banner inside 01 it

L’elefante di Carlo Magno - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Giuseppe Albertoni presenta il suo nuovo libro sull’elefante di Carlo Magno. L’autore in dialogo con lo storico Hans Heiss sul ruolo di elefanti nella storia europea.

L’elefante di Carlo Magno
Il desiderio di un imperatore

con l’autore
Giuseppe Albertoni

e con
Hans Heiss

modera
Francesca Brunet

dove
Bolzano, Kolping
e online (iscrizione all'indirizzo mail: info@geschichteundregion.eu)

A Bressanone è ancora presente il ricordo dell’elefante Salomone, donato nel XVI secolo dal re del Portogallo Giovanni III all’arciduca Massimiliano d’Austria e passato per il Brennero durante il suo faticoso viaggio. Di provenienza asiatica, era testimonianza vivente di un nuovo mondo interconnesso. Esso era anche lontano retaggio di una forma di dono politico di tradizione antica, rilanciata settecento anni prima da Carlo Magno: Nell’anno 802 giungeva alla sua corte in Aquisgrana per l’imperatore un dono davvero fuori dal comune: un elefante, di nome Abul Abbas, che il califfo di Baghdad aveva inviato. Di questo elefante, del suo significato politico e simbolico tra Oriente e Occidente, tra macro e microstoria parleranno Hans Heiss e Giuseppe Albertoni, autore del recente libro L’elefante di Carlo Magno. Il desiderio di un imperatore, Bologna, il Mulino, 2020.

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • Il Kunstforum Unterland festeggia quest'anno il suo 25° anniversario e, per l’occasione, presenta una mostra molto particolare. Introduzione: BRIGITTE MATTHIAS|ADINA GUARNIERI Music: GEENA B.VALENTINE & RUFUS & BAND Vi aspetta una bellissima festa ricca di piccole prelibatezze e bevande selezionate 25 anni equivalgono più o meno a una generazione: per questo motivo i membri fondatori Gotthard Bonell, Robert Bosisio e Christian Reisigl, ormai tutti pittori affermati, presenteranno una ricca selezione di opere provenienti dal loro vasto corpus artistico. I soggetti comprendono temi e stili a loro particolarmente affini: dal volto umano al corpo, dagli interni ai paesaggi. Le opere più recenti della produzione di Gotthard Bonell si muovono in modo deciso verso l'astrazione; l'artista ama sperimentare con una grande varietà di materiali, principalmente tessuti e carta da giornale proveniente da vecchie riviste degli anni '70, alcuni dei quali vengono montati a collage su opere più vecchie. Robert Bosisio mostra ritratti e interni caratterizzati da una forte densità atmosferica. La particolare aura vibrante che emana da queste opere è dovuta alla miriade di punti colorati applicati a mo’ di pixel. Le verdi foreste e i paesaggi corporei color sabbia di Christian Reisigl, composti da grumi di argilla accuratamente disposti, sono realizzati attraverso l’utilizzo di modelli fotografici da lui stesso prodotti. In un secondo momento l’artista cerca di ricreare le superfici fotografate con pennello e colori, con l’obiettivo dichiarato di penetrare ancora più a fondo nell'immagine. Fino a che punto la generazione successiva, cresciuta a contatto diretto con l'arte dei padri, ha ereditato il gene creativo? Johannes Bosisio ha acquisito gli strumenti per concretizzare la sua vocazione pittorica presso le accademie di Berlino e Londra. Nella mostra egli presenta sia studi più vecchi che opere totalmente nuove, in grado di affascinare grazie alla loro figuratività astratta e ridotta ai puri dettagli. Se vogliamo parlare di tematiche, l’arte di Johannes Bosisio si muove in equilibrio tra naturale e tecnico metallico. La produzione di Jonas Reisigl si focalizza principalmente sul genere cinematografico a Berlino, ma per il Kunstforum ha appositamente realizzato una serie di sette dipinti ad olio di piccolo formato. Essi si basano su fotogrammi provenienti da vari film che lo coinvolgono sia dal punto di vista contenutistico che da quello formale. Attraverso queste opere Reisigl trascrive le sue tematiche dalla celluloide alla tela. Elias Bonell ha intrapreso un percorso professionale completamente diverso, lontano dall’arte, nel campo tecnico. Da bambino e giovane adulto, tuttavia, si è occupato spesso dell’incisione. ha realizzato le sue prime incisioni all'età di cinque anni. A cadenza annuale egli ha continuato a produrre opere di questo tipo, concepite per lo più come regalo speciale a sua madre, fino ad accumularne un numero considerevole. Successivamente Elias Bonell ha intrapreso un percorso professionale differente: oggi i suoi disegni sono di natura tecnica, anche se possedere una certa perizia artistica rappresenta comunque un vantaggio. Cosa può aspettarsi il pubblico da una mostra di questo genere? Sicuramente un forte respiro intergenerazionale, una sorta di incontro tra Baby Boomers e Generazione Y. Sicuramente l’esposizione rappresenta una rara opportunità di vedere le opere di questi artisti in giustapposizione, permettendo così al pubblico di valutare come la trasmissione del gene artistico si sia manifestata nel corso degli anni. Durante la mostra saranno osservate tutte le linee guida anti-Covid19 attualmente in vigore.
  • L'evento si tiene dal 23 Mag 2022 al 30 Giu 2022
    Esposizione tematica "Racconti di viaggio" nella Sala lettura della Teßmann Con l'arrivo dell’estate cresce il desiderio di evadere dalla quotidianità, di abbandonare le abitudini, di viaggiare e di scoprire cose nuove. Fino alla fine di giugno 2022, nella Sala lettura della Biblioteca Provinciale Dr. Friedrich Teßmann saranno esposti racconti di viaggio pubblicati negli ultimi anni. Rendono vivibili le esperienze dei viaggiatori e ci incoraggiano a condividere i loro viaggi nei nostri pensieri. I libri esposti possono essere prenotati online o consultati e presi in prestito in loco. https://tessmann.myargo.bz/it/carosello-contenuti/viaggare