TOP banner inside AZB corsi estivi

DALISI: FORMA (INTERVALLO) SPAZIO - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Opening
DALISI: FORMA (intervallo) SPAZIO
Dal 6 Maggio 2021 il Centro Trevi di Bolzano ospita la mostra
DALISI - FORMA (ntervallo) SPAZIO,
a cura di Manuel Canelles per Spazio5 Artecontemporanea e in collaborazione con Studio Dalisi.
Inaugurazione 6 maggio 2021 ore 18.30. La mostra sarà visitabile al Centro Trevi fino al 29 maggio 2021, mentre sarà sempre fruibile in visita virtuale sulla piattaforma dedicata al progetto e che sarà on line a metà maggio, al fine di venire incontro alle esigenze di varie tipologie di visitatori, permettere l’incontro e il dialogo con le nuove tecnologie e rimanere aderente alle normative vigenti.

Doppio Compasso d’oro (1981 e 2014) Riccardo Dalisi è considerato tra i più rilevanti e radicali designer e artisti italiani: negli anni Settanta fonda, insieme a Ettore Sottsass, Alessandro Mendini, Andrea Branzi e altri, l’esperienza della Global Tools, contro-scuola di architettura e design che riuniva il lavoro di quanti si identificavano con la cosiddetta “architettura radicale” intorno alle riviste Casabella e Spazio e società. Da sempre impegnato nel sociale, ha combinato ricerca e didattica nel campo dell’architettura e del design accostandosi sempre più ad una espressione artistica che spaziava nel mitico, nell’arcaico e nel sacro, utilizzando materiali poveri con perizia artigiana.
Il progetto ospitato dal Centro Trevi vuole approfondire, attraverso una riflessione sulla contemporaneità, la dimensione sociale svolta da Riccardo Dalisi negli anni ’70, la sua poetica di artista e designer e la sua profonda relazione con realtà marginali, quali ad esempio il Rione Traiano e le comunità artigiane di Rua Catalana, al fine di instaurare un ponte tra l'esperienza storica e le emergenze vive delle nuove generazioni e delle nuove povertà.
Durante tutta la durata dell'evento saranno rigorosamente rispettate le disposizioni vigenti relative al Covid-19.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 06 Mag 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 14 Mag 2021
    Lanserhaus inaugura venerdì 14 maggio 2021 l'esposizione Nella rete della Modernità. Esperienze artistiche tra le Alpi e il lago di Garda. Siamo lieti di poterVi nuovamente dare il benvenuto. Pare essere un’ironia della sorte che la mobilità sia ridotta al minimo proprio nell’anno in cui la regione europea Tirolo-Sudtirolo/Alto Adige-Trentino ha scelto i concetti di trasporto – transito – mobilità quali temi centrali per l’anno museale comune del 2021. Una pandemia, causata da un nuovo virus che si è diffuso in tutto il mondo a grande velocità, ha costretto gli artisti e le artiste a passare il loro tempo più nell’atelier o a casa che nei viaggi. Ma la mobilità è sempre stata una parte della pratica artistica. La raccolta e l’elaborazione di nuove impressioni, lo scambio con altri artisti e artiste, con culture di altri Paesi, il continuo variare del proprio punto di vista e del modo di vedere costituiscono un elemento naturale dell’attività artistica, anche se solitamente esso resta nascosto. L'esposizione Nella rete della Modernità. Esperienze artistiche tra le Alpi e il lago di Garda affronta l’aspetto della mobilità, degli incontri e delle relazioni nell’arte del Tirolo, Sudtirolo/Alto Adige e Trentino nel periodo compreso all’incirca fra il 1900 e il 1945. Due figure dominanti in questo senso sono Hans Josef Weber-Tyrol e Artur Nikodem. Entrambi rientrano nella schiera dei grandi artisti e artiste del Tirolo nel XX secolo. Con la loro opera e anche con la loro biografia essi rappresentano un esempio ideale in materia di scambio e creazione di reti artistiche, vale a dire di formazione di uno spazio di mobilità spirituale e artistico, caratterizzato dalla componente geografica, entro il quale si è mossa ed è cresciuta la loro arte. Partendo dalla produzione e dai rapporti dei due artisti, si rivolge l’attenzione soprattutto sui luoghi dove soggiornavano e pure sulle associazioni, sui gruppi e sui raggruppamenti che, nel corso degli anni, hanno dato loro impulso e nutrimento artistico e spirituale. Anche le regioni del Tirolo, Sudtirolo/Alto Adige e Trentino hanno costituito