CSC top banner inDanza 600x220px

Aria e radiazioni - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Come orientarsi, immersi nell'inquinamento?

conferenza di
LUCA VERDI
(Direttrice Laboratorio Analisi aria e radioprotezione)
con
JUTTA KUSSTATSCHER
(Moderatrice/Moderatorin)

EVENTO IN PRESENZA SOLO SU PRENOTAZIONE

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • con Paola Bassetti, storica dell’arte mostra fotografica a cura del Fotoclub Bolzano durata: 70' Gli alberi sono al centro della conferenza della storica dell’arte Paola Bassetti che accompagnerà il pubblico alla scoperta delle opere d’arte che nei secoli hanno usato il tema dell’ambiente come sfondo paesaggistico e accompagnamento alla scena, sottolineando, laddove il soggetto lo necessitava, il significato simbolico come, ad esempio, il melo per Adamo ed Eva. La conferenza sarà preceduta dal vernissage della mostra Ambiente, cura e rinascita, curata dal Fotoclub Bolzano: scatti che immortalano gli alberi della nostra città, gli alberi che la tempesta Vaia ha abbattuto nei pressi del lago di Carezza nell’autunno 2018 e la forza della natura che riesce a risollevarsi, nonostante tutto. Madre Terra - Teatro Cristallo, Caritas Bolzano-Bressanone, Centro per la pace di Bolzano
  • Sabato, 05.02.2022 10:00, 11:00, 13:00, 14:00: 4 sessioni da 40 minuti, ognuna da 15 persone Ex-Montecatini (ex-Solland Silicon) via Nazionale 59, 39012 Sinigo Registrazione tramite info@b-a-u.it oppure +39 335 6765 553 Obbligo di Green pass (G2) e mascherina FFP2 Factory Walk, coreografato da Sabina Holzer, vi introdurrà ad un’esperienza corporea all’interno dell’architettura e le attrezzature della ex fabbrica Montecatini a Sinigo, Merano. Factory Walk fa parte di Plant Plant, un progetto di Katrin Hornek, a cura di BAU e ar/ge kunst. La mostra presso ar/ge kunst a Bolzano è visitabile fino al 12.02.2022. Hai mai pensato che parti del tuo corpo fossero fabbricate? La mostra Plant Plant e la Factory Walk situano l’elemento chimico dell’azoto come prisma attraverso cui guardare la storia della produzione di fertilizzanti e le sue correlazioni più immediate così come su scala planetaria. Su invito di Katrin Hornek la performer Sabina Holzer espande la ricerca di Plant Plant e intreccia il suo doppio punto di vista, molecolare e terrestre, con l’incontro fisico con il sito per aprire i sensi e l’immaginazione. Rintraccerà le corrispondenze tra la materia organica e inorganica, tra il naturale, il culturale e l’industriale come corpi interconnessi, che condividiamo e di cui siamo parte. (link www.b-a-u.it / www.argekunst.it) Un ringraziamento speciale a: REM-TEC, Sinigo – Merano Sabina Holzer è una performance artist, autrice e facilitatrice di movimento. Le sue performance e i suoi testi si immergono nelle ecologie dei corpi e delle agentività umane e più-che-umane. Collabora con vari artisti e teorici internazionali alla ricerca di gesti poetici e di cura. Con loro e insieme al media artist Jack Hauser sviluppa da molti anni performance collaborative e interventi per spazi pubblici, gallerie, musei e teatri, come il Lentos Museum für moderne Kunst, Essl Museum, Hidden Museum, dOCUMETA (13), ImPulsTanz, Tanzquartier Wien. Nel 2021 ha creato "which dances - a choreographic assemblage”, sui legami di Alluminio, in collaborazione con il Volkskunde Museum Vienna. Per il 2022 è titolare di una borsa di ricerca artistica della città di Vienna. www.cattravelsnotalone.at Questo progetto è prodotto in collaborazione con Phileas – A Fund for Contemporary Art Con il gentile supporto di: Bundesministerium für Kunst, Kultur, öffentlichen Dienst und Sport, Österreich WWTF – Wiener Wissenschafts-, Forschungs- und Technologiefonds Regione Autonoma Trentino – Alto Adige Provincia Autonoma di Bolzano, Ripartizione Cultura Fondazione Cassa di Risparmio, Sudtirolo Comune di Bolzano, Ripartizione Cultura Dr Schär Image Credit: Katrin Hornek, Plant Plant, film still, ©ar/ge kunst and BAU. Courtesy the artist.
  • Presentazione del docufilm e dialogo con Nico Piro Interviene: Nico Piro – autore del documentario e giornalista RAI Introduce e modera: Floriana Gavazzi – giornalista della redazione regionale di Rai 3 Ingresso libero, con obbligo di Super Green Pass e mascherina Ffp2. Si prega di arrivare in anticipo per lo svolgimento dei controlli anti Covid Girato nel 2018, “Un ospedale in guerra” racconta del conflitto afghano – guerra che dura da quarant’anni – vista dalle corsie dell’ospedale di Emergency, nel cuore di Kabul. È il tentativo di ricordare a tutti che le prime vittime di ogni guerra sono i civili e di come, chi sopravvive, sia destinato spesso a portarsi dietro ferite che nessuno può guarire. La più grande bugia che ci raccontiamo sulle guerre è che si svolgano sul campo di battaglia, eserciti contro eserciti, soldati contro soldati, guerrieri contro guerrieri. Invece si combatte in mezzo alle case e quando si perde in qualche lontana provincia la reazione alla superiorità militare dell’avversario è, sempre più, quella di portare la scontro nel cuore di popolosi centri urbani sotto forma di camion o di auto bomba.