CSC top banner inDanza 600x220px

Francesco Zizola - Mare Omnis - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Mare Omnis è una raccolta di 22 fotografie scattate da Francesco Zizola.
Il tema indagato nella mostra è il rapporto dell’uomo con la natura e della sua influenza sul mare declinato attraverso un linguaggio visivo articolato e complesso.
Il mare di Zizola è un mare di sottrazione, nel quale emergono segni, analogie, cose che richiamano altre cose. Il mare diventa cielo e così diviene costellazione che rinvia ad archetipi all’origine del tempo.
Nelle fotografie scattate appaiono disegni, figure umane, rappresentazioni antiche, segni nella notte, immagini lontanissime di una natura potente in stretto contatto con l’uomo.

Come ricorda Barthes: “Qualunque cosa essa dia a vedere e quale che sia la sua maniera, una foto è sempre invisibile: ciò che noi vediamo non è lei.”
Le costellazioni lontanissime in realtà sono reti da pesca inserite nel grande mare mediterraneo, reti che i “tonnarotti” -coloro che si occupano della mattanza- installano per catturare i tonni nella loro migrazione verso la costa, i punti bianchi sono boe e i fili argentati di strisce d’acqua sono le cime che assicurano le parti galleggianti ai fondali.

Zizola sceglie di allontanarsi dai topoi narrativi classici del reportage per un altro tipo di immagine che si discosta da ogni referenzialità del reale per andare verso un linguaggio poetico e astratto.
Cosa guardiamo veramente quando vediamo un’immagine? Cosa riconoscono i nostri occhi davanti ad esse?
Sono le domande che ci poniamo osservando le fotografie di Mare Omnis. L’ambiguità è totale e Zizola sceglie di ragionare sul paradigma del fotografico sapendo che le immagini hanno il meraviglioso compito di creare percorsi di significato dando origine a processi di consapevolezza nello spettatore. Le fotografie non sono solo ciò che mostrano, suggerisce Zizola, ma sono molto altro, parte attiva di un processo che pone domande e va oltre al visibile, verso l’immaginazione in un movimento interno tra autore e spettatore.

“C'è una verità estatica, poetica. È misteriosa e inafferrabile, e può essere raggiunta solo attraverso l'immaginazione e la stilizzazione. La fotografia ha il compito di aprire nuove possibili comprensioni della complessità della realtà” commenta il fotografo nel processo che lo ha portato a creare queste immagini.

Il lavoro iniziato nel 2016 si compone di 22 fotografie in bianco e nero di formato 90x120 e raccontano il rapporto ormai capovolto e andato perduto dell’ uomo con il mare nella sua forma di sostentamento naturale. É un atto di denuncia poetico, un atto d’amore verso la rottura di un equilibrio, di un tempo in cui il mare era fiorente di vita, l’appello a ritrovare nuovamente la perduta relazione con il sacro.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • Presentazione del docufilm e dialogo con Nico Piro Interviene: Nico Piro – autore del documentario e giornalista RAI Introduce e modera: Floriana Gavazzi – giornalista della redazione regionale di Rai 3 Ingresso libero, con obbligo di Super Green Pass e mascherina Ffp2. Si prega di arrivare in anticipo per lo svolgimento dei controlli anti Covid Girato nel 2018, “Un ospedale in guerra” racconta del conflitto afghano – guerra che dura da quarant’anni – vista dalle corsie dell’ospedale di Emergency, nel cuore di Kabul. È il tentativo di ricordare a tutti che le prime vittime di ogni guerra sono i civili e di come, chi sopravvive, sia destinato spesso a portarsi dietro ferite che nessuno può guarire. La più grande bugia che ci raccontiamo sulle guerre è che si svolgano sul campo di battaglia, eserciti contro eserciti, soldati contro soldati, guerrieri contro guerrieri. Invece si combatte in mezzo alle case e quando si perde in qualche lontana provincia la reazione alla superiorità militare dell’avversario è, sempre più, quella di portare la scontro nel cuore di popolosi centri urbani sotto forma di camion o di auto bomba.
  • Il primo numero della rivista culturale Sturzflüge fu pubblicato nel luglio del 1982 l’ultimo nel 2004. Oggi la rivista rispecchia 40 anni di società sudtirolese, l’evolversi delle tecniche di comunicazione e soprattutto la voglia di cambiare le cose. L’autrice Renate Mumelter ha raccolto una serie di testimonianze di quelle persone che nel giro di 40 anni hanno creato e cambiato gli Sturzflüge. Ne è uscita una pubblicazione multilingue ricca di immagini. Dominikus Andergassen ha curato la parte grafica della pubblicazione. Alla presentazione parteciperanno Dominikus Andergassen, David Casagranda, Gerhard Mumelter, Benedikt Sauer, Benno Simma, Leopold Steurer, Hans Heiss, Paolo Crazy Carnevale, Nina Schröder, Maria C. Hilber. Renate Mumelter li metterà in dialogo tra di loro e con il pubblico. In quell’occasione sarà presentata anche la digitalizzazione della rivista a cura della Biblioteca provinciale Dr. Friedrich Teßmann. Un evento organizzato dalla Biblioteca provinciale Dr. Friedrich Teßmann insiema a Edizioni alphabeta Verlag. Inizio alle 20:00 | Ingresso a partire dalle 19:30 Si prega di essere puntuali! Prenotare il posto a sedere tramite il sistema di prenotazione disponibile sul sito della biblioteca provinciale. L’evento si svolgerà nella sala di lettura della biblioteca nel rispetto delle disposizioni di sicurezza vigenti e potrà ospitare un numero limitato di persone. Ingresso possibile solo con certificazione verde (Green Pass).