Notteinbici inside top banner 600x220px

Kingdom of the Ill: Secondo capitolo di TECHNO HUMANITIES - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Kingdom of the Ill: Secondo capitolo di TECHNO HUMANITIES (2021-2023)

La mostra Kingdom of the Ill (working title) è il secondo capitolo di TECHNO HUMANITIES, il programma di ricerca a lungo termine avviato dal Direttore Bart van der Heide nel 2021 con la mostra TECHNO (11 settembre 2021 – 16 marzo 2022), e che nei prossimi anni continuerà a intervenire su tutti gli spazi, gli aspetti e i componenti di Museion esplorando in che modo i fenomeni connessi alla tecnologia, all’ecologia, al libero scambio globale si sono intrecciati tra loro e con le nostre identità.

Attraverso il lavoro e il contributo di artisti e artiste, attivisti e attiviste internazionali, la mostra cerca di rispondere alle discussioni in corso su salute e malattia, contaminazione e pulizia, cura e abbandono, interrogandosi su come e da chi vengono definiti un corpo sano o malato, in che modo i sistemi di welfare e l’assistenza aziendale determinano la realtà della sanità, e come si possono infrangere le definizioni comuni di corpo sano.

Il titolo della mostra fa riferimento al lavoro della critica americana Susan Sontag Illness as Metaphor (1978) indicando una ricerca che, a partire dalla sua riflessione, indaga la relazione tra l’individuo e i sistemi sociali, aziendali e istituzionali contemporanei che influiscono sull’esperienza di cura e benessere. Di fronte al burnout, all’esaurimento, alla diminuzione del sostegno alla salute pubblica, allo sfruttamento capitalista dilagante e alla mancanza di distinzione tra mondo online e offline, si può ancora essere veramente sani e sane?

La pandemia di COVID-19 ha messo in primo piano questi temi e la fragilità del corpo umano, mentre l’isolamento forzato ha cambiato le abitudini sociali, per molte persone che sono state malate questo isolamento è diventato la normalità.

Kingdom of the Ill codifica un momento significativo in cui sono diventate evidenti le iniquità, che ci ha portato a re-immaginare i metodi di cura fondamentali, le reti di sostegno, benessere e amicizia. La mostra indaga la nuova relazione tra situazione tra salute e malattia attraverso tre prospettive interconnesse: l’ecologia (in che modo il cambiamento climatico e l’inquinamento influiscono sulla nostra considerazione di salute e di malattia?), l’economia (come possiamo immaginare un futuro comune in un momento di crisi economica, politica di austerità e smantellamento del welfare? Quali alternative per la salute e il benessere esistono oltre ai modelli di privatizzazione della cura?), e la tecnologia (in che modo pratiche anarchiche e disobbedienti possono dare vita a nuovi metodi? La tecnologia e il digitale possono offrire forme di protesta, comunità e partecipazione democratica?)

La mostra sarà accompagnata da un public program sviluppato per Museion Art Club e che si concentrerà sulla salute mentale: la discussione su depressione, malattia e salute è di grande attualità nel territorio. Nel corso di un evento di più giorni, il programma offrirà ulteriori spunti di discussione e approfondimento con studiosi e studiose, artisti e artiste e altri esperti ed esperte.

Kingdom of the III include, tra gli altri, i lavori di Enrico Boccioletti, Brothers Sick (Ezra and Noah Benus), Shu Lea Cheang, Heather Dewey-Hagborg & Phillip Andrew Lewis, Julia Frank, Sharona Franklin, Barbara Gamper, Nan Goldin and Prescription Addiction Intervention Now (P.A.I.N.), Johanna Hedva, Ingrid Hora, Adelita Husni-Bey, Ian Law, Carolyn Lazard, Lynn Hershman Leeson, Juliana Cerqueira Leite / Zoë Claire Miller, Mary Maggic, Mattia Marzorati, Erin M. Riley, P. Staff e Lauryn Youden.

TECHNO HUMANITIES 2 Kingdom of the III si avvale di un gruppo di ricerca composto da Bart van der Heide, Sara Cluggish, Pavel S. Py? e Frida Carazzato.

Kingdom of the Ill: Secondo capitolo di TECHNO HUMANITIES (2021-2023)

a cura di Sara Cluggish e Pavel S. Py?

