scala più vicina al corpo umano.

Nella seconda parte dell’installazione, mensole e griglie di metallo rivestono la stanza e presentano le khabyas in un ambiente che richiama gli interni di depositi istituzionali, siano essi banche dei semi, collezioni etnografiche, o caveau museali.
Le banche dei semi (depositi per campioni di sementi) sono al centro del lavoro recente dell’artista, che include Wild Relatives (2018); un lungometraggio che percorre la transizione di semi tra la isola Norvegese di Svalbard nell’Oceano Artico e la Valle della Bekaa nel Libano. In questa iterazione di Cache, il film è esposto in loop al fianco delle khabyas, integrato nell’installazione.

Jumana Manna usa la mostra come luogo per mescolare gli “impulsi tassonomici” dei depositi di grano, delle banche dei semi e dei musei, indicando la trasformazione dei sistemi di sostentamento e conoscenza dalle pratiche di sopravvivenza alle economie centralizzate della crescita del capitale. Il gesto giocoso di archiviare depositi mette in mostra le differenze ideologiche che esistono tra le diverse storie della conservazione e la mancanza di equilibrio tra i diversi futuri che accompagnano l’atto della preservazione oggi.

Biografia
Jumana Manna (b.1987, USA) è un’artista visiva di base a Berlino. È stata premiata con il A.M. Qattan Foundation’s Young Palestinian Artist Award nel 2012 e con l’Ars Viva Prize for Visual Arts nel 2017. Manna ha partecipato a numerose mostre e film festival, tra cui Henie Onstad Museum, Norvegia, 2018; Mercer Union, Canada, 2017; Jeu de Paume and CAPC Bordeaux, Francia, 2017; SculptureCenter, USA, 2014; Marrakech Biennale 6, 2016; The Nordic Pavillion alla 57a Biennale di Venezia; cosè come al 54o and 56 a Viennale International Film Festivals, 66a e 68 a Berlinale, e al CPH:DOX 2018 dove Wild Relatives è stato premiato con il New:Visions award.

Con il gentile sostegno di:
Provincia Autonoma di Bolzano, Ripartizione Cultura
Fondazione Cassa di Risparmio
Comune di Bolzano, Ripartizione Cultura

Un ringraziamento speciale alla Libera Università di Bolzano, Facoltà di Design e Arti

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 27 Lug 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
  • Gio 27 Giugno, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Ven 28 Giugno, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Sab 29 Giugno, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Mar 02 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Mer 03 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Gio 04 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Ven 05 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Sab 06 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Mar 09 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Mer 10 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Gio 11 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Ven 12 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Sab 13 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Mar 16 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Mer 17 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Gio 18 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Ven 19 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Sab 20 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Mar 23 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Mer 24 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Gio 25 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Ven 26 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00
  • Sab 27 Luglio, 201910:00-13:00 | 15:00 - 19:00

Note sugli orari :

Martedi - Venerdi dalle ore 10-13 e dalle 15-19
Sabato dalle ore 10-13

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Ven 05 Lug 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi
    Al centro delle sue opere vi è l’ambivalenza della creazione, resa attraverso una triade di tipologie formali: le forme astratte delle sculture lignee che, alla maniera di colonne, salgono verso l’alto o pendono dalla parete; le forme umane delle sculture figurative in legno, emergenti da una massa amorfa. Le sculture in pietra sono tasselli, frammenti di un insieme più grande, dettagli specifici della superficie umana che in questa sua forma astratta costituisce un’unità, un elemento chiuso. Le sculture figurative in legno sono il vero e proprio cuore della mostra. Figure amorfe da cui fuoriescono gli individui. Nella maggior parte dei casi è solo la testa, o altre parti del corpo, ad emergere dalla “massa originale”. Immagini istantanee. Nei volti si riflette lo stato d’animo interiore. È uno sguardo al mondo dell’anima: ordito, lacerato, crudele e bellissimo. Cruda e labile, l’argilla dei lavori esposti nella seconda parte della mostra racconta del rapporto fra scultura e scultore. Nelle superfici e nelle forme delle sculture si ritrovano i gesti e le gesta del Creatore, i movimenti della mano e le impronte delle dita. Le sculture in argilla sono metafora della predestinazione dell’Uomo, fortemente limitato nell’agire. Con i desideri e gli aneliti influenzati dall’esterno. Con il libero arbitrio ridotto ad essere un’illusione, anche nel mondo globalizzato. Il materiale di partenza delle sculture è l’argilla confezionata in pratiche porzioni. La forma rettangolare di base della materia prima rimane fortemente riconoscibile. Con dita, mani e piedi, con tutto il corpo, lo scultore penetra nell’argilla. Il suo corpo plasma e crea l’immagine di un individuo, o solo parti imperfette dello stesso. Queste sculture rivelano il confronto, lo scontro e tutta la disperazione avvertita dal creatore durante l’atto creativo. Curriculum 1981 nasce a Bolzano, vive e lavora a Velturno 2000-2006 studia Ingegneria Edile al Politecnico Universitario di Graz 2003/04 studia all’estero, all’IST di Lisbona 2007-2009 collaboratore scientifico in holz.bau forschungs gmbh, Graz 2010-2013 frequenta la Scuola di scultura Geisler-Moroder di Elbigenalp 2011-14 summeracademy Salzburg - Simposio di scultura, Corso di pittura 2014-2015 site manager SWISS Pavillon all’EXPO 2015 di Milano; Nüssli (CH) Ltd dal 2015 lavora come artista freelance dal 2017 dirige corsi alla Scuola di scultura Geisler-Moroder di Elbigenalp in Tirolo
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 03 Nov 2019
    A cento anni dalla fondazione di Bauhaus, scuola di architettura, arti e design della Germania (1919–2019), Museion presenta il Lichtspiel-Apparat di Ludwig Hirschfeld-Mack (1893–1965). L’opera, realizzata dall’artista nel 1923–1924, è tra le prime in assoluto a combinare luce elettrica e movimento con giochi luminosi al confine tra pittura, cinema, teatro e sculture di luce. In questo senso, l’apparato di Hirschfeld-Mack è all’origine delle opere di luce, che troveranno ampia diffusione nell’arte del XX secolo e che rappresentano un nucleo importante nella collezione del museo. Quella presentata a Museion è una replica autorizzata dell’apparecchio – l’originale è infatti andato perduto negli anni trenta. La mostra, realizzata in stretta collaborazione con il nipote dell’artista, è completata da un’ampia documentazione di fotografie, piani di costruzione, documenti d’archivio e filmati storici e recenti di spettacoli di luce realizzati con la macchina. Il Lichtspiel-Apparat di Hirschfeld-Mack ispirerà la nuova produzione di un/un’artista altoatesino/a nell’ambito di un concorso a inviti promosso dal Festival Transart, Südtiroler Künstlerbund e Museion. A cura di Andreas Hapkemeyer
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Gio 11 Lug 2019
    In collaborazione con l’Azienda di Promozione Turistica di San Vigilio di Marebbe. In occasione dei 10 anni delle Dolomiti patrimonio UNESCO, viene allestita una mostra fotografi ca temporanea che ci porta attraverso paesaggi mozzafi ato e viste spettacolari. Uno sguardo sulle piante e sugli animali che vivono nelle zone di alta montagna dei Parchi Naturali dell’Alto Adige. Scatti indimenticabili per gli amanti della montagna e di questa terra.