bbb LMB STEINHAUS WEB 600x220

Linda Jasmin Mayer & Sebastian Kulbaka - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

L'avenir nous appartient L'avenir ne nous appartient pas

La giovane artista Linda Jasmin Mayer di Merano, insieme al suo partner Sebastian Kulbaka, ha vinto la borsa di studio per la promozione di giovani artisti 2020. Per la seconda volta è stato bandito il premio, sostenuto dal Südtiroler Künstlerbund e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, con lo scopo di promuovere giovani artisti locali all'estero. Il premio comprende un soggiorno di 3 mesi presso la rinomata Cité Internationale des Arts nel centro di Parigi. I risultati della permanenza Parigina vengono presentati in una mostra alla Galleria Prisma.

"L'avenir nous appartient L'avenir ne nous appartient pas" è il titolo della prima mostra congiunta di Linda Jasmin Mayer e Sebastian Kulbaka. Il progetto premiato prevede una serie di opere realizzate focalizzando l'estetica del processo lavorativo. Un'opera precedente è stata riutilizzata per creare una serie infinita di nuove opere.

Un tessuto di 50 metri quadrati imbevuto di cera d'api, la base dell'installazione "Reveal" del 2019 creata da Linda Jasmin Mayer per la mostra "Beauty Case" alla Hofburg di Bressanone, è il manufatto che è stato rielaborato.

La mostra presenta opere che continueranno a trasformarsi. Prima era un'installazione, poi è diventato un costume e in futuro sarà qualcos'altro.
"L'avenir nous appartient" (Il futuro è nostro) e la sua negazione "L'avenir ne nous appartient pas" (Il futuro non è nostro) diventano il concetto base della mostra, rappresentando l'ambivalenza in cui ci troviamo. Non conosciamo il futuro, ma in qualche modo ci appartiene e siamo legati ad esso.

Linda Jasmin Mayer (nata nel 1986 a Merano, Italia) è un'artista visiva.

La sua pratica artistica comprende una vasta gamma di strategie e forme di espressione. Questi includono immagini in movimento, opere sonore, arte partecipativa ed esplorazioni scultoree. Utilizza immagini in movimento e suoni per trasformare gli spazi in spazi "alternativi" e crea installazioni immersive progettate per fornire spazio alla contemplazione.
Nel 2014 riceve un MFA dal programma di studio Time and Space alla Finnish Academy of Fine Art, Helsinki. Nel 2015 studia alla School of Media Arts alla Royal Danish Academy of Fine Arts, Copenhagen. Nel 2010 si laurea con un BFA in Scultura all'Accademia di Belle Arti Brera, Milano. Nel 2018 partecipa al programma di studio indipendente Maumaus a Lisbona.
Le sue opere sono state esposte in mostre personali e collettive in Italia, Spagna, Finlandia, Danimarca, Austria, Germania, Bulgaria, Sri Lanka, Egitto e Russia. Il suo progetto finale "How to Break the Ice" ha ricevuto il premio Kuvataideakatemian Ystävät nel 2013. Il suo lavoro video "Snowcats" è stato mostrato diverse volte, tra cui al Trento Film Festival 2014 in una proiezione curata dal MART. Nel 2016 partecipa alla Biennale d'arte di Colombo in Sri Lanka.

Sebastian Kulbaka (nato nel 1985 a Lodz, Polonia) è un artista visivo con sede a Merano. Ha frequentato l’Istituto d’Arte A. Vittoria di Trento. Dopo un’esperienza di studio all’Accademia di Belle Arti di Roma, si è diplomato in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Le opere di Kulbaka trattano le pratiche dell'estetica relazionale e l'elaborazione mediale del dolore e della memoria. Sebastian Kulbaka ha partecipato a diverse mostre e progetti nello spazio pubblico e nel campo dell'arte ambientale. Tra gli altri il suo lavoro Mundus, realizzato in collaborazione con Adriano Siesser, è stato esposto nel 2016 all'ottava edizione di 'Sentieri nell'arte', a Caprino Veronese, Verona. Nel 2015 è arrivato secondo al Premio nazionale di Land Art a Villa Breda Di Padova.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 30 Lug 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 23 Set 2021
    Anche quest’anno MUTEK, il celebre festival canadese dedicato alle arti digitali e alla musica elettronica, porta a Bolzano la vibrante scena della creatività digitale di Montreal. Il Park Edison nella zona industriale di Bolzano sarà per una notte uno spazio immersivo in cui vivere un’esperienza unica: tra le animazioni 3D di architetture dinamiche e le suggestive atmosfere delle performance A/V, il pubblico sarà trasportato in un fluire avvolgente di immagini digitali e suoni elettronici. Murcof & Sergi Palau > A/V performance Aquarian and Sougwen Chen > A/V performance Sabrina Ratté > Machine for Living > Installation
  • Sabato 02 Ott 2021
    CAR BOOT ART SHOW Arte in bagagliaio In Gran Bretagna i bagagliai delle automobili sono utilizzati come bancarelle per mercatini dell’usato; nei Balcani ed in Sud America sono pratici banchi per frutta e verdura, ma anche per sostanze illegali ed armi Durante il CAR BOOT ART SHOW nell'ambito delle BAW - Bolzano Art Weeks, gli artisti utilizzeranno le loro auto per esporre le loro opere. In questa occasione – grazie a queste particolare “vetrine” – le artiste e gli artisti si scateneranno, presenteranno installazioni complesse o semplicemente le loro opere, mentre i visitatori potranno incontrare l'arte e gli artisti in modo informale. Inoltre, ci sarà la possibilità di fare qualche buon affare. Il CAR BOOT ART SHOW è un evento artistico emozionante, spettacolare e ad alto tasso di energia, che unisce arte e pubblico in modo democratico e divertente. Organizzato Basis Vinschgau e LanaLive, il CAR BOOT ART SHOW avrà luogo sabato 02 ottobre a Bolzano e Silandro. Dalle ore 10 alle 13, l’ART CAR BOOT SHOW sarà in piazza del Tribunale a Bolzano; la carovana di artisti e artiste partirà quindi alla volta di Silandro, dove, negli spazi esterni di Basis, le opere verranno esposte dalle ore 16 fino ad open end.
  • Martedì 12 Ott 2021
    Deutsch, Italiano, English, Français, Português Gli ospiti del Caffè delle lingue possono scegliere liberamente quale tavolo di lingua frequentare e possono cambiare i tavolo durante lo stesso incontro. È consigliato sapere le conoscenze di base della relativa lingua straniera per poter seguire la conversazione al tavolo e per partecipare attivamente. La partecipazione non necessità un´iscrizione ed è gratuita. Il Caffè delle lingue, dal 7 settembre 2021, riapre i suoi battenti agli amanti delle lingue. Gratuito e senza prenotazione! L´accesso è vincolato alle seguenti condizioni: - presentazione del Greenpass - indossare mascherina per coprire naso e bocca - mantenere la distanza minima di 1 metro con altre persone