banner inside 01 it

Jette Christiansen - Sguardo dietro le cose - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Dipinti ad olio di piccolo formato

Si vede che soprattutto nelle sue ultime tele Jette Christiansen è capace di creare con la natura morta un’atmosfera rarefatta, magica,
estraniante: “natura morta” qui è l’espressione adatta, perché si tratta infatti di una realtà estratta dalla natura, di una messa in scena di
oggetti combinati per contrastarsi o sovrapporsi come concetti, o rafforzarsi tra di loro.

Il messaggio che ci viene trasmesso è dunque quello della transitorietà, proprio in senso barocco – simbologia perenne e ben chiara a tutti, che soltanto cerchiamo di bandire dal nostro immaginario attuale.

È questa la chiave di lettura delle composizioni sapienti della pittrice che sembrano così facili da capire: simbolica, ad effetto surreale.

Paul Klee : “L’arte non riproduce il visibile, ma rende visibile.

Contatti :

Date e orari evento :

Lunedì 30 Ago 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 19 Nov 2021
    Introduzione: Günther Oberhollenzer
  • Venerdì 26 Nov 2021
    26.11.2021 – 12.02.2022 Inaugurazione: 26. Novembre, ore 19 ar/ge kunst e BAU hanno invitato l’artista Katrin Hornek per un progetto di collaborazione che intreccia i loro programmi, rispettivamente il One Year-Long Research project/Fifth edition di ar/ge kunst e BAU residency. Il focus della ricerca dell’artista negli ultimi anni è stato l’atto del “respirare” a partire dallo studio molecolare del CO2, come sostanza attraverso cui pensare il legame tra corpo umano, risorse naturale e attività umana. Per la sua ricerca in Sud Tirolo, Hornek sposta l’attenzione sull’atto del “digerire”. Qui Hornek guarda alla storia di Sinigo, distretto di Merano, dove Mussolini eresse una fabbrica di ammoniaca come parte del suo piano per l’autarchia per l’Italia e programma di industrializzazione dell’Alto Adige (al tempo la seconda fabbrica più grande d’Europa dopo la tedesca IG Farben). Hornek segue questa traccia per arrivare all’utilizzo attuale dell’ammoniaca e alle sue molteplici conseguenze, che hanno prodotto terreno fertile per l’espansione della industria chimica. La ricerca di Katrin Hornek si svilupperà nel corso di tutto l’anno. Katrin Hornek è un'artista visiva che vive a Vienna. Da molti anni si occupa delle trasformazioni e delle fratture delle società contemporanee nella (cosiddetta) epoca dell'Antropocene. La sua ricerca che si articola attraverso installazioni, video e progetti curatoriali, sostiene una comprensione più complessa dell'intreccio tra natura e cultura – recentemente ha partecipato alla Biennale di Riga (2020), e alla mostra Hysterical Mining presso la Kunsthalle Wien (2019); fino al 2022 è parte del progetto di ricerca interdisciplinare "The Anthropocene Surge" (insieme a Michael Wagreich, membro dell'Anthropocene Working Group).
  • Domenica 12 Dic 2021
    Claudia Reinhard, soprano Christian Meister, tenore Markus Zapp, tenore Manuel Warwitz, tenore Jakob Steiner, baritono Marcus Schmidl, basso Luce da sogno Mottetti e Lieder del romanticismo tedesco Dal suo debutto nel marzo 1992, l'ensemble vocale Singer Pur - nella formazione originale di cinque ex Regensburger Domspatzen e un soprano - è diventato una delle principali formazioni a cappella internazionali. Il 12 dicembre l'ensemble canterà mottetti e Lieder del periodo romantico tedesco con brani di Johannes Brahms, Franz Schubert, Joseph Rheinberger, Max Reger, Felix Mendelssohn-Bartholdy e altri sotto il motto "Traumlicht" (Luce da sogno) nella Chiesa dei Francescani di Bolzano.