Notteinbici inside top banner 600x220px

Una saga rivelatrice tra Oriente e Occidente - Inaugurazione - Pubblicato da accart

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

La mostra “Mats Bergquist. Una saga rivelatrice tra Oriente e Occidente” inaugura la stagione espositiva alla Galleria Antonella Cattani contemporary art.
Una pratica antica e intensamente ascetica distingue il lavoro dell’artista svedese (1960, Stoccolma), con riferimenti espliciti alla cultura di paesi lontani, tra i quali Russia e Cina, dove Bergquist è cresciuto e ha trascorso gran parte della sua gioventù.
La fascinazione per le icone e per la loro storia religiosa e politica così contrastata, gli studi di Zen giapponese intrapresi con rigore e convinzione, seguiti alla frequentazione della Scuola d’Arte in Svezia e dell’Atelier 17 di Hayter a Parigi hanno portato alla creazione di una sua poetica personalissima.
Per Mats Bergquist, che intende la realizzazione di un’opera come un esercizio, una pratica che gli fa percepire quanto sia necessaria l’armonia tra intuizione e creazione, è fondamentale la tecnica artistica alla quale affida il compito di fare da ponte tra i materiali e l’idea stessa.

Le opere in mostra sono icone contemporanee dalla rappresentazione visiva rarefatta alle estreme conseguenze. Delle icone e della loro valenza spirituale rimane il procedimento realizzativo; una pratica sensibile, quella di Bergquist, che prevede supporti in legni pregiati come il pero o il ciliegio, fissati con incastri a coda di rondine senza l’ausilio di chiodi o collanti chimici, secondo i metodi delle tavole medievali, rivestiti poi in tela di lino belga e impregnati di gesso e pigmenti. Le superfici lignee sono infine trattate a mano, sottoposte a un durissimo labor limae per essere domate in forme lievemente concave o convesse, fino alla creazione di una superficie bianca e opaca, a cui l’artista dà vita attraverso l’applicazione di tempera ad encausto.

L’artista genera così un’immagine di intrinseca potenza visiva, tra riferimenti alla filosofia occidentale e orientale e un senso dell’organizzazione spaziale nella quale è possibile leggere la sedimentazione di innumerevoli significati di respiro universale.
In una continua dialettica fra tecniche arcaiche e forme contemporanee l’aniconicità è quasi assoluta; la superficie aggettante o lievemente incavata del supporto conferisce un’anima più vibratile al monocromo assoluto che, come nella tradizione delle icone, sembra serbare la promessa di una rivelazione, accessibile ad ogni sguardo libero e contemplativo.

Contatti :

Date e orari evento :

Note sugli orari :

L’inaugurazione della mostra si terrà venerdì 23 settembre, dalle ore 18:30, in presenza dell’artista.

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • Opening + workshop > h 12.00 - 19.00 Project presentation > h 18.00 WAAG + 3 _IT Il 7.10 inaugura la mostra Confini/Grenzen/Borders – uno dei 3 progetti vincitori di WS Call 2022. Vi aspettiamo a Casa della Pesa! Confini/Grenzen/Borders è un progetto culturale che si propone di indagare il tema del confine attraverso il mezzo dell'animazione d'autore. Il concetto di confine che vogliamo declinare e portare avanti guarda verso un preciso orizzonte, un luogo non tanto dove ergere muri, ma soglia da dove poter vedere il mondo con occhi e punti di vista nuovi. Cinque schermi installati su appositi supporti e coperti da un telo verranno allestiti all’interno degli spazi di Weigh Station, uno per ogni autore. L’intento è quello di spingere il fruitore a scostare il lenzuolo per scoprire cosa nascondono i monitor, varcando così la soglia che permetterà di cogliere il messaggio di ogni autore in uno spazio intimo, un dialogo a tu per tu. Durante la giornata d'inaugurazione, venerdì 7 ottobre, si terrà un'attività che vedrà coinvolte le visitatrici e i visitatori. Le persone interessate potranno realizzare insieme agli animatori in mostra un'animazione frame by frame che verrà successivamente pubblicità sulla pagina Instagram del progetto. Ogni partecipante potrà ricalcare, colorare o dipingere come meglio crede fotogrammi precedentemente preparati che, una volta montati, daranno vita a un loop animato. I partecipanti avranno così modo di avvicinarsi al mondo dell’animazione e capirne alcuni meccanismi di base, contribuendo alla creazione di una piccola opera di animazione sperimentale. Autor*: Francesca Colombara (Verbania), Matteo Dang Minh (Verbania), Michele Febbraio (Merano), Pietro Leddi (Milano), Júlia Ventura Bruguera (Barcellona)
  • 15 anni mamazone - Donne e ricerca contro il tumore al seno in Alto Adige: Uno sguardo al passato ed al futuro
  • L'evento si tiene dal 01 Ott 2022 al 31 Ott 2022
    Esposizione tematica in Sala lettura della Biblioteca Provinciale Dr. Friedrich Teßmann Dalla metà del XX secolo, il postcolonialismo si occupa della storia del colonialismo e dell'imperialismo europeo. Nel farlo, si batte anche, tra l'altro, per la decolonizzazione e la sovranità politica delle ex colonie nei confronti delle loro potenze coloniali. Durante l'occupazione coloniale, numerosi oggetti d'arte entrarono nei musei europei. I paesi d'origine hanno lottato a lungo per la loro restituzione - ora il patrimonio culturale rubato sta gradualmente tornando. I libri esposti nella Sala lettura della Biblioteca Provinciale Dr. Friedrich Teßmann possono essere prenotati online o consultati e presi in prestito in loco. https://tessmann.myargo.bz/it/carosello-contenuti/patrimonio-culturale-e-postcolonialismo