allestimento a cura di Diogo Passarinho Studio

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • Jasmin Khezri, die Schöpferin von Irma und Gründerin von IRMASWORLD wird uns in Bozen besuchen kommen und ihre neue Kollektion vorstellen. Mit nachhaltigen Stoffen, Dead Stocks und handbedruckten und -bestickten Materialien von Maison Pierre Frey hat sie eine eigene Linie kreiert, die nun bereits in die vierte Season geht. Ihre in Deutschland gefertigte und international verkaufte Jasmin Khezri Collection wird in kleiner Auflage und meist erst auf Bestellung gefertigt, um Überproduktion zu vermeiden. Da die Produktion lokal erfolgt erhält der Kunde dennoch seine bestellte Ware innerhalb weniger Tage. „Ich freue mich meine aktuelle Herbst/Winter Kollektion im Parkhotel Mondschein präsentieren zu können und Sie zu einem Lunch zu begrüßen. Gerne möchte ich einiges über meine Erfahrung in der Mode bzgl. Nachhaltigkeit erzählen, aber auch über den Einfluss von Kunst und Illustration auf meine Designs.“ Samstag, 8.10. um 13:00 Uhr Aperitif & Lunch im Parkhotel Mondschein mit private Sale und Styling. Anmeldung im Parkhotel Mondschein unter info@parkhotelmondschein.com oder +39 0471 975642
  • Ricomincia la stagione espositiva 2022: la quarta mostra dell’anno nella cornice del tema biennale “Spazio Umano – Human Space” sarà “Forme ibride” che, a cura di Gabriele Salvaterra, esporrà le opere pittoriche (ma non solo) dell’artista trentino Ismaele Nones. Attraverso lo stile iconico neo-bizantino, le opere di Ismaele Nones raccontano diverse condizioni quotidiane, così come insicurezze, imbarazzi ed emarginazioni della vita moderna. Due mondi apparentemente distanti si fondono perfettamente sulla tela e danno origine a “forme ibride” in bilico tra passato e attualità, tra materialità e spirito, tra visibile e invisibile. L’inaugurazione di “Forme ibride” si terrà venerdì 7 ottobre alle ore 18:00 in via Pietralba 29 a Laives. La mostra sarà visitabile fino a sabato 29 ottobre nei seguenti orari: da martedì a giovedì: 16:00 – 19:00 venerdì e sabato: 10:00 – 12:00 e 16:00 – 19:00 ? Mostra e inaugurazione a ingresso libero ?
  • Che cosa amerò se non l’enigma delle cose? (Arthur C. Danto) Giovanni Castell in tutto il suo percorso artistico, sia che esso abbia avuto maggiore concentrazione espressiva sulla figura, sia che abbia intrapreso percorsi nei quali l'immagine è divenuta sempre meno "tangibile", attenuandosi di esplicitazione, ha sempre voluto osservare il circostante con occhi indagatori e di conseguenza interpretandone la dimensione esistente. Non dimentichiamo infatti che Castell è un fotografo, o meglio attraverso la fotografia egli ha manifestato il racconto di un universo altro, che non rinnega l'effettivo visibile, ma lo manipola, reinterpreta, innescando un dialogo continuo tra il percepibile e l'immaginifico. "…Per come la vedo io, la fotografia ha fatto del suo meglio per eliminare costantemente la realtà. Gli ha permesso di scomparire. Prima di essere in grado di vivere un particolare paesaggio in carne e ossa, lo sappiamo già dalle fotografie. Abbiamo perso la nostra capacità di vedere le cose consapevolmente. In un'epoca in cui siamo quotidianamente bombardati da migliaia di immagini digitali, non appena viste, già dimenticate, l'immagine fotografica individuale perde il suo significato. La fotografia ha perso la sua magia. Voglio andare avanti e raggiungere una nuova dimensione tecnica e artistica…" con queste parole Giovanni Castell esplica perfettamente il suo pensiero e l'indirizzo della sua ricerca, che travalica la "semplice" fotografia, avvalendosi della rielaborazione e della pittura digitale, unendo processi pittorici e fotografici, materiali arcaici e contemporanei, dando così forma ad un'arte del presente, che non dimentica il passato e si auspica un domani differente. Il colore assume, insieme alla materia, le vesti di interprete della scena, apparendo e mostrandosi agli occhi del fruitore volutamente più come pittura, che come elemento fotografico. Un rimando ed un attestato di inevitabile ammirazione per Mark Rothko, reso palese dalla distribuzione del colore con "pennellate fotografiche" orizzontali, che Castell dispone sulla superficie, producendo affascinanti effetti di compenetrazione tra colore, spazio e materia. Linee, bande orizzontali, di colori differenti, che giocano e si compenetrano in innumerevoli varianti, non definite nel loro esistere, ma sfumando e suscitando un effetto fluttuante indefinito. L'estensione delle aree tonali si ampliano provocando la sensazione di avanzamento e poi di arretramento. La figura umana si è assentata, ha abbandonato il palcoscenico, lasciando campo al colore (Color field) e alla luminescenza, che si articolano assumendo l'aspetto di eteree teofanie in cui il silenzio e la meditazione diventa determinante. Un’ulteriore opera nella quale il silenzio, il raccoglimento e la spiritualità sono altrettanto sostanziali, è quella di Giorgio Morandi, che con le sue nature morte, sembra avere fermato il tempo nel rapporto tra oggetto e soggetto. Bottiglie, tazze, vasi, caraffe, vengono introdotte anche da Castell, tra le trame dei suoi campi colorati, che per mezzo della resina, appaiono come immagini sfuocate, non nitide, come accade per i ricordi lontani, ormai privati della nitidezza. Memorie remote, personificate da oggetti senza età, ma che assumono il valore inestimabile di quello che, Thomas Eliot e poi Eugenio Montale, hanno identificato come: correlativo oggettivo, ossia degli eventi, delle situazioni, o come in questo caso, degli oggetti, che hanno la finalità di rimandare ed evocare "un'emozione precisa e particolare". Se Nietzsche sostiene che …Niente è arte a meno che si sfidi la spiegazione razionale e a meno che il suo significato ci sfugga in qualche modo…, possiamo senza alcun’esitazione affermare che l'espressione creativa di Giovanni Castell, si muove proprio in tale direzione, in quanto egli con la sua arte cerca di riprodurre e quindi di rendere visibile lo stato di incertezza che si sperimenta mentre si sogna. Alberto Mattia Martini