importanti punti di riferimento sia nella vita sia nell’opera di questi importanti artisti, basti ricordare Innsbruck, Schwaz, Merano, Bolzano, Chiusa, Appiano e Trento, senza dimenticare però Monaco. Il progetto espositivo, che va oltre i confini delle singole regioni e presenta opere di volta in volta differenti, è il risultato di una cooperazione fra il Museo e Galleria Rabalderhaus di Schwaz, l’archivio NIMU-Nikodem Archiv Mutters, la Lanserhaus di Appiano sulla Strada del Vino e anche il MAG Museo Alto Garda di Riva del Garda in collaborazione con il Mart di Rovereto. Alla Lanserhaus di Appiano sulla Strada del Vino si dà un’importanza maggiore al periodo che i due artisti hanno trascorso in Sudtirolo/Alto Adige e pure alla mostra itinerante Tiroler Kunst del 1925/26, ospitata in diverse città della Germania, cui entrambi hanno dato un contributo decisivo nell’organizzazione dei contenuti. Accanto a opere di artisti come Albin Egger-Lienz, Ignaz Stolz, Emanuel Fohn oppure Josef Kienlechner, si presentano dei lavori di Orazio Gaigher e Alexander Koester, membri di un’associazione artistica meranese ovvero il Meraner Künstlerbund, con i quali Nikodem ha già esposto nel periodo trascorso a Merano. I curatori e le curatrici dell’esposizione sono Günther Dankl, Elio Krivdi?, Alessandra Tiddia e Martin Hanni. Durata: 15 maggio – 27 giugno 2021 Il curatore sarà a disposizione per rispondere alle Vostre domande in questo orario. L’ingresso sarà scaglionato. Verranno rispettate tutte le direttive anti-Covid.
  • Venerdì 14 Mag 2021
    Anche i partigiani però… Presentazione del libro di Chiara Colombini Il Circolo Culturale ANPI Franca "Anita" Turra, Arci Bolzano Bozen e il Centro Pace del Comune di Bolzano promuovono per venerdi 14 maggio alle ore 18 la presentazione on line del libro della storica Chiara Colombini "Anche i partigiani però..." (Ed. Laterza). L'autrice del libro dialogherà con il giornalista Pino De Cesare. Il dialogo sarà visibile sulle pagine Facebook degli organizzatori SCHEDA LIBRO Avventurieri e ladri di polli. Protagonisti di una guerra inutile. Vigliacchi che colpiscono i nemici a tradimento. Terroristi. L’elenco dei luoghi comuni e delle falsificazioni sulla Resistenza è lunghissimo e continua a rafforzarsi a dispetto di ogni prova contraria. Perché? Irresponsabili che con le loro azioni scatenano le rappresaglie naziste e fasciste che si abbattono sulla popolazione inerme. Esaltati che combattono per imporre una dittatura comunista in Italia. Assassini che infieriscono sui vinti. E ancora, autori di un racconto falsificato della storia, imposto a tutti. Questi giudizi sui partigiani oggi sono parte integrante di un senso comune diffuso, popolato di frasi fatte. Con un meccanismo connaturato ai media in generale ma amplificato dalla rete, prende forma un racconto che azzera i contesti, semplifica brutalmente, trasporta gli avvenimenti del passato nel presente per giudicarli con il metro dell’oggi. Come possiamo rispondere a questa offensiva pluridecennale? Chiara Colombini restituisce concretezza alla distanza che ci separa da quegli anni, calandosi nella realtà dura e drammatica, ma anche piena di speranza, di quei venti mesi che tanto hanno significato per la storia del nostro paese. Un libro per conoscere ciò che è stato. Senza retorica, tornando alla storia. Chiara Colombini, è storica e ricercatrice presso l'Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea. Ha curato, tra gli altri, Resistenza e autobiografia della nazione. Uso pubblico, rappresentazione, memoria (con Aldo Agosti, Edizioni SEB27, 2012) e gli Scritti politici.
  • Lunedì 14 Giu 2021
    Ingresso: 12 Euro Conduzione: Miriam Rieder What the fuck is Fuckup Nights? Il concetto è semplice eppure così entusiasmante: imprenditori falliti parlano dei loro incidenti e catastrofi. Tre storie di 15 minuti con una quantità incredibile di informazioni: gli ospiti sul palco raccontano apertamente e spesso con umorismo i loro fallimenti imprenditoriali e ciò che hanno imparato. Perché? Perché è emozionante, perché le persone fallite hanno così tanto da raccontare da cui gli altri possono imparare, e perché abbiamo bisogno di un cambiamento culturale quando è in gioco il fallimento. #sharethefailure http://fuckupnights.com/bozen/