TOP banner inside AZB corsi estivi

Nomadland - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

USA 2020, 108 min.
regia: Chloé Zhao
con: Frances McDormand, David Strathairn, Gay DeForest, Patricia Grier, Linda May Angela Reyes

Empire, stato del Nevada. Nel 1988 la fabbrica presso cui Fern e suo marito Bo hanno lavorato tutta la vita ha chiuso i battenti, lasciando i dipendenti letteralmente per strada. Anche Bo se ne è andato, dopo una lunga malattia, e ora il mondo di Fern si divide fra un garage in cui sono rinchiuse tutte le cose del marito e un van che la donna ha riempito di tutto ciò che ha ancora per lei un significato materico. Vive di lavoretti saltuari poiché non ha diritto ai sussidi statali e non ha l'età per riciclarsi in un Paese in crisi, e si sposta di posteggio in posteggio, cercando di tenere insieme il puzzle scomposto della propria vita.

Vincitore di tre Premi Oscar come Miglior film, Miglior regista (Chloé Zhao) e Miglior attrice (Frances McDormand).

A causa della limitazione dei posti per garantire il distanziamento in sala non è possibile prenotare via mail, ma SOLO TELEFONICAMENTE allo 0471 05 90 90, LU – VE dalle ore 9 alle 12 e dalle 15 alle 17 e durante l’orario di apertura del cinema.
Per l’accesso al cinema è obbligatorio esibire il GREEN PASS.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Mer 12 Mag 2021

Note sugli orari :

h. 17:15 + 19:30

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 17 Giu 2021
    Unearthing. In Conversation (2017) parte da un'esplorazione delle fotografie scattate nel XX secolo dal missionario, autore ed etnologo austro-ceco Paul Schebesta (1887-1967). Nel suo film, Belinda Kazeem-Kami?ski apre un dialogo a più livelli - esaminando i regimi di sguardo, la quotidianità della violenza coloniale e le strategie artistiche per affrontarla. Radicata nella teoria femminista nera, l'artista lavora con una pratica investigativa basata sulla ricerca e orientata al processo, e si confronta con gli archivi - in particolare con le lacune e i vuoti nelle collezioni e negli archivi pubblici. Combinando la documentazione e la finzione, evidenzia la presenza di un passato coloniale permanente.