banner inside 01 it

Dialogo sull'enciclica Fratelli tutti - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

con il cardinale Matteo M. Zuppi, arcivescovo di Bologna

Fabrizio Mandreoli, docente della Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna

modera Francesco Comina

“Fratelli tutti è un’enciclica forte, semplice ma profonda. È un messaggio rivolto a tutti. Perché gli uomini imparino a vivere il sogno di amicizia”. Il cardinale Zuppi legge l’enciclica di papa Francesco come un manifesto del tempo nuovo, una rivoluzione antropologica a partire dal comandamento evangelico dell’ama il prossimo tuo come te stesso: “Il Papa ci dice che non basta aiutare le persone ad attraversare il fiume, ma ci chiede di costruire il ponte. Ci chiede di rimuovere le cause della sofferenza umana trovando il senso di sé nella relazione con l’altro. Un discorso alto, che in tempo di pandemia non è affatto scontato”.

Matteo Zuppi ci aiuta a rileggere l’ultima enciclica in un dialogo con Fabrizio Mandreoli, curatore del volume La teologia di Papa Francesco.

Le vie del sacro

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria.

Per prenotare:
www.midaticket.it/eventi/teatro-cristallo-bolzano

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

Martedì 16 Nov 2021
  • Mar 16 Novembre, 202118:00

Potrebbe interessarti anche :

  • Lunedì 22 Nov 2021
    con Marco Balzano, scrittore modera Liliana Di Fede Quando tornerò (Einaudi, 2021) è la storia di chi parte e di chi resta. Di una madre che va a prendersi cura degli altri, dei suoi figli che rimangono a casa ad aspettarla covando ambizioni, rabbie, attese. E un'incontenibile voglia di andarsene lontano. Dopo il grande successo di Resto qui, Marco Balzano torna con un racconto profondo e tesissimo di destini che ci riguardano da vicino, ma che spesso preferiamo non vedere. Un romanzo che va dritto al cuore, mostrando senza mai giudicare la forza dei legami e le conseguenze delle nostre scelte. Madre Terra Ingresso libero con prenotazione obbligatoria. Per prenotare: www.midaticket.it/eventi/teatro-cristallo-bolzano
  • Venerdì 26 Nov 2021
    26.11.2021 – 12.02.2022 Inaugurazione: 26. Novembre, ore 19 ar/ge kunst e BAU hanno invitato l’artista Katrin Hornek per un progetto di collaborazione che intreccia i loro programmi, rispettivamente il One Year-Long Research project/Fifth edition di ar/ge kunst e BAU residency. Il focus della ricerca dell’artista negli ultimi anni è stato l’atto del “respirare” a partire dallo studio molecolare del CO2, come sostanza attraverso cui pensare il legame tra corpo umano, risorse naturale e attività umana. Per la sua ricerca in Sud Tirolo, Hornek sposta l’attenzione sull’atto del “digerire”. Qui Hornek guarda alla storia di Sinigo, distretto di Merano, dove Mussolini eresse una fabbrica di ammoniaca come parte del suo piano per l’autarchia per l’Italia e programma di industrializzazione dell’Alto Adige (al tempo la seconda fabbrica più grande d’Europa dopo la tedesca IG Farben). Hornek segue questa traccia per arrivare all’utilizzo attuale dell’ammoniaca e alle sue molteplici conseguenze, che hanno prodotto terreno fertile per l’espansione della industria chimica. La ricerca di Katrin Hornek si svilupperà nel corso di tutto l’anno. Katrin Hornek è un'artista visiva che vive a Vienna. Da molti anni si occupa delle trasformazioni e delle fratture delle società contemporanee nella (cosiddetta) epoca dell'Antropocene. La sua ricerca che si articola attraverso installazioni, video e progetti curatoriali, sostiene una comprensione più complessa dell'intreccio tra natura e cultura – recentemente ha partecipato alla Biennale di Riga (2020), e alla mostra Hysterical Mining presso la Kunsthalle Wien (2019); fino al 2022 è parte del progetto di ricerca interdisciplinare "The Anthropocene Surge" (insieme a Michael Wagreich, membro dell'Anthropocene Working Group).
  • Martedì 18 Gen 2022
    Dal 2019 raccogliamo storie di padri basate sul modello svizzero, che si è diffuso in Germania e ora anche in Alto Adige. Leggiamo dai ricordi di nostro padre raccolti in diversi luoghi e da diverse persone in tutto l’Alto Adige.