banner inside 01 it

PLANT PLANT - Inaugurazione - Pubblicato da ar/ge kunst

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

26.11.2021 – 12.02.2022
Inaugurazione: 26. Novembre, ore 19

ar/ge kunst e BAU hanno invitato l’artista Katrin Hornek per un progetto di collaborazione che intreccia i loro programmi, rispettivamente il One Year-Long Research project/Fifth edition di ar/ge kunst e BAU residency.
Il focus della ricerca dell’artista negli ultimi anni è stato l’atto del “respirare” a partire dallo studio molecolare del CO2, come sostanza attraverso cui pensare il legame tra corpo umano, risorse naturale e attività umana. Per la sua ricerca in Sud Tirolo, Hornek sposta l’attenzione sull’atto del “digerire”. Qui Hornek guarda alla storia di Sinigo, distretto di Merano, dove Mussolini eresse una fabbrica di ammoniaca come parte del suo piano per l’autarchia per l’Italia e programma di industrializzazione dell’Alto Adige (al tempo la seconda fabbrica più grande d’Europa dopo la tedesca IG Farben). Hornek segue questa traccia per arrivare all’utilizzo attuale dell’ammoniaca e alle sue molteplici conseguenze, che hanno prodotto terreno fertile per l’espansione della industria chimica. La ricerca di Katrin Hornek si svilupperà nel corso di tutto l’anno.

Katrin Hornek è un'artista visiva che vive a Vienna. Da molti anni si occupa delle trasformazioni e delle fratture delle società contemporanee nella (cosiddetta) epoca dell'Antropocene. La sua ricerca che si articola attraverso installazioni, video e progetti curatoriali, sostiene una comprensione più complessa dell'intreccio tra natura e cultura – recentemente ha partecipato alla Biennale di Riga (2020), e alla mostra Hysterical Mining presso la Kunsthalle Wien (2019); fino al 2022 è parte del progetto di ricerca interdisciplinare "The Anthropocene Surge" (insieme a Michael Wagreich, membro dell'Anthropocene Working Group).

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 26 Nov 2021

Note sugli orari :

Martedi - Venerdi dalle ore 10 - 13 e dalle 15 -19
Sabato dalle ore 10 - 13

Dienstag - Freitag von 10 - 13 und von 15 - 19 Uhr
Samstag von 10 - 13 Uhr

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 09 Dic 2021
    Conduzione: Miriam Rieder What the fuck is Fuckup Nights? Il concetto è semplice eppure così entusiasmante: imprenditori falliti parlano dei loro incidenti e catastrofi. Tre storie di 15 minuti con una quantità incredibile di informazioni: gli ospiti sul palco raccontano apertamente e spesso con umorismo i loro fallimenti imprenditoriali e ciò che hanno imparato. Perché? Perché è emozionante, perché le persone fallite hanno così tanto da raccontare da cui gli altri possono imparare, e perché abbiamo bisogno di un cambiamento culturale quando è in gioco il fallimento.
  • Martedì 14 Dic 2021
    Deutsch, Italiano, English, Français, Português Gli ospiti del Caffè delle lingue possono scegliere liberamente quale tavolo di lingua frequentare e possono cambiare i tavolo durante lo stesso incontro. È consigliato sapere le conoscenze di base della relativa lingua straniera per poter seguire la conversazione al tavolo e per partecipare attivamente. La partecipazione non necessità un´iscrizione ed è gratuita. L´accesso è vincolato alle seguenti condizioni: - presentazione del Greenpass - indossare mascherina per coprire naso e bocca - mantenere la distanza minima di 1 metro con altre persone
  • Sabato 04 Dic 2021
    Dal prossimo 4 dicembre Kunstforum Unterland vi invita alla galleria della Comunità Comprensoriale Oltradige Bassa Atesina di Egna per una passeggiata tra la gente, la natura, l'attualità e le curiosità dell'Alto Adige. Il fotografo Othmar Seehauser ha cercato a fondo nei suoi archivi, selezionando le immagini migliori e più significative. Seehauser può essere a ragione definito il testimone visivo altoatesino contemporaneo per eccellenza. Il fotoreporter ha girato in lungo e in largo la provincia di Bolzano per quasi 50 anni: tutto quello che valeva la pena fotografare in questa terra lo ha accuratamente ritratto ed archiviato. Le foto di Seehauser sono apparse nei media più importanti, sia locali che internazionali. Partito dalla fotografia di cronaca per la stampa locale, il nativo di Nova Levante è diventato autore di grandi reportage fotografici e numerosi libri illustrati. La mostra di Egna vuole essere una selezione degli scatti effettuati durante le sue missioni professionali attraverso l'Alto Adige. Ecco allora che Ötzi, il progenitore delle genti altoatesine, prende posto accanto a Magnago, il padre politico della provincia. La transumanza delle pecore da Senale alla Ötztal accanto all'arrivo dei rifugiati albanesi a Monguelfo. Il divertente si alterna al tragico, le meraviglie ai disastri naturali, le processioni alle manifestazioni, la politica all'umano-troppo-umano. Anche le strade e le città altoatesine completamente deserte durante i mesi di pandemia sono accuratamente documentate. Othmar Seehauser è un fotografo che ama raccontare. Sicuramente persone ed eventi, ma egli possiede il dono di trasformare anche i paesaggi in storie. Per questo motivo la sua mostra è un pezzo di storia locale. Il suo stile fotografico non cerca mai di abbellire o mascherare, ma è sempre splendidamente legato all’immagine. Durante la mostra saranno rispettati tutti i protocolli anti-Covid19 attualmente in vigore.