TOP banner inside AZB corsi estivi

Rifkin's Festival - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

USA/ES 2020, 92 min.
regia: Woody Allen
con: Gina Gershon, Wallace Shawn, Louis Garrel, Christoph Waltz, Elena Anaya, Steve Guttenberg, Richard Kind, Damian Chapa, Enrique Arce, Georgina Amorós, Sergi López, Nathalie Poza, Manu Fullola

Mort Rifkin (Wallace Shawn) è un ex professore e un fanatico di cinema sposato con Sue (Gina Gershon), addetta stampa di cinema. Il loro viaggio al Festival del cinema di San Sebastian, in Spagna, è turbato dal sospetto che il rapporto di Sue con il giovane regista suo cliente, Philippe (Louis Garrel), oltrepassi la sfera professionale. Il viaggio è però per Mort anche un’occasione per superare il blocco che gli impedisce di scrivere il suo primo romanzo e per riflettere profondamente. Osservando la propria vita attraverso il prisma dei grandi capolavori cinematografici a cui è legato, Mort scopre una rinnovata speranza per il futuro.

Con il suo consueto surreale umorismo, Woody Allen mescola situazioni al limite dell’assurdo con storie dall’intreccio romantico a tratti amare.

A causa della limitazione dei posti per garantire il distanziamento in sala non è possibile prenotare via mail, ma SOLO TELEFONICAMENTE allo 0471 05 90 90,
LU – VE dalle ore 9 alle 12 e dalle 15 alle 17 e durante l’orario di apertura del cinema.
Per l’accesso al cinema è obbligatorio esibire il GREEN PASS.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Dom 09 Mag 2021

Note sugli orari :

h. 16:00 + 18:00 + 20:00

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 17 Giu 2021
    Unearthing. In Conversation (2017) parte da un'esplorazione delle fotografie scattate nel XX secolo dal missionario, autore ed etnologo austro-ceco Paul Schebesta (1887-1967). Nel suo film, Belinda Kazeem-Kami?ski apre un dialogo a più livelli - esaminando i regimi di sguardo, la quotidianità della violenza coloniale e le strategie artistiche per affrontarla. Radicata nella teoria femminista nera, l'artista lavora con una pratica investigativa basata sulla ricerca e orientata al processo, e si confronta con gli archivi - in particolare con le lacune e i vuoti nelle collezioni e negli archivi pubblici. Combinando la documentazione e la finzione, evidenzia la presenza di un passato coloniale permanente.